LA STORIA DE TONI E MARIA (3)

[119] LA STORIA DE TONI E MARIA (3)

LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)

La storia de Toni e Maria (di Lino Timillero – terza parte)

« Jerimo resta’ che Toni e Maria i ghe gavea fita’ el garage de casa sua a un tosato che lavorava co la EPT. Par el pì, le case del paese dove che jera la Steel Works, le gavea sta baraca col porton grando che ghe pasase una machina, fora, de drio casa, e la’ ghe jera anca el ceso: na baracheta picola co drento un bidon ‘ndove che se fasea i bisogni e che i vegnea a tor su’ ‘na volta la setimana a la matina presto. A quel che jera drento intel bidon i ghe ciamava “night soil” che voria dire luame de note, ma che nialtri savemo ben come che la se ciama! ‘Sto Paese el xe a na otantina de chilometri soto de Sydney che adeso xe diventa’ una sita’ granda parchè la se ga mesa insieme co tanti altri paeseti che jera visin e i ga fato un Comune solo. La’ no jaza mai de inverno parche’ ghe xe l’oceano e sempre bone arie. In tenpo de guera, i australiani i portava i prisonieri in Australia, e tanti todeschi i finia a lavorare alla Stell Works. I ghe domandava se i savea fare l’”iron worker” e via suito a Port Kembla. I ghe gavea parecia’ un campo de prigionia fato su’ de barache e ghe jera parfin i segnai in todescho che i mostrava dove che se ‘ndava, de qua’ e de la’. Par darve ‘na idea, la stazion de Vicenza xe la Steel Works e il campo dei prisonieri xe la ERETENIA.

Co’ xe finia la guera, il ga serca’ de tegnerse prisonieri pi’ che i podea, al manco fin che fose riva’ casa i so solda’ par avere la man de opera da continuare la produzion de lamiere e putrele. Dopo, xe riva’ la EPT, e i gavea cussi’ tanti omini da l’Italia che la diresion de la Steel Works la ga’ deciso de darghe el canpo dei prisonieri a luri. Ghe jera ‘na baraca granda co la cusina da ‘na parte e con tole e banche par sentarse cussi’ tutti i omini che stava ‘nte le barache i magnava al campo e i dormiva a seconda de le stanse, du, quatro e anche diese insieme. E a la matina i jera pronti de andar a lavorare a pie’ chi ai alto forni par la manutension, chi ‘n dove che i ingrandiva el porto dove che rivava le navi che portava el minerale de fero.

El tosato che dormiva e magnava da Toni, non ghe saria piasesto de vivere al campo. Ghe saria costa’ de manco, ma ghe jera massa zente e po’ ghe gavaria toca’ parlar italian parche’ ghe jera tanti calabresi e siciliani e da tute le altre parti de l’Italia e non se capia gnente. A sto tosato, che se ciamava Gioanin, proprio par caso, on giorno ghe xe riva’ tri paesani che jera fradei. Come lu i vegnea da Montebelo e i gavea in scarsela el contrato de la SAE da ‘ndare a lavorare in linea a montare tralici e tirare i cavi de la corente. El lavoro el jera sta’ rimanda’ parche’ la nave che portava el fero par i tralici la se gavea rota e la jera ferma a Ceylon, cusi’, ai tri fradei ghe ga toca’ ‘ndare a stare al campo e lavorare a la Steel Works. A la sera, dopo el laoro, i ‘ndava da Toni e da Maria par far due ciacole insieme con Gioanin e par zugare un poco con Joe che el jera diventa’ pi’ grandeto e le suore a la scuola catolica le jera drio pareciarlo par fare la Prima Comunion. » (Lino Timillero – Vicentini nel mondo – Luglio 2015)

Umberto Ravagnani

Figura: Interno dell’acciaieria Steelwork a Port Kembla – Wollongong (Nuovo Galles del Sud – AUSTRALIA). Moltissimi italiani hanno trascorso buona parte della loro vita lavorando duramente in questa grande industria siderurgica.

