L’ANTENATO DEL CASELLO

[193] L’ANTENATO DEL CASELLO AUTOSTRADALE DI MONTEBELLO (dal “casotto” al casello)

La vicenda qui sotto narrata ebbe inizio nel 1795, circa un paio di anni prima della caduta della millenaria Repubblica di Venezia. In quell’anno si era proceduto alle ricostruzioni di alcuni ponti pericolanti di Montebello e di altri esistenti nel territorio sia vicentino che veronese. Soprattutto il ponte della Fracanzana da anni costituiva una vera spina nel fianco per la viabilità. Ne furono testimoni i numerosi interventi effettuati nell’arco di pochi decenni rivolti a mantenerne l’efficienza e garantire il traffico sulla Strada Regia che tagliava in due l’abitato di Montebello. In quel tempo mancavano purtroppo quei due chilometri circa di carreggiata che oggi uniscono il ponte del Marchese Malaspina a quello della Fracanzana sulla sinistra Chiampo. Ma queste opere misero in crisi le già povere casse di Vicenza, e non solo, al punto che fu necessario ricorrere ai prestiti di alcuni privati cittadini. Pertanto per ripianare i debiti, anche per il ponte della Fracanzana, si decise di istituire un pedaggio che in pochi anni avrebbe sanato ogni pendenza.
Nel 1796 ebbe inizio l’esazione del pedaggio con la sopraintendenza del perito montebellano Domenico Cenzati. Proprio il pagamento di 327 Lire effettuato dal citato professionista a favore di un non menzionato falegname per la consegna di un casotto di legno ad uso del pedaggere, fa credere che tutto procedeva per il meglio. Infatti nel mese di settembre 1796 le entrate del pedaggio furono di Lire 1830 (circa 300 Ducati). Non male se si pensa che l’intero ponte era costato circa 5202 Ducati, stessa cifra di quello del Marchese.
Il casotto di legno si rivelò da subito insufficiente e precario tanto da indurre le autorità a rimpiazzarlo con una costruzione più idonea. Nell’immediato non fu possibile l’erezione di un nuovo casello e l’anno seguente la caduta della Repubblica di Venezia e l’arrivo dei francesi di Napoleone complicarono non poco l’esazione del pedaggio. Al perito Cenzati risultò persino difficile e pericoloso portare a Vicenza i proventi del pedaggio a causa delle soldataglie francesi che non disdegnavano rapinare i viandanti.
Cinque anni più tardi la situazione migliorò e le autorità di Vicenza pensarono che era il momento propizio per dare vita al nuovo casello. A facilitare la sua realizzazione fu il riciclaggio di vecchie strutture lignee esistenti in città come “la cavallerizza che un falegname, per il prezzo di 325 Lire, disfece recuperando le assi dei solai e dei tavolati. Altri edifici di Vicenza dai quali si recuperarono dei materiali utili furono la dogana vecchia e la casara. Il 6 giugno 1801 alcuni carrettieri effettuarono sette trasporti di legname riciclato verso il ponte della Fracanzana che solo in qualche documento viene citato come ponte novo. Tra questi trasportatori: Girolamo Montagnolo, Battista Tortora, Giacomo Bressan, Giovanni Boribello, Francesco Camera e Bortolo Caltran. Nei giorni successivi le consegne dei materiali da costruzione proseguirono grazie ai carrettieri Pietro Camisan, Orazio Ferrari, Giovanni Boribello. Furono consegnati nei pressi del ponte della Fracanzana n° 15.000 coppi per il costo di Lire 120. Questi laterizi erano stati comprati presso le fornaci di via Cricoli a Vicenza (strada Marosticana n.d.r.) di proprietà dei nobili conti Trissino.
Alla messa in opera del nuovo casello parteciparono maestranze per lo più montebellane, tra queste: il manovale Zuanne Perin, i muratori Paolo Scaramella e Domenico Zamperetto, il trasportatore Francesco Stocchiero, Domenico Frigo, il manovale Domenico Milion e Giuseppe Fusa. Fu compito del muratore Domenico Zamperetto costruire un camino adatto per la cottura dei cibi e per il riscaldamento durante le fredde giornate invernali.
Alla fine dei lavori, il 1° luglio 1801, il casello fu affidato al Sindaco di Montebello, Giuseppe Miolato, che immediatamente produsse un inventario di quanto gli veniva consegnato.
Il casello misurava metri 6,40 X 360 ed era costituito da due stanze di diversa ampiezza e come dotazioni aveva una catena di ferro con un piantone e tre “cantili (pali di castagno – n.d.r.) La stanga o sbarra era stata costruita e fornita dal falegname Gio.Batta Frigo assieme ad altri manufatti di legno per i quali fu remunerato con Lire 43.10.1
Lo storico Giovanni Mantese nelle sue “MEMORIE STORICHE DELLA CHIESA VICENTINA” afferma che il pedaggio si protrasse fino al 1813, ma alcuni documenti spostano almeno di qualche anno la sua esistenza. Infatti nel 1817 il montebellano Vicenzo Zanuso, conduttore del pedaggio del ponte novo, entrò in conflitto con l’amministrazione di Vicenza per motivi economici. Le particolareggiate mappe austriache di quell’epoca indicano il ponte della Fracanzana come ponte del Dazio a conferma dell’esazione che vi veniva praticata per il suo attraversamento.

Riassunto di GIANESATO OTTORINO tratto dal suo lavoro “MONTEBELLO OSTAGGIO DEI PONTI” – 2011

Disegno: Una ricostruzione della zona del Ponte Nuovo a Montebello nell’epoca dell’episodio narrato nell’articolo (elaborazione grafica Umberto Ravagnani).

Note:
1) Il casello era ubicato approssimativamente dove, fino a qualche tempo fa, si trovava il caseggiato dell’A.N.A.S. (casa cantoniera), all’interno della quale venivano custoditi i mezzi e le attrezzature utilizzate per le operazioni di manutenzione delle strade statali. L’edificio è stato demolito nel maggio del 2019 (N.d.R.).

Umberto Ravagnani

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

IL PONTE DI SANT’EGIDIO (3)

[56] IL PONTE DI SANT’EGIDIO (detto anche il ponte di S. Zilio, il ponte de’ la Guà, il ponte Asse) (terza parte)

Riassunto degli articoli precedenti.
Nel 1559, in seguito alle disastrose alluvioni che avevano colpito il Veneto, il Senato della Repubblica di Venezia ordinò che i ponti di legno spazzati via dalle piene fossero ricostruiti con solide pietre. Allo scopo mise in campo ingenti risorse economiche per risolvere o almeno tentare di migliorare la viabilità tra la capitale e la ricca Lombardia. Credo che questo provvedimento fosse ristretto ai ponti costruiti lungo la Strada Regia: nel territorio vicentino, ad est ed ad ovest del capoluogo, erano crollati i manufatti sul fiume Tesina detto delle “Torre” (Torri di Quartesolo – n.d.r.) e quello di Sant’Egidio sul torrente Guà nel comune di Montebello, con gravissime ripercussioni nelle comunicazioni viarie. Ma nonostante questa decisione, ancora nel 1565, alcuni falegnami di Montebello dovettero provvedere ad alcune grosse riparazioni al malandato ponte di legno sul Guà. Praticamente le passerelle improvvisate ed i traghettatori continuarono a sussistere ancora per alcuni lunghi anni, palliativi ai quali il governo veneziano tentò lentamente di mettere la parola fine. Proprio a riguardo della categoria dei traghettatori ho riportato nel mio lavoro del 2010 “Montebello nella quotidianità del ‘500” una tragica vicenda, consumatasi verso la metà del menzionato secolo nei pressi del torrente Guà, che qui sotto ripropongo:

I TRAGHETTATORI DEL GUA’

Gaspare figlio di “Gobo” de’ Valentini di Montebello fu denunciato dal Decano del suo paese poiché: Venerdì 7 Maggio 1546, il denunciato con altri sconosciuti e il fu Nadalino del fu Bernardino Fontana, nella Contrà del Guà ossia Ponte, fecero società conducendo e aiutando i passanti a guadare il torrente. In seguito a baruffa, dopo le parole vennero alle mani nei pressi della chiesa di San Zilio (Sant’Egidio). Gaspare armato di picca e Nadalino di forca si fronteggiarono.
Il primo colpì il suo antagonista al petto uccidendolo e dandosi poi alla fuga. Gaspare ritenuto colpevole fu bandito in perpetuo (busta n° 1131 sentenze dal 1546 al 1559 – Archivio Torre – Biblioteca Civica Bertoliana).

Come si può leggere, il luogo teatro di questo sanguinoso fatto di cronaca era conosciuto come “la Contrada del Ponte” a testimonianza dell’esistenza di quell’opera che, seppure spazzata via dalle piene del torrente, la gente non aveva mai dimenticata. Questa ricerca archivistica è un tentativo di ricostruire, il più ampiamente possibile, il successivo destino fino al diciannovesimo secolo inoltrato, sia dell’importante struttura che portò la prestigiosa firma del Palladio, sia quello degli altri principali ponti esistenti sul territorio comunale di Montebello. E’ grazie ad alcune memorie storiche della famiglia Gualdo se oggi possiamo apprezzare il fondamentale apporto del grande architetto nella costruzione del ponte sul torrente Guà, edificato, tra l’altro, a ridosso delle grandi proprietà terriere del menzionato casato.
Due iscrizioni incise su altrettante facce dei piloni centrali del ponte, ripetutamente ricordate in alcune memorie storiche vicentine, confermarono che il nobile Lelio Gualdo fu nominato Presidente del costruendo ponte sul Guà nel 1575. Sempre uno schizzo del ponte dello stesso anno ed una successiva relazione dei provveditori al ponte stesso, Galeazzo Anguissola e Bernardino Sangiovanni che rilevarono l’incarico affidato in precedenza al Gualdo, ci informano che il progetto palladiano prevedeva un manufatto con 5 arcate separate da 4 piloni grossi 8 Piedi ciascuno. Tuttavia durante il citato anno 1575 le arcate innalzate al centro dell’alveo furono solamente 3. Pertanto restarono completamente aperti gli spazi laterali per consentire il flusso delle acque, senza quindi unire le due rive e privando, nel contempo, la Strada Regia di continuità.

Lo schizzo del ponte palladiano sul Guà mostra le seguenti particolarità:

L’arcata mediana doveva essere larga Piedi 36 (circa 13 metri) ed era più alta del piano della campagna di Piedi 24 o 25 (circa 9 metri) e del letto del corso d’acqua di Piedi 17 o 18 (metri 6 circa).
Le due arcate laterali erano larghe Piedi 32 ciascuna (circa 11 metri e mezzo)ed erano più alte del piano della campagna Piedi 22 (circa 8 metri) e dell’alveo del torrente Piedi 16 (circa 5 metri).
I piloni centrali avrebbero avuto il loro interramento a circa 12 Piedi di profondità (più di 4 metri)
Il ponte era largo Piedi 12 e sulle facce dei piloni centrali erano costruiti quattro tabernacoli, due a nord e due a sud, come nel ponte di Torri di Quartesolo.

Continua …

Ottorino Gianesato (dal N° 10 di AUREOS – Marzo 2018)

Figura: Il ponte di Sant’Egidio nel 1575, ma i lavori allo stesso proseguirono almeno sino alla fine del 1580 (disegno di Ottorino Gianesato)

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto …

ATTIVITA’ SVOLTE NEL 2005

[42] ATTIVITA’ DELL’ASSOCIAZIONE NELL’ANNO 2005
L’Associazione “Amici di Montebello” desidera far conoscere le iniziative e le attività realizzate nel corso di quest’anno 2005 che sta per concludersi. Erano stati programmati incontri, visite guidate, ricerche storiche nel nostro paese: obiettivi che sono quasi del tutto raggiunti con un positivo riscontro nelle persone che hanno aderito a tali proposte. Iniziamo con l’esporre in ordine cronologico le gite e visite effettuate.
13 Febbraio 2005 – In occasione della Sagra (festa) di San Valentino escursione attraverso le colline da Montebello a Zermeghedo e salendo per i ripidi sentieri su fino all’Agugliana in visita all’antichissima chiesa dei Santi Nicolò e Valentino, e, rispettosi della tradizione, conclusione gastronomica nello stand allestito dalla Proloco.
8 Maggio 2005 – Visita al Santuario della Madonna dei Miracoli di Lonigo con l’assistenza della prof.ssa Nicolin Nicoletta Tonelato esperta conoscitrice dei tesori in esso contenuti e in particolare dei bellissimi ex voto su tavolette di legno.
15 Maggio 2005 – Visita alla Pieve romanica di Colognola ai Colli e alla chiesa della Madonna della Strà di Belfiore (Vr).
12 Giugno 2005 – Gita sui colli Euganei e visita al Museo dei fossili di Cinto Euganeo (Pd) che espone una ricchissima collezione di reperti provenienti dall’area di Cava Bomba, accompagnati dal geologo prof. Terenzio Conterno. Il pomeriggio salita al monte Gemola ove sorge la Villa Beatrice d’Este costruita nel XVII° secolo sopra i resti dell’antico Monastero risalente al XII° secolo.
26 Giugno 2005 – La prof.ssa Alessandra Vantini ci ha guidati alla scoperta della Verona medioevale rappresentata dalle chiese di S. Fermo e di Sant’Anastasia, le Porte Borsari e dei Leoni, Piazza Erbe con i palazzi scaligeri e naturalmente la casa di Giulietta.
3 Luglio 2005 – Visita a Vicenza della mostra “La villa da Palladio a Carlo Scarpa” ospitata nel Palazzo Barbaran da Porto che illustrava l’evoluzione della villa veneta come centro economico, sociale e artistico nei secoli dal Cinquecento all’Ottocento.
11 Settembre 2005 – Visita a Cividale del Friuli per conoscere la civiltà longobarda che qui ebbe un centro di primaria importanza nell’Italia dei secoli VI-VII-VIII, e con la visita al Museo archeologico, al Museo Paleocristiano, al Ponte del Diavolo, a S. Maria in Silvis e conclusione alla città fortificata di Palmanova.
9 Ottobre 2005 – Visita al Museo della civiltà paleoveneta di Adria (Ro). Questo Museo ospita una esclusività mondiale perché espone una biga che fu ritualmente sepolta con tre cavalli per onorare la morte di un guerriero. Abbiamo ospitato in sede la conferenza del nostro socio Ottorino rag. Gianesato sul tema “L’amministrazione della giustizia durante la Repubblica di Venezia” con particolari riferimenti a fatti ed episodi accaduti in quei secoli a Montebello. L’Associazione ha poi fatto dono alla nostra Biblioteca Civica di due lavori opera della paziente ricerca nell’Archivio Notarile Vicentino del sopraccitato Ottorino Gianesato, illustrante il primo la situazione patrimoniale dei cittadini di Montebello nel 1500 dal titolo “I numeri della storia“, e il secondo aspetti del vivere quotidiano dei montebellani del 1600 riferito ad cognizione sociale dal titolo “Diario di un secolo“. Come non ricordare poi la collaborazione dell’Associazione con la Parrocchia per la pubblicazione di un opuscolo dal titolo “La religiosità popolare nei capitelli e gli Oratori a Montebello Vicentino” scritto dalle nostre socie Dima prof.ssa Luisa e Marchetto prof.ssa Silvana in occasione della quinquennale festa della “Solenne“. In tempo di computer e internet il socio Umberto Ravagnani ha creato il sito dell’Associazione: http://www.webalice/amicidimontebello.it Qui si possono trovare pubblicati tutti i numeri del nostro giornalino “Aureos” nonché foto di Montebello degli inizi del Novecento ed altre utili informazioni. Nel concludere questa rassegna ci piace ricordare ai nostri lettori che tutti possono partecipare con scritti e ricerche all’approfondimento della storia del nostro paese e alla salvaguardia delle nostre memorie augurandoci nel contempo di vederli accorrere numerosi alle iniziative che proporremo il prossimo anno.

(dal N° 7 di AUREOS – Dicembre 2005)

Figura:  Silvana Marchetto, che assieme a Luisa Dima Franchetto, ha pubblicato l’opuscolo “La religiosità popolare nei capitelli e gli Oratori a Montebello Vicentino“, frutto di un’accurata ricerca a quattro mani (foto a cura del redattore).

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto …

ATTIVITA’ SVOLTE NEL 2004

[35] ATTIVITA’ SVOLTE DALL’ASSOCIAZIONE NELL’ANNO 2004
Tra le varie attività svolte ricordiamo le visite:

  • Al Museo Civico G. Zannato di Montecchio Maggiore effettuata il 18 aprile, dove abbiamo ammirato le esposizioni dei minerali, dei fossili, dei reperti archeologici paleoveneti, romani e longobardi;
  • alla palladiana villa Caldogno, nel paese omonimo, dove abbiamo ammirato gli affreschi del Fasolo ed il restaurato bunker della Croce Rossa tedesca, realizzato nell’ultimo conflitto mondiale. Ci siamo poi recati sul fare della sera nel Bosco di Caldogno per ammirare in un’oasi ambientale incontaminata le sorgenti del Bacchiglione, la sua fauna e la sua rigogliosa flora. Abbiamo concluso la serata in allegra armonia in un agriturismo della zona (19 giugno);
  • al Museo dei Grandi Fiumi di Rovigo con le interessanti raccolte paleovenete provenienti da Canaro, Frattesina, San Bellino, e romane rinvenute nel territorio circostante la città. Nel pomeriggio abbiamo visitato la villa palladiana Badoera a Fratta Polesine e poi brevemente i resti dell’Abbazia di Badia Polesine (12 settembre);
  • alla zona archeologica di Montebello accompagnati dal prof. Luigi Bedin (3 ottobre).

ANNIVERSARI
600 anni sono trascorsi dalla dedizione alla Repubblica di Venezia del territorio vicentino e della Comunità di Montebello (1404).
La Comunità di Agugliana 300 anni fa inaugurava l’altare dedicato alla Madonna del Rosario.

(dal N° 5 di AUREOS – Dicembre 2004)

Figura: Il prof. Luigi Bedin, durante la passeggiata a Montebello il 3 ottobre 2004, mentre ci illustra le varie località dove sono stati rinvenuti reperti archeologici retici, paleoveneti e romani (foto a cura del redattore).

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.
Se l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE su FACEBOOK

