BORGOLECCO STORY (1)

[238] BORGOLECCO STORY (1)

LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)


Lino Timillero dall’Australia ci racconta, in alcune puntate, i ricordi della sua vita a Montebello, quando abitava nella zona di via Borgolecco.
« Cari Amici, Par scomiziare la storia dei nialtri tusiti che stavimo nte la via Borgolecco, se gà da dire che jerimo cuasi tuti nati in tempo de Guera o calche ano dopo, 1943, ’44, ’45… Via Borgolecco la gò vista par la prima volta cuando ne gà tocà de fare San Martin. La me famejia la stava so la casa ndove che ghe xe el porton de fero grando, so la destra dei Giardineti. A chel tempo, no ghe jera gnanca na casa de là de la mura che scomiziava tacà al porton e la nava drita fin ala Stradela che desso la se ciama dele Carpane. De cuà ghe jera i Giardineti e de là de la mura ghe jera el Parco de la Villa.

Me popà el fasea el guardian e el giardiniere del Parco. Tanto par darve na idea, na volta, pena finio l’inverno, me popà el me contava chel jera drio sparpajiare on poco de luame vizin a ndove che jera sentà zò la Contessa co le Contessine. Co le gà sentio la spuzza, le gà dito: “Bepi ma sa falo?”, e me popà: “Son drio metere on poco de luame cussì l’erba vien sù bela. “E la Contessa:” Ma el vaga da naltra parte!” E cussi me popà el ga fato! Riva la bela stajion, l’erba scomizia a cresare. Bela,verde, via del posto vizin a ndove che se sentava la Contessa. E la se gà inacorta de la difarenza!!! Co xe pasà par de lì Bepi, la lo gà ciamà: ”Bepi, stano che vien el meta el luame ndove chel vole che se spostaremo nialtre.” E me popà: “Sì Signora Contessa…”. De San Martin del mile novezento e cuaranta siè (1946) semo ndà dala casa fin ala Via Borgolecco par le strade che ghe jera drento ala Villa. Sol carro tirà dal cavalo, ghe jera tute le robe de casa: leti, armari, careghe e la tola par magnare… Tuto cargà sù e ligà che no cascasse gnente. Prima che fusse fata la Via IV Novembre, ndove che la fà incrocio co la Via Borgolecco, ghe jera on porton grando, co la inferià che se verzeva da tute do le parte par far pasare i carri grandi. Da l’altra parte de la Via Borgolecco, ndove che desso se va sù par Via Manzoni, ghe jera naltro porton grando, conpagno de chelaltro, e se pasava par nare in corte da Bellini. Pena drento del porton, lì, sol canton, ghe jera la Vera da Pozzo che xe stà portà sui Giardinetti! E là xe stà portà anca i du pilastri de un porton. Chel altro porton, inferià e tuto el resto, el xe stà messo sola parte de la via IV Novembre, par nar drento a ndove che jera el Canpo dela vecia Casa del Fascio, che, finia la Guerra, xe stà conprà tuto dal vecio Zonin.
Nialtri ne tocava far San Martin parchè i Paroni dela Villa e de tuta la tera, poco dopo finia la Guerra, i gavea vendù fora tuto! Da la mura de Via Borgolecco fin in zima ala Via Pegnare e ala Via San Francesco de desso, e dala mura dela vecia Villa Casarotti fin ala mura ndove che ghe xe Via Volta desso. Tuto vendù!!! El Parco al Moro Fiasca che dopo el ga vendù al Comune. La Villa vendù a tochi a tri cuatro paruni. La tera sù pal monte ai fradei Gamba. De sti fradei, uno nol jera gnanca sposà e chelaltro el gavea cuatro fioi. La casa ndove che ndavimo in afito so la Via Borgolecco, la jera la ultima, passà l’ostaria ndove che jera el zugo de le bocce. La jera tacà co altre tre case co tre famejie difarenti. Dosento metri pì vanti ghe jera altre tre case una tacà l’altra. Là ghe stava me zia Veronica. Mi gavarò vudo du ani. El San Martin xe el me primo ricordo. Poco pì de on ano dopo che stavimo là, me go inacorto che ghe jera na toseta che la jera senpre casa da so nona. Ghemo scominzià a zugare nsieme. La se ciamava Anna Rosa. Cuela che, diventà Signorina, la se gà sposà co Bruno, so fradelo de Silvano e de Sergio (anca de Sandro, ma el jera massa picolo!).
Ndove che la Via Borgolecco la fa come na S, e so la seconda curva scomizia la Via Verdi, là nava vanti la mura co na stradela. Ntrà la mura e l’orto de la casa de Silvano, ghe sarà stà cuatro metri. De drio ala casa de Silvano ghe jera ncora case. Là ghe stava i fradei Filotto. So la curva de la strada ghe jera el rubineto de l’acua. Tuti se nava tore l’acua al rubineto cole sece e col bigolo! El rubineto el vignea sù da par tera, tacà a on toco de piera alta fa mi e sagomà rotonda par sora. Al Inverno bisognava ricordarse de assar verto on poco l’acua parchè se nò la se gavaria jazzà e no saria pì vignù fora acua finche no la se disgiazava! Naltro rubineto conpagno, el jera so la curva ndove ca scomiziava la Via Monte Grappa. Là, co jero pì grandeto che podevo portare el bigolo senza far tocare le sece par tera, navo anca mi a tore l’acua. Me mama tacava le secie sora el seciaro e ghe jera la cazza de rame par bevare. Naltro rubineto conpagno el jera poco distante de ndove che desso ghe xe la Vera da Pozzo sui Giardinetti. Là, co navo da me fradelo Vittorio chel stava ntela corte dei zeolari, zerte volte navo torghe l’acua par me cognà Flavia parchè Giorgio el jera ncora picinin e me nevoda Marianela no la jera ncora nata. So la stradela ndove che stava Silvano, se zugava dele bele partie de calcio. Se metea du sasi par tera ndove che scomiziava la stradela, par fare le porte, e altri du sasi ndove che finiva le case ala parte de cuà de la mura.
I fradei Filotto tirava fora la bala, se fasea le scuadre e se zugava fin che vignea ora de nar magnare ala sera! Luigi el stava on poco pì vanti, pena che se ndrizava la strada. Lù e so fradelo Gaetano, no i zugava tanto co la bala, ma i jera boni a zugare la ‘Porcola’. Par zugare, la ‘Porcola’ jera stà fata de on toco de manego de spazaora. On tochetin curto (diese zentimetri) co le punte par farlo saltare e baterlo col jera pararia doparando on toco de manego lungo poco manco de on metro. Ndove che ghe jera el rubineto, se metea el saso groso chel fasea de bota. Chi che scomiziava par primo, el gavea da batere la ‘Porcola’ al volo. Se calche dun la ciapava par aria cuel che la gavea batù el jera zà fora. Lora bateva chi che gavea ciapà la ‘Porcola’. Ma el pì bravo a zugare a ‘Porcola’ el jera Andrea, so cugin de Luigi. So la Via Borgolecco, verso el Monte Castello, ghe jera na mura alta, dal Porton de la Corte de Bellini, fin ala mura vizin ala casa de Silvano. E da lì, zigazagando, fin sù ndove che desso ghe xe Via Pegnare.
Prima che fusse scomizià la strada nova, (Via IV Novembre) xe stà scomizià a fabricare le prime do Case Fanfani. In fra mezzo, desso ghe xe Via Pedrollo. Dopo xe stà fabricà le case par i mpiegati del Comune: do case par i Maestri e do case par chi che laorava pal Comune. Calche ano dopo, xe stà fabricà la terza Casa Fanfani, dala parte de la curva dela strada. Là, dopo che el paron de la casa ndove che jerimo in afito ghe gà mandà el sfrato a me mama, semo ndà a stare nialtri. No gavivimo altre speranse. Me popà el jera in Svizara a laorare. Me mama la disea sù tarzeti tute le sere, e anca nialtri fioi. La pianzea, e la disea: “Ne tocarà nar dormire soto al Ponte… Madona jutene ti!” Col secondo San Martin, so ndà a stare ncora pì vizin a Luigi e Silvano e Andrea. So le altre do Case Fanfani, ghe stava Roberto so una e Guido stava so chelaltra. De tosete, a parte Anna Rosa, co jero pì picolo, co l’età che gavivimo, nessun savea se le jera al mondo. Le vedivimo co le nava a scola, in Cesa e ale Procesion, ma pal resto, lì ‘ntorno no me ricordo che ghin fusse! Caminando drio la Stradela dele Carpane, se vede ncora la mura vecia dela Villa. On pochetin pì bassa. E la và sù fin che la fà el giro co la riva al Capitelo e dopo la và vanti fin al muro de la vecia Villa, con calche porton par le case che ghe xe là desso. » (continua) (Linus DownUnder – Lino Timillero, Coniston 15-01-2019)

Foto: Via Borgolecco a Montebello alla fine degli anni 40 del Novecento. (Elaborazione grafica di Umberto Ravagnani).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

LA CHIESA DI SAN FRANCESCO

[10] GHE GERA ‘NA VOLTA (1)
La Chiesa di San Francesco (secolo XIII)

All’inizio di via San Francesco, la continuazione di via Castello che sale verso il monte, vi è un grande edificio a forma di “L”, conosciuto come “ex asilo infantile”, che fu costruito nel 1912 nel luogo dove sorgeva l’antica Chiesa di San Francesco. Lo storico montebellano Bruno Munaretto, nelle sue “Memorie storiche di Montebello Vicentino“, pubblicate nel 1932, ci racconta così le vicende che hanno interessato questo secolare edificio religioso:
« Il più antico documento riguardante la demolita chiesa di S. Francesco, la quale sorgeva sull’area oggidì occupata dall’Asilo Infantile, è un testamento fatto in Montebello da “Giacomo quondam Domini Cozie de Montebello Civis Vicetie” il 31 marzo 1419. Da quel documento riportato da Padre Maccà nella sua storia del Territorio Vicentino, si ricava che questa chiesa, in quei tempi, era ufficiata da un cappellano e che ivi la famiglia Cozza, a cui spettava il diritto di patronato, aveva la tomba di famiglia. Senonchè la chiesa di S. Francesco, che allora era dedicata a S. Zenone, verso il 1461 si trovava priva di ufficiatura e per di più in rovina, per cui il Nobile Bartolomeo Cozza, a nome anche del fratello Daniele, con atto notarile del 9 aprile 1461, la cedeva ai frati riformati di Padova. » … « I frati minori però presero possesso della chiesa e dei beni di S. Zenone solo quando la Sede Apostolica diede loro la facoltà di erigersi il Convento, ciò che avvenne il 3 agosto 1463. » … « Fu allora che i frati minori, con le oblazioni dei Montebellani, non solo ampliarono la chiesa di S. Zenone, che vollero però dedicare al Patriarca S. Francesco, ma innalzarono pure il campanile ed allargarono la casa ad uso dell’Ospizio. » … « I padri minori Conventuali tennero questa chiesa e il convento fino al 1656.
Infatti la Veneta Repubblica, avendo bisogno di denaro per sostenere la guerra di Candia, ancora nell’anno precedente, aveva supplicato ed ottenuto dal S. Padre la concessione dei beni di alcuni conventi, per cui, in quella occasione, il convento di S. Francesco fu tra i colpiti e con breve di S. S. Alessandro VII, in data del 29 aprile 1656 fu soppresso. » … « Il 10 settembre di quell’anno la signora Maria Ferrazza del fu Alvise acquistava per la somma di 700 ducati l’Ospizio di S. Francesco con rive e orto annessi e cinque campi che possedeva, nonchè vari livelli in genere ed in denaro. Essa inoltre assumeva per sè e per gli eredi gli obblighi suddetti, impegnandosi pure di far celebrare ogni anno 62 Sante Messe. Quindi il diritto di patronato dai padri Minori Conventuali passò nella compratrice Maria Ferrazza alla quale, circa il 1663, successe nella proprietà della chiesa e dei beni annessi il signor Tommaso Castellani fu Francesco. Morto questi tanto la chiesa che il Convento passarono per eredità alla signora Apollonia Castellani che nel 1696 era andata sposa a Francesco Conforti fu Albanio per cui da allora i diritti e gli onori di iuspatronato della chiesa di S. Francesco rimasero nei discendenti di Francesco Conforti i quali però non sempre adempirono i loro obblighi patronali. Così ad esempio, nel 1743, i Conforti non fecero suonare le campane al passaggio delle processioni, e, nel pomeriggio del giorno di S. Rocco, nel 1745, chiusero la chiesa impedendo così le Funzioni serotine in onore di quel Santo. Ma la Comunità di Montebello in queste, come in altre circostanze, fu sempre sollecita nel rivendicare ai parrocchiani il diritto di usufruire del culto della chiesa di S. Francesco.
Frattanto nel 1762 il campanile, essendo stato colpito da un fulmine minacciava rovina, per cui Don Albanio Conforti, quale compatrono, pur riconoscendo che l’obbligo dei necessari restauri incombeva ai Conforti, tuttavia fece domanda ai Governatori della Comunità affinchè una parte della spesa, e cioè quella della guglia che difendeva l’orologio, fosse sostenuta dal Comune. La ragione per cui Don Albanio fece tale istanza va attribuita al fatto che la guglia difendeva l’orologio il quale era di proprietà del comune e perciò quanto chiedeva gli fu accordato. Ma se in quella occasione il campanile fu salvato da certa rovina, non così potè avvenire nel 1908, perchè il compatrono Ciro Conforti dovette farlo demolire d’ordine del Municipio, perchè ogni restauro era inutile ad una torre così vetusta e che da un momento all’altro minacciava di crollare.
Anche la chiesa, al principio del nostro secolo, versava in condizioni disastrose, perchè i Conforti non avevano eseguito quei lavori di restauro che per vetustà richiedeva. Essa perciò fu chiusa al culto Divino ed i Montebellani furono privati del diritto di frequentarla. Fu allora che il Prevosto Don Giuseppe Capovin fece citare davanti al R. Tribunale Civile e penale di Vicenza i signori Conforti per l’adempimento degli obblighi patronali. » Il Tribunale diede ragione a don Capovin obbligando i Conforti ad eseguire tutti i lavori di manutenzione necessari … « Quindi i Conforti, vista la mala parata, cedettero la chiesa al Prevosto Capovin il quale non solo vagheggiava di restaurarla e di riaprirla al culto Divino, ma pensava pure di ricostruire il caratteristico campanile.
Purtroppo nell’aprile di quell’anno il Capovin moriva ed a lui succedeva don Domenico Giarolo. Questi però, anzichè attuare il progetto del suo predecessore, fece demolire la storica chiesa per costruirvi l’Asilo Infantile opera benefica e filantropica quanto si vuole, ma che si poteva erigere in altro luogo, dato che a Montebello le belle posizioni non mancano. »

(U.R. dal N° 1 di AUREOS – Dicembre 2001)

Figura: cartolina della fine del 1800 (collezione privata del redattore).
Se l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE su FACEBOOK

LE PIETRE PARLANO

[9] LE PIETRE PARLANO

Nel castello dei Maltraversi, oggi proprietà Dal Maso, sono stati individuati due frammenti di lapidi romane, riutilizzate rovesce come architravi di feritoie nella ricostruzione del manufatto difensivo operata dagli Scaligeri, signori di Verona.
I componenti dell’Associazione “Amici di Montebello” hanno rilevato col sistema del “frattage” (sic) e delle fotografie le due iscrizioni che sono state esaminate dal Professore Alfredo Buonopane, docente di Epigrafia latina dell’Università di Verona. Si è potuto leggere su un frammento il nome di un anonimo Sempronio e, sull’altro, quelli di Galla e Stabilione, della famiglia dei Saloni, che i figli commemorarono nella lapide sepolcrale. Come ha spiegato il Professore Buonopane nella conferenza organizzata dagli “Amici di Montebello” e dall’Assessorato alla Cultura, la corrispondenza del nome gentilizio tra i due coniugi, in una realtà come quella romana, in cui la donna conservava il patronimico anche da sposata, lascia supporre una loro condizione di liberti, cioè ex schiavi dei Saloni. I liberti quasi sempre conservavano all’interno delle grandi famiglie funzioni amministrative di fiducia.
La loro presenza a Montebello, attestata dalla sepoltura si trovava presumibilmente lungo l’antica via Postumia, il cui tracciato corrispondeva all’incirca con la via principale del paese, suggerisce l’esistenza del territorio di grandi proprietà terriere della famiglia dei Saloni, la più importante della Vicenza romana essendo imparentata con l’imperatore Adriano. Si aprono in tal modo ipotesi su un’organizzazione fondiaria latifondista, che hanno tuttavia bisogno di essere verificate con ulteriori riscontri oggettivi. Ci si augura che altre tracce ed altre “pietre” possano essere segnalate, per meglio comprendere la realtà del passato, che interessa un numero non esiguo di persone, come ha dimostrato un numeroso ed attento pubblico intervenuto alla serata del 18 maggio. In quella occasione il Prof. Buonopane ci ha intrattenuti sulla romanità, partendo dalla famosa strada Postumia. Un miliare, rinvenuto nel 1800 presso Goito, ricorda con la sua iscrizione che essa fu voluta dal console Spurio Postumio Albino nel 148 a.C.; la via Postumia congiungeva Genova ad Aquileia, collegando fra loro località allora di indubbia importanza strategica.
Interessante è l’aspetto dell’impatto ambientale e umano che tale costruzione, conclusa dai soldati romani in circa due anni, determinò nel territorio veneto, dove le strade precedenti erano semplicemente piste in terra battuta, con una natura in sostanza assecondata, ora dai Romani piegata alle esigenze del percorso militare. Si è sottolineato come i Veneti, che in qualità di alleati avevano inviato un contingente nella battaglia di Canne, all’epoca della costruzione della Postumia erano uniti in una federazione delle loro comunità. Sorta una contesa per una questione di confini fra Vicentini e Atesini, fu richiesto l’arbitrato romano, di cui è testimonianza l’iscrizione della Lobia del 135 a.C. Scritta in latino, reca, l’ordine perentorio in merito al tracciato dei confini e agli espropri. E’ chiaro che il territorio è ormai zona di protettorato romano e successivamente, al tempo della discesa dei Cimbri lungo l’Adige e degli scontri con il generale Gaio Mario, il processo di romanizzazione sarà decisamente spinto. Il prof. Buonopane si è soffermato sul modo di viaggiare nel mondo romano, con i vari tipi di carro, calesse: trainati da muli, cavalli o buoi (quando non si andava a piedi, come spesso accadeva) e sulla rischiosità dei viaggi, che induceva i viaggiatori in procinto di partire a fare testamento, a segnare di “propria pianta” le orme, e altrettanto al ritorno a pericolo scampato.
Parlando di viabilità non poteva mancare il riferimento ai miliari, colonnette molto mobili, per la loro conformazione atte al rotolamento ( perciò usate in seguito anche come rullo per spianare i campi) diversamente dalle lapidi che, per citare un illustre professore di epigrafia latina “fanno poca strada”.
Nella via Postumia, ad esempio, nessun miliare si è trovato “in sito” secondo la successione per migli; alcuni sono stati raccolti in un’unica località ad esempio Colognola ai Colli dove ciò suggerisce una migrazione di tali pietre dalla strada Postumia bassa.
Buona parte dei ricercatori sostiene che la Postumia, nel tratto Verona-Vicenza, seguisse un percorso molto vicino a quello della statale attuale, con alcuni tratti su argine (significativi i termini locali levà, alzà) e ipotizza un possibile tracciato “alto” posteriore alla Postumia, sulle orme di un cammino di epoca preistorica. La mutatio (serviva al cambio degli animali e al ristoro dei viaggiatori) Aureos citata nell’itinerario Burdigalense del IV secolo d.C. è da identificarsi con il centro di Montebello e non con la Mason: le distanze indicate dall’Itinerario, infatti corrispondono: Verona-Cadianum XI M, Cadianum-Aureos XI M, Aureos-Vicetia XI M; tot. XXXIII M (33 miglia N.d.R.). Che la Postumia passasse per il centro di Montebello troverebbe inoltre conferma nel ritrovamento di una tomba romana (e i Romani seppellivano lungo le strade, fuori dall’abitato) e in località Colombara prossima al cimitero di tracce di selciato stradale con basoli di trachite. Oltre Montebello la Postumia proseguiva per la località Gualda, che nel nome germanico, ricorda un antico posto di guardia, reinserendosi in località Tavernelle nell’attuale statale 11 fino a Vicenza. Il miliare trovato a Tavernelle indica XI M, quindi appartiene propriamente a Montebello, e ci segnala un messaggio propagandistico di cui beneficia Gioviano, imperatore di breve durata, autore di una pace vergognosa con i Persiani. Nell’iscrizione è detto vittorioso e trionfatore, Augusto nato per il bene dello stato, in realtà per coprire il citato aspetto poco lusinghiero della sua carriera imperiale.
Un miliare rinvenuto nel tratto Verona-Villafranca fa riferimento al fatto che essi alleviavano la fatica al viandante offrendogli con le loro iscrizioni “distrazioni” oltre che indicazioni sul cammino.
Noi moderni, per tradizione, dall’editto napoleonico di S. Cloud, teniamo raccolti i resti dei nostri morti in una tomba di cimitero, piccola o grande che sia, e andiamo a visitarli, colloquiando con i loro silenzi. Se capita un evento tragico sulle strade, li ricordiamo con un cippo, mazzi di fiori, con un volume proporzionato alla gravità o alla efferatezza del dramma. La cosa sorprendente è che nelle lapidi romane talvolta i defunti si rivolgono al passante “a tu per tu“, quasi a stabilire una continuità di rapporti con il mondo dei vivi; e il morto è come una traccia impressa che in qualche modo parla all’umano viaggiatore. Così nella lapide di Montecchia il defunto, indirizzandosi al viandante, lo apostrofa, a dire il vero piuttosto duramente, di non illudersi, che la stessa sorte, fra breve capiterà anche a lui. E a Caldiero, più dolcemente, vuol renderlo partecipe dei momenti intensi della sua esistenza con “vinum Venus, panis, mi rovinarono, ma resero bella la mia vita“.
Meno ricca di spunti di vita, ma estremamente interessante è risultata la lapide sepolcrale scoperta dagli “Amici di Montebello” al castello dei Maltraversi; essa ricordandoci Galla e stabilione, una coppia (molto probabilmente di liberti) della potente famiglia vicentina dei Saloni, ci prospetta una possibile organizzazione socio-economica del territorio di Montebello sulla base di grandi proprietà terriere.

S.M.F. (dal N° 1 di AUREOS – Dicembre 2001)
Se l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE su FACEBOOK

PROVERBI E MODI DI DIRE (1)

[8] PROVERBI E MODI DI DIRE (1)

Xè proprio quando manco che te te lo speti che l’acqua rompe” ovvero “Quando meno credi ti coglie l’imprevisto” è il significato del detto ed è quasi una metafora, traslata nell’ambiente naturale, dell’insegnamento evangelico “Estote parati” (nel Vangelo secondo Matteo si legge “Et vos estote parati quia qua nescitis hora, Filius hominis venturus est” e cioè “Perciò anche voi state pronti, perché nell’ora che non immaginate, il Figlio dell’uomo verrà”. Matteo 24,44 – N.d.R.).
Questo tipico modo di dire montebellano trae la sua origine dalle innumerevoli rotte primaverili od autunnali dei torrenti Chiampo e Guà e delle conseguenti “rotte” che hanno provocato nei secoli scorsi danni incalcolabili alle colture, ai fabbricati, alla viabilità e che in più di qualche occasione hanno provocato anche vittime umane. Il progressivo disboscamento delle medie ed alte parti delle valli del Chiampo e dell’Agno, iniziato nel XIII° secolo da parte dei nuovi immigrati di etnia tedesca (Cimbri) per ricavare pascoli per il bestiame e carbone dolce da vendere nel territorio di pianura, ha ridotto la capacità del terreno di assorbire e trattenere le precipitazioni atmosferiche favorendo il dilavamento dei pendii e dei terreni sciolti con il conseguente trascinamento dei limi, di materiali grossolani, di arbusti e talvolta di alberi. Le improvvise piene tracimando dall’alveo dei corsi d’acqua allagavano le campagne circostanti depositando il materiale in sospensione negli avvallamenti del terreno.
Ogni piena colmava le zone più basse dei terreni circostanti i torrenti e talvolta quando le piene risultavano particolarmente rovinose accumulavano materiali in grande quantità fino a formare dei piccoli dossi di detriti che emergevano dalle acque stagnanti fintanto che queste non venivano assorbite dal terreno. Tali formazioni vennero denominate “Insulae” (isole) e tale denominazione è rimasta in uso fino al giorno d’oggi per indicare la località posta a nord della S.S.11 e ad est del torrente Guà.
Un’altra piena rovinosa del Guà nell’anno 1600 portò allo stupefacente quanto casuale ritrovamento di una statua di San Marco che fu poi posta dopo un lungo contenzioso al centro della piazza del paese.
Altre piene sono ricordate per l’interramento e la successiva demolizione del ponte costruito dall’Arch. Andrea Palladio nel 1575 che risulta certamente l’opera più effimera tra quelle realizzate dall’illustre architetto, l’annegamento di un frate carmelitano che dal convento di S. Egidio doveva portarsi al convento della Madonna dei Frati e fu ritrovato cadavere con la sua asina nella campagna di Brendola. Lo sviluppo di un’epica locale “7 majo che gran spavento” della quale rimangono pochi frammenti ma che era patrimonio di molti anziani fino a qualche decennio fa.
Ma di questi e di altri argomenti parleremo più approfonditamente nei prossimi numeri.

VIGI (dal N° 1 di AUREOS – Dicembre 2001)

Figura: MONTEBELLO Via Lungo Chiampo – 16-05-2013 (Foto A. Fioraso)
Se l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE su FACEBOOK