Nota: Per chi è interessato, da parecchi anni è stato istituito un premio letterario per scrittori di testi Poesia e Prosa nei dialetti di Lingua Veneta: si chiama “Premio letterario Raise 2019” e si tiene ad Arquà Polesine nel mese di settembre. Anche il nostro Lino Timillero vi ha partecipato l’anno scorso con grande soddisfazione. E’ possibile scaricare qui il Bando 2019.

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto… 

LA STORIA DE TONI E MARIA (2)

[118] LA STORIA DE TONI E MARIA (2)

LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)

La storia de Toni e Maria (di Lino Timillero – seconda parte)

« Jerimo resta’ che Toni e Maria i jera pronti a mandare el so toseto ale scole catoliche. E, come che go’ dito, ghe saria costa’ on tanto al mese parche’, secondo el governo australian, le jera scole private co la responsabilita’ de 1a Diocesi.

Al steso tempo che Toni scominziava a meter su casa e bituarse on poco al vivere australian, xe riva’ da l’Italia l’impresa S.A.E., quela che fasea le linee eletriche. La se ga’ porta’ i so operai da l’Italia e i ga’ fato su’ pali e tralici par portar la corente da tute le parti. I afari ghe ‘ndava cosi’ ben che i ga deciso de impiantar su’ na Impresa in Australia con nome E.P.T. (Electric Power Transmission). ‘Sta Impresa italiana la ga’ scominsia’ a tor su’ tanti lauri anca ‘nte la feriera dove che lavorava Toni. I capi de l’EPT i voleva che Toni ‘ndase a laorar con luri ma lu non ga’ mai vusudo ‘mpiantar li’ la Steel Works perche’ ghe piasea stare ‘ndo’ ch’el jera.

Intanto Joe, el toseto de Toni e Maria, el ga’ scominzia’ el “Kindergarten” a 5 ani. Dopo el saria ‘nda’ in prima fin ala sesta… E cio’, el ga’ scominzia’ a imparare l’inglese! E quando che el zugava coi toseti el parlava inglese, la T.vu ancora no la ghe jera, si’ che’ on poco la volta Joe ghe parlava in inglese anca a so mama e a so popa’. Toni e Maria i ghe parlava in dialeto e lu el rispondea in inglese. No i lo ga’ mai ferma’ e no i lo ga’ mai sforza’ de parlarghe in dialeto parche’ i gavea paura ch’el se ciapase indrio a scola.

Intanto i inparava anca luri a capir de pi i australiani, cussi’ i se rangiava meio sul laorare e a fare el “shopping”. Toni el vignea da un paese vizin a Arzegnan e anca la Maria che 1a vignea da Nogarole. Tutti du i gar fato amicisia con un tosato che laorava par la EPT, pena riva’ da l’Italia. ‘Nte la casa che Toni gavea compra’ ghe jera el garage, ma Toni non gavea 1a machina, cosi’ i lo ga’ giusta’ su’ un pochetin, i ghe ga meso drentro un leto e una carega e i ghe ga’ fita’ el garage a sto tosato che el ghe pagava el “board” parche’ i ghe dava anca da magnare. Cosi’, co le poche sterline (australiane) che i ciapava dal tosato, i pagava la scola catolica pal toseto. » (Lino Timillero – Vicentini nel mondo – Maggio 2015) continua…

Umberto Ravagnani

Figura: Nel periodo in cui si svolse questa storia a Coniston, le aule scolastiche, i banchi, i quaderni e gli atteggiamenti degli alunni erano più o meno gli stessi che c’erano a Montebello (ricostruzione di fantasia a cura del redattore).

Nota: Per chi è interessato, da parecchi anni è stato istituito un premio letterario per scrittori di testi Poesia e Prosa nei dialetti di Lingua Veneta: si chiama “Premio letterario Raise 2019” e si tiene ad Arquà Polesine nel mese di settembre. Anche il nostro Lino Timillero vi ha partecipato l’anno scorso con grande soddisfazione. E’ possibile scaricare qui il Bando 2019.

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto… 

LA STORIA DE TONI E MARIA (1)

[117] LA STORIA DE TONI E MARIA (1)

Come già anticipato nell’articolo precedente vi proponiamo una serie di vicende, realmente accadute, raccontate in dialetto dal nostro compaesano Lino Timillero, partito da Montebello poco più di 50 anni fa per cercare fortuna in Australia (leggi qui la sua testimonianza sul viaggio e sui primi anni di duro lavoro in questo continente lontano).

LINO TIMILLEROCONISTON, Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)

La storia de Toni e Maria (di Lino Timillero – prima parte)

« Oncò, tanto par scumiziare le me “storiete“, voria contarve come che i se trova i vicentini che xe tanti ani che i xe via da casa. Quà ghe xe tante copie, mario e mojere, che parla ancora come quando che i xe partii da casa 50-60 ani fà.
Toni, el gà sempre lavorà ala “Steelwork” che la saria la pì grande Feriera de l’Australia. El gà scomizià a lavorare al “Blast Fournace”, che el saria l’Alto Forno, dal primo dì, e el xe restà là fin che el xe ‘ndà in pension. Podì imaginarve come ch’el jera restà el primo dì quando che el gà visto la ghisa corere in giro pai canali, vegnesta fora dal’”opening” del forno e girare de quà e de là fin che la se spartiva e de qua ‘ndava la “slega e de là la ghisa. Ghe jera un gran caldo, però bisognava star querti parchè jera fasile restar brusà.
El Foreman (capo) el gaveva meso Toni a lavorare insiem a ‘naltro italian, un anzianoto che laorava zà da on puchi de ani e che el parlava l’inglese abastanza ben. Dopo on paro de ani, Toni el ga scomizià a laorare co la manutension. Ogni tanto, bisognava che i fermase el forno par justare quel che se rompeva. Bisognava che i metese a posto i carei che caricava el forno, opure che i justase i quarei dentro i canai dove che corea la ghisa o tante altre robe… Alora no se vardava le ore. Se ‘ndava sempre vanti a laorare “overtime”, che ‘l saria ore estra e alora se ciapava ore dopie e anca triple. Toni el jera sposà co Maria e i gavea on bel toseto. Ancora no i savea se i gavaria mandà el toseto ale scole catoliche o a quele statali. Ghe jera quasi on ano de tempo prima che rivase l’ora ma Toni el gavea zà pensà de far contenta la Maria e de far nare “Joe” a le scole catoliche, anca se ghe gavaria tocà pagare on tanto al mese. Però là ghe jera le suore e el toseto el gavaria imparà anca on poca de religion.
Intanto, dopo esere stà in afito par on par de ani, i jera stà fortunà che la banca ghe gavea inprestà i schei par comprare la casa, Pian pianelo, senpre stando tenti a no fare el paso pì longo de la gamba, e ricordandose del Signore in celo, i se gavaria fato la so strada. » (Lino Timillero – Vicentini nel mondo – Gennaio 2015) continua…

Umberto Ravagnani

Figura: L’acciaieria Steelwork a Port Kembla – Wollongong (Nuovo Galles del Sud – AUSTRALIA). La spiaggia che si nota nella foto, continua per alcuni chilometri a Nord ed è un posto meraviglioso per gli amanti del surf.

Nota: Per chi è interessato, da parecchi anni è stato istituito un premio letterario per scrittori di testi Poesia e Prosa nei dialetti di Lingua Veneta: si chiama “Premio letterario Raise 2019” e si tiene ad Arquà Polesine nel mese di settembre. Anche il nostro Lino Timillero vi ha partecipato l’anno scorso con grande soddisfazione. E’ possibile scaricare qui il Bando 2019.

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…