Categoria: <span>CHIESE, ORATORI E RELIGIOSI</span>

FRA LUIGI MARIA VERLATO

[394] FRA LUIGI MARIA (FRANCESCO) VERLATO
Figura esile ma insieme carattere robusto, frate dei Servi di Maria, sacerdote

Una vita di fede e servizio
Luigi Maria (Francesco) Verlato, un frate dei Servi di Maria e sacerdote, ha vissuto una vita dedicata alla fede e al servizio. Nato a Montebello Vicentino il 3 agosto 1925, in una famiglia di fornai con sette figli, ha mostrato fin da giovane una profonda vocazione religiosa. All’età di 17 anni, nel 1942, è entrato nel seminario minore dell’Ordine a Follina. Dopo il noviziato a Isola Vicentina (1943-1944), ha preso il nome di fra Luigi e ha pronunciato i voti semplici il 24 agosto 1944, confermati con la professione solenne il 14 ottobre 1947 nella comunità di Udine. Fra Luigi ha completato gli studi di filosofia a Udine (1945-1948) e il corso di teologia alla facoltà Marianum a Roma (1948-1952), dove è stato ordinato sacerdote il 22 dicembre 1951. La sua vita religiosa è stata segnata da un lungo impegno in vari conventi della Provincia Veneta e della Spagna. Ha vissuto e servito a Monte Berico (1952-1954; 1968-1976; 1997-2023), Arco (1976-1979), Mestre (1979-1997), e in Spagna a Valencia (1954-1955), Plasencia (1955-1956; 1959-1961; 1964-1968), Tuy (1956-1959), Villaluenga (1961-1963), e Yecla (1963-1964).
Nel corso della sua vita, fra Luigi ha svolto prevalentemente il ruolo di insegnante, cappellano di ospedale e di monasteri femminili. Negli ultimi venticinque anni della sua vita, è stato un confessore instancabile nel santuario di Monte Berico, dove desiderava costantemente tornare per donare misericordia.

Una vocazione precisa e costante
Fra Luigi ha sempre attribuito la sua scelta di diventare religioso a una profonda devozione alla Madonna. In una relazione scritta in vista del noviziato il 28 giugno 1943, confessava di aver deciso di farsi religioso “verso i 14 anni: per santificarmi e diventare sacerdote”. Questa vocazione è stata riconosciuta e supportata dai suoi maestri di formazione. Fra Filippo Mondin attestava che il giovane Verlato aveva dato segni evidenti di vera vocazione religiosa, descrivendolo come un giovane docile e pio. Il maestro Anselmo M. Zordan, alla fine del noviziato, dichiarava che fra Luigi si era sempre comportato bene, mostrando buona volontà, retta intenzione, e spirito di pietà e sacrificio.
Alla vigilia della sua professione solenne, fra Luigi scriveva con consapevolezza e determinazione la sua rinuncia al mondo per dedicarsi all’Ordine dei Servi di Maria, promettendo di seguire Cristo per salvare tutti e di rispettare gli obblighi dello stato religioso. Un’affermazione non firmata documentava che il giovane fra Luigi, grazie alla sua pietà e capacità nello studio, prometteva una buona riuscita nella vita religiosa.

Un uomo di studio e spiritualità
Fra Luigi è stato anche un assiduo frequentatore della Biblioteca Berica di Monte Berico, come testimonia Francesca, la bibliotecaria. Dal 2007 agli inizi del 2023, ha effettuato ben 676 prestiti, dimostrando una grande curiosità di conoscere, leggere, e studiare. Si interessava principalmente alla storia della Chiesa, delle religioni, in particolare asiatiche, e alla spiritualità dei Padri della Chiesa, con un occhio sempre attento alle discipline teologiche, specialmente della sezione dogmatica.
Molti lo ricordano come un frate che pensava molto e parlava poco, riflettendo profondamente sulla sua fede e vocazione. Un aspetto meno noto della sua vita era la sua passione per la Palestina. Nel 1981, dopo un pellegrinaggio in Terra Santa in occasione del trentesimo anniversario del suo sacerdozio, proponeva che la Famiglia dei Servi di Maria avesse una casa in Terra Santa, un luogo dove poter partecipare da vicino ai fatti religiosi e umani della redenzione.

Un servizio instancabile
Fra Luigi ha servito in vari contesti, rispondendo alle necessità della sua comunità e dei fedeli. Dopo la sua ordinazione, è stato inviato in Spagna, dove ha contribuito ad aprire nuovi conventi e a rafforzare la fondazione dell’Ordine. Tornato in Italia nel 1968, ha servito come cappellano delle monache di Arco e ha assistito i confratelli anziani e malati del convento maschile di Arco. Dal 1979 al 1997, è stato cappellano della clinica Villa Salus delle Serve di Maria a Mestre.
Il suo impegno è stato contrassegnato da due momenti significativi: l’aiuto a chi era in necessità e l’assistenza ai sofferenti, seguendo l’esempio di Maria. Anche a Monte Berico, dove è tornato nel 1997 e ha vissuto fino alla sua morte, ha continuato a diffondere la devozione a Maria, diventando un confessore molto ricercato.

Un addio commovente
Fra Luigi ha concluso la sua esistenza terrena il 17 maggio 2023 nella sua cella della comunità Istituto Missioni, dove era stato accolto per cure adeguate dopo una caduta accidentale. Il giorno precedente, era stato dimesso dall’ospedale di Noventa Vicentina, dove era stato curato per una seria polmonite.
Il 19 maggio, nella basilica di Monte Berico, si è tenuta la liturgia di commiato, presieduta dal priore provinciale fra Giuseppe M. Corradi, accompagnato da 22 concelebranti. Durante l’omelia, il presidente ha tracciato la vita del defunto, ringraziando il Signore per aver donato fra Luigi alla comunità e invocando altri a seguire il suo esempio di dedizione e fede.

Eredità e ricordo
Fra Luigi Maria Francesco Verlato ha vissuto 97 anni, di cui 78 come frate e 73 come sacerdote. La sua vita è stata un esempio di dedizione, studio, e servizio. Ha seguito il cammino di Maria, dedicandosi agli altri e diffondendo la devozione alla Madonna. È sepolto nel cimitero del suo paese natale, Montebello Vicentino, accanto ai suoi cari, lasciando un ricordo indelebile nella comunità dei Servi di Maria e in tutti coloro che lo hanno conosciuto.
La sua eredità spirituale continua a vivere attraverso i suoi insegnamenti, il suo esempio di vita, e la sua profonda fede, ispirando future generazioni di religiosi e fedeli. Fra Luigi ha incarnato i valori dei Servi di Maria, mostrando come la devozione, il servizio, e la conoscenza possano essere strumenti potenti per una vita di santità e dedizione al prossimo.

MONTE BERICO: INTERVISTA DI P. STEFANO BORDIGNON A P. LUIGI MARIA VERLATO, PUBBLICATA IL 9 FEBBRAIO 2022


LEGGI...

 

P. Stefano: Ciao carissimi amici e amiche vi presento qui il nostro padre Luigi. Fra Luigi che da poco ha celebrato quanti anni di sacerdozio?

P. Luigi: dal 51.

P. Stefano: dal 51 al 2022 quindi 71, bene complimenti. E allora questa è l’occasione un po’ per raccontarci alcune cose della sua storia; conoscere un po’ la vita che ha vissuto Luigi, ci vuoi raccontare qualcosa per esempio, ci puoi raccontare come è cominciata la tua vocazione?

P. Luigi: Quella volta che andai dal parroco a dirgli che volevo fare o il monaco o il frate o il prete, lui è rimasto incantato e ha detto “non è la stessa cosa!”, e mi ha lasciato in sospeso per mesi.

P. Stefano: Quanti anni avevi?

P. Luigi: 16, 17. Aspettando una risposta mi sono ammalato. E un giorno sono andato a stendermi nel campo vicino la fonte ho sperato di andare in cielo.
Dopo verso sera ha cominciato a fare freddo e sono tornato a casa mia mamma ha misurato la febbre e mi ha detto di stare a letto. Ha chiamato il medico ma non c’erano malattie. La mamma è andata dal prete e ha detto bisogna decidere e lui mi ha accompagnato qui a Monte Berico. Io, in sacristia, ho visto il padre Alba che mi ha chiesto cosa vuoi? O prete o frate o monaco. E lui mi ha detto va e prepara mi ha dato una lista di cose da portare un vestito la biancheria, e così mi ha dato appuntamento devi avere gli esami di maturità e allora ho cominciato a studiare.

P. Stefano: Che anno, che anno era più o meno? tu sei nato nel?

P. Luigi: 25, 35, 42. Eravamo in piena guerra, uno sfacelo. Andavo portare il pane dopo averlo fatto, nel paese e la polizia mi seguiva in bicicletta, quindi sotto controllo anche il lavoro.
Una volta mi hanno accompagnato in caserma, un altra ancora però, a un certo momento è arrivato il permesso del provinciale e il mio fratello mi ha accompagnato in bicicletta a Monte Berico siamo arrivati verso sera, poi il giorno dopo sono partito per andare a Follina non sapevano che arrivavo. Comunque mi han dato il letto soltanto che il giorno dopo non avevo più trovato né i panni né il vestito nuovo e così sono rimasto semplice studente.  Dopo un paio di mesi abbiamo fatto gli esami di prima ginnasio, dopo un mese di seconda ginnasio e sono entrato in terza ginnasio. Di là sono passato a Isola Vicentina a fare il noviziato.

P. Stefano: Quanti eravate in quel tempo?

P. Luigi: una quindicina o 16.

P. Stefano: Cosa facevate quando eravate novizi?

P. Luigi: Da novizi ci faceva istruzione il padre maestro poi andavamo a coltivare l’orto qualche lettura della vita dei santi sì ho detto lì la vita dei santi ho avuto modo di leggere qualche libro di filosofia e allora mi hanno chiamato “IL FILOSOFO”. Così che con questo titolo sono arrivato giù a Roma. Non è stata facile la mia vita a Roma. A metà anno mi hanno ordinato sacerdote, non avevo ancora terminata teologia.

P. Stefano: E qual è stata la tua prima esperienza da prete?

P. Luigi: La prima esperienza è stata qui a Monte Berico nel 52. Nei mesi per terminare la scuola dicevo Messa da solo in cappella a Roma, qui la mia esperienza di confessore e poi insegnante al collegio, non mi dava soddisfazione perché non avevo terminato gli studi di Roma e chiedevo sempre di andare a terminali.
E il Generale, perché mi passasse la mania di studiare mi ha mandato in Spagna è scritto così nella obbedienza. Quando sono tornato dalla Spagna 18 anni dopo mi ha fatto vedere quello scritto quindi ho saputo perché sono andato: perché mi passi la mania di studiare.
In Spagna, arrivato non sapevano che io arrivavo insomma, mi hanno dato da mangiare. 7 o 8 mesi di Spagna li ho passati come cappellano di ospedale a Valencia poi si è aperto il seminario  e quindi assieme a due o tre compreso il padre Clemente Payá Martí (1930-2002) siamo andati ad aprire il seminario a Plasencia, a dare il bianco alle pareti mettere, in piedi qualche letto e si è iniziato a fare scuola.
Sono passati i fratelli Montà e mi hanno portato a Tuy ad aprire la casa di Tuy dovevamo mangiare e bisognava far scuola e chi aveva i titoli? Nessuno! Le scuole dove andavo a dir messa mi hanno fatto il diploma di maestro e quindi abbiamo aperto la scuola elementare, fino a che non mi hanno chiamato ad Arco, dicevo messa alle monache coltivavo l’orto, la preghiera la facevo con le monache quando non andavo al monastero la dicevo solo. Mi sono letto libri di spiritualità sempre e sempre ancora non che sia diventato un mistico ho sempre avuto la zappa.

P. Stefano: Del mondo in cui viviamo adesso, no, che impressione hai? Cosa pensi di come sta andando il mondo?

P. Luigi: Il mondo è rotondo, pieno di guai, ma io ne ho sempre avuti da bambino, la Prima guerra mondiale, la nostra famiglia, la mia famiglia che era ricca è sprofondata, seconda guerra, morti cugini. Come va il mondo? Ecco qui dipende dal Signore noi certamente tentiamo questo o quell’altro ma se non ci vengono le forze dal cielo rimaniamo soli.

P. Stefano: cosa è stato per esempio per te è molto importante del tuo cammino?

P. Luigi: Il fare la volontà di Dio. Questo è molto importante sempre, sia qui che la, quindi una ricerca di un incontro personale con Dio, quindi certamente un luogo può attirare come questo Monte Berico, ma sono stato anche sedici anni si o diciassette Mestre, sono stato ad Arco, in Spagna, ma certamente questo luogo è il migliore dove io credo che me ne andrò, in paradiso, si trovare un luogo con una scala per andare in paradiso, l’ho cercato da giovane sdraiato nel campo e non sono arrivato in paradiso, sono arrivato nel letto con la febbre, me l’hanno tolta e ho ripreso il cammino, camminando verso il cielo quindi mi sono avvicinato monaco o frate o prete? Li ho fatti tutti e tre si può dire!

P. Stefano: Da sacerdote, la cosa che più ti ha dato gioia, soddisfazione?

P. Luigi: Quando sono stato ordinato prete è la più grande soddisfazione. Ma il periodo di tempo è sempre stato di lavoro, la presenza in mezzo i malati mi ha dato la maggiore soddisfazione perché si arrivava al cielo, come cappellano d’ospedale il periodo che maggiormente mi ha così dato coraggio contento dove il Signore mi ha messo! Vicino alla mia terra vicino al cielo.

P. Stefano: Grazie dai da una benedizione a tutte le persone che ci seguono. Vuoi dare una benedizione?

P. Luigi: Sotto la tua protezione troviamo rifugio Santa Madre di Dio io confido in te benedici o Signore noi e tutti coloro che ascoltano nel nome del Padre, il Figlio e lo Spirito Santo. Amen.
E qua ho scritto molto perché da bambino, ci hanno insegnato a fare il diario da bambino.

P. Stefano: È il diario della tua vita?

P. Luigi: SI.

Il video dell’intervista è visibile qui…

Umberto Ravagnani

NOTA: * Direttore della Biblioteca Berica di Monte Berico è p. Giorgio M. Vasina, bibliotecaria Francesca Gaianigo.
FOTO
: Archivio storico della Provincia Veneta OSM (Vicenza) (email: archivio@pvosm.it).
1) Foto scattata il 22-12-2021 a Monte Berico per il 70° di ordinazione di p. Luigi Maria Verlato.
2) Foto scattata il 22-12-2021 a Monte Berico per il 70° di ordinazione di p. Luigi Maria Verlato.
3) Monte Berico: intervista di p. Stefano Bordignon a p. Luigi Maria Verlato, pubblicata il 9 febbraio 2022.
VIDEO: L’intervista di P. Stefano Bordignon a p. Luigi Maria Verlato del 9 febbraio 2022 è visibile qui…
FONTE
: Archivio storico della Provincia Veneta OSM (Vicenza) (email: archivio@pvosm.it).

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

L’ORIGINE DELLA CHIESA DI SELVA

[393] L’ORIGINE DELLA Chiesa DI SELVA
Determinazione, fervore religioso e sociale di una comunità…

Nel cuore della pittoresca e fertile valle di Selva di Montebello, emerge una storia quasi incredibile attraverso le antiche carte d’archivio parrocchiali. In un vecchio manoscritto, si intrecciano verità e curiosità, offrendo uno sguardo vivace su un passato lontano ma ancora pulsante.
La località di Selva, storicamente sottoposta alla parrocchia di San Nicolò di Agugliana, ha sempre nutrito un profondo desiderio di autonomia amministrativa. Questo anelito, rimasto inascoltato per oltre un secolo, testimoniava la tenace volontà degli abitanti di Selva di affermare la propria identità ecclesiastica e sociale. Nonostante questo desiderio fosse spesso soffocato, l’aspirazione all’indipendenza ecclesiastica non si è mai spenta, continuando a vivere nel cuore dei suoi abitanti come uno dei desideri più ardenti e naturali.
Il manoscritto, redatto da un cittadino di Selva e trascritto dal curato Don Domenico Casalin nel 1894, offre un viaggio tra storia e leggenda. Tra le sue pagine si trovano racconti del lacus Dianae e del vulcano di Agugliana, echi delle visite di celebri viaggiatori del XVIII secolo e delle loro fantasie. Tuttavia, il fulcro della narrazione risiede in un’importante riunione dei capifamiglia della parrocchia, un evento che avrebbe segnato profondamente la storia della comunità.
Durante questa riunione, si discuteva del restauro della canonica di San Nicolò di Agugliana. In un momento di audace provocazione, qualcuno propose di costruire una nuova Chiesa più a valle, piuttosto che affrontare onerosi lavori di restauro. Questa proposta, inizialmente vista come radicale, venne accolta con un entusiasmo inaspettato. Il 26 marzo 1868, il prevosto benedisse la prima pietra della nuova Chiesa, con il parroco di Agugliana, Don Beniamino Rancan, che scelse di rimanere neutrale.
In soli dieci mesi, grazie al progetto del capomastro Giovanni Guarda, la nuova Chiesa si ergeva fino al cornicione. La costruzione fu resa possibile dalle generose donazioni in denaro, pietre e calce, e soprattutto dal lavoro gratuito dei “curaziani”, il cui ardore cresceva insieme alle mura della Chiesa. Il 16 maggio 1869, la nuova Chiesa, sebbene ancora incompleta, fu benedetta, e il 3 dicembre 1871, il Santissimo Sacramento fu stabilmente deposto al suo interno.
Gli anni successivi videro ulteriori miglioramenti: la sagrestia fu costruita nel 1874, il coro e la stabilitura interna nel 1884, e il soffitto “alla piemontese” nel 1885. Orgogliosi della loro Chiesa, i residenti decisero di aggiungere delle campane. Il 23 giugno 1877, tre nuove campane furono consacrate, e la prima di esse fu benedetta dal cardinale di Verona, S.E. Luigi di Canossa.
Alla fine del XIX secolo, la Chiesa fu ulteriormente abbellita con porte, una Via Crucis, quadri e un battistero. Tuttavia, il progetto della facciata, proposto da Gerardo Marchioro, fu accantonato a causa dei costi elevati. Parallelamente, la comunità di Selva si concentrò sulla costruzione di un cimitero. Nonostante l’offerta di un terreno e il supporto del sindaco, la burocrazia impedì la realizzazione del progetto, e si continuò a utilizzare il cimitero di Montebello.
Dal 1869, i nuovi curati di Selva assunsero il compito di curare le anime, spesso in contrasto con Agugliana. Nonostante i frequenti avvicendamenti dei curati e le molte famiglie emigrate in Brasile e Argentina, la comunità continuò a crescere, raggiungendo una popolazione di 980 persone all’inizio del Novecento.
Il fervore della comunità si manifestò anche nella costruzione delle scuole, progettate dall’ingegnere comunale Pietro Frigo e completate nel 1882. L’edificio scolastico, situato vicino alla Chiesa, rappresentò un altro traguardo significativo per la comunità.
La storia della Chiesa di Selva di Montebello non è solo un racconto di pietre e mattoni, ma un vivido esempio di determinazione, fede e comunità. Questa narrazione ci mostra come un piccolo gruppo di individui, mossi da un comune senso di appartenenza e da una visione condivisa, possa superare ostacoli apparentemente insormontabili per realizzare i propri sogni. La costruzione della Chiesa e delle altre infrastrutture non fu solo un atto di fede, ma anche un simbolo tangibile della resilienza e dell’unità della comunità di Selva.
Le vicende della Chiesa e delle sue successive aggiunte rappresentano una testimonianza duratura dell’impegno collettivo. Nonostante le sfide burocratiche e le limitazioni economiche, la comunità ha dimostrato che con la cooperazione e la determinazione si possono raggiungere traguardi significativi. Questo spirito di solidarietà e perseveranza è ciò che ha permesso alla piccola comunità di Selva di Montebello di costruire non solo edifici, ma anche una forte identità sociale e religiosa.

Umberto Ravagnani

FOTO: La Chiesa di Selva di Montebello in una foto degli anni ’60 del Novecento (collezione privata Umberto Ravagnani).
BIBLIOGRAFIA
: L.Zonin, Il campanile di Selva di Montebello, 2014.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

DON DOMENICO GIAROLO

[390] DON DOMENICO GIAROLO

Don Domenico Giarolo nacque a Locara (Vr), da Alessandro e da Lucrezia Costa, il 3 Maggio 1863, studiò nel Seminario diocesano Vicentino, e fu qui ordinato Sacerdote il 24 Aprile 1887, Dopo di essere stato due anni Cappellano a Roveredo di Guà, passò nel 1891 Parroco a Campolongo della Riviera e nel Luglio 1907 divenne Prevosto a Montebello Vicentino e qui restò fino alla morte, il 12 gennaio 1919.
Don Domenico Giarolo viene spesso ricordato per aver fatto demolire l’antica Chiesa di San Francesco, sulla via che porta al castello di Montebello, tanto cara al suo predecessore don Giuseppe Capovin, ma era anche, sorprendentemente, uno studioso e amante di antichi manufatti, in particolar modo quelli appartenenti al periodo romano. Un suo studio approfondito, del quale ha lasciato un prezioso manoscritto conservato in canonica, riguarda una “Lapide Romana dissotterrata a Volpino”. Volpino di Zimella si trova a circa una decina di chilometri da Montebello nel territorio veronese. Ecco la trascrizione della prima parte dell’interessante documento.

“L’anno …[manca] nell’ingrandimento della Chiesa Parrocchiale di Volpino, in Comune di Zimella, essendosi scavato il terreno per la fondamentazione di nuovo muro, alla profondità di metri …[manca] venne alla luce una lapide sepolcrale romana con iscrizione, conservatissima, ancora infissa nel suo primo posto, il che dà argomento certo sicuro di quanto in quel luogo in circa diecinove secoli si elevò il suolo per le molteplici alluvioni il suolo in quel luogo.
La lapide è alta m. (1.43) larga m. (0.75). Essa è di marmo veronese ed è incorniciata da un semplice listello. Su di essa sta è incisa una iscrizione sepolcrale in bellissimi caratteri unciali, ben conservati, come scritto nel testo, i quali ci fanno argomentare che sia non più oltre del secolo I dell’era nostra. Se non fosse stata la cura intelligente del Parroco Locale D. Luigi Negretto, il quale la volle murata nella parete laterale destra esternamente a sua conservazione, purtroppo per l’ignoranza dei operai che volevano pensavano di spezzarla per farne materiale da costruzione, sarebbe per sempre perduto questo prezioso documento dell’epoca romana.
L’iscrizione incisa è del seguente tenore:

V.F.
CVRILIA.M.F.
SECVNDA.SIBI.ET
C.ARRVNTIO.C.F.
STABILI.CONIVGI
BENEMERENTI.ET
C.ARRVNTIO.C.F.
CRESCENTI.FILIO
PIENTISSIMO
VIXIT.AN.XIX.MEN
SES.XI.D.V.ET
LIBERTIS.LIBERTABUS

Viva Fecit – Curilia Marci Filia – Secunda Sibi Et – Caio Arruntio Caii Filio – Stabili Coniugi – Benemerenti Et – Caio Arruntio Caii Filio – Crescenti Filio – Pientissimo – Vixit annos XIX Menses XI Dies V Et – Libertis Libertabus

Come si vede Curilia Seconda figlia di Marco, mentre era viva fece per sé pel marito, pel figlio, pei liberti e liberte la presente lapide sepolcrale. Ritengo però che se, ove essa fu scoperta, si fosse scavato a maggior profondità, si sarebbero trovati altri avanzi del sepolcro, e forse il sepolcro intero, che colla lapide fece costruire, che certo come detta la lapide ci fa arguire, fu costrutto per l’intera famiglia Arruntia.

Chi sia questa Curilia non è dato sapere; certo era della famiglia o gente Curilia, giacché le donne portavano come nome proprio il nome della gente o famiglia con terminazione femminile, come si à da innumerevoli esempi. Or finora è stata sconsiderata fu ignota questa tal famiglia, e questa è la prima che, per la presente, ci si presenta in una lapide; come si può vedere dal Corpus Inseriptionum Latinarum (?), e dall’Onomasticon si conosceva la gente Curidia, non però la Curilia. Quanto di singolare è la nostra lapide, perché ci mette a conoscenza di un nuovo nome di famiglia dell’epoca romana. Portava essa Curilia il cognomen di Seconda, probabilmente perché seconda figlia di Marco: sapendosi che spesso il cognomen si sceglieva da circostanze particolari riguardanti l’individuo…” 

Don Domenico Giarolo lasciò Montebello e questo mondo alla giovane età di 56 anni. Nell’Atto di morte così viene ricordato:
Giarolo, Don Domenico di Alessandro e Costa, Lucrezia da undici anni precisi, avendo fatto suo solenne ingresso il 12 gennaio 1908, Prevosto di Montebello Vicentino, dopo aver fabbricato l’ospedale e l’asilo, colto da tubercolosi polmonare, dopo sei lunghi mesi di malattia, dopo aver ricevuto con grande devozione gli ultimi conforti della chiesa, placidamente s’addormentò nel signore alle ore 5 del mattino 12 gennaio 1919.  Aveva 56 anni. Suo padre Alessandro era morto da quattro anni, sua madre Costa Lucrezia gli sopravviverà.  I funerali che ebbero luogo il 14 detto per concorso di popolo e di sacerdoti suoi amici e conoscenti riuscirono imponentissimi.  Fu sepolto nel cimitero comunale per sua espressa volontà nella stessa fossa del padre suo.  D. Antonio Ercole”.

FOTO: Don Domenico Giarolo in un ritratto di Leone Verlato (17-4-1930) conservato nella Sacrestia della Chiesa di Santa Maria Assunta a Montebello (foto Umberto Ravagnani).
NOTA: Manoscritto di don Domenico Giarolo che si trova nella Chiesa Prepositurale di Montebello Vicentino. L’articolo relativo è stato pubblicato nel 1905 a Pavia nella rivista “Scienze storiche” con il titolo: Osservazioni sopra una lapide romana recentemente scoperta.
Di don Domenico Giarolo è pure il libro “Memoria sulla Fiera della Madonna di Lonigo” con notizie storiche sulla Fiera di San Giacomo e sui mercati (Lonigo, 1906).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

DON ANGELO CRASCO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


DON GIROLAMO DALLA-BARBA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


DUE SACERDOTI DEL PASSATO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


L’HOBBY DEI CAPITELLI

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


L’ORATORIO DI SANT’EGIDIO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


LA CHIESA DEI MALASPINA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


UN FULMINE RECIDIVO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


IL PRETE CON IL PALLINO DEL MAT…

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


UN DON MATTEO NOSTRANO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


MONS. BORTOLO CASTEGNARO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


L’ULTIMA PREDICA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


I TRE CAMPANILI

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


LA CHIESA DI AGUGLIANA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


DON GIO.BATTA SGREVA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


DON GABRIELE BERTOLA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


IL PROF. DON MARIO COLA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


DON VITTORE PORRA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


IL REVERENDO GIO.BATTA LONGHIN

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


NUOVO ORGANO A MONTEBELLO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


2020 LA SOLENNE MANCATA

[229] 2020 LA SOLENNE MANCATA


E’ mancata in questo 2020 la tradizionale Solenne dedicata alla Madonna di Montebello. La pandemia, non ancora debellata, ha reso impossibile organizzare lo svolgimento di questa importante Festa del nostro paese. Siamo certi, però, che ognuno di noi, nel mese di maggio, ha rivolto almeno un pensiero o una preghiera alla Santa Vergine. La Solenne del 2020 è stata sicuramente attenuata, quasi malinconica, non celebrata in pompa magna come nelle altre occasioni, ma c’è stata! Un sentito ‘grazie’ alle molte persone che, con impegno, hanno contribuito, dedicando il loro tempo, alla realizzazione di quello che si è potuto fare per questa amata Festa, in particolar modo a don Lidovino, don Guido e don Gianfranco. La straordinaria venerazione Mariana, specialmente sentita nella nostra comunità, si concretizza nel culto per la Madonna di Montebello, attestato dall’antica statua custodita nella nostra Chiesa Prepositurale. Ecco la sua storia.

La storia della Madonna di Montebello
« L’immagine della Madonna nel 1500 era venerata sotto il titolo della “Concezione”. È da supporre, quindi, che un tal nome le sia stato dato subito o poco dopo, quando nel 1476, Papa Sisto IV aveva prescritto che in tutto il mondo fosse celebrata la festa della Concezione, oppure che appositamente, dopo il 1476, sia stata lavorata la statua che doveva portare un tal titolo, Il lavoro eseguito nel XV secolo, lascia libero campo tanto all’una che all’altra ipotesi.
Quando nel 1834, Mons. Cappellari, Vescovo di Vicenza, compi la visita pastorale alla nostra parrocchia, osservò che male conveniva il titolo di Madonna della Concezione ad una immagine effigiata in quelle forme, per cui da quel tempo, anche fra il popolo, andò diminuendo l’uso di chiamarla con quel nome, dicendola piuttosto “la nostra Madonna”, senza altre aggiunte, finché, nel 1885 la si disse “Madonna di Montebello”, titolo che conserva tuttora e che suona con quello antico della parrocchiale dedicata a “Sanctae Mariae de Montebello”. La statua della Madonna fu portata in processione per la prima volta il 29 Luglio 1793 a causa di una grande siccità. In quell’occasione, ancora nella sera stessa, cadde la desiderata pioggia; ogni qualvolta poi il popolo venne a trovarsi in simile necessità, ricorse fiducioso alla Vergine, la quale quasi sempre, esaudì le fervide preghiere dei Montebellani.
Ci prepariamo a celebrare la 27a edizione della festa quinquennale in onore della Madonna. Il motivo che ha generato la Festa della Solenne va ricercato, indietro nel tempo, circa un secolo prima dell’indizione della festa.
Nel 1791 si diffuse per parecchi mesi un’epidemia di tifo, che causò moltissimi morti specialmente tra i giovani. I provvedimenti sanitari applicati non portarono alcun beneficio e non limitarono l’espandersi dell’epidemia. Vedendo vano ogni rimedio, la popolazione di Montebello si rivolse “con fede viva” alla Madonna e l’epidemia improvvisamente cessò.
Memore di questo prodigio, due anni dopo, il 28 luglio 1793 al culmine di un prolungato periodo di siccità che faceva presagire la totale distruzione di tutti i raccolti agricoli, la popolazione portò in processione la statua della Madonna e fatto sorprendente, la tanto sospirata pioggia iniziò a cadere nella serata, prosegui tutta la notte e parte del giorno seguente portando ristoro alla popolazione e salvando i raccolti. La popolazione riconoscente tributò solenni ringraziamenti alla Madonna nei giorni 5 e 17 agosto. In quei due giorni vennero offerte, alla Madonna, una quantità straordinaria di olii, cere e moltissimo denaro il quale venne destinato per sostituire il vecchio altare in legno nel quale era riposta la Madonna con un altro in marmo, una volta che fosse stata ultimata la nuova (attuale) chiesa.
Le notevoli spese per la costruzione della chiesa probabilmente assorbirono anche i soldi destinati alla costruzione dell’altare e di questo non se ne parlò più fino al 1811 quando, grazie ad un lascito testamentario “in onore della Madonna” di Antonio Bevilacqua, fu acquistato l’artistico altare in marmo del soppresso monastero del Corpus Domini di Vicenza, opera degli scultori Orazio Marinali e Giovanni Cassetta. Tale altare era però imponente e troppo ampio per poter essere inserito nella cappella a questo scopo destinata, pertanto esso venne smembrato e ricomposto in qualche modo all’interno della stessa.
Quanto realizzato risultò, fin da subito, sgradevole e non incontrò la soddisfazione della popolazione pertanto quasi subito venne modificato con la realizzazione di un paramento centrale in mattoni che lo abbruttì ancora di più. Per attenuare questa nuova bruttura venne installata una raggera in legno dorato che contenne la disarmonia ma non la risolse del tutto.
Finalmente nel 1885, con il Prevosto Capovin, fu incaricato di riordinare l’altare, oggetto del malcontento popolare mai assopito, lo scultore Francesco Cavallini di Pove del Grappa, il quale riadattò con sapienza l’altare ottenendo quel notevole effetto artistico, che ancora oggi ammiriamo, tale da sembrare un’opera di prima mano. Per consentire l’esecuzione dei lavori la statua della Madonna venne rimossa dalla cappella e non si sa per quale motivo venne portata in maniera riservata nell’antica chiesa di San Francesco ubicata sul colle soprastante la Piazza nell’angolo est tra via Castello e via San Francesco.
Terminati i lavori dell’altare per la sua inaugurazione e per il rientro della statua della Madonna il Prevosto Capovin propose di farlo festeggiando in maniera pubblica per il 26 di aprile con una solenne processione dalla chiesa di San Francesco alla Prepositurale. Per l’occasione il paese si vestì a festa addobbando le vie con fiori, archi e festoni sempreverdi. A tale processione parteciparono, sia dalle parrocchie dipendenti dal Vicariato di Montebello, sia dagli altri paesi circostanti oltre agli abitanti di Montebello, talmente tante persone che fecero diventare l’evento una cosa straordinaria. Alla fine della processione, dopo aver riposto la statua della Madonna nella nicchia allo scopo predisposta nell’altare, il Prevosto Capovin cogliendo l’entusiasmo generale dei partecipanti decretò che la processione Solenne con la Madonna sarebbe stata ripetuta con cadenza quinquennale alla prima Domenica del mese di maggio.
Ebbe così origine la festa della Solenne, che fu celebrata fedelmente ogni cinque anni. Tale festa ha segnato profondamente la vita e la storia della comunità parrocchiale e civile di Montebello: i cittadini radicati nel territorio e quelli acquisiti negli ultimi anni hanno sempre considerato questa solennità quinquennale una espressione di fede, di intensa devozione a Maria, di comunione profonda e di appartenenza alla comunità.
La festa con le sue celebrazioni, con i suoi momenti di riflessione e di cultura, di festa e di divertimento, con i suoi molteplici addobbi sparsi per tutte le vie ha sempre creato amicizia, collaborazione, fusione di spirito, gusto e gioia di fare comunità.
Ci auguriamo che la 27a edizione della Solenne, programmata con competenza e precisione dal Comitato Festeggiamenti, come si può notare in questa pubblicazione, sia un’esperienza di fede e di comunione, di serenità e di gioia, di festa e di speranza per tutta l’Unità Pastorale. » (Da “Solenne 2020” di Don Lidovino, Don Guido e Luigi Dainese)

  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2020 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2020 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2020 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2020 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2020 

[ Per fermare le immagini posizionarvi sopra il cursore del mouse ]

 

Alcuni avvenimenti, in Italia e nel mondo, dell’anno 2020 dal calendario di FRATE INDOVINO:

Santa Pasqua: 12 Aprile – Presidente della Repubblica: Sergio Mattarella. Papa: Jorge Mario Bergoglio con il nome di Francesco


DAL MONDO - Leggi tutto...

1 Gennaio la Croazia assume la presidenza di turno dell’Unione Europea per la prima volta.
8 Gennaio l’Iran lancia missili contro basi militari statunitensi in Iraq in rappresaglia all’uccisione di Qasem Soleimani avvenuta il 3 gennaio all’aeroporto internazionale di Baghdad: due basi militari statunitensi situate in Iraq vengono danneggiate, viene anche abbattuto per errore l’Ukraine International Airlines 752 uccidendo 176 persone.
23 Gennaio il governo cinese, a causa di un’epidemia di un nuovo ceppo di coronavirus, mette in quarantena la metropoli di Wuhan, e successivamente espande il provvedimento a quasi tutta la provincia di Hubei. Si tratta della più grande quarantena mai disposta nella storia umana per estensione e numero di persone coinvolte.
30 Gennaio l’Organizzazione mondiale della sanità dichiara l’epidemia del nuovo coronavirus “emergenza sanitaria pubblica di interesse internazionale”
5 Febbraio il presidente statunitense Donald Trump viene assolto dal Senato dall’impeachment a suo carico.
29 Febbraio viene firmata una storica tregua tra truppe americane, truppe afghane e talebani.
11 Marzo l’Organizzazione mondiale della sanità (OMS) dichiara che l’epidemia di COVID-19 è una pandemia.
6 Maggio gli astronomi annunciano la scoperta, grazie al telescopio MPG/ESO, del primo buco nero situato in un sistema stellare visibile a occhio nudo (HD 167128).
1 Luglio la Germania assume la presidenza di turno dell’Unione Europea per la quarta volta.
25 Luglio la petroliera giapponese Wakashio si incaglia nella barriera corallina a sud-est dell’isola di Mauritius, e il 6 agosto il suo scafo cede, riversando per due settimane le 3 800 tonnellate di petrolio ivi contenute.
30 Luglio la NASA dà inizio alla missione Mars 2020 per cercare primordiali segni di vita sul pianeta rosso; la missione include anche esperimenti per preparare future missioni con equipaggio.
4 Agosto due forti esplosioni devastano il porto della capitale libanese Beirut, provocando il crollo di alcuni edifici e causando oltre 200 decessi e 7 000 feriti; inoltre il Ministero della Salute ha esortato gli abitanti della città di lasciarla a causa dell’aria altamente tossica.
24 Dicembre pochi giorni prima della scadenza del periodo di transizione dovuto alla Brexit viene raggiunto un accordo di libero scambio tra il Regno Unito e l’Unione Europea.

MUOIONO
26 Gennaio Kobe Bryant Giocatore di basket.
5 Febbraio Paolo Guerra Produttore televisivo.
5 Febbraio Kirk Douglas Attore.
25 Febbraio Hosni Mubarak Politico, ex presidente egiziano.
21 Marzo Gianni Mura Giornalista.
23 Marzo Lucia Bosé Attrice.
14 Aprile Franco Lauro Giornalista.
16 Aprile Luis Sepúlveda Scrittore.
15 Maggio Ezio Bosso Pianista.
21 Maggio Claudio Ferretti Giornalista.
22 Maggio Gigi Simoni Allenatore.
25 Maggio Flavio Bucci Attore
31 Maggio Christo Artista.
2 Giugno Roberto Gervaso Giornalista e scrittore.
9 Giugno Pau Donés Cantante.
3 Luglio Suor Germana Suora e scrittrice.
6 Luglio Ennio Morricone Compositore.
17 Luglio John Lewis Leader dei diritti civili.
19 Luglio Giulia Maria Crespi Imprenditrice, fondatrice del Fai.
4 Agosto Sergio Zavoli Giornalista.
9 Agosto Franca Valeri Attrice.
18 Agosto Cesare Romiti Manager.
2 Settembre Philippe Daverio Storico dell’arte.
4 Ottobre Kenzo Takada Stilista.
31 Ottobre Sean Connery Attore.
2 Novembre Gigi Proietti Attore.
6 Novembre Stefano D’Orazio Musicista.
22 Novembre Elisabetta Imelio Cantante.
25 Novembre Diego Armando Maradona Calciatore.
9 Dicembre Paolo Rossi Calciatore.

NASCONO
10 Maggio Carlo di Lussemburgo, principe lussemburghese.

PREMI NOBEL
Medicina: Harvey J. Alter, Michael Houghton, Charles M. Rice
Fisica: Roger Penrose, Reinhard Genzel, Andrea Ghez
Chimica: Emmanuelle Charpentier, Jennifer Doudna
Letteratura: Louise Glück
Pace: World Food Program
Economia: Paul R. Milgrom, Robert B. Wilson

SANREMO
Diodato con: Fai rumore; 2º Francesco Gabbani con: Viceversa; 3º Pinguini Tattici Nucleari con: Ringo Starr

SPORT
CALCIO
: 17 Marzo l’UEFA annuncia che a causa della pandemia di COVID-19 gli Europei si disputeranno nel 2021.
GIOCHI OLIMPICI: 24 Marzo il CIO annuncia che a causa della pandemia di COVID-19 i giochi olimpici di Tokyo si disputeranno nel 2021.
ATLETICA LEGGERA: 23 Aprile la European Athletic Association annuncia la cancellazione dei campionati europei di atletica leggera a causa della pandemia di COVID-19.
CALCIO: La Serie A 2019-2020 è stata la 118ª edizione della massima serie del campionato italiano di calcio (l’88º a girone unico), disputato tra il 24 agosto 2019 e il 2 agosto 2020.[2] Il torneo è stato vinto dalla Juventus, al suo trentaseiesimo titolo, nonché il nono consecutivo.
CALCIO: A vincere il trofeo è stato il Bayern Monaco, al sesto successo nella manifestazione, che ha battuto in finale il Paris Saint-Germain per 1-0. I tedeschi hanno ottenuto la possibilità di sfidare i vincitori della UEFA Europa League 2019-2020 nella Supercoppa UEFA 2020 e di partecipare alla Coppa del mondo per club FIFA 2020.
CICLISMO: Il Giro d’Italia 2020, centotreesima edizione della manifestazione e valido come sedicesima prova dell’UCI World Tour 2020, si è svolto in ventuno tappe dal 3 al 25 ottobre 2020 per un totale di 3 352,4 km, con partenza da Monreale e arrivo a Milano. Inizialmente prevista dal 9 al 31 maggio 2020, con partenza da Budapest, in Ungheria, la corsa è stata posticipata dal 3 al 25 ottobre a causa della pandemia di COVID-19. La vittoria fu appannaggio del britannico Tao Geoghegan Hart, il quale completò il percorso in 85h40’21”, precedendo l’australiano Jai Hindley e l’olandese Wilco Kelderman.
FORMULA 1: Lewis Hamilton e la Mercedes si sono confermati ancora una volta campioni del mondo piloti e costruttori. Per il pilota britannico si è trattato del settimo titolo mondiale piloti, il quarto consecutivo, eguagliando il numero di titoli detenuti dall’ex pilota tedesco Michael Schumacher, mentre la scuderia tedesca ha conquistato il settimo titolo consecutivo del mondiale costruttori, battendo il primato detenuto dalla Ferrari del periodo 1999-2004 con sei. Lo stesso pilota britannico si è aggiudicato per la quinta volta il Trofeo Pole FIA per il maggior numero di pole position conquistate durante l’anno, con dieci partenze dalla prima piazzola.

Umberto Ravagnani

Foto: L’antica statua della Madonna di Montebello (Archivio privato Umberto Ravagnani – 3 maggio 2020).
Slide: Alcune foto della Chiesa Prepositurale nel 2020 (Archivio privato Umberto Ravagnani – 3 maggio 2020).
Figura: La copertina del calendario di Frate Indovino del 2020 (Archivio privato Umberto Ravagnani).

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

EL CORO SORA L’ALTARE

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure dalla barra laterale, scegli AREA RISERVATAREGISTRAZIONE; inserisci i tuoi dati e premi su REGISTRAZIONE; ti verrà posta una semplice domanda e, dopo aver inviato la risposta al nostro indirizzo, in breve tempo, riceverai l'approvazione della tua richiesta. Potrai quindi entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

 

AUREOS 2001-2020 (SFOGLIA IL LIBRO) ------------------------------ AUREOS 2021-2022 (SFOGLIA IL LIBRO)

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 e 2022 sarà disponibile a partire dal 17 febbraio 2024.


LA SOLENNE DEL 2015

[223] LA SOLENNE DEL 2015 A MONTEBELLO


Nel mese di Maggio si nota una particolare devozione mariana tra i fedeli, ma a Montebello assume un carattere straordinario; ogni 5 anni la I domenica di questo mese, per tener fede ad un impegno preso 130 anni fa dai nostri predecessori, la Vergine Santa che troneggia su un altare nella nostra chiesa parrocchiale viene portata solennemente in processione. La festa pertanto, quinquennale, si chiama “LA SOLENNE” in onore di Colei che amiamo chiamare Madonna di Montebello. Ed ecco che oggi, tra un tripudio di folla (circa 6000 persone) si è svolta la tradizionale Processione, un trionfo della nostra Mamma Celeste, al culmine dei tanti preparativi che hanno preceduto cotanto avvenimento! Montebello offre oggi uno spettacolo stupendo creato dall’amore, dalla fede e dalla devozione dei suoi abitanti. In tutte le contrade, anche le più lontane, si vedono estensioni di festoni, sventolio di bandiere, balconi addobbati e a sera luci ovunque che rendono quasi magica l’atmosfera, frutti di impegno e un lavoro collettivo. Sarebbe però tutto fatuo se la devozione a Maria si fosse limitata ad una apparente esteriorità, ecco pertanto che questo bel giorno è stato preceduto da celebrazioni liturgiche e culturali per un grande arricchimento spirituale di cui far tesoro per il proseguo della vita personale e comunitaria. È importante, a detta dei sacerdoti e dei relatori, di continuare a vivere quei valori di unità, di relazione personale, di fede, di altruismo, di generosità di cui la Solenne è portatrice e fa emergere abbondantemente nel nome della Madre nostra Maria. Se ce ne fosse necessità: a ricordare una tale festa, i propositi formulati, gli impegni presi, ci sarà sempre l’immagine della Madonna di Montebello impressa su marmo e consegnata a tutte le famiglie perché sia esposta in ogni casa, ma non solo, è stata pure messa a disposizione delle persone che l’hanno richiesta per parenti o amici lontani, ed inoltre una corona del Rosario che riporta, nella crociera, l’immagine di Maria con la scritta “MADONNA DI MONTEBELLO – SOLENNE 2015”. Ecco dunque che gli occhi fissi al marmo e le mani strette al Rosario aiuteranno a non dimenticare. Anche se ho la certezza che per ogni montebellano, così pure per i nostri sacerdoti, questa data del 3 Maggio 2015, 26a Festa della Solenne resterà impressa nel cuore come un ricordo indimenticabile, per aver vissuto un avvenimento non comune, sempre atteso e sempre diverso dalle precedenti Solenni. Che ci aiuti la Vergine Santa a conservare a lungo i frutti di questa bellissima SOLENNE! (M.R.T.)

Vergine Madre, Figlia del Tuo Figlio…
Quante volte abbiamo sentito questo concetto bello, misterioso, sì, perché è mistero, non lo possiamo dimostrare con la ragione, ma solo farlo nostro con la fede. Che incontri magici! Possiamo dire a cerchi concentrici di emozioni che, man mano i versi venivano scanditi, sempre più salivano ad abbracciare la nostra mente e il nostro cuore. Maria esaltata in tutto il suo umile splendore, nostra soccorritrice in quanto divina creatura, nostra consolatrice in quanto madre premurosa. Grazie Nicoletta Nicolin, per questi incontri iniziati l’8 marzo in oratorio con una relazione su “Vita di Maria” e proseguendo poi con altri il 29 marzo con “Maria e la Morte di Gesù” concludendo con domenica 17 maggio con l’argomento molto interessante di “Maria nelle icone di Palazzo Montanari di Vicenza. Un grazie anche alla biblista, ormai di casa nella nostra Unità Pastorale, Antonella Anghinoni anche lei a parlare della Madonna con delle serate a tema. La prima tenuta il mercoledì 18 marzo con l’argomento “Madri sotto la Croce”. Altra serata dedicata a Maria con Antonella Anghinoni con l’argomento “Maria, donna del quotidiano”. Tutti i grandi, da sempre hanno creduto in Maria come colonna portante della fede, donna di intima preghiera. Tutti l’hanno pensata porta del cielo, giardino di delizie, seno dello Spirito di Dio. Che la Madonna ci aiuti a “Farci prossimo”, a toccare con mano ciò che Le è stato promesso, come ha fatto Lei con il grande annuncio della sua maternità. Anche noi intraprendiamo ogni giorno il nostro viaggio, affidiamoci a Lei, ci porterà a toccare con mano, a vedere chi ci sta vicino, a fare comunione con tutti.

Presentazione del libro del prof. Disconzi Luciano “A Te Solenne Montebello”
Quello di oggi è un momento meraviglioso che vede protagonisti Voi, ragazzi di quinta, le vostre insegnanti ed il prof. Luciano Disconzi… Mi complimento con il professore per la sua geniale intuizione di coinvolgere i ragazzi per la preparazione alla Solenne mediante disegni vari della Madonna, la chiesa, i luoghi più significativi di Montebello. I disegni ed i versi del professore restano un documento per la storia grazie alla pubblicazione del libro che oggi viene presentato e distribuito. La Solenne 2015 sarà per sempre legata a questa pubblicazione, elegante e piacevole da vedere, piacevole da sfogliare. Grazie a voi ragazzi, grazie a voi insegnanti e alla scuola, grazie a lei professore.
(Dal periodico dell’Unità Pastorale di Agugliana – Selva – MontebelloNOI 3” – Edizione speciale per la Solenne 2015).

  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 3-5-2015 

[ Per fermare le immagini posizionarvi sopra il cursore del mouse ]

 

SOLENNE 2015: La benedizione del Vescovo Beniamino Pizziol - Mostra il VIDEO

————————————————————————————————————————————————————————-

————————————————————————————————————————————————————————-

 

Alcuni avvenimenti, in Italia e nel mondo, dell’anno 2015 dal calendario di FRATE INDOVINO:

Santa Pasqua: 5 Aprile – Presidente della Repubblica: Giorgio Napolitano. Dal 3 febbraio Sergio Mattarella. Papa: Jorge Mario Bergoglio con il nome di Francesco


DAL MONDO - Leggi tutto...

7 Gennaio A Parigi, in Francia, il secondo attentato alla sede di Charlie Hebdo, un settimanale satirico, causa dodici vittime, fra cui alcuni noti fumettisti francesi.
14 Gennaio Giorgio Napolitano si dimette dalla carica di Presidente della Repubblica Italiana.
13 Marzo Papa Francesco annuncia il Giubileo straordinario che avrà inizio con l’apertura della Porta Santa della Basilica di San Pietro l’8 dicembre 2015, a 50 anni esatti dalla chiusura del Concilio Ecumenico Vaticano II, e terminerà il 20 novembre 2016 nella Solennità di Cristo Re.
1 Maggio Inizio dell’Expo 2015 a Milano, in Italia. L’esposizione si protrarrà fino al 31 ottobre.
20 Luglio Gli Stati Uniti pongono fine all’embargo con Cuba ristabilendo le loro relazioni diplomatiche dopo 54 anni, con la riapertura delle proprie ambasciate nelle rispettive capitali.
21 Ottobre La casa automobilistica Ferrari si quota alla Borsa di New York con il proprio titolo azionario.
13 Novembre Una serie di attacchi terroristici nel centro di Parigi, rivendicati dall’ISIS, causano 130 morti[16] e oltre 300 feriti.
8 Dicembre Apertura del Giubileo straordinario indetto da Papa Francesco e dedicato alla Misericordia.

MUOIONO
4 Gennaio Pino Daniele, cantautore e chitarrista italiano.
10 Gennaio Francesco Rosi, regista e sceneggiatore italiano.
11 Gennaio Anita Ekberg, attrice svedese.
14 Febbraio Michele Ferrero, imprenditore italiano.
14 Maggio B.B. King, chitarrista e cantante statunitense.
7 Giugno Christopher Lee, attore, doppiatore e cantante britannico.
22 Giugno Laura Antonelli, attrice italiana.

NASCONO
2 Maggio Charlotte di Cambridge, principessa britannica.

PREMI NOBEL
Medicina: William C. Campbell (Irlanda), Tu Youyou (Cina), Satoshi Omura (Giappone).
Fisica: Takaaki Kajita (Giappone), Arthur B. McDonald (Canada).
Chimica: Tomas Lindahl (Svezia), Paul Modrich (Stati Uniti), Aziz Sancar (Turchia).
Letteratura: Svjatlana Aleksievic (Bielorussia/Ucraina).
Pace: Quartetto per il dialogo nazionale in Tunisia (Tunisia).
Economia: Angus Deaton (Svezia).

SANREMO
Grande amore (Il Volo); 2° Fatti avanti amore (Nek); 3° Adesso e qui (nostalgico presente) (Malika Ayane).

SPORT
Ciclismo: il Giro d’Italia 2015, novantottesima edizione della “Corsa Rosa”, si è svolto in 21 tappe dal 9 al 31 maggio 2015, per un totale di 3 481,8 km. È stato vinto dallo spagnolo Alberto Contador della Tinkoff-Saxo in 88h22’25”, con 1’53” di vantaggio sul secondo classificato, l’italiano Fabio Aru. Il Tour de France 2015, centoduesima edizione della Grande Boucle, si è svolto dal 4 luglio al 26 luglio, su un totale di 3 360,3 km suddivisi in 21 tappe. È stato vinto dal britannico Chris Froome, al suo secondo successo nella competizione, davanti al colombiano Nairo Quintana, che si è aggiudicato anche la maglia bianca di miglior giovane, e allo spagnolo Alejandro Valverde.
Calcio: l’UEFA Champions League 2014-2015 è stata la 60ª edizione (la 23ª con la formula attuale) di questo torneo organizzato dall’UEFA. Il torneo è stato vinto dal Barcellona che ha battuto in finale la Juventus per 3-1. Il campionato di Serie A 2014-2015 è stato il centotredicesimo campionato italiano di calcio e l’ottantatreesimo a girone unico, vinto dalla Juventus, al suo trentunesimo titolo.
Tennis: US Open 2015, Flavia Pennetta ha battuto in finale Italia Roberta Vinci col punteggio di 7-65, 6-2.
Formula 1: il titolo di campione mondiale piloti è stato vinto per la terza volta, dopo il 2008 e il 2014, da Lewis Hamilton, mentre quello di campione mondiale costruttori è stato vinto per la seconda volta dalla Mercedes, già campione nel 2014, squadra con la quale ha corso lo stesso Hamilton. Inoltre, il medesimo pilota britannico, con 11 partenze dalla prima piazza, si è aggiudicato il trofeo al pilota che ha ottenuto il numero maggiore di pole position durante l’anno.
Motociclismo: l’edizione 2015 del motomondiale è stata la 67ª dalla sua istituzione nel 1949. Il vincitore è stato Lorenzo su Yamaha seguito da Valentino Rossi.

Umberto Ravagnani

Foto: La processione durante la celebrazione della Solenne del 3 maggio 2015 (APUR – Archivio privato Umberto Ravagnani).
Slide: Alcune foto della Solenne del 3 maggio 2015 (APUR – Archivio privato Umberto Ravagnani).
Video: La benedizione del Vescovo della Diocesi di Vicenza Beniamino Pizziol (APUR – Archivio privato Umberto Ravagnani).
Figura: La copertina del calendario di Frate Indovino del 2015 (APUR – Archivio privato Umberto Ravagnani).

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

LA SOLENNE DEL 2010

[218] LA SOLENNE DEL 2010 A MONTEBELLO – Una Festa bagnata


Il saluto del Vescovo
Nell’anno 2010 la Comunità cristiana di Montebello Vicentino, unitamente alle altre Parrocchie dell’unità pastorale e della zona, celebrerà la tradizionale festa mariana, detta “La Solenne”, familiare ai fedeli di quel territorio, risalendo, quale fondazione, all’oramai lontano 1885. Si può dire che la devozione mariana di queste Comunità trova nella quinquennale manifestazione alla Vergine l’apice di un cammino, che si svolge nella quotidianità, nella fedeltà alla tradizione cristiana ricevuta in dono dai padri. Infatti, “La Solenne” è festa di popolo, perché vede coinvolto un paese intero, che desidera celebrare la Madre di Dio e Madre della Chiesa per ringraziarla della vicinanza, del sostegno, del conforto che Ella offre a chi la invoca. Auspico che questo segno di fede possa aiutare il cammino di crescita cristiana di ogni singolo fedele, chiamato a trasformare, ogni giorno, la sua vita secondo la logica del Vangelo. Ma tale impegno deve riguardare anche la vita comunitaria, perché non si dà vita cristiana senza la condivisione, secondo modalità e sensibilità diverse, di un progetto di vita evangelicamente fondato. Si tratta di un compito serio, esigente, ma possibile, se nel cuore di ogni cristiano c’è la volontà sincera di convertirsi secondo il cuore di Dio. Curare la devozione a Maria significa questo, prima di tutto: seguire il suo esempio di discepola, che si è fidata completamente del Signore, si è lasciata condurre da lui, convinta che amare Dio vuol dire fare la sua volontà. Con questi sentimenti auguro alla Comunità cristiana di Montebello Vicentino di vivere la preparazione e la celebrazione de “La Solenne”.

Vi benedico di cuore
+ Cesare Nosiglia, arcivescovo – Vescovo di Vicenza

Origine e storia della festa quinquennale
Ci prepariamo a celebrare la 25a edizione della festa quinquennale in onore della Madonna. La festa ebbe origine il 26 aprile 1885, quando la statua di Maria fu trasportata solennemente in processione dalla chiesa di S. Francesco alla Prepositurale. La processione fu davvero trionfale. Il paese si vestì a festa. Le vie furono addobbate con fiori, archi di verde e alla sera con delle fiaccole multicolori. Il prevosto Mons. Capovin propose ai fedeli di rinnovare ogni cinque anni, nella prima domenica di maggio, quella solenne processione in onore della Madonna. Il popolo di Montebello accolse entusiasta la proposta del suo pastore. Ebbe cosi origine la festa della Solenne, che fu celebrata fedelmente ogni cinque anni. Tale festa ha segnato profondamente la vita e la storia della comunità parrocchiale e civile di Montebello: i cittadini radicati nel territorio e quelli acquisiti negli ultimi anni hanno sempre considerato questa solennità quinquennale una espressione di fede, di comunione profonda e di appartenenza alla comunità. La festa con le sue celebrazioni, con i suoi momenti di riflessione e di cultura, di festa e di divertimento, con i suoi molteplici addobbi sparsi per tutte le vie ha creato amicizia, collaborazione, fusione di spirito, gusto e gioia di stare insieme.
Ci auguriamo che anche la 25a edizione della Solenne, programmata con competenza e precisione dal Comitato Festeggiamenti, come si può notare in questa pubblicazione, sia un’esperienza di fede e di comunione, di serenità e di gioia, di festa e di speranza per tutta l’Unità Pastorale.

don Lidovino

MONTEBELLO - VIALE VERONA
 PIAZZALE MARIO CENZI 
 LA SOLENNE - MONTEBELLO 2-5-2010 
 LA SOLENNE - MONTEBELLO 2-5-2010 
 LA SOLENNE - MONTEBELLO 2-5-2010 
 LA SOLENNE - MONTEBELLO 2-5-2010 
 LA SOLENNE - MONTEBELLO 2-5-2010 
 LA SOLENNE - MONTEBELLO 2-5-2010 
 LA SOLENNE - MONTEBELLO 2-5-2010 
 LA SOLENNE - MONTEBELLO 2-5-2010 
 LA SOLENNE - MONTEBELLO 2-5-2010 
 LA SOLENNE - MONTEBELLO 2-5-2010 
 LA SOLENNE - MONTEBELLO 2-5-2010 
 LA SOLENNE - MONTEBELLO 2-5-2010 
 LA SOLENNE 2010 - La storia a disegni del Gruppo Giovani 
 LA SOLENNE 2010 - La storia a disegni del Gruppo Giovani 
 LA SOLENNE 2010 - La storia a disegni del Gruppo Giovani 
 LA SOLENNE 2010 - La storia a disegni del Gruppo Giovani 
 LA SOLENNE 2010 - La storia a disegni del Gruppo Giovani 
 LA SOLENNE 2010 - La storia a disegni del Gruppo Giovani 
 LA SOLENNE 2010 - La storia a disegni del Gruppo Giovani 
 LA SOLENNE 2010 - La storia a disegni del Gruppo Giovani 
 LA SOLENNE 2010 - La storia a disegni del Gruppo Giovani 
 LA SOLENNE 2010 - La storia a disegni del Gruppo Giovani 

[ Per fermare le immagini posizionarvi sopra il cursore del mouse ]

Alcuni avvenimenti, in Italia e nel mondo, dell’anno 2010 dal calendario di FRATE INDOVINO:

Santa Pasqua: 4 Aprile – Presidente della Repubblica: Giorgio Napolitano. Papa: Joseph Ratzinger con il nome di Benedetto XVI.


DAL MONDO - Leggi tutto...

1 Gennaio La Spagna assume la presidenza di turno dell’Unione europea.
12 Gennaio Alle ore 16:53 locali un terremoto ad Haiti di magnitudo 7.0 Mw causa oltre 200.000 vittime.
21 Marzo Passata la riforma sul sistema sanitario di Barack Obama.
8 Aprile Il presidente degli Stati uniti Barack Obama e il presidente russo Dmitri Medvedev firmano nella sala Spagnola del Castello di Praga il trattato sulla riduzione delle armi strategiche.
12 Giugno Città del Messico, bande di narcotrafficanti provocano scontri causando la morte di 77 persone, l’episodio viene considerato una Mattanza dall’opinione pubblica.
24 Giugno Termina il match di tennis più lungo della storia, tra John Isner e Nicolas Mahut.
22 Luglio La corte internazionale dell’Aia dichiara la legittima indipendenza del Kosovo dalla Serbia.
20 Settembre Il Comune di Roma si trasforma in Roma Capitale.
22 Ottobre la Sony cessa la produzione e la distribuzione del walkman.
13 Novembre Dopo 15 anni di detenzione, viene liberata la dissidente birmana e Nobel per la pace Aung San Suu Kyi.
26 Novembre La Lombardia conclude le operazioni di passaggio al digitale terrestre insieme al Piemonte orientale. Per l’occasione, vengono lanciati due nuovi canali disponibili esclusivamente sulla nuova piattaforma televisiva, ovvero Rai 5 e Mediaset Extra.
28 Novembre Il sito Wikileaks rilascia oltre 251.000 documenti diplomatici del Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, inclusi oltre 100.000 documenti contrassegnati come “segreti” o “confidenziali”.
10 Dicembre Dopo la scomparsa di Michael Jackson esce il suo primo album postumo, intitolato semplicemente Michael.

FILM
1) Harry Potter e i doni della morte; 2) Alice in Wonderland; 3) Benvenuti al sud; 4) Scontro tra titani; 5) Toy Story 3; 6) A-Team.

MUOIONO
3 Aprile Maurizio Mosca, giornaliasta e opinionista sportivo italiano.
15 Aprile Raimondo Vianello, attore e comico italiano.
17 Agosto Francesco Cossiga, ottavo Presidente della Repubblica italiana.
21 Settembre Sandra Mondaini, attrice e comica italiana.
11 Novembre Dino De Laurentis, produttore cinematografico italiano.
29 Novembre Mario Monicelli, regista italiano.
21 Dicembre Enzo Bearzot, allenatore di calcio italiano.

PREMI NOBEL
Medicina: Robert Geoffrey Edwards.
Chimica: Richard Heck, Ei-ichi Negishi e Akira Suzuki.
Fisica: Andre Geim e Konstantin Novoselov.
Letteratura: Mario Vargas Llosa.
Pace: Liu Xiaobo.
Economia: Peter Diamond, Dale Mortensen, Christopher A. Pissarides.

SANREMO
1) “Per tutte le volte che” Valerio Scanu; 2) “Italia amore mio” Pupo, Emanuele Filiberto, Luca Canonici; 3) “Credimi ancora” Marco Mengoni.

SPORT
Calcio: A Madrid l’Inter diventa Campione d’Europa di calcio battendo 2-0 il Bayern Monaco. Avendo conquistato anche la Coppa Italia e lo Scudetto, diviene la prima squadra italiana a completare la tripletta. L’Inter diventa Campione del mondo di calcio dopo aver battuto per 3 a 0 il Tout Puissant Mazembe.
Ciclismo: Ivan Basso vince il 93º Giro d’Italia. Rotterdam parte il Tour de France 2010 che finirà sulle Champs-Élysées a Parigi. Vince Alberto Contador.
Automobilismo: ad Abu Dhabi Sebastian Vettel si laurea campione del mondo di Formula 1.
Motociclismo: Jorge Lorenzo si laurea campione del mondo della MotoGP a Sepang.

Umberto Ravagnani

Foto: La pioggia non ha impedito la celebrazione della Solenne del 2 maggio 2010 (APUR – Archivio privato Umberto Ravagnani).
Slide: Alcune foto della Solenne del 2 maggio 2010 (APUR – Archivio privato Umberto Ravagnani).
Figura: La copertina del calendario di Frate Indovino del 2010 (APUR – Archivio privato Umberto Ravagnani).

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

LA SOLENNE DEL 2005

[213] LA SOLENNE DEL 2005 A MONTEBELLO


Nel 2005, in occasione della Solenne della Madonna di Montebello, Dima Luisa Franchetto e Silvana Marchetto, attive collaboratrici della nostra Associazione, hanno pubblicato il libretto “La religiosità popolare nei Capitelli e gli Oratori a Montebello Vicentino“. Nella prefazione Don Luigi Dalla Bona così scriveva:
« Girando per le vie del nostro paese, è facile trovare nelle varie contrade dei “capitelli”, per la maggior parte dedicati alla Madonna. Alcuni sono molto antichi, altri più recenti, e questo testimonia come tutto il popolo cristiano, da sempre voglia molto bene alla Madre del Signore. La nostra fede ha il suo centro in Gesù Cristo, ma un posto particolare spetta a Maria, sua madre. La pietà popolare lungo i secoli ha espresso la fede in Maria in diversi modi: con le laude, le litanie, i canti, la musica, la pittura… ecc. Un aspetto caratteristico di questa devozione sono anche i capitelli. Nel corso del tempo essi sono diventati luogo di incontro, di preghiera e di aggregazione fra le persone di una determinata zona, come avviene ancor oggi soprattutto in occasione dei “fioretti del mese di maggio”. In questo 2005, in cui festeggiamo, con “la Solenne”, la Madonna di Montebello, sono quanto mai opportune le ricerche che le professoresse Dima Luisa Franchetto e Silvana Marchetto hanno fatto sui capitelli ed Oratori di Montebello e Le ringraziamo di cuore. La devozione mariana molto diffusa nel territorio ci fa capire il “sensus fidei” dei fedeli che pregano e sentono Maria veramente come: “Avvocata di grazia ed Aiuto dei cristiani”. Maria, che è stata un vangelo vissuto, ci aiuti a guardare alle realtà terrene, a viverle con gioia e spirito cristiano, così da trasformarle in realtà eterne. Siamo certi che queste pagine saranno un aiuto per risvegliare la nostra fede e viverla con maggiore pienezza.
Con affetto. Don Luigi Dalla Bona »

Il Presidente degli Amici di Montebello di quell’anno, Felice Castegnaro, presentò così questa interessantissima pubblicazione:
« L’evento della “Solenne”, la festa quinquennale dedicata alla Madonna che si celebra a Montebello, ogni cinque anni. da oltre un secolo, suscitava nel nostro Prevosto il desiderio di offrire alla comunità una pubblicazione di carattere storico religioso riguardante il passato del nostro paese. A tale scopo don Luigi Dalla Bona contattava l’Associazione culturale Amici di Montebello, attiva da circa quindici anni, il cui obiettivo è quello di far conoscere il passato comune del paese e quindi anche di far riscoprire le nostre radici culturali e religiose più autentiche. Le socie del gruppo, signora Dima Luisa Franchetto e signora Silvana Marchetto, hanno quindi realizzato il testo “La religiosità popolare nei Capitelli e gli Oratori a Montebello”, libretto dotato anche di un essenziale repertorio fotografico.
Nella prima parte si evidenzia. attraverso l’inventario e l’analisi dei Capitelli esistenti a Montebello, un modo concreto, spontaneo e genuino, di esprimere la fede cristiana, che, attraversando i secoli, si perpetua ancora oggi. L’indagine storica è basata sulla viva tradizione orale che via via individua in un voto per grazia ricevuta, in un avvenimento particolare da ricordare, o nell’iniziativa di un singolo devoto, l’origine dei nostri capitelli. Diverso discorso per quanto riguarda gli Oratori di Montebello. In questo caso l’indagine si è fondata su precisi documenti d’archivio. A Montebello, nei secoli scorsi, sorgevano parecchi Oratori, dei quali alcuni tuttora esistenti. Essi appartenevano ad antichi ordini e confraternite religiose e a famiglie nobili quali i Malaspina, i San Giovanni e i Valmarana. Trattavasi ora di vere e proprie chiesette, ora di semplici cappelle, a volte decorose, a volte modeste, ove un sacerdote in varie occasioni celebrava la messa. La ricerca evidenzia che alcuni di essi, pur nell’intrecciarsi di complicate vicende, sono stati a disposizione degli abitanti della contrada o dell’intera popolazione.
Certi che questo lavoro contribuirà a ricordare e a far Conoscere una parte di storia poco nota del nostro paese, ci si augura che incontri il vivo interesse delle famiglie di Montebello alle quali si rivolge.
Ringraziamo il Comitato della Solenne, la Cassa Rurale ed Artigiana di Brendola, il Signor Bruno Pellizzari che hanno contribuito finanziariamente alla stampa di questo volumetto e tutti coloro che si sono resi disponibili a vario titolo.
L’Associazione Amici di Montebello
Il Presidente Felice Castegnaro »

  LA SOLENNE - MONTEBELLO 1-5-2005 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 1-5-2005 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 1-5-2005 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 1-5-2005 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 1-5-2005 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 1-5-2005 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 1-5-2005 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 1-5-2005 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 1-5-2005 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 1-5-2005 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 1-5-2005 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 1-5-2005 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 1-5-2005 
  LA SOLENNE - MONTEBELLO 1-5-2005 

[ Per fermare le immagini posizionarvi sopra il cursore del mouse ]

Alcuni avvenimenti, in Italia e nel mondo, dell’anno 2005 dal calendario di FRATE INDOVINO:

Santa Pasqua: 27 Marzo – Presidente della Repubblica: Carlo Azeglio Ciampi. Papa: Karol Wojtyla con il nome di Giovanni Paolo II. Dal 19 Aprile Joseph Ratzinger con il nome di Benedetto XVI


DAL MONDO - Leggi tutto...

10 Gennaio In Italia, entra in vigore l’applicazione del divieto di fumo nei locali pubblici.
16 Febbraio In Italia entra in vigore il trattato di Kyoto, con l’obiettivo di ridurre le quote di emissione del CO2 del 6,5% rispetto al 1990 entro il 2010. A fine 2003, queste erano aumentate del 7%.
4 Marzo Iraq: durante la liberazione di Giuliana Sgrena viene ucciso l’agente del Sismi Nicola Calipari.
6 Marzo Rubate alcune opere del pittore Edvard Munch appartenenti ad una collezione privata dell’albergo Refsnes Gods, a sud di Oslo, Norvegia. Le opere consistono in due litografie, un acquerello (Vestito blu), un autoritratto ed il ritratto del commediografo August Strindberg. Le opere verranno ritrovate il giorno seguente.
31 Marzo Principato di Monaco: Il principe Alberto assume la reggenza succedendo al padre malato, Ranieri III di Monaco, che si spegnerà il successivo 6 aprile.
2 Aprile Muore in Vaticano Papa Giovanni Paolo II. Migliaia le persone accorse spontaneamente davanti alla Basilica di San Pietro. L’8 aprile si svolgono i funerali del Pontefice, davanti a quasi tutti i capi di stato del mondo.
18 Aprile Inizia il Conclave che si scioglie il 19 con l’elezione al 4°scrutinio del nuovo Papa, il cardinale tedesco Joseph Ratzinger, salito al soglio di Pietro con il nome di Papa Benedetto XVI. L’annuncio dell’Habemus Papam è stato dato alle ore 18.41.
22 Aprile Il Presidente della Repubblica Carlo Azeglio Ciampi incarica il Presidente del Consiglio uscente Silvio Berlusconi di formare un nuovo governo.
23 Aprile Nasce YouTube: alle ore 20:27 viene registrato il primo account e viene caricato il primo video, intitolato Mee at the zoo.
12 Luglio Alberto II di Monaco presta giuramento e diventa il nuovo principe di Monaco.
15 Agosto Nella Striscia di Gaza, ha luogo il ritiro coatto dei coloni israeliani.
16 Agosto Colonia, in Germania, ricorre la ventesima Giornata Mondiale della Gioventù, la prima dopo la morte del suo ideatore, Papa Giovanni Paolo II.
29 Agosto negli Stati Uniti, l’uragano Katrina si abbatte sulle coste e principalmente a New Orleans allagandola.
30 Agosto L’uragano Katrina devasta New Orleans.
12 Settembre viene inaugurato il parco a tema Hong Kong Disneyland dalla ditta Disney.
17 Novembre Il Canto degli Italiani, meglio conosciuto come Inno di Mameli viene adottato ufficialmente come Inno della Repubblica Italiana.
27 Novembre Il fiume Tevere esonda in Umbria e a Roma raggiunge i 12 metri, livello record che viene superato solo dai 12 metri e 41 centimetri del 1986.

FILM
1) La guerra dei mondi; 2) Le crociate; 3) Harry Potter e il calice di fuoco; 4) Star Wars – Episodio III – La vendetta dei Sith; 5) Ti amo in tutte le lingue del mondo; 6) Manuale d’amore; 7) La marcia dei pinguini; 8) Match Point; 9) La tigre e la neve.

MUOIONO
10 Febbraio Arthur Miller, scrittore e drammaturgo statunitense.
1 Marzo Alberto Castagna, presentatore televisivo.
2 Marzo Corrado Pani, attore di cinema e teatro.
20 Marzo Jader Jacobelli, giornalista.
6 Aprile Principe Ranieri III di Monaco.

PREMI NOBEL
Pace: International Atomic Energy Agency (IAEA) e il suo direttore Mohamed El Baradei.
Letteratura: Harold Pinter.
Medicina: Robin Warren e Barry Marshall.
Fisica: Roy J. Glauber, John L. Hall, Theodor W. Hänsch.
Chimica: Robert Grubbs, Richard Schrock, Yves Chauvin.
Economia: Robert J. Aumann, Thomas C. Schelling.

SANREMO
1) “Angelo” Francesco Renga; 2) “Come noi nessuno al mondo” Toto Cutugno e Annalisa Minetti; 3) “Echi d’infinito” Antonella Ruggiero.

SPORT
Ciclismo: Il Giro d’Italia va a Paolo Savoldelli. L. Armstrong saluta il ciclismo con la conquista del suo VII Tour de France consecutivo.
Motociclismo: Valentino Rossi si aggiudica il suo settimo Titolo Iridato.
Calcio: La Juventus conquista il XXVIII Scudetto della sua storia (revocato a seguito di “Calciopoli”); il Milan perde ai rigori la finale di Champions League contro il Liverpool.
Automobilismo: Alonso su Renault vince il Campionato di “Formula 1”.

Umberto Ravagnani

Foto: La grande folla alla Solenne del 1° maggio 2005 con la partecipazione del Vescovo di Vicenza Cesare Nosiglia (APUR – Archivio privato Umberto Ravagnani).
Slide: Alcune foto della Solenne del 2005 (APUR – Archivio privato Umberto Ravagnani).
Figura: La copertina del calendario di Frate Indovino del 2005 (APUR – Archivio privato Umberto Ravagnani).

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

 

LA SOLENNE DEL 2000

[208] LA SOLENNE DEL 2000 A MONTEBELLO


L’augurio dei Sacerdoti e del comitato
Carissimi, con grande gioia ci stiamo disponendo a celebrare la Festa della Solenne in onore della Madonna. Con la preghiera e la riflessione, ci prepareremo a questo avvenimento spirituale. Avremo il modo di comprendere di più e meglio il Mistero di Dio, che ha avvolto con la sua potenza l’umile fanciulla di Nazareth e con il Suo “Si” è diventata Madre del figlio dl Dio e Madre dell’umanità. La storia di Montebello è segnata profondamente dalla devozione alla Madonna. Dal 26 Aprile 1885 ad oggi, la Popolazione ha rinnovato il voto fatto allora dal PREVOSTO MONS. CAPOVIN con entusiasmo e con fede. Sono in programma appuntamenti di vita spirituale intensi e significativi.
II Comitato dei festeggiamenti, vuole realizzare con la consueta signorilità manifestazioni culturali e folcloristiche, per dare alla “Solenne” un tono veramente “Giubilare”. Questa Festa infatti ha il potere di unire cuori e volontà in una generosa gara di preparativi e iniziative che richiamano al Paese natio tanti cittadini di Montebello che in questi anni sono emigrati, sia nei paesi vicini come in paesi lontani e per l’occasione ritornano a Montebello. I nostri padri ci hanno consegnato come segno della loro fede questa Venerata Immagine della Madonna di Montebello. A Lei affidiamo la nostra comunità e tutte le nostre famiglie. A tutti i cittadini di Montebello, vicini e lontani, porgiamo il nostro saluto e l’augurio che la Madonna li benedica e la Festa porti gioia e felicità in tutti i cuori. II Comitato e i Sacerdoti.

La Benedizione del Santo Padre
Revdo don Antonio Mozzo Prevosto
Parrocchia Santa Maria Assunta
36054 Montebello Vicentino

Occasione Festa quinquennale in onore della Madonna in codesta parrocchia Santa Maria Assunta di Montebello Vicentino sommo Pontefice rivolge beneagurante pensiero et mentre formula voti che manifestazione religiosa ravvivi per intercessione Vergine Maria singolare testimone mistero di Cristo et luminoso modello Chiesa in cammino propositi testimonianza evangelica in odierna società come pure rafforzi autentica devozione mariana invia at lei sacerdoti et fedeli implorata benedizione apostolica.
Cardinale Angelo Sodano – Segretario di Stato

La Devozione a Maria nel nostro paese
I Montebellani sono sempre stati sentitamente devoti alla Madonna e ne hanno tramandato il culto fino ai nostri giorni. Alla Madonna banno consacrato la Prima chiesa e il primo altare. Possiamo ben dire quindi che Maria prendeva materno possesso della nostra terra fin dagli inizi del cristianesimo. A rendere popolare la venerazione alla Santa Vergine hanno assai contribuito le confraternite religiose. Le Più antiche sono:
La Congregazione di “S. MARIA DELLA CONCEZIONE
La Congregazione del “S. ROSARIO
La Confraternita della “SS. VERGINE DEL MONTE CARMELO”.
La Congregazione di Maria della Concezione fu istituita nel 1476 In breve divenne fiorentissima per il grande numero di iscritti e per molte ricche donazioni. Fu soppressa con una legge del Regno Italico nell’anno 1807, con grande dispiacere di tutti gli abitanti. Nel 1571, dopo la battaglia di Lepanto, sorse la Congregazione del “S. Rosario”, pure con molti iscritti e ricche rendite. Il cronista F. Bonomo così scrive: “Il Prevosto e i Massari della chiesa deliberarono di istituire la Confraternita del “S. Rosario”, il che fu nell’anno medesimo (1571), ed altresì innalzare nella prepositurale un altare dedicato alla Madonna del Rosario. Ciò seguì in capo a sei anni, e nel 1583 facevano dipingere da Giobatta Maganza la bella Pala che ancora qui si conserva. Si tratta della stessa pala che noi Possiamo ammirare nel primo altare a destra entrando in chiesa. Nel 1750 venne istituita la Confraternita della “SS. Vergine del monte Carmelo” per opera del Rev. Giuseppe Maria Battinelli bresciano dell’ordine dei carmelitani che aveva predicato la quaresima nella chiesa prepositurale Per festeggiare l’avvenimento, nel luglio di quell’anno fu portata in processione l’immagine della Madonna, come descrive il cronista F. Bonomo: “… giorno 19, terza domenica di luglio, se ne celebra per la prima volta la festa colla S. Messa cantata, panegirico e processione coll’Immagine di Maria Santissima. Grandissimo il numero dei forestieri accorsi alla nuova solenne, Dopo le Sacre Funzioni ebbe luogo la Corsa dei Barberi, cioè il Pallio”.
Più recente è 1a “Congregazione delle Figlie di Maria”, istituita il secolo scorso e fiorente fino al 1970 con oltre un centinaio di iscritti. A questa si deve un particolare fervente impulso di iniziative di devozione mariana, specie nelle celebrazioni delle feste in onore della Madonna.

Storia della Madonna di Montebello
L’immagine della Madonna nel 1500 era venerata sotto il titolo della “Concezione”. È da suppone, quindi, che In tal nome le sia stato dato subito o poco dopo, quando nel 1476, Papa Sisto IV aveva prescritto che in tutto il mondo fosse celebrata la festa della Concezione oppure che appositamente, dopo il 1476, sia stata lavorata la statua che doveva Portare un tal titolo. Il lavoro eseguito nel XV secolo, lascia libero campo tanto all’una che all’altra ipotesi. Quanto nel 1834, Mons. Cappellari, Vescovo di Vicenza, compì la visita pastorale alla nostra parrocchia, osservò che male conveniva il titolo di Madonna della Concezione ad una immagine effigiata in quelle forme, per cui da quel tempo, anche fra il popolo, andò diminuendo l’uso di chiamarla con quel nome, dicendola piuttosto “la nostra Madonna”, senza altri titolo che aggiunti, finché, nel 1885 la si disse “Madonna di Montebello”, conserva tuttora e che suona con quello antico della parrocchiale dedicata a “Santae Mariae de Montebello”. La statua della Madonna fu Portata in processione per la prima volta il 29 luglio 1793 a causa di una grande siccità. In quell’occasione, ancora nella sera stessa, cadde la desiderata pioggia; ogni qualvolta poi il popolo venne a trovarsi in simile necessità, ricorse fiducioso alla Vergine, la quale quasi sempre, esaudì le fervide preghiere dei Montebellani. (Da Memorie storiche di Bruno Munaretto).

Origini della Quinquennale
La statua interamente scolpita in legno di tiglio, che rappresenta la Vergine seduta col bambino sulle ginocchia, era stata rivestita, nel 1700, da vesti di seta e di broccato. Le furono tolte e si vide così netta e bella l’opera del 1400. Poi furono ripristinate le dorature delle vesti e del manto ed apparve in tutta la sua bellezza, specialmente nei panneggiamenti e del collo, per opera di Faustino dalla Vecchia. Il 26 Aprile 1885 1’immagine di Maria fu trasportata solennemente dalla chiesa di S. Francesco, dove aveva sostato durante i lavori, alla Prepositurale. Era Prevosto Mons. Capovin. Il trasporto riuscì davvero trionfale. Il paese si vestì a festa; le vie furono addobbale con fiori, archi di verde e, alla sera, con fiaccole multicolori. Dopo la solenne Processione Mons. Prevosto parlò alla folla e la sua parola commossa elettrizzò l’uditorio. Egli propose di rinnovare ogni cinque anni, nella prima domenica di maggio, quel trionfo mariano. Il popolo di Montebello accolse entusiasta la proposta del suo pastore e sorse così la “SOLENNE”.
(Dal libretto preparato e distribuito dalla Parrocchia di Montebello in occasione della Solenne del 2000).

Alcuni avvenimenti, in Italia e nel mondo, dell’anno 2000 dal calendario di FRATE INDOVINO:

Santa Pasqua: 23 Aprile – Presidente della Repubblica: Carlo Azeglio Ciampi. Papa: Karol Wojtyla con il nome di Giovanni Paolo II.


DAL MONDO - Leggi tutto...

25 Luglio Un Concorde dell’Air France si schianta poco dopo il decollo da Parigi, uccidendo le 109 persone a bordo e 5 che si trovavano a terra, vi è una sola sopravvissuta. Israele e l’Autorità Nazionale Palestinese tornano ad incontrarsi in un vertice a Camp David (USA).
3 Agosto George W. Bush accetta la nomination presidenziale repubblicana alla convention di Filadelfia.
12 Agosto il sottomarino nucleare russo Kursk si inabissa nel mare di Barents; tutti i membri dell’equipaggio muoiono nonostante i tentativi di salvataggio.
19 Agosto Papa Giovanni Paolo II, in occasione del Giubileo del 2000, incontra a Tor Vergata (Roma) circa un milione di giovani per una veglia di preghiera. Il giorno successivo, il Pontefice celebra una Santa Messa nello stesso luogo, sempre davanti a circa un milione di persone.
14 Settembre Va in onda la prima puntata del nuovo reality show “Il Grande Fratello”.
22 Settembre Esce fuori produzione la Fiat 126.
7 Novembre Hillary Rodham Clinton viene eletta al Senato degli Stati Uniti, diventando la prima First Lady ad ottenere un incarico parlamentare.
14 Dicembre Viene pubblicata la legge 376, che punisce il doping. La pena prevista è la reclusione da tre mesi a tre anni e il pagamento di un’ingente multa. Nel mirino non solo gli atleti, ma anche medici e allenatori.

FILM
1) Il gladiatore; 2) Chiedimi se sono felice; 3) Erin Brockovich – Forte come la verità; 4) Autumn in New York; 5) Billy Elliot; 6) Cast Away; 7) Chocolat; 8) Mission Impossible 2; 9) Pane e tulipani; 10) La tigre e il dragone; 11) Traffic; 12) L’ultimo bacio.

MUOIONO
19 Gennaio Bettino Craxi, politico.
2 Aprile Tommaso Buscetta, primo pentito di mafia.
13 Aprile Giorgio Bassani, scrittore.
5 Maggio Gino Bartali, campione di ciclismo.
9 Giugno Paolo Frajese, giornalista.
29 Giugno Vittorio Gassman, attore.

PREMI NOBEL
Pace: Kim Dae-Jung.
Letteratura: Gao Xingjian.
Medicina: Arvid Carlsson, Paul Greengard, Eric R. Kandel.
Fisica: Zhores I. Alferov, Herbert Kroemer, Jack S. Kilby.
Chimica: Alan J. Heeger, Alan G. MacDiarmid, Hideki Shirakawa.
Economia: James J. Heckman, Daniel L. McFadden.

SANREMO
1) “Sentimento” Piccola Orchestra Avion Travel; 2) “La tua ragazza sempre” Irene Grandi; 3) “Innamorato” Gianni Morandi.

SPORT
Olimpiadi: L’Italia è protagonista alle XXVII Olimpiadi di Sidney con 13 medaglie d’oro, 8 d’argento e 13 di bronzo.
Ciclismo: Stefano Garzelli vince il Giro d’Italia, mentre al Tour de France Lance Armstrong bissa il successo.
Calcio: La Lazio vince il suo secondo Scudetto. Il sogno Europeo svanisce per l’Italia con il pareggio della Francia ai tempi di recupero e il golden goal di Trezeguet al primo tempo supplementare.
Automobilismo: Dopo 21 anni la Ferrari torna a vincere il Mondiale Piloti con Michael Schumacher.
Vela: Luna Rossa vince la Louis Vitton Cup, ma si arrende a Black Magic (Nuova Zelanda), nella finale di Coppa America.

Umberto Ravagnani

Foto: Nella Chiesa Prepositurale di Montebello dopo la processione con le fiaccole (8 maggio 2000 – Archivio privato Umberto Ravagnani).

Figura: La copertina del calendario di Frate Indovino del 2000 (APUR – Archivio privato Umberto Ravagnani).

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

LA SOLENNE DEL 1995

[203] LA SOLENNE DEL 1995 A MONTEBELLO


Dalla raccolta di memorie della Parrocchia di Montebello Vicentino, tenuta da Don Antonio Mozzo (da San Giorgio in Bosco), Prevosto dal 1987, leggiamo la cronaca delle giornate dedicate alla Solenne nel 1995.

Da “Il Giornale di Vicenza” del 7 maggio 1995:

« Il 7 maggio la solenne processione mariana
Fervono i preparativi per la ventiduesima edizione della festa quinquennale in onore della Madonna denominata “La Solenne” prevista per il 7 maggio, durante la quale si venera la Vergine raffigurata in una statua del Cinquecento scolpita in tiglio. Il 26 aprile 1885 1’immagine fu trasferita solennemente dalla chiesa di S. Francesco (demolita agli inizi del secolo) dove aveva sostato durante i lavori alla chiesa prepositurale.
Fu una festa: le vie furono addobbate con fiori, archi di verde e alla sera da fiaccole multicolori. Dopo la solenne processione, mons. Giuseppe Capovin parlò alla folla fino a commuoverla. Egli propose in quell’occasione di riproporre ogni cinque anni la processione. Il popolo di Montebello accolse entusiasta la proposta e sorse cosi “La solenne”, che celebra da 110 anni. Il comitato organizzatore, presieduto dal prof. Amelio Maggio, da tre mesi lavora per dare lustro a questa edizione. Non mancherà l’illuminazione della chiesa prepositurale e la presenza degli archi nelle principali vie d’accesso al paese. Già stabilito il programma dei festeggiamenti, che iniziano il 25 aprile con la rassegna bandistica per le vie del paese; il 30 aprile l’esibizione della corale polifonica di Isola Vicentina diretta dal maestro Pierluigi Comparin e infine il 5 maggio il concerto dei Crodaioli diretti da Bepi De Marzi. Significativo anche il trittico di conferenze in preparazione alla festa di Maria. Il 28 aprile intervento dell’editorialista di Avvenire don Claudio Sorgi; il 2 maggio messa celebrata dal vescovo Pietro Nonis, con tutti i sacerdoti passati per Montebello; il 3 conferenza di don Oreste Benzi della Comunità Giovanni XXIII e il 4 maggio intervento di mons. Antonio Riboldi, vescovo di Acerra, sul ruolo di Maria nella società moderna. Domenica 7 maggio processione con la statua della Madonna: attese a Montebello più di 15 mila persone» (Fiorenzo Dotto)

Da “Il Giornale di Vicenza” del 15 maggio 1995:

« Processione della Madonna memorabile festa popolare
Cielo terso, nell’aria il profumo dei primi boccioli di rose; in questo scenario si è svolta la processione per le vie centrali del paese della Madonna di Montebello. Ad onorare questa devozione che ha 110 anni, diversi conterranei immigrati negli Stati Uniti ed in Australia che si sono aggiunti in un abbraccio festoso con tutti i concittadini che con tanto amore hanno imbandierato il paese con i tradizionali festoni bianchi e azzurri: il colore del mantello della Vergine. La fede popolare ricorda il trasporto, avvenuto nel 1885 della statua della Madonna, del 1500, riposta nella chiesa di S. Francesco (demolita purtroppo nel 1909) per dei lavori di rifacimento alla chiesa prepositurale, alla sua sede originale. Anche in quell’occasione tanto fu il concorso di popolo da indurre l’allora parroco mons. Capovin a proclamare che l’avvenimento fosse ricordato con cadenza quinquennale. Presenti alla processione di quest’anno 8000 persone, giunte anche dai paesi limitrofi; e la Madonna è stata accompagnata nel suo dolce peregrinare da mons. Renato Tommasi – delegato del Vescovo – da don Antonio Mozzo Prevosto coadiuvato da don Luigi Dalla Bona e da una decina di sacerdoti nati a Montebello o che vi hanno prestato servizio pastorale. Nella mattinata che ha preceduto il solenne trasporto, una serie di manifestazioni di preparazione e di contorno. Tra le più significative il concerto del Gruppo corale polifonico di Isola, diretto dal maestro Pierluigi Comparin. Successivamente il concerto dei Crodaioli di Bepi De Marzi insieme con il locale coro El Gramolon con le melodie di fede del repertorio del coro arzignanese introdotte con sapiente vena poetica dal compositore.
Molto apprezzato, sul piano socio-culturale, l’intervento sul tema della comunicazione di mons. Claudio Sorgi e la testimonianza davvero coinvolgente di don Oreste Benzi, fondatore della comunità Giovanni XXIII. La festa è stata ultimata con la fiaccolata notturna, il giorno seguente, seguita da 2000 persone che si è conclusa nella chiesa prepositurale. Don Antonio Mozzo, con la chiesa al buio, illuminata da una miriade di fiaccole, in una atmosfera coinvolgente, ha affidato a Maria l’intera comunità come buon auspicio per la prossima “Solenne” che cade nel 2000 ad inizio di millennio. È stata per Montebello una settimana di fede, di preghiera, di lavoro e di speranza che ha coinvolto tutte le persone, creando per un momento una atmosfera festosa e di gioia vera. » (Fiorenzo Dotto)

Scarica il libretto parrocchiale della Solenne 1995.

Alcuni avvenimenti, in Italia e nel mondo, dell’anno 1995 dal calendario di FRATE INDOVINO:

Santa Pasqua: 16 Aprile – Presidente della Repubblica: Oscar Luigi ScalfaroPapa: Karol Wojtyla con il nome di Giovanni Paolo II.


DAL MONDO - Leggi tutto...

1 Gennaio Austria, Finlandia e Svezia, diventano membri dell’Unione Europea; la quale così passa da 12 a 15 Stati.
31 Gennaio Il presidente statunitense Bill Clinton autorizza un prestito di 20 miliardi di dollari al Messico per stabilizzarne l’economia
25 Febbraio Massimo Moratti acquista l’Inter (Football Club Internazionale Milano).
20 Marzo In Giappone, i fanatici della setta “Sublime verità”, liberano gas nervino nella metropolitana di Tokyo: il bilancio è di 8 morti e più di 3 mila intossicati.
26 Marzo Entrano in vigore gli Accordi di Schengen in sette Paesi dell’Unione Europea e vengono aboliti i controlli sistematici delle persone, alle frontiere interne dell’UE; in Italia diverranno esecutivi il 26 ottobre 1997.
27 Marzo Viene assassinato, a Milano, Maurizio Gucci, erede della famosa casa di moda fiorentina.
11 Maggio A New York, più di 170 nazioni decidono di estendere indefinitamente e senza condizioni il Trattato di non proliferazione nucleare.
24 Giugno Leoluca Bagarella, spietato killer mafioso, viene arrestato dalla DIA.
Militari serbobosniaci deportano e trucidano circa 7.000 bosniaci musulmani: è il cosiddetto “massacro di Srebrenica”

FILM
1) Braveheart – Cuore impavido; 2) I ponti di Madison County; 3) Seven; 4) I laureati; 5) Viaggi di nozze; 6) Goldeneye; 7) Batman Forever; 8) Babe – Maialino coraggioso.

MUOIONO
13 Febbraio Alberto Burri, pittore.
4 Aprile Paola Borboni, attrice.
25 Aprile Ginger Rogers, ballerina ed attrice statunitense.
23 Giugno Jonas Salk, statunitense scopritore del vaccino antipolio.
29 Giugno Lana Turner, attrice statunitense.
17 Luglio Juan Manuel Fangio, pilota automobilistico argentino.
12 Agosto Achille Togliani, cantante.
21 Agosto Nanni Loy, regista ed attore.
19 Settembre Vincenzo Muccioli, fondatore della comunità di San Patrignano.

PREMI NOBEL
Pace: Pugwash Conferences on Science and World Affairs, Joseph Rotblat.
Letteratura: Seamus Heaney.
Medicina: Edward B. Lewis, Christiane Nüsslein-Volhard, Eric F. Wieschaus.
Fisica: Martin L. Perl, Frederick Reines.
Chimica: Paul Crutzen, Mario Molina, Frank Sherwood Rowland.
Economia: Robert E. Lucas Jr.

SANREMO
1) “Come saprei” Giorgia; 2) “In amore” Gianni Morandi e Barbara Cola; 3) “Gente come noi” Ivana Spagna.

SPORT
Sci: Alberto Tomba celebra a Bormio la vittoria della Coppa del Mondo di Specialità.
Ciclismo: Lo svizzero Tony Rominger vince il Giro d’Italia e Indurain trionfa per la quinta volta al Tour de France; primi successi di Marco Pantani.
Motociclismo: Si confermano Campioni del Mondo Biaggi nella 250 e Doohan nella 500.
Calcio: La Juventus torna Campione d’Italia e il Parma vince la Coppa Uefa.
Automobilismo: “Formula 1”, Michael Schumacher su Benetton-Renault bissa il successo dell’anno precedente.
Rugby: La Coppa del Mondo va al Sudafrica che sconfigge ai tempi supplementari la Nuova Zelanda.

Umberto Ravagnani

Foto: La processione della Solenne del 7 maggio 1995 (Rielaborazione digitale Umberto Ravagnani).

Figura: La copertina del calendario di Frate Indovino del 1995 (APUR – Archivio privato Umberto Ravagnani).

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

LA SOLENNE DEL 1990

[199] LA SOLENNE DEL 1990 A MONTEBELLO


Da “La Voce dei Berici” del 27/5/1990 un commento sulla Solenne di Montebello Vicentino del compianto prof. Amelio Maggio:

FEDE ED ENTUSIASMO PER MARIA

Cinquemila in processione nel paese inghirlandato

Le manifestazioni in onore della Madonna, iniziate a Montebello il 3 maggio scorso con una conferenza di mons. Pietro Nonis sul tema “Maria, la Donna Icona del Mistero”, continuate per dieci giorni in un crescendo di partecipazione e devozione, hanno avuto un momento forte nella concelebrazione di mons. Antonio Riboldi, vescovo di Acerra, con i sacerdoti della zona e nella sua applauditissima conversazione sul tema “Il cristiano di fronte alle sfide del mondo contemporaneo”. Ma la giornata più importante della “Solenne” è stata vissuta domenica 13 maggio. Una memoranda e imponente solennità che, per la sua ottima riuscita e per l’entusiasmo prodotto, resterà per sempre impressa in quanti vi hanno preso parte e costituirà una pagina gloriosa nella storia del paese a testimonianza che la fede degli avi non è morta. Fin dal primo mattino, tutte le campane hanno suonato a festa. Mons. Vincenzo Fagiolo, già arcivescovo di Chieti, segretario della Congregazione per i religiosi della Città del Vaticano, ha celebrato con altri dieci sacerdoti la S. Messa pontificale contata dal coro parrocchiale e partecipata da una grande folla. Dopo la S.Messa, a ricordo della 21a Quinquennale, l’arcivescovo ha benedetto un’artistica statua di Madonna con Bambino in pietra, opera dello scultore Giuseppe Dalla Massara. Ma l’apice delle manifestazioni si è visto nel pomeriggio durante la processione con la venerata immagine che da oltre cinque secoli Montebello conserva e invoca.
È stato un tributo di fede e di devozione a Maria degno dei più grandi santuari mariani. Oltre cinquemila persone hanno seguito in preghiera la processione per le vie principali del paese, trasformato in un arco trionfale di festoni bianco-celesti, inghirlandato di luci e di fiori. Agli ingressi principali del paese sono stati innalzati gli artistici tradizionali “archi di verde”. Mons. Nonis, a conclusione della Chiesa ha infervorato la gente con la sua eloquente parola, stupito lui pure da un cosi grande concorso di fedeli. « Forse, ha detto, è la più grande processione a cui ho assistito ». Le manifestazioni culturali e folkloristiche hanno riscosso ugualmente vivo successo e hanno incontrato l’approvazione del pubblico accorso sempre numeroso: entusiasmante soprattutto la magistrale esecuzione del complesso strumentale “Città di Schio”, diretto dal prof. Germano Facci. La sera di lunedì 14 maggio, infine, migliaia di persone di tutte le età con fiaccole multicolori si sono recate in processione da piazza Italia alla chiesa prepositurale innalzando lodi a Maria. È stato un altro spettacolo entusiasmante e commovente, quando in chiesa tutta la comunità si è consacrata e affidata a Maria. Il prevosto don Antonio Mozzo, novello a tanto entusiasmo, ha ringraziato di cuore e con gioia tutti quelli che hanno lavorato per la Solenne e ha espresso un sincero e doveroso riconoscimento alla popolazione che ha corrisposto con spontanea generosità avendo tramandato ininterrottamente per oltre un secolo la bella festa mariana.

Amelio Maggio

Scarica il libretto parrocchiale della Solenne 1990.

Alcuni avvenimenti, in Italia e nel mondo, dell’anno 1990 dal calendario di FRATE INDOVINO:

Santa Pasqua: 15 Aprile – Presidente della Repubblica: Francesco CossigaPapa: Karol Wojtyla con il nome di Giovanni Paolo II.


DAL MONDO - Leggi tutto...

7 Gennaio Per motivi di sicurezza viene chiusa al pubblico la Torre di Pisa
20 Gennaio A Beverly Hills viene assegnato il Globo d’oro al film di Giuseppe Tornatore “Nuovo Cinema Paradiso”.
3 Febbraio Dal museo di Ercolano, in provincia di Napoli, vengono rubati più di 200 preziosi reperti di arte antica.
11 Febbraio In Sudafrica, viene liberato Nelson Mandela.
2 Marzo Nelson Mandela viene eletto vice presidente dell’African National Congress.
15 Marzo Michail Gorbacëv viene eletto come primo presidente esecutivo dell’Unione Sovietica.
18 Marzo Nella Germania Est vengono indette libere elezioni per la prima volta dopo 57 anni.
2 Agosto L’Iraq invade il Kuwait; ciò conduce alla prima Guerra del Golfo.
8 Agosto George Bush avvia l’operazione “Tempesta nel deserto”.
10 Agosto La Sonda spaziale Magellano raggiunge Venere.
18 Agosto Viene interrotta la produzione del disco a 45 giri.
23 Agosto Saddam Hussein appare alla televisione di stato irachena con alcuni “ospiti” occidentali (in realtà ostaggi), per cercare di evitare la Guerra del Golfo.
23 Agosto Germania Ovest e Germania Est, annunciano la loro unificazione per il 3 ottobre.
15 Ottobre Il leader dell’Unione Sovietica, Michail Gorbacëv, riceve il Premio Nobel per la pace, per i suoi sforzi nello smorzare la Guerra Fredda e nell’aprire la sua nazione.
2 Dicembre In Germania si tengono le prime elezioni federali dopo la riunificazione. A Berlino si celebra la cerimonia ufficiale per la riunificazione delle due Germanie. A Perugia viene rapito dall’Anonima Sequestri l’undicenne Augusto De Megni.

FILM
1) Balla coi lupi; 2) Cyrano de Bergerac; 3) Edward mani di forbice; 4) Quei bravi ragazzi; 5) La voce della luna; 6) Ghost – Fantasma; 7) Il padrino – Parte III; 8) Pretty Woman; 9) Ritorno al futuro parte III.

MUOIONO
24 Febbraio Sandro Pertini, Presidente della Repubblica Italiana dal 1978 al 1985.
2 Aprile Aldo Fabrizi, attore di cinema e teatro.
15 Aprile Greta Garbo, attrice svedese.
26 Settembre Alberto Moravia, scrittore.
27 Ottobre Ugo Tognazzi, attore e regista.
7 Dicembre Enrico Coveri, stilista.

NASCONO
15 Aprile Emma Charlotte Duerre Watson, attrice britannica interprete di Harry Potter.
10 Novembre Vanessa Ferrari, ginnasta.

PREMI NOBEL
Pace: Mikhail Sergeyevich Gorbachev.
Letteratura: Octavio Paz.
Medicina: Joseph E. Murray, E. Donnall Thomas.
Fisica: Jerome I. Friedman, Henry W. Kendall, Richard E. Taylor.
Chimica: Elias James Corey.
Economia: Harry M. Markowitz, Merton H. Miller, William F. Sharpe.

SANREMO
1) “Uomini Soli” Pooh; 2) “Gli amori” Toto Cutugno; 3) “Vattene amore” Amedeo Minghi – Mietta.

SPORT
Atletica: Bordin e Antibo oro agli Europei di Atletica.
Canottaggio: Continua il dominio degli Abbagnale: sesto Titolo Mondiale nel Canottaggio.
Ciclismo: Gianni Bugno vince la Milano-Sanremo e il Giro d’Italia, mentre il Tour de France va all’americano Greg Lemond.
Motociclismo: Loris Capirossi su Honda si afferma nella 125 e Wayne Rainey su Yamaha nella 500.
Calcio: Seconda Coppa dei Campioni consecutiva per il Milan. La Sampdoria vince la Coppa delle Coppe. Lo Scudetto va al Napoli. Ai Mondiali italiani gli Azzurri escono sconfitti in semifinale dall’Argentina che perde la finale contro la Germania.
Pallavolo: L’ “Italvolley” conquista in Brasile il suo primo Titolo Mondiale.

Umberto Ravagnani

Foto:
1) La grande folla alla Solenne del 13 maggio 1990 (Rielaborazione digitale Umberto Ravagnani).
2) La venerata immagine che da oltre cinque secoli Montebello conserva e invoca (Archivio fotografico Crosara).

Figura: La copertina del calendario di Frate Indovino del 1990 (APUR – Archivio privato Umberto Ravagnani).

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

Per copiare il contenuto chiedi agli Autori