ALBERTO PIEROPAN

[283] ALBERTO PIEROPAN, Insigne educatore e geniale inventore

A Montebello nella cosiddetta β€˜zona Gamba’ vi sono diverse vie dedicate a personaggi storici o cittadini illustri, molti di questi citati con il solo cognome. Per alcuni di essi il nome rimane scontato a causa della loro notorietΓ  (almeno per gran parte delle persone), come ad esempio Manzoni, Galilei, Verdi o Volta, ma che dire, per esempio di Zin, Crestani o Pieropan? Di [Giovanni] Zin, vero genio della matematica abbiamo giΓ  parlato nel nostro articolo del 31 dicembre 2020 (n. 214), oggi parleremo di [Alberto] Pieropan, insigne educatore e geniale inventore.

Lo storico montebellano Bruno Munaretto scriveva nelle sue β€œMemorie storiche di Montebello Vicentino”: β€œAlberto Pieropan nacque a Montebello da Bartolomeo e da Maria Scaramuzza il 26 settembre 1737…”. In realtΓ , consultando il libro dei nati di quell’anno nell’Archivio Parrocchiale di Montebello, non troviamo il suo nome. Appare, invece, nel libro dei morti alla data 30 maggio 1828: β€œIl Sig. Don Alberto Pieropan fu Bortolo e fu Margherita Scaramuzza, nativo di Montorso, ora qui domiciliato, morΓ¬ ieri alle ore 10 antimeridiane…”. Abbiamo avuto poi la conferma del luogo della sua nascita dal libro dei battezzati della parrocchia di S. Biagio a Montorso, dove, alla data 26 settembre 1737, si legge che: β€œAlberto figlio di Bortolo Pieropan et della Maria (sic) Scaramuzza sua signora, nato alle hore 22 di hieri e fu battezzato da me d. Giacomo Guarda, cappellano…”. Le date di nascita e di morte corrette sono dunque: n. 25 settembre 1737, m. 29 maggio 1828 e il luogo di nascita Γ¨ Montorso. La sua famiglia di contadini si trasferΓ¬ a Montebello all’inizio del 1740, quando Alberto non aveva ancora 3 anni. Terzo di 11 fratelli divenne sacerdote al seminario di Vicenza, si laureΓ² all’UniversitΓ  di Padova in fisica e matematica e quindi, quale professore in queste scienze, insegnΓ² pubblicamente per vari anni in Vicenza, dando anche lezioni di economia rurale insieme con l’abate Giambattista Trecco, per cui ambedue furono benemeriti per il progresso delle arti e dell’agricoltura in tutta la Provincia.

Il Reverendo Professore Alberto Pieropan fu anche inventore della macchina per curare le fratture delle cosce e delle gambe, per cui ebbe meritati elogi dal Giornale Enciclopedico e dal Giornale Letterario, allora assai diffusi. Inoltre l’Eccellentissimo Magistrato della SanitΓ  di Venezia gli donΓ² una grande medaglia d’oro e sei d’argento con l’effigie della macchina applicata e la scritta: Β« Humanitatis levamen Β» (benefattore dell’umanitΓ ) da una parte, e la leggenda: Β« Alberto Pieropan Provisores Salutis Venet. MDCCLXXX Β» dall’altra. Tanto la descrizione delle due suaccennate macchine, quanto gli esperimenti, le migliorie ed i benefici ottenuti sono ampiamente descritti nei due suddetti giornali ed in alcuni altri di quell’epoca. Nella pubblicazione β€œOpuscoli scelti sulle scienze e sulle arti”, Milano, Marelli 1780 leggiamo alcune note scritte dallo stesso don Alberto Piero Pan (sic) sulla β€œMacchina per le fratture” da lui inventata:

MACCHINA per le fratture delle gambe inventata da Don Alberto Piero Pan Vicentino

Β« Β§. IIIΒ  Vantaggi di questa macchina

I. Col beneficio di questa Macchina si puΓ² determinare la precisa estensione da farsi nella gamba offesa, quantunque infranta in piΓΉ luoghi, acciocchΓ¨ resti uguale alla sana. Quindi non v’è pericolo d’estenderla piΓΉ del dovere, nΓ© di tormentare il povero ammalato senza necessitΓ .
Il. Chirurgo senza aiuto d’altre persone puΓ² applicarla con somma facilitΓ  all’infranta gamba, e con due sole dita rimetter qualunque frattura anche delle piΓΉ complicate senza molto dolore.
III. Questa Macchina Γ¨ atta a ridurre, e conservare le ossa anche delle fratture obblique in un perfetto contatto, ad onta di qualunque movimento proveniente, o dal medicar le piaghe, o dai tremori che accader possono nel sogno, o dal trasportarsi l’infermo da un luogo all’altro, o da altre simili cause.
IV. Se la gonfiezza cagionata dalla frattura non permettesse di far la giΓ  determinata quantitΓ  dell’estensione in una sola volta, essa puΓ² farsi un poco al giorno con sicurezza di non perder l’estensioni parziali antecedentemente fatte; ed intanto la Macchina ci offre un largo comodo di medicar l’enfiatura fino a tanto che ci sia concesso d’arrivare alla precisa estensione.
V. La Macchina opera in modo, che non impedisce la circolazione del sangue; onde l’ammalato risana piΓΉ presto del solito.
VI. La gamba infranta puΓ² essere snudata tutta in una volta, od in parte secondo il bisogno, e puΓ² essere alzata dal Chirurgo con una sola mano, cosicchΓ¨ se in essa vi fossero piaghe, possono esser agevolmente medicate ogni giorno in qualunque sito esse sieno, seza esporsi al pericolo di scompaginare le ossa giΓ  rimesse al suo primiero contatto, e di apportar nuovi dolori all’ammalato.Β Β»

Terminato l’insegnamento a Vicenza, assieme ai fratelli Antonio e don Giuseppe, nel 1808 Alberto Pieropan acquistΓ² da Giovanni Scipione e Gaetano Dal Ferro circa 50 campi e un complesso di case ad Isole Corso di Montebello (ora di proprietΓ  Villardi) e si dedicΓ² a un’altra sua grande passione, l’agricoltura. In questo ambiente con annesso un Oratorio dedicato a San Girolamo (tutt’ora esistente), ogni giorno i due fratelli Sacerdoti celebravano la Messa. A Isole Corso, Alberto Pieropan morΓ¬ alla bella etΓ  di 91 anni il 29 maggio 1828. Nel suo testamento volle lasciare la bella somma di 1000 Ducati all’abate Giambattista Trecco, suo discepolo, amico e collaboratore, soprattutto per ricambiarlo della devozione e della stima che il Trecco aveva sempre nutrito per lui (da β€œNota Biografica su Alberto Pieropan”, Vittoriano Nori, 1987).

Immagine: La Macchina per le fratture delle gambe di Alberto Pieropan (rielaborazione grafica di Umberto Ravagnani).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACEΒ 
Oppure lascia un commento qui sotto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarΓ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *