IL PROF. DON MARIO COLA

[289] IL PROF. DON MARIO COLA

Dopo la scomparsa del Prevosto don Antonio Zanellato nel 1952, Montebello aspettò per qualche mese l’arrivo del suo sostituto. Finalmente il 19 marzo 1953 prese possesso della Parrocchia il Rev. Sac. Mario Cola trasferito a Montebello dalla parrocchia di Sant’Andrea di Sarcedo, ove fu Arciprete per circa 12 anni. Nato a San Bonifacio il 14-12-1902 fu professore in Seminario per 16 anni.
La cerimonia di insediamento  nella nuova collocazione a Montebello durò tutta la giornata. Accompagnato da 25 macchine, da alcuni Sacerdoti e da numerosi parrocchiani di Sarcedo, venne ricevuto al ponte del Marchese e, tra una folla plaudente condotto in Chiesa. Il Rev. Prof. Eugenio Dal Grande, del nostro Seminario di Vicenza, fece da cerimoniere e fu celebrata una santa Messa cantata con accompagnamento di violini. Il pranzo di mezzogiorno si tenne all’Asilo Infantile (in via san Francesco) dove tutto fu preparato per l’occasione. Dopo le funzioni pomeridiane si trasferirono tutti nella sala del cinema per i discorsi di benvenuto. Don Antonio Zanellato era stato eletto Monsignore nell’ottobre del 1952, in occasione del Sinodo Diocesano e si decise di festeggiare questo importante avvenimento nel gennaio del 1954 con grande partecipazione della popolazione.
Il 26 dicembre 1957 istituì la ‘Festa degli emigranti‘ con Santa Messa, pranzo all’Asilo e numeri d’arte varia; peccato che fu ripetuta solo per pochi anni. Nel dicembre del 1960 Don Mario Cola si chiedeva: “Quando non ci saranno più emigranti?”
Nel 1978, dopo 25 anni di servizio, Mons. Mario Cola ‘abbandonò’ Montebello per tornare al suo paese natale, San Bonifacio nel veronese, lasciando il posto al suo successore Don Luigi Matteazzi di Arcugnano. Come già accennato don Cola era anche professore e aveva insegnato per ben 16 anni nel Seminario di Vicenza; una volta che si fu ritirato dalla sua missione di Montebello decise di continuare a studiare e nel 1985, in occasione del duecentesimo della nascita di Alessandro Manzoni, pubblicò il suo lavoro più importante: “Studi manzoniani1, che certamente pochi conoscono. Simone Lorici, scrittore che vinse parecchi premi letterari, così descrisse il libro del prof. don Mario Cola:

« Quest’opera di Mario Cola, monsignore ed emerito professore, si configura come una minuziosa indagine su quegli aspetti significativi e qualificanti del capolavoro manzoniano, ai quali anche il lettore iniziato allo studio raramente pone adeguata attenzione. Scoprirli, pensarli, commentarli e comporli in ordinata stesura non è fatica di poco conto. Al di là dell’impegno di studio e di ricerca, si avverte nell’opera un amore caldo, sincero per uno di quei monumenti letterari che le masse ignorano e con i quali gli studenti, se non anche certi insegnanti, spesso evitano di commisurarsi. E c’è pure, direi, undolore metafisico della nostalgia, per quelle pure gioie che il racconto del Manzoni ha infuso nell’anima e nella mente dell’autore ai tempi della sua giovinezza. L’opera vuole collocarsi anche come un omaggio al grande scrittore lombardo in occasione della ricorrenza del bicentenario della sua nascita.
Il pregio di questo lavoro del prof. Cola non è solo rappresentato dall’intrinseco interesse dell’argomento, ma anche e soprattutto dalla novità che esso rappresenta e dall’ausilio che esso propone a studenti e studiosi. Essi potranno trovarvi ampio materiale di studi e di ricerche, riflessioni precise e pertinenti, puntualizzazioni chiare e insolite, osservazioni attente; e scoprire quel penetrante spirito di indagine che porta sempre ad una riscoperta di ciò che già si conosce o ad una più chiara comprensione di ciò che si va conoscendo.
È un libro, quindi, questo del prof. Cola, che si rivolge a persone di ogni età e di ogni cultura, proponendo loro la pura gioia dello spirito che illumina il cuore quando si viene a colloquio con gli spiriti grandi. »

Il prof. Mons. Mario Cola lasciò questo mondo nel 1992 all’età di 90 anni ed è ricordato nel camposanto di Montebello Vicentino.

