BEVENDO UNA BIRRA

[143] BEVENDO UNA BIRRA IN AUSTRALIA SI SCOPRE CHE UN COMPAESANO CAMBIO’ LA STORIA D’ITALIA.  Di LINO TIMILLERO – Coniston (AUSTRALIA)

Un click qui per ingrandire l'immagine

« Cari amici de Montebello, savì come ca la xe in giro pal mondo: se conosse jente ca vien da tute le parti. Parfin da Rotorgolo e da cuei paesi vizin a Nervesa e a Sernaglia, tuti du’ de la Battaglia! Prima ca ndasse in pension, me jero catà con `Madio. Jera passà tanto tempo da cuando ca se laorava insieme so le piataforme de Petrolio dei Mericani, xò a Berry’s Beach. Lu el fasea el boiler-maker, e mi saldavo cuel ca lu el metea insieme: tubi grandi e grosi par inbragare le ganbe dela piataforma ca ndava inpiantà sol fondo del Oceano. Insieme coi altri, lu el tribulava a pareciare le zonte dei tubi. Anca su pararia, so le inpalcadure, e mi e i altri saldaduri navimo su a saldare. Tante volte soto ai teloni ca cuerzea su tuto. Ca no se bagnasse, par carità. E se dovea sugare el fero co le fiame osidriche e tegnerlo scaldà par essar tenti ca le saldadure le vignesse bone! Co la jera finia, la ‘platform’, la vignea messa sora al ‘Barge’ e i la portava ndove ca i savea ca soto ghe jera el Petrolio, sol fondo del Oceano. Co na gru abastansa granda, forsa de dai e dai, la vignea calà xo. Cuando ca la jera ben fermà, ghe vignea messo sora el Decking, ndove ca magnava e dormiva tuti i omini ca ghe laorava sora. Done, gnente da fare! Gnanca parlarghene!  Cuatro setimane so la piataforma. Portà là co l’elicotero. E na setimana casa. Cussì jera i turni. Diese Km. in meso a l’oceano, dodese ore a laorare e dodese a magnare e dormire! Ma no nialtri! ‘Madio e mi, laoravimo sol ‘shore’, ca saria in riva al mare. I ne gavea dimandà, i Mericani, de ‘ndare a laorare a mettare i pali rento a le ganbe de la ‘platform’ e saldarli man man ca i vegnea batù xo, ma ghe ghemo dito de no! Tuti du! Jera soto Nadale e volivimo ‘ndar casa. Mi a catare la morosa, lu la so dona! ‘Madio el jera ndà in pension calche aneto vanti de mi. Col gavea finio de laorare, prima de far la domanda par la pension, el jera nà in Italia. Par far vedare al ‘Centre-Link’ (come l’INPS) cal gavea doparà schei par chesto e par cuelo, se no i ghe gavaria dito cal gavea massa schei e i ghe gavaria sbasà la pension! El jera restà al so paese cuasi on mese prima de vigner casa, cuà a Russel Vale. Co se ghemo catà da poder stare insieme par far na bela ciacolada, se ghemo sentà xo al Club. Da na parte, fora dai piè de cuei ca zugava a schei co le ‘slot-machine’. Na bela ‘scooner’ de bira, ‘new’ par lu e ‘old’ par mi (bira a la spina). Se ghemo tolto anca on sachetin de ‘cashews’, ca le xe meio de le bajiie, e ghemo scominzià a contarsela. “Co jero al me paese,” me dise ‘Madio, “go fato dò ciacole co uno da Sernaglia, ca xe poco distante, parchè el gavea da ‘ndare al Comune e el me gà dimandà ‘ndove cal jera. El xe so la via Vaccari, cuasi davanti a la Cesa, ghe digo mi. Suito lu el me fa: ma come, ghe xe na via Vaccari anca cuà?” “ Parchè no,” ghe fasso mi. “Parchè ghe xe na via Generale Vaccari anca a Sernaglia”, me dise lu! “La xe ciamà cussi da cuando ca jera finia la prima Guerra Mondiale”. Lora son saltà fora mi e go dito: “Sa gheto pena dito ‘Madio? Sito sicuro?” “Sicuro de cossa?” El me vardava come ca el gavesse dito calcossa de stranbo, ma nol savea cuando e come. “A ghe xe na Via Generale G. Vaccari anca al mio de paese. Ma el Generale Giuseppe Vaccari el xe nato e cresù al me paese: Montebello Vicentino!” ‘Madio el se ga messo a vardarme. “Come pole esarghe na roba cussì”. “Speta,” digo mi, “me sbalio, o gheto pena dito ca cuelo da Sernaglia el gavea nominà la I guera”. “Si, el gavea dito ca el nome el ghe xe sta messo ala strada suito dopo la I guera mondiale”. “Lora ghe xe tre strade in tri paesi diversi” digo mi “ca le se ciama conpagne. Du paesi i xe vizin e uno pì distante. ‘Madio, mi me ricordo, da cuando ca fasevo la seconda lementare, ca el 4 Novembre, Festa Nazionale, navo istesso a scola par fare la Marcia, cole altre classe, fin al Monumento ai Caduti de la I Guerra mondiale. Là cantavimo la Canzone del Piave prima e dopo Fratelli d’Italia! La strada, da la scola al Monumento, la se ciama via G. Vaccari. El 25 de Aprile, senpre marciando, se ndava su ala piassa, soto al municipio, par cantare ‘ncora Fratelli d’Italia par cuei de la II Guerra mondiale. Là ghe jera naltro Giuseppe medaglia d’oro, Giuseppe Cederle, caduto a Montelungo, soto a Monte Cassino. I maestri de scola, i fasea i so discorsi. Al Monumento i ne contava del Generale Vaccari, Medaglia d’Oro, Senatore a Vita e cetera. Su al Municipio, fasea el discorso, cuasi senpre on Maestro cal gavea conosesto Giuseppe Cederle! E senpre el finia disendo cuanto bravo el fusse stà da zovane! Ma el mio de maestro, nol disea mai gnente, parchè el jera Sicilian e de le robe del paese nol ghin savea on acca stracca!” ‘Madeo el me ga vardà. El ga bevù on pochetin de la so bira ‘new’e el se ga messo a dirme: “Ma lora ti no te lo sè mia parchè el Generale Vaccari el xe cussì inportante?” E mi ghe digo suito, “Ma cossa dito ‘Madeo? Inportante parchè”? Lu el se ga come fato pì grando, parchè el savea xa ca cuel cal jera drio a dirme me gavaria assà a boca verta. “Stiani, cuando ca l’Italia ga vinto la I Guerra Mondiale, ai soldà ghe ga tocà prima da traversare el Piave. De note, col Piave pien de acua ca la portava via tuto! E ghe ga tocà far su i ponti coi Crucchi ca scanonava dapartuto. Na gran parte de soldà i jera rivà de là istesso, ma i austriaci se ga messo a contro atacare, e i uficiai gavea dimandà de tornare indrio. Xe stà el Generale Vaccari, paesan tuo, cal ga comandà de no! Ca no tornasse indrio nissun! Ca suito el saria ndà de là del Piave anca lu! E cussì el ga fato! Lu e tuto el Comando de la VIII Armata. Col so ordene, tuti i soldà, i uficiai e parfin i mussi, i se ga messi a corere, a sparare s-ciopetà dapartuto par rivare a Sernaglia, Pieve de Soligo e man man, col resto de l’Esercito Italiano, fin a Vittorio Veneto! Gheto capio? A mi e a tuti a le scole del me paese, le vegnea contà le storie de la I Guerra. Te poi maginartene, i jera ani ca i cruchi i gavea messo su casa intei paesi so la riva zanca del Piave. Tuti cuei ca jera scapà via da profughi, i volea ndare casa sua, o a cuel ca jera restà de la so casa. Xe stà el to paesan, el Generale Giuseppe Vaccari, coi so soldà, a pasare de là del Piave par primo!!! I paesi cuà in giro, i lo ga fato tuti ‘Cittadino Onorario’, figurate ti!” Mi, dopo ver bevù na boconà de la me bira ‘old’ a ghe go dito: “’Madio, varda, a te ringrasio. Ma tanto!! Propio desso, ca xe cuasi 100 ani da la fine de la I Guerra Mondiale, te me ghe ingrandio l’anema. Spero tanto ca al me paese i se ricorda. E ca se ricorda anca Vicenza!” » (Lino Timillero – Vicentini nel mondo – Aprile 2019).

Umberto Ravagnani

Foto: Il Gen. Giuseppe Vaccari viene premiato, nella Loggia del Municipio di Montebello Vicentino, con la medaglia d’oro nel 1922 (APUR – Umberto Ravagnani).

 

CHI ERA LINO LOVATO?

AI LETTORI: L’Associazione Amici di Montebello sta preparando un evento per ricordare il nostro concittadino LINO LOVATO, pittore e scultore buono, generoso, sensibile, autore di molte opere artistiche. Chi avesse informazioni, aneddoti, suoi quadri, etc., è invitato a mettersi in contatto con la redazione tramite e-mail, sms o cellulare (informazioni a fondo pagina).

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto… 

UN PAPA A MONTEBELLO

[3] UN PAPA A MONTEBELLO

Il 13 maggio del 1782 transitava per Montebello il Papa Pio VI (1). Questo avvenimento eccezionale per quei tempi, fece convenire a Montebello una grandissima folla proveniente dai paesi vicini, dalle vallate poste a settentrione e dal basso vicentino. Si è conservata memoria di questo avvenimento grazie a due cronache manoscritte coeve. La prima è di Francesco Bonomo, la seconda è di autore anonimo e scritta probabilmente qualche tempo dopo. Prestiamo ora attenzione a quanto ci raccontano.
Alli 13 maggio 1782 passaggio verso Venezia del santo Pontefice Pio VI il quale nel frattempo che cambiassi la posta, permise con somma umiltà a diverse per lo più povere persone, il bacio della mano, che per riposarsi teneva riposta sulla portella di sua carrozza; e diede all’innumerabil popolo da tutti i circonvicini Paesi accorso, la santa Papale Benedizione“.
Sua Santità Pio VI reduce da Vienna ove erasi abboccato con l’imperatore Giuseppe II, per la via del Tirolo entrato nei veneti confini, fu incontrato dai deputati della Repubblica, e il giorno 13 maggio alle ore 17 arrivava a Montebello.
Le genti dei paesi vicini precedute dal Clero, dai Nobili e da ricchi signori, con tutta la pompa possibile si affrettarono a fare omaggio al Santo pontefice, a festeggiarlo e a ricevere la sua benedizione. Egli si soffermava dirimpetto alla casa Canonica (2) ove trovatasi la posta, sino a tanto che furono cambiati i cavalli, e in questo frattempo permise che moltissimi gli si avvicinassero a baciargli la mano, che egli si degnava di concedere a tutti indistintamente benché poveri e di umile condizione, ed impartita a tutto il popolo la benedizione proseguiva il viaggio per Vicenza.
A ricordo di questo avvenimento sopra il portone di casa Sgreva (3) fu posta questa iscrizione:
PIUS VI BRASCHI PONT. M. DIE 13 MAII 1782 PER HANC VIAM TRANSIIT HORA 17 QUI CUNCTO POPULO BENEDITIONEM DEDIT. VINCENTIUS SGREVA FECIT“. (Sulla targa è attualmente riportata la data 1792 riscritta in maniera errata in un intervento relativamente recente N.d.R.)
Questo avvenimento è citato anche in una storia di Orgiano pubblicata nella prima metà del secolo scorso. Alla data 1782 così riporta: “Pio VI da Vienna tornava a Roma: il 13 maggio passa per Montebello e tutti i popoli icini ed Orgiano, vanno a tributargli ossequi“.

Note:
(1) Giovanni Angelo Braschi nato a Cesena il 25.12.1717 morto a Valence il 28.8.1799. Eletto papa il 13.12.1775 assunse il nome di Pio Vi, si oppose al Giansenismo e al Febronianismo e, con minore successo, al Giuseppinismo. Dopo la rivoluzione francese condannò la costituzione civile del clero (1791), ma con il trattato di Tolentino (1797) cedette alcuni territori a Napoleone. Dopo la dichiarazione delle Repubblica Romana (2.1.1798) fu portato prigioniero in Francia dove morì.
(2) Ora casa Lovato in via Gen, Giuseppe Vaccari.
(3) Già casa dei conti Araldi.

D.L. (dal N° 3 di AUREOS – Dicembre 2002)

Figura: MONTEBELLO – Iscrizione in Via G. Vaccari (foto a cura del redattore)
Se l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE su FACEBOOK