IL PONTE DELLE ASSE

[32] SUL PONTE PALLADIANO DI SANT’EGIDIO A MONTEBELLO
Intorno al 1575 un ponte di pietra fu progettato da Andrea Palladio e costruito sul torrente Guà a Montebello, sul percorso dell’antica Via Gallica che univa Verona a Vicenza, all’epoca chiamata Strada Regia. Questo ponte, appena una cinquantina di anni dopo la sua realizzazione, non esisteva già più. Perché? Che cosa era successo? Se consideriamo la scrupolosità che il Palladio metteva nella creazione delle sue opere e soprattutto la materia prima che normalmente usava, cioè la pietra, questo fatto è a dir poco sorprendente. Le risposte a queste domande si trovano certamente in alcuni documenti dell’epoca presenti in vari archivi, ancora inediti e, in parte, in altri già pubblicati circa 40 anni fa.
Premetto che la ricostruzione completa e precisa degli avvenimenti dalla realizzazione del ponte fino alla sua scomparsa è un’impresa onerosa e qui cercherò solo di sintetizzare ciò che attualmente sono riuscito a conoscere sull’argomento. La ricerca da parte mia di nuovi documenti continua e non escludo l’eventualità di produrre uno scritto più completo e articolato di questo, comprendente i particolari sulla costruzione, la provenienza dei materiali usati, la spesa sostenuta, i personaggi coinvolti ecc.
La nostra storia comincia il 26 maggio 1559 quando il Maggior Consiglio della città di Vicenza, delibera di sostituire i ponti in legno con altri in pietra, più idonei a resistere all’impeto delle acque nelle frequenti piene ed alluvioni dei fiumi e dei torrenti del territorio: “1559. 26. Maggio … siano fatti altri ponti stabili et di pietra in altre strade publiche et principali di questo territorio fora della città …”. Tra questi vi era naturalmente quello di Sant’Egidio a Montebello, data la sua importanza per essere situato sulla strada Regia. Il suo nome deriva dalla chiesetta appunto di Sant’Egidio, ancora oggi esistente e situata a ridosso del torrente Guà in prossimità del ponte stesso.
A causa di successivi e più importanti impegni economici della città, si continuò ancora per qualche anno a riparare i vecchi ponti di legno e solo nel 1569 si cominciò a preparare le pietre per i nuovi ponti. In questo decennio, a causa delle inondazioni che avevano seriamente danneggiato il ponte di Sant’Egidio sul Guà a Montebello, furono commissionati due interventi di riparazione. Nel 1565 fu incaricato di risistemare il ponte un certo Cristoforo « marangon » di Lonigo. Nel 1569 poi, a causa dello scarso risultato ottenuto con la riparazione fatta dal Cristoforo, si dovette ricorrere ad un nuovo intervento. In questa occasione vengono incaricati e sollecitati i carpentieri Zuane fu Francesco Marzochin e Zamaria fu Bono Miolato da Montebello, affinché “… acconcino et accomodino il ponte della Guà nella pertinenza de Montebello.” Ma negli anni successivi continuano le alluvioni e, nel 1574 siamo punto e a capo: il ponte necessita di altre riparazioni. Come abbiamo visto sopra, in quel tempo il Governo utilizzava il quarto del ricavato delle condanne pecuniarie “contra li quereladi o malfattori” per la manutenzione dei ponti, per cui il Maggior Consiglio di Vicenza deliberò di chiedere al Governo della Repubblica di concedere  un nuovo quarto delle condanne per altri 10 anni e che questi denari “… siano specialmente applicati a fabricar li ponti di pietra nè possino esser posti ad altro uso, nè per ripararli nè per fabricarli di legno … Con dichiaratione che delli altri ponti che si haveranno a fabricar di pietra, sia fabricato prima il Ponte di Montebello …
Nel frattempo una nuova alluvione sommergeva una parte del vecchio ponte di legno per cui il Maggior Consiglio decise di fare interrare completamente questa parte del ponte ottenendo così di ridurre la lunghezza del futuro ponte di pietra e quindi la relativa spesa; per questa operazione venne incaricato il Provveditore Odorico Poiana. Il 25 aprile del 1575 lo stesso Maggior Consiglio nominava come Provveditore, per la costruzione del nuovo ponte di pietra a Montebello, il conte Lelio Gualdo. Fu quindi adottato un progetto del Palladio che prevedeva cinque arcate divise da quattro piloni e furono iniziati i lavori. Il progetto originale del Palladio non è ancora stato ritrovato, ma è possibile ricavare la forma e le dimensioni del ponte di Sant’Egidio da tre schizzi dell’epoca datati 1575 e 1580. Nel primo di questi schizzi, riportante la data del 1575, il ponte appare costruito solo nella sua parte centrale, cioè con l’arco maggiore e due archi minori laterali, staccato dalle rive e quindi ancora inutilizzabile. I piloni misuravano 8 piedi ognuno (1 piede = mt. 0,357). L’arcata centrale era larga 36 piedi, mentre quelle laterali erano larghe 32 piedi. L’altezza dal letto del fiume era di 25 piedi per quella centrale e 18 piedi per le due laterali. La strada che vi passava sopra era larga 12 piedi. Gli altri due disegni riportano lo stato del ponte com’era nel 1580, unito alle rive con due grossi muri ma ancora senza parapetti di protezione. Nei documenti vi sono indicazioni di varie consegne di denaro fino al marzo del 1576 al conte Lelio Gualdo per il proseguo dei lavori.
