BORGOLECCO STORY (1)

[238] BORGOLECCO STORY (1)

LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)


Lino Timillero dall’Australia ci racconta, in alcune puntate, i ricordi della sua vita a Montebello, quando abitava nella zona di via Borgolecco.
« Cari Amici, Par scomiziare la storia dei nialtri tusiti che stavimo nte la via Borgolecco, se gà da dire che jerimo cuasi tuti nati in tempo de Guera o calche ano dopo, 1943, ’44, ’45… Via Borgolecco la gò vista par la prima volta cuando ne gà tocà de fare San Martin. La me famejia la stava so la casa ndove che ghe xe el porton de fero grando, so la destra dei Giardineti. A chel tempo, no ghe jera gnanca na casa de là de la mura che scomiziava tacà al porton e la nava drita fin ala Stradela che desso la se ciama dele Carpane. De cuà ghe jera i Giardineti e de là de la mura ghe jera el Parco de la Villa.

Me popà el fasea el guardian e el giardiniere del Parco. Tanto par darve na idea, na volta, pena finio l’inverno, me popà el me contava chel jera drio sparpajiare on poco de luame vizin a ndove che jera sentà zò la Contessa co le Contessine. Co le gà sentio la spuzza, le gà dito: “Bepi ma sa falo?”, e me popà: “Son drio metere on poco de luame cussì l’erba vien sù bela. “E la Contessa:” Ma el vaga da naltra parte!” E cussi me popà el ga fato! Riva la bela stajion, l’erba scomizia a cresare. Bela,verde, via del posto vizin a ndove che se sentava la Contessa. E la se gà inacorta de la difarenza!!! Co xe pasà par de lì Bepi, la lo gà ciamà: ”Bepi, stano che vien el meta el luame ndove chel vole che se spostaremo nialtre.” E me popà: “Sì Signora Contessa…”. De San Martin del mile novezento e cuaranta siè (1946) semo ndà dala casa fin ala Via Borgolecco par le strade che ghe jera drento ala Villa. Sol carro tirà dal cavalo, ghe jera tute le robe de casa: leti, armari, careghe e la tola par magnare… Tuto cargà sù e ligà che no cascasse gnente. Prima che fusse fata la Via IV Novembre, ndove che la fà incrocio co la Via Borgolecco, ghe jera on porton grando, co la inferià che se verzeva da tute do le parte par far pasare i carri grandi. Da l’altra parte de la Via Borgolecco, ndove che desso se va sù par Via Manzoni, ghe jera naltro porton grando, conpagno de chelaltro, e se pasava par nare in corte da Bellini. Pena drento del porton, lì, sol canton, ghe jera la Vera da Pozzo che xe stà portà sui Giardinetti! E là xe stà portà anca i du pilastri de un porton. Chel altro porton, inferià e tuto el resto, el xe stà messo sola parte de la via IV Novembre, par nar drento a ndove che jera el Canpo dela vecia Casa del Fascio, che, finia la Guerra, xe stà conprà tuto dal vecio Zonin.
Nialtri ne tocava far San Martin parchè i Paroni dela Villa e de tuta la tera, poco dopo finia la Guerra, i gavea vendù fora tuto! Da la mura de Via Borgolecco fin in zima ala Via Pegnare e ala Via San Francesco de desso, e dala mura dela vecia Villa Casarotti fin ala mura ndove che ghe xe Via Volta desso. Tuto vendù!!! El Parco al Moro Fiasca che dopo el ga vendù al Comune. La Villa vendù a tochi a tri cuatro paruni. La tera sù pal monte ai fradei Gamba. De sti fradei, uno nol jera gnanca sposà e chelaltro el gavea cuatro fioi. La casa ndove che ndavimo in afito so la Via Borgolecco, la jera la ultima, passà l’ostaria ndove che jera el zugo de le bocce. La jera tacà co altre tre case co tre famejie difarenti. Dosento metri pì vanti ghe jera altre tre case una tacà l’altra. Là ghe stava me zia Veronica. Mi gavarò vudo du ani. El San Martin xe el me primo ricordo. Poco pì de on ano dopo che stavimo là, me go inacorto che ghe jera na toseta che la jera senpre casa da so nona. Ghemo scominzià a zugare nsieme. La se ciamava Anna Rosa. Cuela che, diventà Signorina, la se gà sposà co Bruno, so fradelo de Silvano e de Sergio (anca de Sandro, ma el jera massa picolo!).
Ndove che la Via Borgolecco la fa come na S, e so la seconda curva scomizia la Via Verdi, là nava vanti la mura co na stradela. Ntrà la mura e l’orto de la casa de Silvano, ghe sarà stà cuatro metri. De drio ala casa de Silvano ghe jera ncora case. Là ghe stava i fradei Filotto. So la curva de la strada ghe jera el rubineto de l’acua. Tuti se nava tore l’acua al rubineto cole sece e col bigolo! El rubineto el vignea sù da par tera, tacà a on toco de piera alta fa mi e sagomà rotonda par sora. Al Inverno bisognava ricordarse de assar verto on poco l’acua parchè se nò la se gavaria jazzà e no saria pì vignù fora acua finche no la se disgiazava! Naltro rubineto conpagno, el jera so la curva ndove ca scomiziava la Via Monte Grappa. Là, co jero pì grandeto che podevo portare el bigolo senza far tocare le sece par tera, navo anca mi a tore l’acua. Me mama tacava le secie sora el seciaro e ghe jera la cazza de rame par bevare. Naltro rubineto conpagno el jera poco distante de ndove che desso ghe xe la Vera da Pozzo sui Giardinetti. Là, co navo da me fradelo Vittorio chel stava ntela corte dei zeolari, zerte volte navo torghe l’acua par me cognà Flavia parchè Giorgio el jera ncora picinin e me nevoda Marianela no la jera ncora nata. So la stradela ndove che stava Silvano, se zugava dele bele partie de calcio. Se metea du sasi par tera ndove che scomiziava la stradela, par fare le porte, e altri du sasi ndove che finiva le case ala parte de cuà de la mura.
I fradei Filotto tirava fora la bala, se fasea le scuadre e se zugava fin che vignea ora de nar magnare ala sera! Luigi el stava on poco pì vanti, pena che se ndrizava la strada. Lù e so fradelo Gaetano, no i zugava tanto co la bala, ma i jera boni a zugare la ‘Porcola’. Par zugare, la ‘Porcola’ jera stà fata de on toco de manego de spazaora. On tochetin curto (diese zentimetri) co le punte par farlo saltare e baterlo col jera pararia doparando on toco de manego lungo poco manco de on metro. Ndove che ghe jera el rubineto, se metea el saso groso chel fasea de bota. Chi che scomiziava par primo, el gavea da batere la ‘Porcola’ al volo. Se calche dun la ciapava par aria cuel che la gavea batù el jera zà fora. Lora bateva chi che gavea ciapà la ‘Porcola’. Ma el pì bravo a zugare a ‘Porcola’ el jera Andrea, so cugin de Luigi. So la Via Borgolecco, verso el Monte Castello, ghe jera na mura alta, dal Porton de la Corte de Bellini, fin ala mura vizin ala casa de Silvano. E da lì, zigazagando, fin sù ndove che desso ghe xe Via Pegnare.
Prima che fusse scomizià la strada nova, (Via IV Novembre) xe stà scomizià a fabricare le prime do Case Fanfani. In fra mezzo, desso ghe xe Via Pedrollo. Dopo xe stà fabricà le case par i mpiegati del Comune: do case par i Maestri e do case par chi che laorava pal Comune. Calche ano dopo, xe stà fabricà la terza Casa Fanfani, dala parte de la curva dela strada. Là, dopo che el paron de la casa ndove che jerimo in afito ghe gà mandà el sfrato a me mama, semo ndà a stare nialtri. No gavivimo altre speranse. Me popà el jera in Svizara a laorare. Me mama la disea sù tarzeti tute le sere, e anca nialtri fioi. La pianzea, e la disea: “Ne tocarà nar dormire soto al Ponte… Madona jutene ti!” Col secondo San Martin, so ndà a stare ncora pì vizin a Luigi e Silvano e Andrea. So le altre do Case Fanfani, ghe stava Roberto so una e Guido stava so chelaltra. De tosete, a parte Anna Rosa, co jero pì picolo, co l’età che gavivimo, nessun savea se le jera al mondo. Le vedivimo co le nava a scola, in Cesa e ale Procesion, ma pal resto, lì ‘ntorno no me ricordo che ghin fusse! Caminando drio la Stradela dele Carpane, se vede ncora la mura vecia dela Villa. On pochetin pì bassa. E la và sù fin che la fà el giro co la riva al Capitelo e dopo la và vanti fin al muro de la vecia Villa, con calche porton par le case che ghe xe là desso. » (continua) (Linus DownUnder – Lino Timillero, Coniston 15-01-2019)

Foto: Uno scorcio di Via Borgolecco a Montebello alla fine degli anni 40 del Novecento. (Elaborazione grafica di Umberto Ravagnani).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

LA CHIESA DI SAN FRANCESCO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

LE PIETRE PARLANO

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.

PROVERBI E MODI DI DIRE (1)

 

⁕  AREA RISERVATA  ⁕

Per visualizzare questo articolo è necessario registrarsi o accedere con le proprie credenziali. La registrazione è semplice e gratuita: dal menu in alto a destra scegliere AREA RISERVATAREGISTRAZIONE, inserire i  propri dati e premere su REGISTRAZIONE. In breve tempo verrà approvata la vostra richiesta e, quindi, potrete entrare nell'area riservata con ACCEDI usando l'indirizzo e-mail e la password scelti nella fase precedente.

Gli articoli dal 2001 al 2020 compreso sono stati raccolti in un volume, riccamente illustrato, disponibile su prenotazione presso la nostra redazione (AUREOS 2001-2020) e sono ancora consultabili online previa registrazione al sito.