LA MAESTRA MARIA FRANCHETTO

[163] LA MAESTRA MARIA CARLOTTO FRANCHETTO nel ricordo di una sua alunna.

Angelina Stocchero ricorda così la sua maestra Maria Franchetto Carlotto che ha insegnato nella scuola elementare di Montebello per quasi 40 anni dal 1943 a tutto l’anno scolastico 1980/81. Inoltre nel giugno del 1981 è stata premiata con la medaglia d’oro assieme alle maestre Maria Agnolin Tonelato e Teresa Bertola Nicoletti per il suo notevole impegno nella scuola Elementare di Montebello:

« Sono passati tanti anni da quando facevo le scuole. Ho cominciato la 1a elementare nell’ottobre del 1949. Ai miei tempi le scuole iniziavano tutte in ottobre. Mi ricordo quando andavo a scuola le classi non erano miste. Mi ricordo l’aula dove non c’era il riscaldamento, c’era solo una stufa grande di terracotta e ogni mattina ogni alunna portava il suo pezzo di legno se non volevi patire il freddo. Mi ricordo i banchi che erano tutti rovinati e vecchi, mi sa che avranno avuto più di cinquant’anni, erano messi in fila, mi sembra di ricordare che le file fossero tre. Il banco era a due posti con la panca dove ci sedevamo, non c’erano le sedie, che era scomodissima. Sul banco c’era il buco dove mettere il calamaio e i quaderni e i libri che non si usava noi li mettevamo sotto il banco. Non c’erano tanti libri c’era il sussidiario e poi il libro di lettura. Neanche per il resto c’era una volta quello che c’è adesso. Io avevo una cartella di corame, una specie di pelle, e l’astuccio in stoffa grossa con la cerniera, me l’aveva fatto mia mamma, dove c’erano: la gomma, la matita, qualche colore e il pennino. Basta non avevo altro.
Ho sempre avuto la maestra Maria Franchetto Carlotto, anzi per essere più precisa in 1a elementare l’ho avuta solo l’ultima parte dell’anno scolastico perché era in maternità. Era stata sostituita dalla maestra Bordignon. La maestra Franchetto era molto brava e preparata, voleva che imparassi, non dovevi andare a scuola tanto per scaldare il banco. Ho perso diverse compagne negli anni perché venivano bocciate. La maestra era fissata con la matematica. Ah be’ le tabelline dovevi saperle come il Padre Nostro e dovevi saperle a salti per esempio passavi dal 2×5 al 9×8. Era l’incubo di tutte, le tabelline. E dopo bisognava sapere bene le divisioni e le equivalenze. Mi ricordo che il primo compito sulle equivalenze ho preso due perché su dieci ne avevo fatte giuste solo due, una volta i voti li davano così, ma il giorno che la maestra le aveva spiegate la prima volta ero a casa ammalata. Quando la maestra me le ha spiegate le ho imparate bene e il compito successivo ho preso dieci. Ero bravetta in matematica ma in geometria proprio no. Quando c’era il compito in classe il mio me lo faceva la mia compagna di banco ma prima finiva il suo perché, siccome non si potevano dividere i banchi, la maestra dava due compiti diversi così non si poteva copiare.
La Franchetto era severa, non era mica tanto tenera e non scherzavi con lei per quello che riguardava la scuola. Ma non ha mai punito con le bacchettate, ti dava le copie quelle sì e anche tante, ma non ha mai toccato nessuna delle sue alunne. Sì c’erano maestri che davano le bacchettate e anche i ceffoni, ma la mia maestra non era così. Ho un ricordo particolare della scuola ed è quello che mia mamma mi dava sempre un ovetto, perché una volta dicevano che mangiare l’uovo alla mattina faceva bene, io proprio non lo sopportavo e allora lo scambiavo con le mie compagne, che a casa non avevano uova e in cambio mi davano il loro panino con la marmellata o la cioccolata. » (Dal libro di Ottorino GianesatoUmberto RavagnaniMaria Elena Dalla Gassa « LA “SCUOLA VECCHIA” ELEMENTARE DI MONTEBELLO VICENTINO »)

Maria Elena Dalla Gassa

Foto: La maestra Maria Carlotto Franchetto durante una delle sue lezioni alla Scuola Elementare di Montebello Vicentino negli anni 60 del Novecento (APUR – Umberto Ravagnani).

