IL PROF. DON MARIO COLA

[289] IL PROF. DON MARIO COLA

Dopo la scomparsa del Prevosto don Antonio Zanellato nel 1952, Montebello aspettΓ² per qualche mese l’arrivo del suo sostituto. Finalmente il 19 marzo 1953 prese possesso della Parrocchia il Rev. Sac. Mario Cola trasferito a Montebello dalla parrocchia di Sant’Andrea di Sarcedo, ove fu Arciprete per circa 12 anni. Nato a San Bonifacio il 14-12-1902 fu professore in Seminario per 16 anni.
La cerimonia di insediamentoΒ  nella nuova collocazione a Montebello durΓ² tutta la giornata. Accompagnato da 25 macchine, da alcuni Sacerdoti e da numerosi parrocchiani di Sarcedo, venne ricevuto al ponte del Marchese e, tra una folla plaudente condotto in Chiesa. Il Rev. Prof. Eugenio Dal Grande, del nostro Seminario di Vicenza, fece da cerimoniere e fu celebrata una santa Messa cantata con accompagnamento di violini. Il pranzo di mezzogiorno si tenne all’Asilo Infantile (in via san Francesco) dove tutto fu preparato per l’occasione. Dopo le funzioni pomeridiane si trasferirono tutti nella sala del cinema per i discorsi di benvenuto. Don Antonio Zanellato era stato eletto Monsignore nell’ottobre del 1952, in occasione del Sinodo Diocesano e si decise di festeggiare questo importante avvenimento nel gennaio del 1954 con grande partecipazione della popolazione.
Il 26 dicembre 1957 istituΓ¬ la ‘Festa degli emigranti‘ con Santa Messa, pranzo all’Asilo e numeri d’arte varia; peccato che fu ripetuta solo per pochi anni. Nel dicembre del 1960 Don Mario Cola si chiedeva: “Quando non ci saranno piΓΉ emigranti?”
Nel 1978, dopo 25 anni di servizio, Mons. Mario Cola ‘abbandonΓ²’ Montebello per tornare al suo paese natale, San Bonifacio nel veronese, lasciando il posto al suo successore Don Luigi Matteazzi di Arcugnano. Come giΓ  accennato don Cola era anche professore e aveva insegnato per ben 16 anni nel Seminario di Vicenza; una volta che si fu ritirato dalla sua missione di Montebello decise di continuare a studiare e nel 1985, in occasione del duecentesimo della nascita di Alessandro Manzoni, pubblicΓ² il suo lavoro piΓΉ importante: “Studi manzoniani1, che certamente pochi conoscono. Simone Lorici, scrittore che vinse parecchi premi letterari, cosΓ¬ descrisse il libro del prof. don Mario Cola:

Β« Quest’opera di Mario Cola, monsignore ed emerito professore, si configura come una minuziosa indagine su quegli aspetti significativi e qualificanti del capolavoro manzoniano, ai quali anche il lettore iniziato allo studio raramente pone adeguata attenzione. Scoprirli, pensarli, commentarli e comporli in ordinata stesura non Γ¨ fatica di poco conto. Al di lΓ  dell’impegno di studio e di ricerca, si avverte nell’opera un amore caldo, sincero per uno di quei monumenti letterari che le masse ignorano e con i quali gli studenti, se non anche certi insegnanti, spesso evitano di commisurarsi. E c’Γ¨ pure, direi, un β€œdolore metafisico della nostalgia”, per quelle pure gioie che il racconto del Manzoni ha infuso nell’anima e nella mente dell’autore ai tempi della sua giovinezza. L’opera vuole collocarsi anche come un omaggio al grande scrittore lombardo in occasione della ricorrenza del bicentenario della sua nascita.
Il pregio di questo lavoro del prof. Cola non Γ¨ solo rappresentato dall’intrinseco interesse dell’argomento, ma anche e soprattutto dalla novitΓ  che esso rappresenta e dall’ausilio che esso propone a studenti e studiosi. Essi potranno trovarvi ampio materiale di studi e di ricerche, riflessioni precise e pertinenti, puntualizzazioni chiare e insolite, osservazioni attente; e scoprire quel penetrante spirito di indagine che porta sempre ad una riscoperta di ciΓ² che giΓ  si conosce o ad una piΓΉ chiara comprensione di ciΓ² che si va conoscendo.
È un libro, quindi, questo del prof. Cola, che si rivolge a persone di ogni età e di ogni cultura, proponendo loro la pura gioia dello spirito che illumina il cuore quando si viene a colloquio con gli spiriti grandi. »

Il prof. Mons. Mario Cola lasciΓ² questo mondo nel 1992 all’etΓ  di 90 anni ed Γ¨ ricordato nel camposanto di Montebello Vicentino.

Note: 1) M. COLA, “Studi Manzoniani“, San Bonifacio (Vr), 1985.

Foto: Il prof. Mons. don Mario Cola in un ritratto del pittore montebellano Michelangelo Valbona (foto e rielaborazione grafica Umberto Ravagnani).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACEΒ 
Oppure lascia un commento qui sotto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarΓ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *