BORGOLECCO STORY (3)

[248] BORGOLECCO STORY (3)

LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)


Lino Timillero dall’Australia ci racconta, in alcune puntate, i ricordi della sua vita a Montebello, quando abitava nella zona di via Borgolecco.
« Chi che lezze sta storia gà da tegnerse inamente che, mi che scrivo, xe zincuanta dù ani che son in Australia! Tante robe che conto le sò parché me le ricordo. E la Via Pegnare, e del parché che la se ciama cussì, lo so anca mi. Cuando che, dala Via Borgolecco se vardava in sù verso el Castelo, se vedea na Pegnara. Par cuei puchi che no sà cossà che xe na Pegnara, se podaria ciamarla in Italiano: Pino Mediterraneo. Le vegnea piantà parché le fasea le Pegne, e, dale Pegne vignea fora i Pignoi. Stiani, i Pignoi vegnea vendù in giro dapartuto. Chi che gavea schei, come i siori, i li conprava par magnarli in tante maniere. ‘Pasta col Pesto’ la xe conosesta anca desso! Prima dela IIa Guerra, drio ala Via Pegnare, ghe jera tante Pegnare. Le ghe xe ncora desso, tre cuatro, drento ala Villa Miari. Le Pegne de la Pegnara, co le cascava par tera, le vegnea cata sù nte le zeste, anca da Bepi co so fiolo Vittorio. Dopo le vignea portà zò e inmucià so le scansie drio al muro de la baraca ndove che vignea messe le piante de Limonari co rivava l Inverno. Cuando che piovea o co no ghe jera tanto da fare, se sverzea fora le Pegne par tirar fora i Pignoi, par meterli drento a scatole de legno fate aposta. El fatore Bellini el savea ndove mandarli par venderli.
Dopo tri ani de Guerra, cuando che la xe rivà anca a Montebello, xe rivà anca tanti todeschi. Depì de prima. E xe stà taià zò le Pegnare par fare tuti cuei lauri che i todeschi jera drio fabricare dapartuto, par le ‘Difese’ contro Mericani e Inglesi! Desso, ndove che Via Manzoni la scomizia, al incrocio co Via Borgolecco, pì vanti, la gira de cuà e de là e la và sù a ncontrarse co la Via San Francesco. Là scomizia la Via Pegnare! E là vizin jera ndove che se vedea l ultima Pegnara che jera restà in pié! Par finire la strada e fabricare tute che le Palazine che ghe xe in giro so chel posto lì, xe stà tajià l ultima Pegnara!
Cuando che Silvano e mi jerimo sù so la Via Pegnare, e nialtri gavivimo oto, diese ani, no savivimo mia che la strada drio la mura de Ganba se ciamava cussì. Jerimo sù là parché ne piaseva rivare fin sol colmo del Monte e vardare da che laltra parte! Se vedea Zarmeghedo, Montorso e sù fin a Arzegnan e tuti cuei monti de drio. Lì, vizin al Castello, jera stà scavà e ghe jera i Caminamenti. Fati al tempo de la Ia Guerra Mondiale. Parecià se par disgrazia i Austriachi gavesse roto el Fronte sol Pasubio e sul Piave!!! Cuando che volivimo ndare sora al Monte, no ndavimo mia par la strada. Saltavimo la mura lì, vizin casa sua, e ndavimo su, pian pianelo, vardando ogni tanto dala parte de la casa dei Gamba. Cuando che volivimo saltare la mura, gavivimo da star tenti parché, in zerte parte, par sora ghe jera tochi de vero tacà cola malta. Ndove ca jerimo, desso ghe xe Via Galilei, Via Zin e Via Volta, fin soto al Bosco. Là, so cuel Bosco, ghemo visto, dal vero, on porzeleto rizzo!!! E ghe semo stà drio on ora, forse de pì, par zercar de ciaparlo!!! Giravimo, pian pianelo, par no sgrafarse le man e la facia parché jera pieno de russari. Na volta, là, sol Bosco de Gamba, cuasi, cuasi, gavarissimo ciapà on Ghiro. Co lo ghemo visto, el jera soto a on russaro. Silvano el gavea in man on baston (el se lo portava senpre drio), e con cuelo el ghe fasea paura al Ghiro, sbatendo el baston de cuà e de là!!! Nialtri, co lo ghemo visto, se ghemo meravejià! Savivimo che el Ghiro và in giro de note. Ma no volivimo chel ne scapasse come el porzeleto rizzo!!! El Ghiro se jera ranpegà su par na pianta de cassia. Se vedea la bela coa chel gavea. Piena de pelo griso co on poco de maron. Silvano el gà fato on salto. El ghe gà ciapà la coa co tute dò le man: “Lo go ciapà! Lo gò ciapà!!!” el zigava. Inveze ghe xe restà le man piene del pelo de la coa del Ghiro. Ma el Ghiro no lo ghemo pì visto!!! Lora, el Bosco rivava fin ala mura dela Vale e de drio la jera tuta tera dura fa sasso!!! Prima che fusse scomizià la terza casa Fanfani, cuela ndove che semo ndà stare mi e la me famejia, la Via Borgolecco la jera ncora da sfaltare!
Mi me ricordo ben! Cuando che i perseghi se maurava, chi che podea conprarli, i li magnava anca par strada. E dopo i butava via l osso. Sì, l osso del persego! La Festa del Rosario la vien, lora come desso, al sete de Otobre. Me mama la fasea senpre el Scrocante. Come???!
Schei par conprare le mandole no ghin jera! Cussì me mama ne disea, a mi e a me fradelo Albano, de catar sù i ossi dei perseghi e anca cuei dei armelini. Ghe jera dù mesi de tempo! La Via Borgolecco, no sendo sfaltà, jera la pì fazile par vedere on osso de persego o de armelin caminando e vardando par tera!
Co ghe jera bastanza ossi, gavivimo on marteleto, e se metivimo a spacare i ossi de persego e de armelin. Me fradelo scomiziava par primo parché jera fazile farse male i dei! Pal giorno prima de la Festa del Rosario, me mama la catava senpre on poco de zucaro, e no sò come che la fasesse, ma chel scrocante che la fasea el jera cussì bon che mi no ghinò mai magnà de conpagno!!! Se sentia el maretto dele semenze de persego e de armelin. Ma che la parte de zucaro caramelizà che la smisiava co le semenze dei ossi, el ghe dava on gusto cussì bon al scrocante, che anca me fradelo Luigi, chel xe cuà in Australia co mi, el se ricorda ncora anca lù. E lù, sendo nove ani pì vecio de mi, el nava anca lù, col jera picinin, a catar sù i ossi, ma lù el nava sù par Via Vaccari, parché alora stavimo zò ai Giardinetti. La Via Vaccari la jera sfaltà fin ala Canonica. Pì vanti, strada Bianca col giarin da le parte, come la Via Borgolecco. El stradin el contava che no jera mia fazile catare el ludron par sfaltare le strade! Me fradelo Luigi, calche ano fà, col jera pì zovane cuà a Balgownie, ndove chel stava, el gavea provà a farse parfin le ‘Conposte’.
No savì mia cossa che le xe le ‘Conposte’???! Mi co jero toseto, navo su par Via Monte Grappa, che la scomiziava ndove che ghe jera l Ostaria col zugo de le Bocce, par nare in corte de me santolo Scarpareto. Me mandava me mama par tore dò ‘Conposte’. Me santolo el me fasea nare co lù soto ala tezza ndove che ghe jera la tina che gavea drento le ‘Conposte’, in mojia cola Graspia. Le jera dù tochi de na verza tajià a metà e ligà co na stropa de salgaro. La Graspia, la xe fata co la ua, dopo che la jera stà strucà col Torcio. Stiani ghe jera depì contadini che se fasea el vin par tegnerselo so la so Caneva. Lora cuasi tuti gavea el Torcio.
Dopo che l ua jera stà schizzà, la vignea messa drento ala tina nsieme co l acua. Cussì vignea fora la Graspia. I omini che nava a tajiare l erba sui prà col fero da segare, i se portava drio dò tre zuche piene de Graspia. La jera mejio de acua s-ceta!!! E la vignea doparà anca par fare le Conposte. Se tajiava le verze a metà. Se fasea on buso col ciodo e se pasava drento na stropa de salgaro. Se fasea on gropo e le se metea a bagno ntela Graspia. Le saria stà pronte dopo on paro de setimane. E che bone che le jera, cote col museto e calche coezza de mas-cio!!! » (continua) (Linus DownUnder – Lino Timillero, Coniston 26-01-2019)

Foto: Vecchi amici posano in via Borgolecco nel corso di una calda estate dei primi anni ’70 del Novecento (Cortesia Lino Timillero, rielaborazione grafica di Umberto Ravagnani).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

Un commento

  1. Giovanni Dainese

    Conoscevo bene Lino e suo fratello Luigi. Con Albano ho fatto le elementari insieme. La famiglia viveva nell’ultima casa popolare di Via Borgolecco, quella più prossima alla curva, al primo piano, se non ricordo male.
    Mi ha profondamente colpito la lucidità dei ricordi di Lino e la scorrevole narrazione nel dialetto del tempo che è bravo a ricordarsi dopo oltre mezzo secolo di lontananza. Gli anziani rimasti se lo ricordano ancora.
    La lettura mi ha emozionato e mi ha fatto ricordare come era il mio paese ai tempi della mia gioventù: “la pegnara, il Monte Castello, le strade col giarin, il ludron che costava tanti schei, el scroccante, le composte e la graspia”.
    Lino ha descritto tutto questo con una verve encomiabile e dovizia di particolari.
    E’ proprio vero, il ricordo del paese natio è incancellabile e, come credo, pervaso di nostalgia.
    BRAVO, molto bravo. Grazie Lino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *