BORGOLECCO STORY (2)

[243] BORGOLECCO STORY (2)

LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)


Lino Timillero dall’Australia ci racconta, in alcune puntate, i ricordi della sua vita a Montebello, quando abitava nella zona di via Borgolecco.
« Cuindese metri pì vanti de la casa de Luigi, ghe jera el Fornaro, ndove che se nava tore el pan e anca el pan biscotto. On poco pì vanti, da che l’altra parte dela strada, ghe stava Arigo. El gavea na sorela e on fradelo, tuti dù pì veci de lù. Anca Arigo el zugava co nialtri. El jera magro come on cavreto ma el corea che nesun podea ciaparlo! Me ricordo ncora desso che so popà el piturava le case. El se metea tute le so robe, penei, busoloti de pitura e de solventi so on careto fato co dò rue de bicicleta, col manego da poder tacarlo ala so bicicleta, e con cuelo el nava a laorare. E xe capità che, na volta, par on paro de setimane, no se gà pì visto nissun! Arigo nol vignea pì a zugare e gnanca a scola. No se vedea pì gnanca so fradelo, so sorela, so mama, e so popà nol nava pì da nisuna parte col so caretin. Lora semo vignù a savere che tuta la famejia jera partia pal Venezuela!!! Se i xe ncora là, che el Signore el ghe vojia on poco de ben! Al giorno de oncò, el Venezuela el xe un dei posti pì bruti par stare on poco da Cristiani. E xe da on puchi de ani che la và senpre pezzo in Venezuela. Tuti, cuei che pole farlo, i zerca de scapar via dal Venezuela! E no xe che i possa nare a star tanto de mejio!!! El secondo de i me fradei, Gioanin, chel xe nato ntel mile novezento e trenta, (1930) el me contava che, ncora prima che mi nasesse, lù el nava a nparare a fare el fornaro. Lì dal fornaro de Via Borgolecco! Stiani, par magnare, se gavea da far de tuto: Gioanin jutava el fornaro e lù el ne dava el pan da magnare. Stavimo ncora ntela casa col porton de fero grande, so la destra dei Giardinetti. Par nar dal fornaro ala matina presto, ghe tocava nare par la stradela e sù fin ala Via Borgolecco. Me fradelo el me contava che la Guerra la nava zà vanti da on ano. El vecio fornaro el gavea on fiolo chel jera partio par la Guerra, ma no se savea gnanca ndove chel jera finio: forse in Grecia o forse in Africa. Cussì, pena che rivava le nove dela matina, el vignea mandà al Comune par vedare se fusse rivà calche letara del fiolo. So le scale del Municipio ghe jera senpre tanta zente a spetare… In tenpo de Guerra la nava male par tuti!!! E son anca vegnù a savere che el toco de Via Borgolecco, che dala Piazza riva fin ala curva ndove che ghe xe la ‘Casa dei Dalmaso’, no la se ciamà pì Via Borgolecco, ma Via Marconi. Cussì, par cuei che no i sà gnente del canbiamento, ghe sarà on poca de confusion!??? Ntel mile novezento e trenta sete (1937), a metà de chel toco de Via Borgolecco, ghe jera la ‘Casa del Fascio’. El diese de Setenbre, co xe stà fati i ‘Funeralì al Generale Giuseppe Vaccari, el ‘Feretro’ el jera rivà da Milano e messo drento ala ‘Casa del Fascio’. A Milano jera zà stà fate le ‘Onoranze’. In Via Borgolecco xe ndà a onorare el Generale Vaccari tuti i Montebelani che volea farlo. Dovemo nmaginarse che se jera in pieno ‘Periodo Fascista’! L’Italia gaveva l’“Impero”!!! E dala Via Borgolecco xe partio el Funerale, co cussì tanti Soldà, e Generali tuti nmucià che i sié cavai che tirava “l’Affusto” del canon co la cassa da Morto sora, i ciapava paura e no se jera boni a tegnerli chieti. Ala parte de drio dela ‘Casa del Fascio’, ghe jera el canpo de Calcio ndove che la ‘Gioventù Fascista’ fasea i esercizi e le marce. E anca i ‘Balilla’ e ‘Figli e le Figlie della Lupa’, Cuando??? Durante el ‘Sabato Fascista’!!! Ntel mile novezento e trenta nove (1939), me popà el xe stà “Richiamato”. El gavea zà cuatro fioi, Vittorio, Gioanin, Luigi e Adelino. E a Bepi ghe gà tocà nare in Albania parché l’Italia la xe ndà a “Invaderla”! Me vien da star male desso, solo a pensarghe! Come gavarala fato me mama a tirar vanti la famejia?!!! Dopo, tanto pì tardi, chel toco lì de Via Borgolecco, el servia anca par fare el ‘Mercà’ ogni Mercore dela setimana. Me ricordo mì. Co laoravo da ‘Pellizzari’, a mezogiorno navo casa a magnare. E pasavo infrà i banchi dei negozianti che scomiziava a metter via le mercanzie. Ghe jera ncora calchedun che girava par far calche afare, ma oramai cuel che jera stà vendù jera stà vendù!!! Me piasaria domandarghe a calche dun de cuei che semo nà scola nsieme se xe vero cuel che i me gà dito del nostro maestro. Silvano, Lorenzo, Luigi, Franco, Roberto, Walter, mi e tanti altri, gavivimo par maestro el signor Perticone. El ne gavea nsegnà cussì ben che, cuando che ghemo fato i esami de cuinta, i dù Maestri de la Commissione i volea Bocciarne tuti. Uno dei Maestri de la Commissione el jera so popà de Lorenzo, e che laltro, el jera me fradelo Gioanin, (nol jera pì nà a fare el fornaro…). Cuel che i me gavea dito, l’ultima volta che jero stà a Montebello, (1988), xe na roba da gnanca credarghe!!! El maestro Perticone nol gavea nissuna licenza Magistrale. La scusa la jera che la Guera e i bonbardamenti ghe gavea fato perdere “tutti li documenti”, “bruciati e dispersi” in Sicilia. Cussì, dala seconda clase, fin ala cuinta, nialtri tusiti de la Via Borgolecco e de le altre Vie del Paese, semo nà a scola dal maestro Perticone e no ghemo nparà n acca stracca. Anca lu, el maestro Perticone, co la so famejia numerosa, el stava de casa in Via Borgolecco. Sol apartamento dela casa Fanfani ndove che stava Roberto. Al piano tera. Co jerimo in cuinta clase, el Governo gavea deciso de fare la Scuola Media Obbligatoria. A Montebello, el Comune no gavea Insegnanti par le Medie. Cussì xe stà fata la VIa Classe Mista, ‘Ad Interim’. Che volea dire: finché no se catava Insegnanti ed Edificio, se dovea fare la VIa Mista. So sorela de Gianni Mazzocco, Dina, la jera una dele tose. La clase la jera n aula vizin a ndove che stava el ‘Bidello’ Conterno, so popà de Paolino. Zà lora i Conterno laorava a far Tombe e conpagnia bela. El fiolo pì vecio se ciamava Claudino, grande, coi caviji rizzi. Dopo ghe jera Luigina e Terenzio, naltra sorela e Paolino. Na volta, parché na Domenega gaveo fato barufa co un dei Fattori che stava de là del Casteleto, co semo nà scola al Luni, calche dun ghe lo gà dito al maestro. Lù, parché el se conosea col maestro Fattori, el gà mandà ciamare la Luigina Conterno parché la me portasse casa. Par castigo! Luigina la conoseva me mama da cuando ca stavimo vizin ai Giardineti, e anca mi che navo a zugare co so fradelo Paolino. Lora, co la gà dovesto portarme casa, stavimo so una de le case de Via Borgolecco, pasà la Ostaria col zugo de le bocce. (Desso lì ghe xe el “Vicolo Vivaldi” de risigo al muro dela casa “ristruturà”!) Me mama no la jera gnanca casa. Luigina la me gà dito de sentarme sol scalin e de dirghe a me mama che me fasea male la panza. E de no dirghe che el maestro el jera mezzo mato! » (continua) (Linus DownUnder – Lino Timillero, Coniston 19-01-2019)

Foto: Il lungo corteo al funerale di Giuseppe Vaccari in Via Borgolecco a Montebello (ora Via Marconi), il 9 settembre 1937 (elaborazione grafica di Umberto Ravagnani).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

GIUSEPPE CEDERLE

[216] GIUSEPPE CEDERLE e l’intitolazione della scuola elementare di Montebello


Sui documenti ufficiali la Scuola Elementare di Montebello Capoluogo non risulta mai intitolata a qualche personaggio importante, né tantomeno, come solitamente si usava, ad un membro della Casa Regnante dei Savoia. Questo fin dalla lontana loro erezione avvenuta nel 1868/69. Bisogna arrivare alla fine della Seconda Guerra Mondiale per trovare un timido accenno di titolazione. Infatti, alla conclusione dell’anno scolastico 1944-45, la maestra Maria De Filippi ved. Crosara, nel redigere la relazione annuale della sua classe Va femminile su carta intestata del Provveditorato degli Studi, alla domanda “Denominazione della Scuola” rispose scrivendo G. Vaccari. L’eroe della Prima Guerra Mondiale era morto pochi anni prima, nel 1937, dopo aver ricoperto la carica di senatore del Regno d’Italia. Forse questa dedica era figlia della medesima imposizione voluta dal Commissario Prefettizio durante il periodo bellico (Repubblica di Salò) anche per il vicino paese di Montecchio Maggiore dove aveva fatto mutare la denominazione della Scuola Elementare da Vittorio Emanuele III° in Ettore Muti, un eroe fascista. Quindi la Scuola Elementare di Montebello, pur non vantando alcuna intitolazione, fu obbligata a chiamarsi col nome del Generale Giuseppe Vaccari. Ma questa nuova situazione dovette durare ben poco, forse solo per alcuni mesi dopo la fine della guerra. Già nel 1947 la Circolare n° 4452 fissò norme e regole per l’intitolazione degli edifici scolastici. La denominazione avveniva previe proposte e pareri di una pletora di funzionari composta da Direttori Scolastici, Prefettura, Sindaci. Il tutto condito con ulteriori pareri del Consiglio Scolastico Provinciale, nulla-osta del Ministero della Pubblica Istruzione e non senza il Decreto finale del Provveditore. Un vero campionario della burocrazia! L’edificio scolastico di Piazzale Mario Cenzi ebbe la sua nuova intitolazione verso la fine del 1953, come ci racconta nel suo “Giornale di Classe” il maestro Giovanni Timillero, che in quello stesso mese di dicembre compiva 23 anni.

Dalla “Cronaca della vita della scuola
« 2 dicembre (1953) – Abbiamo cominciato a preparare la festa dell’intitolazione della nostra scuola alla Medaglia d’Oro Giuseppe Cederle, eroe di Montelungo presso Cassino morto [8 dicembre 1943 – n.d.r.] combattendo contro il nemico. Era un giovane di Azione Cattolica, maestro e studente di lettere a Milano: il suo ideale era l’educazione della gioventù, e già nell’apostolato cattolico dava con entusiasmo la sua vita a tale scopo. Io sebbene più giovane di parecchi anni di lui [sono nato nel 1930 – n.d.r.], lo ricordo bene: sempre allegro, generoso, sorridente, veramente educatore. Il nostro paese, la nostra scuola e noi insegnanti possiamo andare fieri di lui. La cerimonia sarà svolta il giorno 8 c.m. decimo anniversario della sua caduta gloriosa.
La scuola vi parteciperà in massa. Saranno cantati l’Inno di Mameli, il Carso, e un canto per l’occasione, adattando l’aria di un bel canto friulano alle parole scritte dalla signorina Ida Gobbo: li curiamo e prepariamo con fatica, speriamo che riescano bene.
8 dicembre (1953) – Cerimonia dell’intitolazione
Vi hanno partecipato autorità civili, militari, rappresentanze combattentistiche e dei reduci. Era presente anche il nostro Direttore Didattico. Dopo la Santa Messa, tutti ci siamo recati all’edificio scolastico parato a festa. Erano belli i nostri scolari con la coccarda tricolore all’occhiello. Dopo il Sindaco, il collega Maggio ha ricordato la figura dell’eroe e lo ha fatto molto bene.»
Chi era Giuseppe Cederle?
Giuseppe Cederle nacque a Montebello Vicentino, il 16 agosto 1918, da Antonio e Teresa Muraro. Era una famiglia povera la sua, ma molto religiosa. Dei sette figli di Antonio Cederle, Giuseppe era il prediletto e in lui i genitori avevano riposto tutte le loro speranze. Fin da piccolo Giuseppe fu guidato, in particolare dal prevosto don Antonio Zanellato e dai suoi collaboratori, a una vita profondamente cristiana. Così scrisse di lui lo storico montebellano Bruno Munaretto, in un inserto del libro di Padre Fedele Pomes, “Giuseppe Cederle, Storia di un Santo e di un Eroe”: «Giuseppe Cèderle Medaglia d’Oro. Prima Medaglia d’Oro al valor militare concessa in Italia dopo 1’8 settembre 1943. Terza Medaglia d’Oro, in ordine di tempo, venuta a insignire col suo aureo fulgore – dopo quelle di Vaccari e di Cenzi – il civico serto di Montebello eroica. Giuseppe Cèderle: anima grande temprata dalle dure e crude prove della vita; cuor generoso infiammato dalla trina carità di Dio, della Patria, della Famiglia; soldato eroico e pugnace, che affronta e supera gli ostacoli e sfida la morte; simbolo del dovere compiuto fino alla vetta del supremo purpureo sacrificio; fiaccola di libertà illuminante il cammino di questa dolente e risorgente Italia; apostolo di Cristo, di fede salda, di virtù molteplici, suscitatore fecondo di bontà, dì pace e di amore. Tutto questo Giuseppe Cèderle fu e tale fu perché volle. Perciò Egli è stato il miglior artefice di se stesso. Disse una volta: tornerò Eroe o non mi vedrete più. Non è più tornato, ma la gloria ha cinto di lauro la sua fronte pensosa e l’Italia ha inciso il suo bel nome di Eroe nel bronzeo libro della Storia.1
(Dal libro di Ottorino GianesatoUmberto RavagnaniMaria Elena Dalla Gassa « LA “SCUOLA VECCHIA” ELEMENTARE DI MONTEBELLO VICENTINO »)

Note:
1) Vedi anche il racconto “L’Eroe di Montelungo” della scomparsa Silvana Marchetto Fattori nel N° 3 di AUREOS (Dicembre 2002).

Foto:
1) Rara cartolina postale con una breve nota sul sacrificio di Giuseppe Cederle (archivio privato Umberto Ravagnani).
2) Un ritratto di Giuseppe Cederle (1918-1943), ripreso dalla copertina del libro di Padre Fedele Pomes “Giuseppe Cederle, Storia di un Santo e di un Eroe”, Edizioni Il Crocefisso, Roma, 1953 (rielaborazione digitale – APUR Umberto Ravagnani).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

BEVENDO UNA BIRRA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

UN PAPA A MONTEBELLO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.