PICCOLI TESORI DEI PASETTI

[288] I PICCOLI TESORI DEI PASETTI

Nel 1804 Margherita Pasetti sposΓ² il conte Francesco Gualdo acquisendone il titolo nobiliare. Si innamorΓ² talmente dei luoghi e della vasta tenuta detta β€œla Gualda”, giacente tra il territorio di Montecchio Maggiore e Montebello, al punto da convincere il fratello minore Gaetano, padre di Giuseppe futuro sindaco dei montebellani, ad acquistare nel 1824, i beni e il palazzo di via Borgolecco, un tempo dimora dei conti Sangiovanni.
La contessa Margherita non riuscΓ¬, o non fece in tempo, a persuadere l’altro fratello Marco ad acquistare dei beni in quel di Montebello poichΓ© quest’ultimo venne a mancare nel l820 nel suo appartamento sito nel centro storico di Vicenza in contrΓ  Pescherie Vecchie.
In quell’occasione toccΓ² al cognato di Marco Pasetti, il conte Francesco Gualdo, previo inventario, a diventare depositario delle cose rinvenute nella casa di Vicenza. Durante le operazioni di elencazione degli oggetti l’attenzione del conte Gualdo si concentrΓ² su uno scrittoio che campeggiava in una grande camera.
In un cassetto a sinistra di quel mobile scrittoio furono rinvenuti: nΒ° 30 Luigi nuovi di Francia da Lire 23,55 ciascuno – (se d’oro moneta del peso di grammi 8,16 – n.d.r.)

nΒ° 8 Sovrani d’oro di Fiandra – (moneta del peso di grammi 11,33 – n.d.r.)
nΒ° 4 pezzi d’oro da Lire Italiane 40 ciascuno
nΒ° 4 pezzi d’oro da Lire Italiane 20 ciascuno
nΒ° 2 Zecchini veneti
nΒ° 2 Doppie di Genova
nΒ° 1 Ongaro doppio e uno semplice che formano 3 Ongari
nΒ° 1 Luigi nuovo di Francia della qualitΓ  suddetta
nΒ° 7 pezzi detti di Maria Teresa

Nel cassetto interno a destra : monete d’argento italiane per Lire 9 e centesimi 40
Nell’altro cassettino pure a destra: nΒ° 1 Luigi nuovo di Francia
Nel cassetto principale una scatola di legno contenente: una corniola incisa legata oro, 3 piccole medaglie d’argento, 2 antiche e una moderna.
In un’altra stanza nΒ° 8 porta tazze d’argento, nΒ° 2 tazzoni fondo legno rivestiti d’argento, nΒ° 1 β€œsurtout” d’argento (centro tavola – n.d.r.) con 2 bozzette di cristallo, nΒ° 1 busta con 6 sculieri (cucchiai), nΒ° 6 forchette e 5 coltelli argento e ferro.
Una figurina d’argento con piedistallo di legno nero
Una “sputarolla d’argento!
Nell’agosto del 1824 il dott. Gaetano Pasetti diventΓ² amministratore della sorella Margherita in seguito alle divisioni e donazioni dei beni che il conte Francesco fece a favore della moglie e del figlio NicolΓ² e il mese seguente procedette all’acquisto dei beni in Montebello di proprietΓ  degli eredi dei Sangiovanni.
Pertanto in veste di amministratore della sorella il dottor Pasetti redasse, tra l’altro, β€œuna distinta delle gioie della contessa Margherita Pasetti Gualdo”:

nΒ° 1 β€œsfriso” (collana ?) composto di nΒ° 8 pezzi di pietre, 28 con 4 pietre grosse che uniscono β€œil sfriso” (sic !)
nΒ° 2 fiori antichi da tre pietre grosse cadauno
nΒ° 2 galani con 12 pietre per cadauno (fiocco sfarzoso – n.d.r.)
nΒ° 1 solitario (diamante di grossa caratura) grande da petto, pietra grossa con passetto con nΒ° 15 brillanti
nΒ° 1 solitario a giorno da dita

A conferma della passione della contessa Margherita per i cavalli, Gaetano Pasetti rilevΓ² nei pressi della stalla un carrozzino nuovo che era stato acquistato per Lire Venete 7500 che fu poi venduto al conte Francesco, dopo la divisione o donazione per Lire Italiane 2950.
ElencΓ², inoltre, tra i finimenti: nΒ° 1 sella all’inglese da donna, nΒ° 2 selle all’inglese da uomo, nΒ°1 sella all’ussara.

OTTORINO GIANESATO

Foto: La tenuta detta ‘la Gualda’ in una cartolina degli anni 30 del Novecento (collezione privata Umberto Ravagnani.

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACEΒ 
Oppure lascia un commento qui sotto…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarΓ  pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *