ME PIASE EL ME DIALETO

[323] ME PIASE EL ME DIALETO
LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)


LINO TIMILLERO, emigrato in Australia nel 1967, ci allieta, questa settimana, con un nuovo articolo sulle sue esperienze in quella terra lontana, raccontandoci perché gli piace così tanto il nostro dialetto vicentino:

« Prima de ‘ndare vanti co le me storiete, me piasaria contarve come mai che me piase cussì tanto el nostro dialeto. Vialtri che lezì, pensarì che el xe on dialeto come ‘naltro! No xe mia vero! El me dialeto, la xe la “lingua” che me ga insegnà me Mama! Cuà, in Australia, el se ciamaria ‘mother tongué, (lingua madre). Come che savarì, cuà, in Australia, se parla Inglese. Par mantegnerme in pratica col dialeto, lezo le storie che el Sig. Scalzotto el gavea scrito sol Periodico e che le xe stà mese insieme ‘nte on libretto. E, dopo, so stà fortunà che, a Wollongong, (nome Aborigeno del posto dove ca sto), ghe xe na Biblioteca municipale piena de libri, co na scansia grandeta de libri in “Italiano” Digo fortunà, parché, ani fa, gaveo trovà el libro ‘Libera nos a malo’ del Sig. Luigi Meneghello. So quel libro, gò capio cosa vol dire: dialeto lingua madre!!! Ma, pì inportante de ‘ste dò robe, xe stà le canzon che canta l’Anonima Magna Gati. Nel 1977, jero vegnù a Montebelo parché me popà e me mama i fasea 50 ani de matrimonio. Tra feste, dispiazeri, e ritrovarse coi paesani, on me nevodo el me gavea fato scoltare le canzon in dialeto de la conpagnia vicentina. So cognà de me nevodo, el ‘ndava ‘ncora a scola, quela par i periti industriali, e el gavea da fare na traduzion dal’Italian al’Inglese. Lo gò jutà on poco, e, ala fine, el me ga dimandà cossa ca volevo, parché, da solo el ghe gavaria meso dò setimane. Alora ghe gò dimandà se’l podea farme na Caseta de ch’el disco de l’Anonima Magna Gati. Xe dà lora che me scolto cuele canzon e anca cuele che i ga fato dopo.
No sò con che parole dirve cuanto che me dispiase de aver sentio de la sconparsa del Sig. Toni Vedù. A gaveo scomizià a scrivere ‘sta storia ai primi de Aprile, e me jera vegnù in mente de dimandarghe ai Circoli de i ‘Vicentini del Mondo’ cuà in Australia, de metarse d’acordo e dimandare a l’ENTE se i gavesse podesto farli vegnere cuà a fare el giro dei nostri posti.
Vardé, xe vero che ‘desso xe tardi, ma, savendo che no sarò l’unico in giro par el mondo a dispiaserse par la mancansa del Sig. Vedù, saria ‘na gran bela roba se a nome de tuti i Circoli dei Due Emisferi, mi ghe disesse al’ENTE che ne DISPIASE! MA PROPRIO TANTO!!!
A tuti cuei che ghe piase el dialeto, vuria dirghe che mi te la me testa, ghe go xà fato on monumento al’Anonima Magna Gati. E lo go meso vizin a cuelo del Pigafetta, là, dove che dala stazion se và a Porta Castelo. E voria anca dirve che el me desiderio el xe propio sceto parché, a mi de la Lega e del Leon, no me ‘ntaresa gnente!!!
Disvizieve, lnboazeve, Incasineve, Incoconeve, Insganbareve, Inzuconeve, Infritoleve, Incasineve, Inpaltaneve, Despeteneve, Desmetegheve, Disvizieve. Ronchezito, Sguaratelo, Spotaciavito, Rasentavela, Smoltonavele, Busiaro, Balengo, Pandolo, Figheti, Monaza, Cojon, Suculo, Fabioco, Insulsi, Sgrisole, Sbrindolon, Sgrafon, Sberla, Sberleta, Sberlon, Sgnarocon, Sbevacion, Sciafa, Sciafeta, Sciafon, Scoton, Visiga!
‘Ste parole, le go lete so le ultime pagine del libro: “Libera nos a malo”. Da sole, no le dise tanto, ma l’Anonima ga fato na canzon con ‘ste parole! Vardé, me ciamarì semo, ma a mi le me ga fato vignere le sgrisole! Xe 48 ani ca son cuà, e, se no lo savì, in Australia, xe tuto roverso. A Vicenza xe inverno e cuà xe istà. A Pasqua, se magna le castagne e a Nadale se magna le zarese. Co se và in machina, se guida da la man zanca. E se parla senpre inglese. So la television, el xe anca merican, scozese, canadese e parfin sud African, e ve dimandé parché me vien le sgrisole cuando ca sento cantare el dialeto che me ga insegnà me mama?!
E go inparà anca parole nove. In dialeto! Si parché a Montebello, no gaveo mai visto la pianta che fa le naranze. Limonari gh’in jera, a casa dei siuri, parché i podea metarli sarà sù cuando ca rivava l’inverno, ma le piante che fa le naranze, no le gavevo mai viste.
Naranzara! Uno da Zarmeghedo me la ga fata sentire par la prima volta ‘sta parola. Sicome che cuà no jazza mai, cuasi tuti ga na pianta o do de limon, ma ‘sto sior da Zarmeghedo, el gavea anca le Naranzare e i Mandarinari! Dovì anca savere che, in giro pal mondo, se vien a conosere italiani da tute le parti de l’Italia.
E anca italiani rivà cuà da altre parti del mondo. Se sente la difarenza de come che parla Spagnolo on talian da l’Argentina e on spagnolo da l’Andalusia: l’italo argentin el dise che lu el parla castiglian e che el spagnolo el parla ‘dialetando’. Proprio i taliani de l’Argentina, del’Uruguai e de altri Paesi sud americani, i xe i pì contenti de aver fato el paso che i gà fato de esar vegnù cuà. On talian-uruguajo che laorava con mi, el me diseva che’l jera restà meravejà a sentirne parlare, nialtri veneti, parché parlavimo dialeto come fosse gnente anca dopo tanti ani ca jerimo cuà. Luri no. Dopo on poco i jera in sud America, tuti cuanti i taliani parlava spagnolo. Cuesto vol dire ca xe tanto pì fazile inparare el spagnolo ca no fa l’inglese. Ma mi son senpre de l’idea ca xe mejo ca me tegna tanto caro chel monumento ca go ‘nte la me testa e ca go fato metare vizin a cuelo de Pigafetta, là, tra la stazion de la ferovia e Porta Castello. »

P. S. Allego una copia degli autografi dei componenti dell’Anonima Magna Gatti, con l’Alpino Gatto, gentilmente disegnato, su mia richiesta, dal Sig. Vedù. LINO TIMILLERO (Coniston aprile 2015)

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *