L‘UCCELLINO E LA MINIERA

L‘UCCELLINO E LA MINIERA

[373] L‘UCCELLINO E LA MINIERA
L‘ Uccellino che sta fermando la Miniera Coniston

LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)


LINO TIMILLERO, oggi ci racconta ancora una storia dalla lontana Australia sul tema “ambiente“, molto sentito anche da quelle parti.
« ADANI, Così si chiama quella che doveva essere la Miniera di Carbone più grande di tutte le miniere di carbone esistenti in Australia. Nel 2010, la Signora Blight, che era la Premier del Governo del Queensland, annunciò, a nome del Suo Governo (Labor), che la Miniera poteva iniziare le pratiche di prassi per cominciare l’estrazione del carbone.
Si tratta di un tipo di carbone: “Thermal-Coal”, adatto ad alimentare la produzione di Energia nelle Centrali Elettriche Termali. Si deve pensare che la Miniera si trova a circa 180 Km. dalla costa del North-Queensland. Si dovrà costruire una ferrovia, che, da una, dovrà avere due line, per arrivare a due Porti. Un solo Porto non essendo sufficiente a smaltire l’enorme volume di esportazione calcolata nei piani delle Imprese coinvolte nell’appalto. Come in tante cose, i conti vennero fatti senza nemmeno pensare a ciò che poteva accadere, all’infuori delle aspettative, sia della Adani (Indiana) che del Governo Australiano.
Sul terreno dove fu scoperta l’enorme Miniera, c’era un allevamento di mandrie. “Cattle-Station” si chiama in Australiano. Grande, 121.000 ettari di estensione! E costò 110 milioni di dollari Australiani al consorzio della Miniera per acquistarlo!!! Si doveva costruire un Aeroporto-Internazionale. Nuove Super-Strade per smaltire l’incremento del traffico stradale che sarebbe aumentato del 90%! Quando le Mandrie di mucche e manzi pascolavano tranquille in quei luoghi, diversi anni or sono, non c’era nulla attorno. Solamente le abitazioni per le persone ed i bisogni degli “Stockmen”, come si chiamano i ‘cow-boys’ Australiani. Se sono molto giovani, vengono chiamati ’Jackaroos’. E nulla più. Per Miglia e Miglia. Forse, poco lontano, un piccolissimo aeroporto per emergenze di grave necessità.
La presenza degli Aborigeni era saltuaria, non essendovi Missioni di alcun genere, per la lontananza dai centri abitati. Un buon numero degli “Stockmen” saranno stati sicuramente Aborigeni. Ma la loro voce indignata si fece sentire non appena i loro “Elders” vennero a conoscenza che quella grande estensione di terra doveva diventare una grande Miniera di Carbone. Come, imperiosa, divenne, man mano, la voce degli ‘Ambientalisti’. Si cominciò a parlare delle Specie di animali che vivevano da quelle parti. Degli alberi che crescevano solamente in quei luoghi. Nel frattempo, con nuove Elezioni, era cambiato il Governo! Da Laburista a Liberal-Conservatore. Aimè!!! Gridarono gli ‘Ambientalisti’! Dalla padella nella brace!!! A Canberra, il Governo Federale era pure Liberal-Conservatore. Cosa fare??? A nove anni dall’annuncio fatto dall’allora Governo del Queensland, la situazione della Miniera è molto cambiata. Per salvare quello che si poteva e doveva salvare della Fauna e della Flora in “Situ”, la Mega-Miniera divenne solo una Miniera. Le Tonnellate di Carbone che si dovevano estrarre annualmente, vennero dimezzate. E poi, dimezzate ancora! I 2500 operai stranieri che dovevano arrivare, non verranno più. Sarà sufficiente la manodopera locale. Anche la nuova città che doveva sorgere per ospitare le maestranze, non sarà più grande di un paese. Ma, tra gli attivisti, ha cominciato a serpeggiare un dubbio. Molti non vogliono nemmeno accennarne! Verso la metà di Maggio, ci saranno le nuove Elezioni Federali! Cosa accadrà se vinceranno ancora, nonostante tutto, i Liberal-Conservatori??? Qualcuno ha cominciato a reclamizzare la “Clean Coal Power”. Sembra essere un nuovo metodo di usare il Carbone nelle Centrali, per produrre Energia Elettrica senza l’Emissione eccessiva che, al momento, causa una buona parte del surriscaldamento del Pianeta.
Quasi a rinvigorire la causa degli ‘Ambientalisti’, si è fatta viva, dove la Miniera sarà più produttiva, una colonia di Finci. È una sotto-specie del “Blak-throat finch”. È già stato riportato come, questo uccellino, abbia perso più di 80Km. quadrati dello spazio in cui viveva. Si tratta di un minuscolo volatile. Come tanti della sua specie, che hanno i colori più svariati, questo ha il collo ed il sotto testa nero. Si nutre di semi. Le semenze delle piante e degli arbusti che crescono, anche quelli, ‘in situ’. L’Amministratore Delegato della Adani ha promesso che il problema sarà risolto nel migliore dei modi. Forse, accadrà così. Come???
Gli ‘Ambientalisti’, si sono già spinti verso i luoghi dove dovrà essere costruita la nuova ferrovia che si biforcherà per arrivare alla Costa. Uno dei Porti, Abbots Point, è già in uso. Cosa troveranno quelle persone? Altri animali o piante in pericolo di estinzione se la costruzione della linea ferroviaria procederà? Da notare come le Banche Australiane si siano ritirate dal sovvenzionare la Miniera! Nel 2010 sembrava che, almeno in parte, ci sarebbe stata una partecipazione da parte degli Istituti Finanziari Australiani. Ma ciò non accadde. Per la percezione che dà la massa della popolazione Australiana. La quale, nonostante tutto, è, in buona parte, contraria allo sviluppo della Miniera. È accertato che, la ricchezza dell’Australia, sta nell’abbondanza dei Minerali che sono esportati a tutte le Nazioni che ne hanno bisogno. Attualmente, nessuna automobile viene costruita in Australia! Come è accaduto in altre parti del Mondo, le Imprese vanno in Cina. E dalla Cina, dal Giappone e da altre parti, importano quello che, prima, veniva fatto qui. La disoccupazione è sempre uno spauracchio tremendo. Che sia causato dalle importazioni o dal prezzo del Petrolio, per chi ha il desiderio e la necessità di lavorare, non trovare alcun lavoro è terribile. Per la famiglia e per se stessi!
Ciò nonostante, comincia a farsi strada la paura di procurare la Morte del Pianeta! E la paura di non far più in tempo a rimediare a ciò che di male si è già commesso! Non si può più dire: “Non sono stato io!” Non si può più dire: “Sono stati gli altri!” A chi potrà rivolgersi: “The Blak Thoat Finch” se non troverà più gli alberi dove farsi il nido ed i semi da mangiare? È questo vale per gli Esquimesi! Per i Mongoli della Siberia! Per i Lapponi! Per gli Indii dell’Amazzonia! Ed anche per gli Aborigeni Australiani! Hanno sofferto abbastanza ed hanno corso il grave rischio di una estinzione da paragonare al Genocidio! Sarà quello che accadrà al “Blak Throat Finch”? Ed ai figli dei figli dei nostri figli? » Lino Timillero – Coniston 7-5-2019.

Foto: Veduta della grande miniera a cielo aperto di Adani nel Qeensland (Australia).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Per copiare il contenuto chiedi agli Autori