 

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

DA MONTEBELLO ALL’AUSTRALIA

[134] STORIA DI LEONE, PROFUGO SUPERMAN CHE STENDEVA LE VACCHE CON LE MANI.  Di LINO TIMILLERO – Coniston (AUSTRALIA)

« Co la scusa de le guere ‘ntei Paesi Arabi e conpagnia bela, de ‘sti jorni no se sente altro ca parlare de profughi e sfolati! La prima volta ca gaveo sentio la parola “profughi”, jera sta che l’ano de l’aluvion del Po! Ve ricordeo? So la “Setimana Incom”, co se nava al cinema parochiale, i li fasea vedare ‘sti pori sfolati: in pie, sui cassuni de drio ai camion. I vignea portà in giro chissa ‘ndove. E se vedea acua dapartuto! ‘Ntel Polesine, parea ca ghe fusse el mare. Da cuando ca jera capità l’aluvion, a la primavera de l’ano dopo, ca saria verso Pascua del 1952, xe rivà un de ‘sti profughi anca al me paese. Sì, a Montebelo! El se ciamava Leone, e el jera forte come on leon, par come chel jera fato e par la voze grosa cal gavea. A mi, ca gavevo oto ani, el me someiava on toco de omo. El jera grando e i brazi e el colo i jera come cuei de Maciste. E la voze forte: parea cal sbraitasse, e inveze la jera la so maniera de parlare. Ve ricordeo de Gioanin, cuel zovanoto cal stava ‘ntel garage de Toni e Maria? Cuelo ca el se la contava coi so paesani a Port Kembla? Anca lu el vignea da Montebelo! E anca lu el gavea conosesto Leone. Desso, a Montebelo, xe pien de fabriche dapartuto, case nove da tute le parti. ‘Ndove ca ghe jera i pra’ de Stocchero, desso xe tuto pien de case e strade, fin drio ai taraji del Cianpo, dal ponte del Marchese al ponte Nuovo. Ma Gioanin el se ricorda ben anca lu come ca jera le robe ‘ntel 1952. Sui pra dei fradei Stocchero ghe jera tanta erba e piante de morari. L’erba, se sa, la xe par le vache. E i morari, dimandarì vialtri? A cuei tenpi là, se slevava ‘ncora i “cavalieri”, ca i magnava solo ca le fojie de Moraro. E bisognava ca le fusse fresche e tenare. No savi mia cossa ca i xe i cavalieri? I xe cuei ca vien ciamà bachi da seta par talian. A pi de calche d’un, i cavalieri ghe ga assà on bruto ricordo! Bisognava ‘ndare a catar su le fojie de moraro tuti i giorni, e, se le jera bagnà, ne tocava sugarle parché, se no, le ghe gavaria fato male. A chi? Ai cavalieri, a cuei ca se bagnava parché el piovea cuando ca i nava a catar su le foije, no ghe ‘nteressava gnente a nissun.
Leone el jera rivà dai Stocchero e el laorava par luri. Lu el ghe stava drio a le vache. El le netava soto, el portava fora el luame fin al luamaro, el jutava monzerle da late par portarlo a la casara de la cooperativa. Co xe rivà lu, le vache le nava sui pra a magnare l’erba fresca. Verso le do, le vignea fora da la stala, le traversava la corte, e anca la strada, e le nava xo, drio la mura de la vila dei canossiani ca desso la xe de Zonin (la jera poco pi de na cavezagna, lora, “via Po” la se ciama ora). Cuando ca tute le vache le gavea traversà la strada, Leone el ghe corea davanti par farle ‘ndare a pascolare ‘ndove cal volea lu, e le stava là fin ca vignea la ora da monzerle. ‘Lora, le traversava da novo la strada e la corte par ‘ndare naltra volta in stala. Co le vache traversava la strada, Leone el se metea in maniera ca, de drio a lu se nava verso la piassa, davanti a lu pasava le vache, e de là ghe jera la pontara par nare sol ponte del Marchese. Bepe Stochero, el gavea on ano manco de mi, e zugavimo tante volte insieme. Na volta, ne xe capità de vigner su dai pra’ co le vache. Bepe el me dise de spetarlo lì, so la strada fin ca pasava le vache. Leone el jera xa lì e, pena pi in là, se ga messo Bepe. Na vaca, par fare la furba, la xe partia de fianco, e xo verso la piassa! Leone el ga fato tri salti, el ga ciapà la vaca pai corni e el la ga tirà xo par tera! Bepe nol ga gnanca fato tenpo a movarse, ca Leone el jera drio instrozare la vaca par farla nare da la parte de la stala. E mi? Mi corevo par ciamare so popà de Bepe e dirghe ca jera scapà via na vaca e ca la volea nare in piassa.
De ‘sta storia, xe vegnu’ a saverlo cuasi tuto Motebelo parché lì vizin ghe jera le boteghe del casolin e de “sali e tabachi”, e le done jera sentà fora a contarsela fin ca le justava le braghe o i calziti de i so omini. Come cal jera capità cuando ca Leone el jera rivà, ca nessun no savea gninte, cussi xe sta cuando cal xe ‘nda via. Dopo gnanca on ano, de Leone no se ricordava pi nissun. E a nissun ghe nteresava de savere ‘ndove cal fusse ‘nda’! Dopo cuasi trenta ani, in Australia, Gioanin el laorava ‘ncora a la E.P.T. L’inpresa la jera piena de laoro parché i gavea da far su on ‘Coal Loader’ novo. Xo al porto, se dovea metar insieme machinari novi par caricare el carbon so le navi. Tuto jera in man de l’Ansaldo e dela Krupp, e la E.P.T. metea la man de opera: dal ‘Project Manager’ a tuto el resto. Co rivava el di de paga, ogni altro zobia, se dovea nar tore i schei par ordene fabetico. Se no i gavesse fato cussi, i oparai i gavaria fato na fila longa in meso al canpo ca no gavaria pi podesto pasare i camion e le gru ca rivava indrio dal cantiere. I operai i jera tuti contenti (i taliani ), parché, la setimana prima, l’Italia gavea vinto el canpionato del mondo de Calcio. Cuelo de Spagna. Chel zobia dì de paga, Gioanin el xe ‘nda’ a torsela a la mensa. Come cal jera rento de la porta el se ga fermà de colpo! Da ‘na parte, ghe jera on s-ciapo de operai ca i ciacolava. In meso ghin jera un cal parlava ‘nte na maniera ca a Gioanin no ghe parea vero. ‘Lora el ga fato du pasi da chela parte, e el ga spetà ca parlasse ‘ncora cuelo de prima. Cuando ca cuelo ga verto boca, Gioanin el ga savesto suito chi cal jera! “Leone, sa feto cuà?” ga dito de boto. “Chi sarissito ti?” ghe dimanda Leone. “Mi son da Montebelo – ghe dise Gioanin – te ricordito de la corte dei Stochero?”. “Varda ca mi fasso el Leading-Hand (capo scuadra, in talian) in Linea, e de Montebelo no me ‘ntaressa ninte!” Gioanin el dise ‘ncora: “No te vien mai in mente de che la vaca ca volea scapare in piassa?”. “Te go pena dito ca laoro in linea. Doman ghemo da “ndare su a Golbourn par scumiziare na linea nova e semo drio parlare de come ca ghemo da fare!” Gioanin el xe restà male, nol ga’ pi’ dito gnente, el ga ciapà la so paga e el xe ‘ndà casa. “E Leone ?”, disarì vialtri. Leone el sarà in giro par l”‘Out-Back” Australian, a montare tralici, copar coneji co la s-ciopa. E a corerghe drio ai emus, pronuncia “imius”, osei grandi ca noi svola, come i strussi.
» (Lino Timillero – Vicentini nel mondo – Luglio 2018).

Umberto Ravagnani

Foto: Montebello – Uno scorcio dei « pra’ di Stocchero » negli anni 50 del Novecento (APUR – Umberto Ravagnani).

Nota: Per chi è interessato, da parecchi anni è stato istituito un premio letterario per scrittori di testi Poesia e Prosa nei dialetti di Lingua Veneta: si chiama “Premio letterario Raise 2019” e si tiene ad Arquà Polesine nel mese di settembre. Anche il nostro Lino Timillero vi ha partecipato l’anno scorso con grande soddisfazione. E’ possibile scaricare qui il Bando 2019.

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE
Oppure lascia un commento qui sotto…