BORGOLECCO STORY (10)

[286] BORGOLECCO STORY (10)

LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)


Eccoci alla decima puntata di ‘Borgolecco Story’ di Lino Timillero: oggi ci racconterà di quando i ragazzi di Montebello giocavano nei giardinetti davanti alla Chiesa negli anni 50 del Novecento.

« (1) La fontana “vecchia”, par nialtri tusiti che zugavimo senpre ai giardineti, no la jera par gnente vecia. Par nialtri, la jera senpre cuela. Ne nteresava corerghe drento co le bicicletine da tusiti. Vialtri dirì: ma come? Co rivava chele jornate calde de la metà de Lujio, lacua che sbianzava la vasca la se fermava. Pensandoghe desso, che xe passà tanti ani, de sicuro i fermava lacua parchè nialtri tusiti no ndassimo rento ala “vasca” in mudande. Co faseva tanto caldo! A nialtri no ne nportava chi o come che la se fermasse! Ne nteresava che no ghe fusse pì acua drento la fontana. Parchè? Ntel mezo dela vasca, ghe jera quatro sasi grosi, messi nsieme cola malta e co cuatro zincue pisaroti par sora. Da de là vigneva fora laqua che la nava su pararia come che i fusse cuatro zincue sbianzini. La vasca la jera rotonda. Come on anelo grando e la se npienava de acua che la stava senpre alta conpagna! Cuando che i fermava lacua, el fondo dela vasca se sugava e se podea ndar drento senza bagnarse. Lora rivava i tusiti che gavea le bicicletine par corere drento ala fontana! Come???! Se scomiziava girando torno ai sasi. Le sponde dela vasca le nava su a sbiego. Le someiava el posto ndove che i coridori da corsa i fasea le corse in Pista: “El Velodromo!!!” Co gavivimo sè, ghe jera el ‘Mato’ col rubineto de acua da bevere vizin ala casa dei Perufo.

Ndove che desso ghe xe “Il Pozzo”. Girando torno al mucio de sasi se ciapava el slancio e, nasendo pì forte, se scomiziava a nar su sola sponda. Pì forte se nava, pì su se podea ndare!!! Senza ndare fora, par carità!!! Se se ndava fora se jera zà cascà zò par tera!!! Par na Istà, gavevo anca mi la bicicletina. Da toseta. Ma a mi no me nteresava che la fusse da toseta. Se podea corere torno ala vasca che la jera na maraveja!!! La go vuda par poco! La xe sparia tuto de on colpo parchè gavevo senpre i gunbi ruti e i zanoci ncora pezo!!! La go vuda par poco, ma ghinò fate de corse..!
Na Domenega, xe stà fate parfin le corse a cronometro par biciclete e coridori, grandi e picoli, done e omini. Stiani el Trafico no se savea cossa chel fusse. Alora ghe jera solo che el “Guardia”, ma ala Domenega el stava casa. Se partiva da ndove che scomiziava i Giardineti. In mezo ala strada jera stà mesa na strisia par tera.. Se coreva fin a ndove che scominziava la pontara del Ponte del Marchese e se tornava ndrio e zò a tuta bira fin ai Giardineti!!! Co se jera rivà in piaza, rivava su chel altro coridore. Calchedun gavea lorolojio e vignea marcà zo i “minuti secondi”. Ala fine, fati i cunti vegnea ciamà el nome de chi che gavea vinto. Come che contavo in prinzipio dela ‘Via Borgoleco Story’, mi stavo ndove che scomiziava la ‘Strada Fonda’. Ndove che ghe jera l Ostaria col zugo dele Boce, scomizia, ncora desso, Via Monte Grappa.

(2) Dopo che jera stà fata la Corsa de la Domenega, nialtri tusiti jerimo casa da Scola parchè jerimo in ‘Vacanze Scolastiche’! Na matina, lì vizin casa mia, xè riva tanti tusiti cola bicicleta. Mi no gavevo vinto la “Corsa’, ma jero rivà mejio de tuti cuei che gavea la bicicleta e che i stava ntela Via Borgolecco! Se parlava de chesto e de chelo, fin che uno xe saltà fora a dire parchè no podivimo fare na ‘Corsa’ ntra nialtri. Ma come se fa…? Nessun gavea lorolojio! No se podea fare la ‘Corsa a Cronometro’! No senza Orolojio!!! La toseta che jera senpre da so noni, la jera sol so orto che la ne vardava. Parea che la volesse vignere anca ela, ma no la se onsava mai! No me ricordo ben se xe stà Luigi o Silvano, ma calchedun ga dito: “Uno parte cola bicicleta nando zò par la ‘Strada Fonda’, e chelaltro el va su par la Via Monte Grappa, zò par el Casteleto fin ala Mira e su par de cuà! Chi che riva cuà par primo, cuelo Vinze!!!” Fazile!!!! E tuti podea corere, anca cuei che no gavea la bicicleta! De biciclete ghin ocoreva solo che do. Se gavea da spetare che la corsa finisse par no far massa confusion!!! Cuando che jera partii i primi du, se fasea la conta par veder chi che saria stà cuei che partia dopo e con cuala bicicleta!! Fazile!!! Co me ga tocà a mi, so ndà zò par la ‘Strada Fonda’ fin ala Mira, su pal ‘Casteleto’ fin ala Via Monte Grappa e zò da novo fin a casa mia. Chel altro el ga girà al Ostaria, su par cuasi tuta la Monte Grappa e zò par el Casteleto fin ala Mira e su fin a casa mia! Se ghemo passà vizin so le dò strade. Son rivà prima mi!
Se gavea da fare come le ‘semi-finali’ e ‘finali’. Ma no xe stà fato gnente e xe stà npiantà lì tuto. Vialtri dirì: ”Parchè”. No vojio far nomi, ma uno el ga inbrojià!!! Un chel volea vinzere anca sel corea cola bicicleta in prestio!!! “Come???” Nando zò par la ‘Strada Fonda’, co se riva ala stradeta ndove che stava ‘Bijio Colonbo’, ghe jera on strozo chel nava su fin a ndove che la Monte Grappa se ncontra cola Casteleto, tuto su pai canpi, soto a na piantà de visele. Cussì ga fato cuelo che no vojio far nome!!! Cola bicicleta drio man! El xe rivà casa mia par primo! Eh! Ghe mancaria…..! El gavea saltà via depì de metà strada….! Ma co xe rivà chel altro el ga dito: “Come gheto fato rivar cuà che mi no te go gnanca visto par strada!!!!!” Nialtri se ghemo vardà in facia come semi. Ma come! Bisognava ncontrarse!!! O da na parte o da naltra, no se podea far de manco de vedarse!!! Cuelo che no vojio far nome, el xe ndà via co gnanca na parola!!!

(3) Jera pena le diese de matina! Se ghemo invià zò par la ‘Stradela’ e semo ndà ai Giardineti. La vasca la jera ncora vojia e ghemo scomizià a girare su par la sponda. On toso pì grande el ga vossudo provare cola bicicleta da omo. Dopo du giri el xe cascà zò che cuasi el se spacava la testa. Se nava torno la vasca e ghemo visto Vitore Canpanaro vigner fora dala porta de casa sua e caminare verso el Canpanile. Lora semo nà tuti casa a magnare parche el Campanon, dopo on poco, el gavaria tacà a sonare Mezodì!!! Se vede che, co gaveo la bicicletina, me ricordavo ncora de cuando che stavimo lì vizin ai Giardineti parchè, ogni tanto, me rampegavo su par la mura e saltavo de là par nare a vedare ndove che zugavo co jero pì picinin. Come che se vede cuela pianta davanti ala Cesa, ghin jera de conpagne drento ala Vila ndove che laorava me popà. Ndove che desso ghe xe tute case. E mi me ricordo che me rampegavo sui rami pì bassi par nare su, pì in alto che podevo!!
Ndove che la Stradela la riva sola Via Borgolecco, on diese metri dentro ala Villa, ghe jera come na montagneta che la gavea tute piante de Canavera* piantà ntorno. Tanto tempo prima che mi nasesse, me popà doparava le canavere par fare i leti ai ‘Cavalieri’. E ghe ocorea che le canavere* le fusse bele lunghe, da poderle incrosare che no cascasse zò tuto! Là, ndove che ghe jera la montagneta, gavea fato su la prima casa el Sindaco Avv. Cracco. Poco pì in là, so cognà Cozza. A metà dela Stradela, ghe jera la prima casa fata su ndove che jera el Parco, cuela dela Maestra Carlotto. E xe stà tajià zò tuti i “Cedri del Libano” che ghe jera ntel parco par far posto ale case. Cuei vizin a ndove che jera la “Vecchia” fontana i xe ncora in piè. Cuanto veci sarai??? Depì de zento ani de sicuro! E forse dosento ???! Speremo che no i fazza la fine dei “Platani” che ghe jera par nare al Cimitero! De cuà e de là dela strada che desso se ciama Viale Verona! ». End of Part X Linus Down Under Coniston 5-5-2019.

 * Canavera = Bambù.

Foto: Cartolina postale degli anni 60 del Novecento (collezione privata e rielaborazione grafica Umberto Ravagnani).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

Un commento

  1. Luigi De Gaspari
    Quanto belli i giardinetti di 60 anni fa.
    Oggi c’è un rudere di fontana piena di sassi e di erbacce.
    Cosa aspetta l’amministrazione a mettere a posto fontana e giardinetti che sono il biglietto di entrata del paese.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *