BORGOLECCO STORY (3)

[248] BORGOLECCO STORY (3)

LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)


Lino Timillero dall’Australia ci racconta, in alcune puntate, i ricordi della sua vita a Montebello, quando abitava nella zona di via Borgolecco.
« Chi che lezze sta storia gà da tegnerse inamente che, mi che scrivo, xe zincuanta dù ani che son in Australia! Tante robe che conto le sò parché me le ricordo. E la Via Pegnare, e del parché che la se ciama cussì, lo so anca mi. Cuando che, dala Via Borgolecco se vardava in sù verso el Castelo, se vedea na Pegnara. Par cuei puchi che no sà cossà che xe na Pegnara, se podaria ciamarla in Italiano: Pino Mediterraneo. Le vegnea piantà parché le fasea le Pegne, e, dale Pegne vignea fora i Pignoi. Stiani, i Pignoi vegnea vendù in giro dapartuto. Chi che gavea schei, come i siori, i li conprava par magnarli in tante maniere. ‘Pasta col Pesto’ la xe conosesta anca desso! Prima dela IIa Guerra, drio ala Via Pegnare, ghe jera tante Pegnare. Le ghe xe ncora desso, tre cuatro, drento ala Villa Miari. Le Pegne de la Pegnara, co le cascava par tera, le vegnea cata sù nte le zeste, anca da Bepi co so fiolo Vittorio. Dopo le vignea portà zò e inmucià so le scansie drio al muro de la baraca ndove che vignea messe le piante de Limonari co rivava l Inverno. Cuando che piovea o co no ghe jera tanto da fare, se sverzea fora le Pegne par tirar fora i Pignoi, par meterli drento a scatole de legno fate aposta. El fatore Bellini el savea ndove mandarli par venderli.
Dopo tri ani de Guerra, cuando che la xe rivà anca a Montebello, xe rivà anca tanti todeschi. Depì de prima. E xe stà taià zò le Pegnare par fare tuti cuei lauri che i todeschi jera drio fabricare dapartuto, par le ‘Difese’ contro Mericani e Inglesi! Desso, ndove che Via Manzoni la scomizia, al incrocio co Via Borgolecco, pì vanti, la gira de cuà e de là e la và sù a ncontrarse co la Via San Francesco. Là scomizia la Via Pegnare! E là vizin jera ndove che se vedea l ultima Pegnara che jera restà in pié! Par finire la strada e fabricare tute che le Palazine che ghe xe in giro so chel posto lì, xe stà tajià l ultima Pegnara!
Cuando che Silvano e mi jerimo sù so la Via Pegnare, e nialtri gavivimo oto, diese ani, no savivimo mia che la strada drio la mura de Ganba se ciamava cussì. Jerimo sù là parché ne piaseva rivare fin sol colmo del Monte e vardare da che laltra parte! Se vedea Zarmeghedo, Montorso e sù fin a Arzegnan e tuti cuei monti de drio. Lì, vizin al Castello, jera stà scavà e ghe jera i Caminamenti. Fati al tempo de la Ia Guerra Mondiale. Parecià se par disgrazia i Austriachi gavesse roto el Fronte sol Pasubio e sul Piave!!! Cuando che volivimo ndare sora al Monte, no ndavimo mia par la strada. Saltavimo la mura lì, vizin casa sua, e ndavimo su, pian pianelo, vardando ogni tanto dala parte de la casa dei Gamba. Cuando che volivimo saltare la mura, gavivimo da star tenti parché, in zerte parte, par sora ghe jera tochi de vero tacà cola malta. Ndove ca jerimo, desso ghe xe Via Galilei, Via Zin e Via Volta, fin soto al Bosco. Là, so cuel Bosco, ghemo visto, dal vero, on porzeleto rizzo!!! E ghe semo stà drio on ora, forse de pì, par zercar de ciaparlo!!! Giravimo, pian pianelo, par no sgrafarse le man e la facia parché jera pieno de russari. Na volta, là, sol Bosco de Gamba, cuasi, cuasi, gavarissimo ciapà on Ghiro. Co lo ghemo visto, el jera soto a on russaro. Silvano el gavea in man on baston (el se lo portava senpre drio), e con cuelo el ghe fasea paura al Ghiro, sbatendo el baston de cuà e de là!!! Nialtri, co lo ghemo visto, se ghemo meravejià! Savivimo che el Ghiro và in giro de note. Ma no volivimo chel ne scapasse come el porzeleto rizzo!!! El Ghiro se jera ranpegà su par na pianta de cassia. Se vedea la bela coa chel gavea. Piena de pelo griso co on poco de maron. Silvano el gà fato on salto. El ghe gà ciapà la coa co tute dò le man: “Lo go ciapà! Lo gò ciapà!!!” el zigava. Inveze ghe xe restà le man piene del pelo de la coa del Ghiro. Ma el Ghiro no lo ghemo pì visto!!! Lora, el Bosco rivava fin ala mura dela Vale e de drio la jera tuta tera dura fa sasso!!! Prima che fusse scomizià la terza casa Fanfani, cuela ndove che semo ndà stare mi e la me famejia, la Via Borgolecco la jera ncora da sfaltare!
Mi me ricordo ben! Cuando che i perseghi se maurava, chi che podea conprarli, i li magnava anca par strada. E dopo i butava via l osso. Sì, l osso del persego! La Festa del Rosario la vien, lora come desso, al sete de Otobre. Me mama la fasea senpre el Scrocante. Come???!
Schei par conprare le mandole no ghin jera! Cussì me mama ne disea, a mi e a me fradelo Albano, de catar sù i ossi dei perseghi e anca cuei dei armelini. Ghe jera dù mesi de tempo! La Via Borgolecco, no sendo sfaltà, jera la pì fazile par vedere on osso de persego o de armelin caminando e vardando par tera!
Co ghe jera bastanza ossi, gavivimo on marteleto, e se metivimo a spacare i ossi de persego e de armelin. Me fradelo scomiziava par primo parché jera fazile farse male i dei! Pal giorno prima de la Festa del Rosario, me mama la catava senpre on poco de zucaro, e no sò come che la fasesse, ma chel scrocante che la fasea el jera cussì bon che mi no ghinò mai magnà de conpagno!!! Se sentia el maretto dele semenze de persego e de armelin. Ma che la parte de zucaro caramelizà che la smisiava co le semenze dei ossi, el ghe dava on gusto cussì bon al scrocante, che anca me fradelo Luigi, chel xe cuà in Australia co mi, el se ricorda ncora anca lù. E lù, sendo nove ani pì vecio de mi, el nava anca lù, col jera picinin, a catar sù i ossi, ma lù el nava sù par Via Vaccari, parché alora stavimo zò ai Giardinetti. La Via Vaccari la jera sfaltà fin ala Canonica. Pì vanti, strada Bianca col giarin da le parte, come la Via Borgolecco. El stradin el contava che no jera mia fazile catare el ludron par sfaltare le strade! Me fradelo Luigi, calche ano fà, col jera pì zovane cuà a Balgownie, ndove chel stava, el gavea provà a farse parfin le ‘Conposte’.
No savì mia cossa che le xe le ‘Conposte’???! Mi co jero toseto, navo su par Via Monte Grappa, che la scomiziava ndove che ghe jera l Ostaria col zugo de le Bocce, par nare in corte de me santolo Scarpareto. Me mandava me mama par tore dò ‘Conposte’. Me santolo el me fasea nare co lù soto ala tezza ndove che ghe jera la tina che gavea drento le ‘Conposte’, in mojia cola Graspia. Le jera dù tochi de na verza tajià a metà e ligà co na stropa de salgaro. La Graspia, la xe fata co la ua, dopo che la jera stà strucà col Torcio. Stiani ghe jera depì contadini che se fasea el vin par tegnerselo so la so Caneva. Lora cuasi tuti gavea el Torcio.
Dopo che l ua jera stà schizzà, la vignea messa drento ala tina nsieme co l acua. Cussì vignea fora la Graspia. I omini che nava a tajiare l erba sui prà col fero da segare, i se portava drio dò tre zuche piene de Graspia. La jera mejio de acua s-ceta!!! E la vignea doparà anca par fare le Conposte. Se tajiava le verze a metà. Se fasea on buso col ciodo e se pasava drento na stropa de salgaro. Se fasea on gropo e le se metea a bagno ntela Graspia. Le saria stà pronte dopo on paro de setimane. E che bone che le jera, cote col museto e calche coezza de mas-cio!!! » (continua) (Linus DownUnder – Lino Timillero, Coniston 26-01-2019)

Foto: Vecchi amici posano in via Borgolecco nel corso di una calda estate dei primi anni ’70 del Novecento (Cortesia Lino Timillero, rielaborazione grafica di Umberto Ravagnani).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

BORGOLECCO STORY (2)

[243] BORGOLECCO STORY (2)

LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)


Lino Timillero dall’Australia ci racconta, in alcune puntate, i ricordi della sua vita a Montebello, quando abitava nella zona di via Borgolecco.
« Cuindese metri pì vanti de la casa de Luigi, ghe jera el Fornaro, ndove che se nava tore el pan e anca el pan biscotto. On poco pì vanti, da che l’altra parte dela strada, ghe stava Arigo. El gavea na sorela e on fradelo, tuti dù pì veci de lù. Anca Arigo el zugava co nialtri. El jera magro come on cavreto ma el corea che nesun podea ciaparlo! Me ricordo ncora desso che so popà el piturava le case. El se metea tute le so robe, penei, busoloti de pitura e de solventi so on careto fato co dò rue de bicicleta, col manego da poder tacarlo ala so bicicleta, e con cuelo el nava a laorare. E xe capità che, na volta, par on paro de setimane, no se gà pì visto nissun! Arigo nol vignea pì a zugare e gnanca a scola. No se vedea pì gnanca so fradelo, so sorela, so mama, e so popà nol nava pì da nisuna parte col so caretin. Lora semo vignù a savere che tuta la famejia jera partia pal Venezuela!!! Se i xe ncora là, che el Signore el ghe vojia on poco de ben! Al giorno de oncò, el Venezuela el xe un dei posti pì bruti par stare on poco da Cristiani. E xe da on puchi de ani che la và senpre pezzo in Venezuela. Tuti, cuei che pole farlo, i zerca de scapar via dal Venezuela! E no xe che i possa nare a star tanto de mejio!!! El secondo de i me fradei, Gioanin, chel xe nato ntel mile novezento e trenta, (1930) el me contava che, ncora prima che mi nasesse, lù el nava a nparare a fare el fornaro. Lì dal fornaro de Via Borgolecco! Stiani, par magnare, se gavea da far de tuto: Gioanin jutava el fornaro e lù el ne dava el pan da magnare. Stavimo ncora ntela casa col porton de fero grande, so la destra dei Giardinetti. Par nar dal fornaro ala matina presto, ghe tocava nare par la stradela e sù fin ala Via Borgolecco. Me fradelo el me contava che la Guerra la nava zà vanti da on ano. El vecio fornaro el gavea on fiolo chel jera partio par la Guerra, ma no se savea gnanca ndove chel jera finio: forse in Grecia o forse in Africa. Cussì, pena che rivava le nove dela matina, el vignea mandà al Comune par vedare se fusse rivà calche letara del fiolo. So le scale del Municipio ghe jera senpre tanta zente a spetare… In tenpo de Guerra la nava male par tuti!!! E son anca vegnù a savere che el toco de Via Borgolecco, che dala Piazza riva fin ala curva ndove che ghe xe la ‘Casa dei Dalmaso’, no la se ciamà pì Via Borgolecco, ma Via Marconi. Cussì, par cuei che no i sà gnente del canbiamento, ghe sarà on poca de confusion!??? Ntel mile novezento e trenta sete (1937), a metà de chel toco de Via Borgolecco, ghe jera la ‘Casa del Fascio’. El diese de Setenbre, co xe stà fati i ‘Funeralì al Generale Giuseppe Vaccari, el ‘Feretro’ el jera rivà da Milano e messo drento ala ‘Casa del Fascio’. A Milano jera zà stà fate le ‘Onoranze’. In Via Borgolecco xe ndà a onorare el Generale Vaccari tuti i Montebelani che volea farlo. Dovemo nmaginarse che se jera in pieno ‘Periodo Fascista’! L’Italia gaveva l’“Impero”!!! E dala Via Borgolecco xe partio el Funerale, co cussì tanti Soldà, e Generali tuti nmucià che i sié cavai che tirava “l’Affusto” del canon co la cassa da Morto sora, i ciapava paura e no se jera boni a tegnerli chieti. Ala parte de drio dela ‘Casa del Fascio’, ghe jera el canpo de Calcio ndove che la ‘Gioventù Fascista’ fasea i esercizi e le marce. E anca i ‘Balilla’ e ‘Figli e le Figlie della Lupa’, Cuando??? Durante el ‘Sabato Fascista’!!! Ntel mile novezento e trenta nove (1939), me popà el xe stà “Richiamato”. El gavea zà cuatro fioi, Vittorio, Gioanin, Luigi e Adelino. E a Bepi ghe gà tocà nare in Albania parché l’Italia la xe ndà a “Invaderla”! Me vien da star male desso, solo a pensarghe! Come gavarala fato me mama a tirar vanti la famejia?!!! Dopo, tanto pì tardi, chel toco lì de Via Borgolecco, el servia anca par fare el ‘Mercà’ ogni Mercore dela setimana. Me ricordo mì. Co laoravo da ‘Pellizzari’, a mezogiorno navo casa a magnare. E pasavo infrà i banchi dei negozianti che scomiziava a metter via le mercanzie. Ghe jera ncora calchedun che girava par far calche afare, ma oramai cuel che jera stà vendù jera stà vendù!!! Me piasaria domandarghe a calche dun de cuei che semo nà scola nsieme se xe vero cuel che i me gà dito del nostro maestro. Silvano, Lorenzo, Luigi, Franco, Roberto, Walter, mi e tanti altri, gavivimo par maestro el signor Perticone. El ne gavea nsegnà cussì ben che, cuando che ghemo fato i esami de cuinta, i dù Maestri de la Commissione i volea Bocciarne tuti. Uno dei Maestri de la Commissione el jera so popà de Lorenzo, e che laltro, el jera me fradelo Gioanin, (nol jera pì nà a fare el fornaro…). Cuel che i me gavea dito, l’ultima volta che jero stà a Montebello, (1988), xe na roba da gnanca credarghe!!! El maestro Perticone nol gavea nissuna licenza Magistrale. La scusa la jera che la Guera e i bonbardamenti ghe gavea fato perdere “tutti li documenti”, “bruciati e dispersi” in Sicilia. Cussì, dala seconda clase, fin ala cuinta, nialtri tusiti de la Via Borgolecco e de le altre Vie del Paese, semo nà a scola dal maestro Perticone e no ghemo nparà n acca stracca. Anca lu, el maestro Perticone, co la so famejia numerosa, el stava de casa in Via Borgolecco. Sol apartamento dela casa Fanfani ndove che stava Roberto. Al piano tera. Co jerimo in cuinta clase, el Governo gavea deciso de fare la Scuola Media Obbligatoria. A Montebello, el Comune no gavea Insegnanti par le Medie. Cussì xe stà fata la VIa Classe Mista, ‘Ad Interim’. Che volea dire: finché no se catava Insegnanti ed Edificio, se dovea fare la VIa Mista. So sorela de Gianni Mazzocco, Dina, la jera una dele tose. La clase la jera n aula vizin a ndove che stava el ‘Bidello’ Conterno, so popà de Paolino. Zà lora i Conterno laorava a far Tombe e conpagnia bela. El fiolo pì vecio se ciamava Claudino, grande, coi caviji rizzi. Dopo ghe jera Luigina e Terenzio, naltra sorela e Paolino. Na volta, parché na Domenega gaveo fato barufa co un dei Fattori che stava de là del Casteleto, co semo nà scola al Luni, calche dun ghe lo gà dito al maestro. Lù, parché el se conosea col maestro Fattori, el gà mandà ciamare la Luigina Conterno parché la me portasse casa. Par castigo! Luigina la conoseva me mama da cuando ca stavimo vizin ai Giardineti, e anca mi che navo a zugare co so fradelo Paolino. Lora, co la gà dovesto portarme casa, stavimo so una de le case de Via Borgolecco, pasà la Ostaria col zugo de le bocce. (Desso lì ghe xe el “Vicolo Vivaldi” de risigo al muro dela casa “ristruturà”!) Me mama no la jera gnanca casa. Luigina la me gà dito de sentarme sol scalin e de dirghe a me mama che me fasea male la panza. E de no dirghe che el maestro el jera mezzo mato! » (continua) (Linus DownUnder – Lino Timillero, Coniston 19-01-2019)

Foto: Il lungo corteo al funerale di Giuseppe Vaccari in Via Borgolecco a Montebello (ora Via Marconi), il 9 settembre 1937 (elaborazione grafica di Umberto Ravagnani).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

BORGOLECCO STORY (1)

[238] BORGOLECCO STORY (1)

LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)


Lino Timillero dall’Australia ci racconta, in alcune puntate, i ricordi della sua vita a Montebello, quando abitava nella zona di via Borgolecco.
« Cari Amici, Par scomiziare la storia dei nialtri tusiti che stavimo nte la via Borgolecco, se gà da dire che jerimo cuasi tuti nati in tempo de Guera o calche ano dopo, 1943, ’44, ’45… Via Borgolecco la gò vista par la prima volta cuando ne gà tocà de fare San Martin. La me famejia la stava so la casa ndove che ghe xe el porton de fero grando, so la destra dei Giardineti. A chel tempo, no ghe jera gnanca na casa de là de la mura che scomiziava tacà al porton e la nava drita fin ala Stradela che desso la se ciama dele Carpane. De cuà ghe jera i Giardineti e de là de la mura ghe jera el Parco de la Villa.

Me popà el fasea el guardian e el giardiniere del Parco. Tanto par darve na idea, na volta, pena finio l’inverno, me popà el me contava chel jera drio sparpajiare on poco de luame vizin a ndove che jera sentà zò la Contessa co le Contessine. Co le gà sentio la spuzza, le gà dito: “Bepi ma sa falo?”, e me popà: “Son drio metere on poco de luame cussì l’erba vien sù bela. “E la Contessa:” Ma el vaga da naltra parte!” E cussi me popà el ga fato! Riva la bela stajion, l’erba scomizia a cresare. Bela,verde, via del posto vizin a ndove che se sentava la Contessa. E la se gà inacorta de la difarenza!!! Co xe pasà par de lì Bepi, la lo gà ciamà: ”Bepi, stano che vien el meta el luame ndove chel vole che se spostaremo nialtre.” E me popà: “Sì Signora Contessa…”. De San Martin del mile novezento e cuaranta siè (1946) semo ndà dala casa fin ala Via Borgolecco par le strade che ghe jera drento ala Villa. Sol carro tirà dal cavalo, ghe jera tute le robe de casa: leti, armari, careghe e la tola par magnare… Tuto cargà sù e ligà che no cascasse gnente. Prima che fusse fata la Via IV Novembre, ndove che la fà incrocio co la Via Borgolecco, ghe jera on porton grando, co la inferià che se verzeva da tute do le parte par far pasare i carri grandi. Da l’altra parte de la Via Borgolecco, ndove che desso se va sù par Via Manzoni, ghe jera naltro porton grando, conpagno de chelaltro, e se pasava par nare in corte da Bellini. Pena drento del porton, lì, sol canton, ghe jera la Vera da Pozzo che xe stà portà sui Giardinetti! E là xe stà portà anca i du pilastri de un porton. Chel altro porton, inferià e tuto el resto, el xe stà messo sola parte de la via IV Novembre, par nar drento a ndove che jera el Canpo dela vecia Casa del Fascio, che, finia la Guerra, xe stà conprà tuto dal vecio Zonin.
Nialtri ne tocava far San Martin parchè i Paroni dela Villa e de tuta la tera, poco dopo finia la Guerra, i gavea vendù fora tuto! Da la mura de Via Borgolecco fin in zima ala Via Pegnare e ala Via San Francesco de desso, e dala mura dela vecia Villa Casarotti fin ala mura ndove che ghe xe Via Volta desso. Tuto vendù!!! El Parco al Moro Fiasca che dopo el ga vendù al Comune. La Villa vendù a tochi a tri cuatro paruni. La tera sù pal monte ai fradei Gamba. De sti fradei, uno nol jera gnanca sposà e chelaltro el gavea cuatro fioi. La casa ndove che ndavimo in afito so la Via Borgolecco, la jera la ultima, passà l’ostaria ndove che jera el zugo de le bocce. La jera tacà co altre tre case co tre famejie difarenti. Dosento metri pì vanti ghe jera altre tre case una tacà l’altra. Là ghe stava me zia Veronica. Mi gavarò vudo du ani. El San Martin xe el me primo ricordo. Poco pì de on ano dopo che stavimo là, me go inacorto che ghe jera na toseta che la jera senpre casa da so nona. Ghemo scominzià a zugare nsieme. La se ciamava Anna Rosa. Cuela che, diventà Signorina, la se gà sposà co Bruno, so fradelo de Silvano e de Sergio (anca de Sandro, ma el jera massa picolo!).
Ndove che la Via Borgolecco la fa come na S, e so la seconda curva scomizia la Via Verdi, là nava vanti la mura co na stradela. Ntrà la mura e l’orto de la casa de Silvano, ghe sarà stà cuatro metri. De drio ala casa de Silvano ghe jera ncora case. Là ghe stava i fradei Filotto. So la curva de la strada ghe jera el rubineto de l’acua. Tuti se nava tore l’acua al rubineto cole sece e col bigolo! El rubineto el vignea sù da par tera, tacà a on toco de piera alta fa mi e sagomà rotonda par sora. Al Inverno bisognava ricordarse de assar verto on poco l’acua parchè se nò la se gavaria jazzà e no saria pì vignù fora acua finche no la se disgiazava! Naltro rubineto conpagno, el jera so la curva ndove ca scomiziava la Via Monte Grappa. Là, co jero pì grandeto che podevo portare el bigolo senza far tocare le sece par tera, navo anca mi a tore l’acua. Me mama tacava le secie sora el seciaro e ghe jera la cazza de rame par bevare. Naltro rubineto conpagno el jera poco distante de ndove che desso ghe xe la Vera da Pozzo sui Giardinetti. Là, co navo da me fradelo Vittorio chel stava ntela corte dei zeolari, zerte volte navo torghe l’acua par me cognà Flavia parchè Giorgio el jera ncora picinin e me nevoda Marianela no la jera ncora nata. So la stradela ndove che stava Silvano, se zugava dele bele partie de calcio. Se metea du sasi par tera ndove che scomiziava la stradela, par fare le porte, e altri du sasi ndove che finiva le case ala parte de cuà de la mura.
I fradei Filotto tirava fora la bala, se fasea le scuadre e se zugava fin che vignea ora de nar magnare ala sera! Luigi el stava on poco pì vanti, pena che se ndrizava la strada. Lù e so fradelo Gaetano, no i zugava tanto co la bala, ma i jera boni a zugare la ‘Porcola’. Par zugare, la ‘Porcola’ jera stà fata de on toco de manego de spazaora. On tochetin curto (diese zentimetri) co le punte par farlo saltare e baterlo col jera pararia doparando on toco de manego lungo poco manco de on metro. Ndove che ghe jera el rubineto, se metea el saso groso chel fasea de bota. Chi che scomiziava par primo, el gavea da batere la ‘Porcola’ al volo. Se calche dun la ciapava par aria cuel che la gavea batù el jera zà fora. Lora bateva chi che gavea ciapà la ‘Porcola’. Ma el pì bravo a zugare a ‘Porcola’ el jera Andrea, so cugin de Luigi. So la Via Borgolecco, verso el Monte Castello, ghe jera na mura alta, dal Porton de la Corte de Bellini, fin ala mura vizin ala casa de Silvano. E da lì, zigazagando, fin sù ndove che desso ghe xe Via Pegnare.
Prima che fusse scomizià la strada nova, (Via IV Novembre) xe stà scomizià a fabricare le prime do Case Fanfani. In fra mezzo, desso ghe xe Via Pedrollo. Dopo xe stà fabricà le case par i mpiegati del Comune: do case par i Maestri e do case par chi che laorava pal Comune. Calche ano dopo, xe stà fabricà la terza Casa Fanfani, dala parte de la curva dela strada. Là, dopo che el paron de la casa ndove che jerimo in afito ghe gà mandà el sfrato a me mama, semo ndà a stare nialtri. No gavivimo altre speranse. Me popà el jera in Svizara a laorare. Me mama la disea sù tarzeti tute le sere, e anca nialtri fioi. La pianzea, e la disea: “Ne tocarà nar dormire soto al Ponte… Madona jutene ti!” Col secondo San Martin, so ndà a stare ncora pì vizin a Luigi e Silvano e Andrea. So le altre do Case Fanfani, ghe stava Roberto so una e Guido stava so chelaltra. De tosete, a parte Anna Rosa, co jero pì picolo, co l’età che gavivimo, nessun savea se le jera al mondo. Le vedivimo co le nava a scola, in Cesa e ale Procesion, ma pal resto, lì ‘ntorno no me ricordo che ghin fusse! Caminando drio la Stradela dele Carpane, se vede ncora la mura vecia dela Villa. On pochetin pì bassa. E la và sù fin che la fà el giro co la riva al Capitelo e dopo la và vanti fin al muro de la vecia Villa, con calche porton par le case che ghe xe là desso. » (continua) (Linus DownUnder – Lino Timillero, Coniston 15-01-2019)

Foto: Uno scorcio di Via Borgolecco a Montebello alla fine degli anni 40 del Novecento. (Elaborazione grafica di Umberto Ravagnani).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

I CACHI E I FLYING-FOX

[232] I CACHI E I FLYING-FOX

LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)


Nel nostro appuntamento mensile, Lino Timillero dall’Australia ci racconta di una ‘chiacchierata’ con un amico di Velo d’Astico, anche lui emigrato in quel lontano Paese:
« Cari Amici, a gò da contarve ca me son catà ‘ncora co cuel sior da Velo d’Astico. ‘Stavolta, l’ocasion xe stà na reunion dei Alpini. El Grupo de Wollongong xe ‘ndà fin a Sydney, e mi me son trovà là par far do ciacole co la conpagnia. Zerte volte, la conpagnia la te tira su de morbin mejio ca on par de biceri de vin bon! Dopo verse dito come ca se stava e conpagnia bela, me son inacorto ca el gavea calcossa sol stomago, come on gropo ca nol ghe ‘ndava xo! Voleo dimandarghe cossa ca ghe jera, ma go spetà par vedare se, pian, pianelo, el se disgropava ciacolando. Come ca fusse gnente, el me dimanda sa go mai visto on ‘Flying-Fox‘?1 “Mi no.” ghe digo, “parché?” “I xe drio a farme diventar mato” dise ‘ncora lu. “Varda ca i go sentii nominare, ma no i go mai visti” ghe digo. “Papastrji! I xe papastrji. Ma grandi! Grandi! Se no te sé cossa ca i xe, cuando ca xe sul’inbrunire, e t’in capita un cal te svola vizin, el te fa vignere on colpo! “Ma cuanto grandi sei?”, ghe dimando mi. “I pol rivare anca fin a on metro e meso co le ale sverte! Te imaginito che bestia? Co la pele come on gato griso, muso nero da ‘possum’, col pelo color de la volpe torno al colo, e le ale nere, ca de note gnanca no i se vede! “(el ’possum’ el và in giro de note anca cuelo, ma co cuatro zate el xe come on gato).
“Ma parché sei drio farte diventar mato?” ghe dimando. (Tanto par capirse par Talian, el se dise: ‘flain fox’, ca vol dire ‘volpe volante’). “Vizin a ndove ca stò de casa, ghe xe el “Lane Cove National Park”. Sto Parco el xe cussì grando ca te pare ca nol finissa pì! El va drio al ‘Lane Cove River’, da indove cal rio scomizia, e fin cal va a finire rento al “Parramatta River” e te si rivà nte la ‘Baia de Sydney’, cuasi soto al ‘Ponte’!
“I ‘Flying-Foxes’ i me fa diventar mato parché, se no stò tanto tento, i me magna fora cuei pochi de perseghi e bronbe ca go de drio e davanti de casa! Lo seto cossa ca vol dire? Te pianti xo i persegari. Te pianti xo le bronbare, ma no la xe gnanca cuela. Prima te ghe da nare a catarli! Ndove veto? A Narellan? A Malgowan? Cuei xe i posti cuà vizin, ndove ca ghe xe le ‘Nursery[vivaio] pì bone. Là se trova de tuto: fiori, piantine de verdure, e anca piante de castagnara, par chi ca le vole. Ma mi, parché zercavo on par de piante de cachi, me ga tocà ndare fin a ‘Bowral’. Seto ndò ca xe ‘Bowral’?” “Sì. Xe vizin a Berrima, ndove ca ghe xe la fabrica de ‘Cemento’,” ghe digo. “A go tanto tribolà par far cresare i cacari. Le bronbare e i persegari, i ga fato presto a tacare e a fiorire. Ma i cacari no i volea saverghene. I cresea a du ramiti e na dozena de foije al ano. Dopo cuatro stajon, a me son dito ca li gavaria cavà su se no i se metea a far fiori. Co i gavea scomisià a perdare le foije, le gavea on colore propio belo rosso, cuasi come le foije de le visele de ua crinta, te ricordito? Li gaveo inluamarà ncora. Ala fine de Lujio gavea piovesto bastansa e, come se i cacari i me gavesse sentio, i gà butà fora i fiori!” “E alora, te saré contento, no.” ghe fasso mi. “Contento par chel poco de fioridura si, ma el primo ano no xe vignesto fora gnanca on caco. Tuti i fiori xe cascà par tera! E ghemo magnà anca puchi perseghi parché xe sta lora ca me go inacorto dei ‘Flying-Foxes’. I vegnea su dal Parco, da ndove ca i se tacava rento le caverne. Se un stava tento, el li vedea vignere su come ca se vedea girare i s-ciapi de storlini ca rivava xo da la Pria Foràco jero ncora a Velo. Ma tanti, da ciapar paura! E le bronbe, me ga tocà magnarle meze crue parché no saveo ndove nare par conprare le rete da metarghe sora le piante. L’ano dopo, na cariolà de luame par le cuatro piante, gira de cuà e de là par catare le reti, e parecia paleti e tubi par cuerzere le piante. Si, jero in pension, ma no voleo mia diventar mato par colpa dei ‘Flying-Foxes’!
A la me dona, i cachi i ghe piase tanto! Par Inglese i se ciama ‘Parsimon’. Ma no xe ca sin cata tanti, al ‘shop’, e i costa anca cariti, e gnanca tanto boni se xe par cuelo.” Gino el vardava in giro ca me parea cal zercasse calche dun ca el conosea. On puchi de Alpini i se gavea inmucià sora al palcheto ndove ca ghe jera cuel ca sonava la Fisarmonica, e i gavea scomizià a cantare le canzon dei Alpini! Par prima: “Sul Ponte di Perati”. “Chi zerchito” ghe dimando? “Son drio vardare sa passa cuel Abruzese ca me gà mostrà ndove nare a catare le rete par le piante. Anca lu, el podaria dirte come ca i xe i ‘Flying-Foxes’ parché xe stà lu a sveiarme fora!”
L’Abruzese nol se vedea e Gino el se ga messo a contarme de come ca le ave le ndava torno ai fiori dei cachi. “Gheto mai vardà come ca i xe fati i fiori dei cachi? No? I xe come canpanele bianche e picole, col risvoltin con zincue, sié puntine. Te dovarissi vedare come ca fa la ava a nar rento sol fiore par ciuciarlo. La se infila drento a la canpanela co la testa, e la se tira sù suito co le zatele. La va su fin inzima ca se vede fora apena el de drio, tirandose rento co le ali e tuto. Co la gà finio con chel fiore, la se urta fora, e la svola suito drento a naltro fiore come ca la fusse drio a laorare a cotimo! E cussi fa anca tute chel’altre ave!!! Na maraveia! La prima volta ca jera vignesti fora i fiori sol cacaro so sta la a vardarli parché no li gaveo mai visti. Le ave le ghe nava in giro ma mi no ghe faseo tanto caso. Dopo na setimana go visto ca i fiori scomiziava a cascare par tera. Saveo ca se cascava el fiore dal Limonaro, cascava anca el limon ca saria dovesto vigner fora da cuel fiore! Inveze, dal cacaro el fiore el se fasea da bianco a maron e el cascava ma el caco el jera xa su, restando tacà al ramo de la pianta par cresare par on sié mesi e farse zalo e pronto da esar magnà! Eco, vidito, dopo tuto el laoro mio e de le ave, no posso mia assarghe a cuei ‘can dal’ostrega dei “Flying-Foxes” a magnarme tuti i cachi! Ti, cossa ghin disito?” “Cossa voto ca tin diga mi! A me ricordo ca al me paese, ghe jera piante de cachi ndove ca i gavea fabricà le case ‘Fanfani’. Ma chi ca le gavesse piantà, o parché proprio cachi, a no lo so mia seto? A me ricordo anca ca i jera picoli e no i se maurava mai!” E lu, Gino, suito el me fa: “El paron dela ‘Nursery’ el me ga sicurà ca la cualità de i me cachi la xe la mejio! E i xe anca bonorivi! Sa semo ncora vivi, par la fine de Marso, o i primi de Aprile, co se cataremo ncora, te li farò saiare!” “Parola?” ghe fasso mi. “Parola”, me dise lu, “e no ghe sarà “Flying-Foxes” o chialtri disgazià de “Possum”, ca i me possa fermare.” “Bravo Gino, cussi se ga da metarla!!!”
E se ghemo bevesto naltro bicere de vin, magnandoghe drio tre cuatro ‘cashews[anacardi], ca le xe pì bone de le bajiie, tanto, Gino el saria ndà casa co la machina del Abruzese, e mi, col bus dei Alpini! » (Linus DownUnder – Lino Timillero, Coniston 14-11-2017)

Note:
1) I Flying-fox (volpi volanti) sono pipistrelli giganti, mammiferi nomadi che viaggiano su e giù per la costa orientale dell’Australia, principalmente lungo la pianura orientale.

Foto: I Flying-fox, anche se un po’ paurosi a vedersi, sono animali intelligenti e straordinari. Questi esseri peculiari aiutano a rigenerare le foreste e mantenere sani gli ecosistemi attraverso l’impollinazione e la dispersione dei semi. È una specie migratrice e nomade su cui molte piante e animali fanno affidamento per la loro sopravvivenza e il loro benessere. (Elaborazione grafica di Umberto Ravagnani).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

EL CORO SORA L’ALTARE

[227] EL CORO SORA L’ALTARE MAGGIORE

LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)


Continua con un altro episodio la storia di Lino Timillero, di qualche settimana fa, del periodo in cui, a Montebello, c’era “el cinema a l’aperto”…

« … E se jera rivà al ’54, come che go dito!!! L ano dopo saria stà ano de Solenne de la Madona!! De Novenbre xe rivà Don Francesco. Dopo on poco chel jera rivà, na matina el xe vegnù ale Scole Elementari. El gavea dimandà de ndare par le classe dei tusiti de nove e diese ani, e, par ultima cuela dei tusi de la cuinta. El dimandava al Maestro de farghe cantare ‘Fratelli d’Italia’, e el se metea a caminare inframeso ai banchi! El gavea on cuaderneto ndove cal scrivea calcossa. Dele volte, el fasea anca cantare ‘Il Piave Mormorava’. Dopo el gà parlà on pochetin col Maestro, e, fate le so ciacole, el xe ndà via. Co jera ora de nar casa, i Maestri ne ga dito, a zerti tusiti, che ale dò de dopo magnà i gavea da ndare al asilo dale Suore che Don Francesco el ne nsegnava a cantare par la Solenne..! No xe mancànissun! Cuà salta fora naltra roba che xe bravi cuei che se ricorda!!! El Coro che jera tacà par aria de drio al Altare Maggiore!! Cuei tusiti che ga cantà la Messa par la Festa della Solenne del 1955 (mile novezento e zincuanta zincue ), xe stà i ultimi a cantare sol Coro tacà sù par aria!! Sù dale Suore, Don Francesco el sonava l Armonio a pedali. Co jera caldo, el suava. Ma nialtri no vedivimo gnente de cuel chel fasea coi sò pié parche jera tuto cuerto da la so tonega!!!Par farne star chieti, vignea el Maestro Gobbo. El se sentava da na parte! Co na ocià de traverso, no se movea nissun!!! Don Francesco ne nsegnava tuto on tochetin ala volta. Tri giorni ala setimana: Marti, Mercore e Zobia.Co ghe parea a lù che gavissimo nparà mezzo Gloria, el ne lo fasea cantare tuto drio man!!! La Messa del Perosi! In Latin!!! El pì difizile xe stà el Credo!!! E ghemo fato le prove fin a Marso del 1955. A metà Cuaresema, navimo a far le prove anca de sera, in Cesa. Do volte ala setimana. Se fasea le prove coi omini! Sù, sol Coro! Là par aria!!! Bepi Crosara jera l’Organista. E Doro Timinelo el doparava la mantesa che fasea aria par l Organo Par nar sol Coro se pasava de drio al Altar Magiore, se nava sù par le scale. Rivà in zima, se nava zò tri scalini e ghe jera la mantesa co dù maneghi lunghi. On poco pì vanti ghe jera naltra porta che la ndava ntel Coro. Zerte volte i omini i se spetava par far nare rento prima i Tenori. Dopo i Baritoni e dopo i Bassi! Ciò!!! No ghe jera mia tanto posto par moverse!!! Nialtri tusiti navimo rento cuando ca volivimo parché pasavimo dapartuto!! Jerimo metà Soprani e metà Contralti. A ne piasea a nar vedere Doro Timinelo tirar sù e zò i maneghi dela mantesa!!! Lora, Don Fracesco, on Sabo, dopo che se jerimo confesà, el ne gà ciamà, nialtri del Coro. El ne gà portà sù davanti ai maneghi dela mantesa. Pian pianelo el ne ga dito che Doro Timinelo, el fasea aria cola mantesa. L’aria la nava drento al Organo. Bepi Crosara tocava i tasti del Organo e se verzea na valvoleta par tasto. Cussì pasava l aria sù par le cane del Organo e vignea fora la Musica!!! Don Francesco el se metea in pié de drio a Bepi Crosara par darne segno de cuando cantare. Fazile ?! Le cane del Organo le jera sconte da on cuadro grando. Co se jera in Cesa, nol parea gnanca vero chel podesse star sù là par aria!!! L Organo de stiani col Coro!!! Na maravejia! E na maravejia xe stà ver vudo Don Francesco a nsegnarne a cantare! La Messa del Perosi! Me la recordo ncora desso!!! In Latin! A zincue voci!!!
E anca el Magnificat, parché navimo a cantare anca i Vesperi par lù, ala Domenega, dopo magnà!!! (cussì, co jerimo pì grandi, se nava a gratis a vedare el Calcio). » (Linus DownUnder – Lino Timillero, Coniston 5-1-2019)

Foto:
1) L’interno della Chiesa Prepositurale nei primi anni ’50 del Novecento. Notare la presenza del coro ligneo a balconata dietro l’altare e la balaustra marmorea che separa la navata dal presbiterio, ora scomparsi (APUR – Archivio privato Umberto Ravagnani).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

EL CINEMA AL APERTO

[222] EL CINEMA AL APERTO DE MONTEBELO
LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)


« Forse calchedun de la me età se ricordarà cuando che vignea fato el Cinema al aperto al Oratorio de Montebelo. Vialtri dirì che no se pole mia!!! Ai primi del 1950, ntrà el muro del Oratorio verso la Canonica e le vecie scole de Dotrina, vizin ala Canonica, no ghe jera gnente inframezo! Lora jera stà spostà anca el Canpo da Calcio. Indrio, verso ndove che ghe xe lasilo desso! Par cuanto cal jera lungo l’Oratorio! Cussì ghe jera on bel tochetin de tera, come on canpeto da Calcio, ndove che zugava i tusiti pì picoli, come mi, Silvano co so fradelo Sergio e anca Luigi co so fradelo Gaetano e chealtri che navimo scola nsieme. Don Giuseppe jera el Capelan. Co navimo al Oratorio, se nava par zugare col balon, come chel conta sol so libro Ernesto Crosara. Verso le 4 Don Giuseppe el vignea fora dala Canonica co na scatola de galete dei Mericani. Come che lo vedivimo, no ghe jera bisogno de ciamarne! Nialtri se fermavimo de zugare col balon e ndavimo de corsa a torse la galeta Mericana! Ogni tanto Don Giuseppe el ne dava anca on giandujioto, on poco dureto, ma bon. Merican anca cuelo, come le galete. Al sabo tuti i tusiti nava a confesarse. Se catavimo dala parte del canpanile, e zugavimo a ciaparse. Cuatro zincue i corea in giro par ciapare i tusi che lora i jera inpegnà e ghe tocava nar a tacarse ala fila, sol canton dela scala che nava sù in Cesa. Corivimo sù pal canpanile, caminavimo sol cornison tuto torno e se nava su e zò par la scala ndove che ghe xe la porta par nar sonare le canpane. Chi che vegnea inpegnà, ghe tocava de star in fila fin che calchedun rivava a dispegnarli! Co vedivimo Don Giuseppe se fermavimo tuti, vinti, trenta tusiti, e se nava rento in Cesa a confesarse! (ghe jera anca el Prevosto e chelaltro Capelan). De Istà, co fasea senpre caldo, finio de confesarse, se scomiziava a portare le careghe dela Cesa sol canpeto ndove che se zugava. Le jera le careghe vece, cuele ncora inpajià. Le metivimo ben in fila. Na sesantina de careghe…! Ghe volea depì de na ora!!! E jerimo tuti tusiti che stava de casa vizin ala Cesa. Co gavivimo finio, a seconda de che Cinema ca vignea fato, Don Giuseppe el ne dava on biljietin, e con cuelo navimo a vedare el Cinema. El Cinema scomiziava pena che vignea scuro. Ghe jera du pali alti vizin al muro del Oratorio. I tegnea sù come on nezolo grando e bianco. Là se vedea el Cinema! Sol muro dele Dotrine vecie, ghe jera on buso rotondo par far vigner fora el Cinema! E ghe jera na porta ndove che i omini ndava su par la scala a far funsionare la machina pal Cinema. Me ricordo che go visto: “Alì Babà e i Cuaranta Ladroni”. A colori!!!! Co Alì Babà chel girava pararia sol so Tapeto Volante nsieme col so Gigante!! Che belo!!!! Nialtri tusiti jerimo sentà davanti e no se ghemo mai nteresà da savere chi che portava indrio le careghe in Cesa! Jera tardi, e gavivimo da nar casa, pieni de sono!!! Dopo, ntel ’54, xe rivà la television!!! La prima volta che la go vista xe stà de sera, rento la botega de ‘Aparechi Eletrichi’ de Zigiotto. Vizin ala Farmacia che ghe jera sol canton dela via Borgoleco, jera stà sverto on toco de muro de na casa. Xe stà fato sù na vetrina. Là se vendea i Aparechi Letrichi. Mi vardavo drento, ma no vedevo mai gnanca on aparechio, letrico o a motore!!! Però, de sera, co no ghe jera nissun in botega, i asava inpizà la Televisione!!! E la gente se inmuciava davanti ala vetrina par vardarla. La Televisione!!! E i ghe assava ai tusiti a metarse davanti!!! E se sentia tuto parchéi gavea messo la voze alta, che la se sentia ben anca de fora, sol marciapié! La Televisione xe stà cuela che no gà pì fato nar vanti el Cinema al aperto!!! Co xe stà scomizià ‘Lascia o Raddoppia’, al Zobia de sera, chi che no gavea la TVu, i ndava al Ostaria a vederla. Le fameie che gavea la Televisione le jera ben poche. E al Zobia le gavea senpre gente che ndava in casa, come co se ndava a filò!!! »
(Linus DownUnder – Lino Timillero, Coniston 5-1-2019)

Foto:
1) Ricostruzione di fantasia dell’episodio raccontato nell’articolo con una scena da “Alì Babà e i quaranta ladroni”, regia di Arthur Lubin, 1944 (a cura del redattore).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

VIVERE IN AUSTRALIA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

I TRI FRADEI DA MONTEBELO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

LINO TIMILLERO RACCONTA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

IL CASTELLO SUL PIATTO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

LA FESTA DEL 25 APRILE

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

RIFLESSIONE SUGLI ABORIGENI

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

LA MAESTRA TERESA BERTOLA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

GLI INCENDI IN AUSTRALIA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

BAMBINI DI MONTEBELLO (2)

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

BAMBINI DI MONTEBELLO (1)

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

LINO TIMILLERO A MONTEBELLO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

IL DOGE ANDREA GRITTI

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

DA MONTEBELLO A WOLLONGONG

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

BEVENDO UNA BIRRA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

QUANDO BASTAVA UN ‘CANFIN’

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

LA STORIA DE TONI E MARIA (3)

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

LA STORIA DE TONI E MARIA (2)

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

LA STORIA DE TONI E MARIA (1)

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

LINO TIMILLERO – SCELTA SOFFERTA

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.