RIMEDI DEL CINQUECENTO (5)

[76] SUGGERIMENTI DELLA SECONDA META’ DEL β€˜500 PER MIGLIORARE LA VITA
DAGLI ATTI DEL NOTAIO CRISTOFANO SQUAQUARA DI BRENDOLA (1)

A far orinare uno cavallo che non podesse orinare: toli de laqua chiara et fala turbida (?) et cosΓ¬ turbida dala a bere al cavalo et subito orinerΓ  Per fare orinare un cavallo che non potesse orinare: prendi dell’acqua limpida e rendila torbida e cosΓ¬ torbida dalla da bere al cavallo che subito orinerΓ .
A cazar le mosche: togli sugo de pimpinella et ongi con quella una frascha et quando (le) mosche li andarΓ  sopra tute moriranno. Per eliminare le mosche: prendi il succo della pimpinella (nel vicentino chiamata β€œgraspia” ossia il vino scadente ed annacquatoΒ  ottenuto dalla ulteriore spremitura delle vinacce) e con quella bagna una frasca e quando le mosche vi si poseranno moriranno immediatamente.
A far che uno se pisasi soto demodo Β guarire: recipi semenze de ortige et fane polvere et impastale in una fugaza et dane a mangiare alla creatura per quindeze giorni continui, uno poco ala matina et guarirΓ . Per far guarire una persona che si facesse la pipΓ¬ addosso: prendi dei semi di ortica e riducili in polvere e la detta impastala in una focaccia e danne da mangiare alla creatura per quindici giorni consecutivi, un po’ alla mattina e guarirΓ .
A far colla fortissima: recipi calzina viva spolverizzata et distemperala cun oglio de lino et formi cola … bonissima Per fare della colla fortissima: prendi della calce viva in polvere e fai una miscela con olio di lino, ottieni cosΓ¬ una colla buonissima.
Rimedio al morbo: recipe aceto forte, aqua rosa et zafarano et arsenico e misciala ogni cosa insieme et continuamente bagna dove ai el male et guarirai. Rimedio al morbo (peste): prendi aceto forte, acqua di rose, zafferano e arsenico e fai una miscela, bagna continuamente dove hai il male, guarirai.
A guarir el mal de la smilza: toli tri fruti cio(Γ¨) tri grani di hedera negri et legali in una peza di lino cun uno filo adoso uno che tema il mal di smilza e sanerΓ  Per guarire il dolore alla milza: prendi tre frutti ossia tre grani neri di edera e legali in una pezza di lino addosso ad uno che soffra del male alla milza e risanerΓ .
A guarire una resipilla: toli del sugo di latuga et meschialo cun late di dona et bagna dove Γ¨ il male et guarirai – et il simile fa la porcigiola fata impiastro et missa sopra. Per guarire una erisipela o risipola: prendi del succo di lattuga e mescolalo con del latte di donna e bagna dove c’è l’infiammazione e guarirai – lo stesso effetto fa la porcigiola ridotta in poltiglia e messa sopra la parte malata.

NOTA

La erisipola Γ¨ una infiammazione della pelle dovuta a streptococchi ed accompagnata da febbre. Come giΓ  spiegato in altro riquadro, la porcigiola o perzigiola dovrebbe essere la Porcellana o erba-masciara.

Β A far dormir uno: ungilli el fronte cun sugo de latuga. Per far dormire una persona: ungi la sua fronte con succo di lattuga.

Varie e diverse sorte de medicineΒ  da le verze:
(1) bevendo el brodo de verza cun dolze vino provoca el mestruo a la dona,
(2) mangiando verze cote a digiuno si sana li tisichi,
(3) metendo verze pestate cun el suo brodo cote e rafredate sopra le ferite li dΓ  grande refrigerio

Vari e diversi tipi di medicine ottenuti dalle verze:
(1) bere il brodo di verza unito a vino dolce provoca alla donna le mestruazioni,
(2) mangiando verze cotte a digiuno gli ammalati di tisi si sanano,
(3) mettendo verze pestate con il loro brodo cotte e raffreddate sopra le ferite danno un grande refrigerio.

Continua nel n. (6) …
Ottorino Gia
nesato (Miscellanea 2018)

CuriositΓ : i Greci conoscevano giΓ  il cavolo-verza e lo consideravano sacro; anche i Romani lo utilizzavano per curare molte malattie e lo mangiavano crudo, prima dei ricorrenti banchetti, per assimilare meglio il vino.

Note:
(1) Il notaio Cristofano Squaquara di Brendola (ma rogava anche a Montebello) inserΓ¬ questi appunti tra gli atti che vanno dall’anno 1556 al 1574.

Figura: La verza, da sempre rimedio per molti malanni (a cura del redattore).

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiositΓ , proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACEΒ 
Oppure lascia un commento qui sotto …

DALLE PAROLE ALLE ARMI

[74] I TRAGHETTATORI DEL GUA’
DALLE PAROLE ALLE ARMI

Gaspare figlio di β€œGobo” de’ Valentini di Montebello fu denunciato dal Decano del suo paese. VenerdΓ¬ 7 Maggio 1546 (?) il denunciato con altri sconosciuti e il fu Nadalino del fu Bernardino Fontana de’ Valentini nella contrΓ  del GuΓ  ossia Ponte, fecero societΓ  conducendo e aiutando i passanti a guadare il fiume.
In seguito a baruffa, dopo le parole vennero alle armi nei pressi della chiesa di san Zilio (Sant’Egidio). Gaspare armato di picca e Nadalino di forca si fronteggiarono. Il primo colpΓ¬ il suo antagonista al petto uccidendolo e dandosi poi alla fuga. Gaspare fu bandito in perpetuo.

Ottorino Gianesato (BBVi – RASPE CRIMINALI del ‘500 – Busta nΒ° 1131 dal 1546 al 1559)

Figura: Ricostruzione di fantasia dell’episodio narrato nell’articolo (a cura del redattore).

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiositΓ , proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACEΒ 
Oppure lascia un commento qui sotto …