Note: 1) M. COLA, “Studi Manzoniani“, San Bonifacio (Vr), 1985.

Foto: Il prof. Mons. don Mario Cola in un ritratto del pittore montebellano Michelangelo Valbona (foto e rielaborazione grafica Umberto Ravagnani).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

NOTTE TRAGICA A MONTEBELLO

[285] NOTTE TRAGICA A MONTEBELLO

Martedì 16 maggio 1905 la popolazione di Montebello era in apprensione per le notizie allarmanti che arrivavano da gran parte del vicentino: molti fiumi e torrenti erano in piena e minacciavano l’esondazione. In particolare preoccupava il Guà che ad Arzignano alle 22.00 aveva toccato il livello di mt. 3.80. Il Bacino di Espansione non era ancora nemmeno in progetto, sarebbe stato realizzato nel 1927. Difficile proteggersi da questa minaccia imminente che si era già presentata molte volte nei secoli precedenti, spesso con conseguenze devastanti.
Nello stesso giorno giungevano tragiche notizie anche da Cologna Veneta, più a sud nel veronese, dove il Guà aveva rotto i nuovi argini da poco costruiti per deviare il torrente e portarlo fuori dal centro abitato.
Nella tarda notte fra il 16 e il 17 maggio, a Montebello, successe la tragedia: al confine con Montecchio, non lontano da dove la Strada Regionale 11 (allora Strada Provinciale) viene attraversata dal Signolo, il Guà ruppe l’argine sinistro provocando la fuoriuscita delle acque che ricoprirono tutta la campagna verso il nostro paese, a cominciare dalla prosperosa tenuta della Gualda, proprietà, allora, del Cav. Domenico Veronese.
Dal libro di Antonio Fabris “Brentane” leggiamo che il 17 maggio 1905 il quotidiano “La Provincia di Vicenza” apriva con un titolo drammatico: “A Montebello Gli orrori di una notteTre ponti caduti”. Ecco la cronaca come riportata dal giornale vicentino.

« Filari d’alberi divelti, case abbandonate emergenti da un lago, un biancheggiare di ghiaie tra il verde dei prati e dei frumenti, una grande rovina, e un aggrupparsi di contadini nello stupore doloroso del disastro, che diventava più irreparabile quanto più ci si avvicinava a Montebello dove la furia cieca degli elementi si è scatenata con intensità e con simultaneità terribili, in una notte di spavento. Da Montebello passano il Guà il Chiampo, alla distanza di un chilometro e nel grande avvallamento interposto corre un terzo torrente minore l’Aquetta. Ieri notte Chiampo e Guà erano gonfi e veementi come di raro si vide.
Il Chiampo sovrasta, si può dire, il paese steso immediatamente alla sua destra, sopra corrente, dove lo scolo Rosegoto che viene da Perosa vi mette foce. L’argine ruppe nel 1901 all’altezza delle possessioni della Congregazione di Carità di Vicenza e costituisce una minaccia; anche ieri notte esso appariva il punto debole, il pericolo, perché vi si manifestavano abrasioni, filtrazioni, i segni precursori delle rotte ai quali la opera ansiosa dei terrazzani e dei funzionari del Genio Civile tentava di porre riparo.
Ma il Guà cresceva, continuamente, sormontava il ponte, travolgeva i sacchi di sabbia e di ghiaia gettati sugli argini, brontolava sinistro, s’affacciava ormai all’ultimo lembo della sponda per precipitarsi sul paese.
Nella notte tempestosa squillarono i richiami delle campane a martello; tutti uscirono angosciosamente dalle case, sotto la pioggia, nel terrore dell’imminente flagello. Ed ecco uno scroscio, un rombo, un grido: il Chiampo ha squarciato l’argine alla sinistra, dalla parte opposta di Montebello, e la corrente si rovescia nell’ampio piano sottostante, da dove i contadini già si erano messi in salvo, disertando le fattorie: trascinandone via gli animali.
Che la rotta sia manifestata in quel punto, piuttosto che sulla sponda destra, poté parere provvidenziale perché risparmiò un disastro che avrebbe potuto segnare anche vittime umane. A un chilometro di distanza, sul Guà, impetuosissimo, spaventevole, si combatteva intanto una eguale lotta disperata. Il torrente toccava già l’altissimo ponte delle Asse, al quale conduce una doppia, ripida rampa, dall’una parte e dall’altra della quale stanno dei cascinali. In quel luogo, si presentava maggiormente il pericolo, e con più attività si tentava di opporvisi.
Dalla breccia il Guà si riversò sui fondi Brunelli, coprendoli di ghiaia, e si diresse verso la ferrovia, la quale corre sopra una linea che attraversa i due torrenti formando un manufatto alto un quindici metri sul piano delle campagne. Fu per la deviazione del Guà che vi crollò il ponte del casello 83, la cui notizia giunse iermattina in citta lasciando credere, nella prima informe diceria, che fosse crollato quello più grande sul torrente, subito dopo il passaggio del diretto. Sul torrente è gettato infatti un ponte grandioso in ferro a quattro campate, sostenuto da tre robustissimi piloni e da due poderosi rinfianchi in pietra; ma non è su questo che avvenne il sinistro. Più verso Vicenza, ad un chilometro circa dal ponte sul Guà, vi sono due viadotti, per il defluire delle acque delle campagne. Il Guardiano al casello n. 83, Giovanni Rezzaro, di 48 anni e da 25 in servizio dell’Adriatica, dopo il passaggio del diretto delle 2,51 pensò di ispezionare quello cosiddetto dell’Arsenale.
Il diretto era passato regolarmente, colla consueta velocita, senza neanche badare al segnale del casellante al ponte sul Guà, che voleva fermarlo per avvertirlo dei possibili pericoli e invitarlo a procedere lentamente e a osservare i segnali dei cantonieri, va, e nella notte buia parve al Guardiano di osservare che una parte della scarpata fosse franata. Il viadotto ha un solo arco, della luce di 7 metri; i due piloni posano sopra una platea nel mezzo della quale e scavata una canaletta di un metro e mezzo di larghezza, per la quale defluiscono normalmente gli scoli.
L’abrasione si mostrava appunto nella platea, sulla quale hanno base i piloni. Il cantoniere svegliò la moglie: alle 3,30 doveva arrivare da Verona un treno merci, ed egli credeva prudente di fermarlo fintantoché non si fosse sincerato dello stato del viadotto. Furono posti i fanali rossi sulla linea e la donna corse verso la stazione di Montebello, da dove infatti poco dopo si avanzava bensì il merci, ma per fermarsi sopra il ponte del Guà.
Frattanto il guardiano rifaceva la strada verso il ponte dell’Arsenale. Quando vi giunse si trovò davanti una voragine: il ponte era scomparso, e con esso un tratto del manufatto ferroviario per un trentaquattro metri! Nel baratro l’acqua passava vorticosissima, rumoreggiando.
Il cantoniere corse a dar l’annuncio del crollo alla stazione, dalla quale fu telegrafato a Tavernelle perché fosse impedito l’avanzarsi dei treni da quella parte.
Pochi minuti dopo la rotta al Ponte delle Asse, il letto del torrente restò quasi improvvisamente all’asciutto: un’altra rotta si era verificata sopracorrente, sulla riva destra. II Guà andò cosi a congiungere le proprie acque con quelle del Chiampo e a inondare insieme la zona avallata di campagne in mezzo alle quali scorre l’Acquetta. E cosi anche questo piccolo torrente diventò improvvisamente terribile.
Al di là della linea della ferrovia, l’Acquetta segna una curva, passando sotto il ponte della strada carrozzabile che conduce a Fara e a Meledo. Ebbene: anche questo ponte, di pietra solido e ampio, fu abbattuto, completamente.
Non si limitarono peraltro a queste soltanto le rotte del Guà; sulla sponda destra se ne manifestò presto una terza, e poi più in alto una quarta, le quali determinarono il danno maggiore per i beni comunali e per la tenuta della Gualda. Molti punti di esse vennero coperti da larghi strati di ghiaia, che riempirono i fossati, e raggiunsero talvolta l’altezza di due uomini; ma sono queste zone relativamente limitate; e il danno più notevole deriva dalla perdita completa di ogni raccolto per l’annata, perché tutto, assolutamente tutto è miseramente rovinato per vastissime estensioni! Ieri sera il Signolo ingrossato dal Guà al 13° chilometro da Vicenza, fra Tavernelle e Montebello, ha investito il ponte sulla ferrovia all’Orna, abbattendolo. »

Anche a Meledo vi furono ingenti danni e a Sarego il ponte sul Guà fu quasi completamente distrutto (vedi foto).

Foto: Cartolina postale che ricorda Il crollo del ponte sul Guà a Sarego il 17 maggio 1905 (collezione privata di Umberto Ravagnani).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

ALBERTO PIEROPAN

[283] ALBERTO PIEROPAN, Insigne educatore e geniale inventore

A Montebello nella cosiddetta ‘zona Gamba’ vi sono diverse vie dedicate a personaggi storici o cittadini illustri, molti di questi citati con il solo cognome. Per alcuni di essi il nome rimane scontato a causa della loro notorietà (almeno per gran parte delle persone), come ad esempio Manzoni, Galilei, Verdi o Volta, ma che dire, per esempio di Zin, Crestani o Pieropan? Di [Giovanni] Zin, vero genio della matematica abbiamo già parlato nel nostro articolo del 31 dicembre 2020 (n. 214), oggi parleremo di [Alberto] Pieropan, insigne educatore e geniale inventore.

Lo storico montebellano Bruno Munaretto scriveva nelle sue “Memorie storiche di Montebello Vicentino”: “Alberto Pieropan nacque a Montebello da Bartolomeo e da Maria Scaramuzza il 26 settembre 1737…”. In realtà, consultando il libro dei nati di quell’anno nell’Archivio Parrocchiale di Montebello, non troviamo il suo nome. Appare, invece, nel libro dei morti alla data 30 maggio 1828: “Il Sig. Don Alberto Pieropan fu Bortolo e fu Margherita Scaramuzza, nativo di Montorso, ora qui domiciliato, morì ieri alle ore 10 antimeridiane…”. Abbiamo avuto poi la conferma del luogo della sua nascita dal libro dei battezzati della parrocchia di S. Biagio a Montorso, dove, alla data 26 settembre 1737, si legge che: “Alberto figlio di Bortolo Pieropan et della Maria (sic) Scaramuzza sua signora, nato alle hore 22 di hieri e fu battezzato da me d. Giacomo Guarda, cappellano…”. Le date di nascita e di morte corrette sono dunque: n. 25 settembre 1737, m. 29 maggio 1828 e il luogo di nascita è Montorso. La sua famiglia di contadini si trasferì a Montebello all’inizio del 1740, quando Alberto non aveva ancora 3 anni. Terzo di 11 fratelli divenne sacerdote al seminario di Vicenza, si laureò all’Università di Padova in fisica e matematica e quindi, quale professore in queste scienze, insegnò pubblicamente per vari anni in Vicenza, dando anche lezioni di economia rurale insieme con l’abate Giambattista Trecco, per cui ambedue furono benemeriti per il progresso delle arti e dell’agricoltura in tutta la Provincia.

Il Reverendo Professore Alberto Pieropan fu anche inventore della macchina per curare le fratture delle cosce e delle gambe, per cui ebbe meritati elogi dal Giornale Enciclopedico e dal Giornale Letterario, allora assai diffusi. Inoltre l’Eccellentissimo Magistrato della Sanità di Venezia gli donò una grande medaglia d’oro e sei d’argento con l’effigie della macchina applicata e la scritta: « Humanitatis levamen » (benefattore dell’umanità) da una parte, e la leggenda: « Alberto Pieropan Provisores Salutis Venet. MDCCLXXX » dall’altra. Tanto la descrizione delle due suaccennate macchine, quanto gli esperimenti, le migliorie ed i benefici ottenuti sono ampiamente descritti nei due suddetti giornali ed in alcuni altri di quell’epoca. Nella pubblicazione “Opuscoli scelti sulle scienze e sulle arti”, Milano, Marelli 1780 leggiamo alcune note scritte dallo stesso don Alberto Piero Pan (sic) sulla “Macchina per le fratture” da lui inventata:

MACCHINA per le fratture delle gambe inventata da Don Alberto Piero Pan Vicentino

« §. III  Vantaggi di questa macchina

I. Col beneficio di questa Macchina si può determinare la precisa estensione da farsi nella gamba offesa, quantunque infranta in più luoghi, acciocchè resti uguale alla sana. Quindi non v’è pericolo d’estenderla più del dovere, né di tormentare il povero ammalato senza necessità.
Il. Chirurgo senza aiuto d’altre persone può applicarla con somma facilità all’infranta gamba, e con due sole dita rimetter qualunque frattura anche delle più complicate senza molto dolore.
III. Questa Macchina è atta a ridurre, e conservare le ossa anche delle fratture obblique in un perfetto contatto, ad onta di qualunque movimento proveniente, o dal medicar le piaghe, o dai tremori che accader possono nel sogno, o dal trasportarsi l’infermo da un luogo all’altro, o da altre simili cause.
IV. Se la gonfiezza cagionata dalla frattura non permettesse di far la già determinata quantità dell’estensione in una sola volta, essa può farsi un poco al giorno con sicurezza di non perder l’estensioni parziali antecedentemente fatte; ed intanto la Macchina ci offre un largo comodo di medicar l’enfiatura fino a tanto che ci sia concesso d’arrivare alla precisa estensione.
V. La Macchina opera in modo, che non impedisce la circolazione del sangue; onde l’ammalato risana più presto del solito.
VI. La gamba infranta può essere snudata tutta in una volta, od in parte secondo il bisogno, e può essere alzata dal Chirurgo con una sola mano, cosicchè se in essa vi fossero piaghe, possono esser agevolmente medicate ogni giorno in qualunque sito esse sieno, seza esporsi al pericolo di scompaginare le ossa già rimesse al suo primiero contatto, e di apportar nuovi dolori all’ammalato. »

Terminato l’insegnamento a Vicenza, assieme ai fratelli Antonio e don Giuseppe, nel 1808 Alberto Pieropan acquistò da Giovanni Scipione e Gaetano Dal Ferro circa 50 campi e un complesso di case ad Isole Corso di Montebello (ora di proprietà Villardi) e si dedicò a un’altra sua grande passione, l’agricoltura. In questo ambiente con annesso un Oratorio dedicato a San Girolamo (tutt’ora esistente), ogni giorno i due fratelli Sacerdoti celebravano la Messa. A Isole Corso, Alberto Pieropan morì alla bella età di 91 anni il 29 maggio 1828. Nel suo testamento volle lasciare la bella somma di 1000 Ducati all’abate Giambattista Trecco, suo discepolo, amico e collaboratore, soprattutto per ricambiarlo della devozione e della stima che il Trecco aveva sempre nutrito per lui (da “Nota Biografica su Alberto Pieropan”, Vittoriano Nori, 1987).

Immagine: La Macchina per le fratture delle gambe di Alberto Pieropan (rielaborazione grafica di Umberto Ravagnani).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

FELICE CASTEGNARO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

GIUSEPPE ZORDAN

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

PIERANTONIO COSTA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

IL NOTAIO SPINARDO NARDI

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

PADRE SANDRO DANIELI

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

BORGOLECCO STORY (6)

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

LA MAESTRA GIOCONDA BONOMO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

LA CASARA DEI SANGIOVANNI

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

LA SCUOLA D’ARTE E MESTIERI

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

IL DISERTORE E IL PRETE PATRIOTA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

LE TERMINAZIONI

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

LINO ZECCHETTO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

UN DERAGLIAMENTO SOSPETTO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

LA SOLENNE DEL 1995

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

L’OBELISCO DI SORIO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

UNA VENEZIANA A MONTEBELLO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

L’ANTENATO DEL CASELLO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

UNA DONNA CONTESA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

LA SOLENNE DEL 1950

[183] LA SOLENNE DEL 1950 A MONTEBELLO

Dal diario della Parrocchia di Montebello Vicentino, tenuto da Don Antonio Zanellato che fu Prevosto dal 1919 al 1952, e continuato da Don Mario Cola, Prevosto dal 1953 al 1978, leggiamo la cronaca delle giornate dedicate alla XIV Solenne, nel 1950:

« Domenica 7-maggio-1950
Ore 8.30 arriva S.E. Mons. Antonio Mantiero Vescovo di Treviso (Antonio Mantiero Vescovo di Treviso dal 1936 al 1956. Originario di Novoledo di Villaverla (Vicenza) n.d.r.)
Ore 9.00 Il Vescovo entra in Chiesa e celebra la S. Messa Pontificale (messa generalmente cantata ed officiata da un vescovo n.d.r.) con discorso. I canti sono accompagnati dall’armonium e archi con ottimo effetto. Prima di mezzogiorno S.E. visita le vie Monte GrappaPerosaTrento.
Pomeriggio ore 15.30 Vesperi Pontificali, predica di P. Michelazzo e processione con l’Immagine della Madonna, con canti accompagnati dalla banda cittadina fino al di là del ponte sul Chiampo, girando intorno al distributore di benzina Aquila. Tira il vento che guastò apprestamenti ornamentali di carta, ma non piovve, come avvenne in quell’ora a Vicenza, verso Verona e verso Recoaro. Grande quantità di fedeli di Montebello e paesi circonvicini; all’arrivo la gente si ammassò davanti alla Chiesa, dove S.E. Mons. Vescovo rivolse la sua parola e impartì la Benedizione. Grande movimento di gente per la strada, sul parco giochi. Alla sera programma di Banda e fuochi d’artificio. Durante il giorno fu aperta una pesca di Beneficienza che fece buoni affari. Illuminata la facciata della Chiesa e le case. La sera seguente ancora musica della banda e movimento di persone.

21-maggio-1950 Gli Alpini salgono al castello
A cura della locale sezione Alpini è stato restaurato l’Oratorio di S. Daniele in Castello e al posto della pala di S. Daniele, portata a mano, è stata posta l’immagine della Madonna Ausiliatrice scolpita dal concittadino Peotta Bruno. La sezione Alpini di Montebello con rappresentanze di altri paesi e della città di Vicenza è salita al Castello, accompagnata dalla banda cittadina, dove il Prevosto ha benedetta la nuova statua. Quindi il P. Fanin, ex Cappellano degli Alpini, ha celebrato la S. Messa e tenuto il discorso. Nel pomeriggio nuovo raduno degli Alpini presso l’Oratorio con funzione religiosa e canti. »

Alcuni avvenimenti, in Italia e nel mondo, dell’anno 1950 dal calendario di FRATE INDOVINO:

Santa Pasqua: 9 Aprile – Presidente della Repubblica: Luigi Einaudi.  Papa: Eugenio Pacelli con il nome di Pio XII .

 

DAL MONDO - Leggi tutto...

6 Gennaio Il Regno Unito riconosce la Repubblica Popolare Cinese. La Repubblica di Cina in risposta taglia le relazioni diplomatiche con i britannici
26 Gennaio l’India diventa una repubblica.
1 Aprile L’Italia, su mandato dell’ONU, assume l’amministrazione fiduciaria dell’ex colonia della Somalia.
25 Giugno Ha inizio la Guerra di Corea.
2 Ottobre Dalla penna di Charles M. Schulz, nasce il fumetto Charlie Brown.
21 Ottobre Viene varata in Italia la Legge di riforma agraria che prevede l’espropriazione di terre incolte ai latifondisti e l’assegnazione ai contadini.
4 Novembre Convenzione Europea per la salvaguardia dei Diritti dell’Uomo e delle libertà fondamentali (CEDU).

FILM
1) Eva contro Eva; 2) Un’estate d’amore; 3) Giustizia è fatta; 4) I figli della violenza; 5) Giungla d’asfalto; 6) Non c’è pace fra gli ulivi; 7) La ronde; 8) Totò sceicco; 9) Vita da cani; 10) Napoli milionaria; 11) Viale del tramonto; 12) Una domenica d’agosto.

MUOIONO
21 Gennaio George Orwell, scrittore e giornalista britannico.
27 Agosto Cesare Pavese, scrittore, suicida in un albergo di Torino.

NASCONO
18 Gennaio Dino Meneghin, giocatore di pallacanestro e Gilles Villeneuve, pilota canadese di “Formula 1”.
12 Febbraio Angelo Branduardi, cantante e compositore.
28 Giugno Marco Columbro, presentatore, attore e showman.
9 Luglio Adriano Panatta, campione di tennis.
30 Luglio Gabriele Salvatores, regista cinematografico.
20 Settembre Loredana Berté, cantante.
29 Settembre Loretta Goggi, imitatrice, cantante e conduttrice tv.
30 Settembre Renato Zero, cantautore.
2 Ottobre Antonio Di Pietro, magistrato e uomo politico.
17 Novembre Carlo Verdone, regista, attore e scrittore.

PREMI NOBEL
Pace: Ralph Bunche.
Letteratura: Earl Bertrand Arthur William Russell.
Medicina: Philip Showalter Hench, Edward Calvin Kendall, Tadeus Reichstein.
Fisica: Cecil Frank Powell.
Chimica: Kurt Alder, Otto Paul Hermann Diels.

SPORT
Ciclismo: Bartali vince la Milano-Sanremo; l’asse elvetico Hugo Koblet è il primo straniero a vincere il Giro d’Italia distaccando Gino Bartali di oltre 5 minuti; Ferdi Kubler (svizzero anche lui) si aggiudica il Tour de France.
Sci: Zeno Colò, ad Aspen, vince la Discesa Libera conquistando così il suo secondo Campionato del Mondo.
Motociclismo: Umberto Masetti vince il Titolo Mondiale nella Classe 500 su Gilera.
Calcio: La Juventus vince lo Scudetto; precede Milan e Internazionale. Dopo 12 anni, si rinnova la sfida dei mondiali di calcio intitolata per la prima volta a Jules Rimet; la IV edizione segna il trionfo dell’Uruguay contro il Brasile. I brasiliani vivono la sconfitta come dramma nazionale.
Automobilismo: Nasce il Mondiale della “Formula 1” strutturato su sette gare; la prima gara è vinta da Nino Farina su Alfa Romeo che si aggiudica anche il Gran Premio d’Italia e il Titolo Iridato.

Umberto Ravagnani

XIII e XIV Solenne A Montebello (1945-50)

 

Foto: Foto di gruppo davanti all’arco dell’Aquila il 7 maggio 1950.

(Dal diario di Don Antonio Zanellato e Don Mario Cola – Archivio Parrocchiale di MB. Elaborazione grafica digitale Umberto Ravagnani).

Figura: La copertina del calendario di Frate Indovino del 1950 (APUR – Archivio privato Umberto Ravagnani).

Video: Breve estratto dal cortometraggio “Cartoline che ricordano…” di Umberto Ravagnani.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

 

 

 

 

MONTEBELLANI DEL PASSATO (1)

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

IL CAPITELLO DI SELVA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

IL CAPITELLO DELLA PEROSA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

SANTA MARIA DI MONTEBELLO (2)

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

L’ORATORIO DI SAN GIROLAMO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

VILLA CAPRA A MONTEBELLO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

VILLA FARINA A MONTEBELLO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.

LA CHIESA DI S.EGIDIO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto oppure sulla barra laterale, scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume riccamente illustrato, disponibile presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito. Il libro con la raccolta degli articoli del 2021 è in fase di preparazione e sarà disponibile nelle prossime settimane.