Dei successivi 4 anni non ci sono che scarse notizie, ma evidentemente qualcosa aveva, se non bloccato, di certo rallentato molto l’esecuzione dei lavori. Sicuramente, a mio modesto parere, la tremenda epidemia di peste che ha interessato non solo la nostra zona, ma la gran parte della Repubblica di Venezia, tra il 1575 e il 1577, ha contribuito non poco a frenare la già fragile economia di quel tempo. Si arriva così, senza sostanziali progressi per il nostro ponte, al 1580, quando si affermava che esso era in ottimo stato e, con una modesta somma si sarebbe potuto completarlo. Vengono nominati due nuovi Provveditori al ponte, visto che il conte Lelio Gualdo non si era dimostrato in grado di portare a termine l’opera. Bernardino Sangiovanni e Galeazzo Anguissola, questi erano i loro nomi, si trovarono quindi di fronte a un dilemma: “… se si doveva aggiungere li altri dui archi piccoli uno per parte, overo lassare li tre archi fatti et il resto passare a serrare di muri grossi et forti”. Si decise quindi di fare un sopralluogo con il Capitano di Vicenza Dardi Bembo e con Barnaba Mazzonchi, il capomastro che aveva già costruito i tre archi del ponte. Fu così che, nonostante la contrarietà del Mazzonchi che chiedeva di rispettare il progetto originale del Palladio, per risparmiare sulle spese, si decise di congiungere i tre archi centrali con le rive facendo due grossi muri anziché costruire altri due archi più piccoli. Questa scelta si rivelerà fatale per il ponte: i due muri erano certamente un grosso ostacolo allo scorrere delle acque del torrente che spesso, in autunno e primavera, diventava molto impetuoso e trasportava con sé molto materiale. Il ponte fu portato a termine nel giro di un paio d’anni e, nel marzo del 1582 furono terminati i muretti e la strada soprastante e fu quindi aperto definitivamente al transito. Negli anni seguenti, tuttavia, si presentarono molti problemi causati dalla mancata costruzione dei due archi laterali del ponte. Le numerose piene del torrente causarono un enorme accumulo di materiale a ridosso del ponte, ostruendo sempre di più i tre archi centrali. Tanto che, nel 1588, il ponte era “… in tanto mal stato che se non se li faceva presta et gagliarda provisione” avrebbe corso “pericolo grandissimo di rovinare la prima piena d’acque”. Il nuovo Provveditore Francesco Sangiovanni fu incaricato di far sistemare il ponte, cosa che fu fatta in breve tempo. Tuttavia, in seguito a nuove grandi piene, nel 1593 il ponte minacciava ancora di rovinare per cui il Senato veneto, sostituitosi alla città di Vicenza nel regolamento delle acque, mandava dieci Provveditori a fare un sopralluogo, in seguito al quale fu fatto un semplice intervento sugli argini che non modificò di molto la situazione.
In un documento datato 5 aprile 1615 il Capitano di Vicenza, Giacomo Nani scrive così al Doge Marcantonio Memmo: “Il Ponte di Montebello situato su la Strada maestra che va a Verona è formato di tre archi, et sostenuto da due gran pillastri questi riescono di grandissimo impedimento al corso di quel torrente il qual precipitando da monte turbido e giaroso, et urtando in essi pilastri ivi lascia della materia che porta seco, et ha in maniera alzato il suo letto con giara et cogoli, che in brevissimo tempo resteranno otturati li archi predetti, sicché non potendo il torrente proseguire il suo velocissimo corso, ma regurgitando impetuoso farà con l’innodatione nuove rotte e rovine.” Non se ne fece nulla fino al 1627, quando, a causa del fatto che il ponte  era divenuto quasi una barriera per l’enorme accumulo di ghiaia, il Senato mandava sul posto Marco Barbaro, Nicolò Dandolo e Giacomo Moro, i quali risolsero il problema facendo ridurre di due piedi lo spessore dei piloni e li unirono con dei legni di larice, ma del ponte palladiano non rimaneva ormai più nulla. Anche il nome venne perso e fu ribattezzato « ponte delle asse ».

Umberto Ravagnani (dal N° 5 di AUREOS – Dicembre 2004)

Figura: Ricostruzione ipotetica del ponte del Palladio, a Montebello, sulla base di disegni dell’epoca e su un altro ponte ancora esistente, dello stesso architetto Palladio, a Torri di Quartesolo (ricostruzione a cura dell’autore)
Se l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE su FACEBOOK

LE RISAIE DI MONTEBELLO

[21] LE RISAIE DI MONTEBELLO

Il riso, cereale conosciuto e coltivato sin dalla più remota antichità in Estremo Oriente, venne introdotto dalla Spagna in Italia dagli Aragonesi, nel regno di Napoli nel XV° secolo. Da qui si diffuse in Toscana e poi nella pianura padana dove avrebbe trovato il suo terreno ideale di coltura per l’abbondanza delle acque che richiede. Infatti il Piemonte e la Lombardia sono ancora oggi le regioni italiane maggiori produttrici di riso, mentre il Veneto segue a molta distanza con le risaie del Veronese, situate a Isola della Scala e a Legnago e del Vicentino a Grumolo delle Abbadesse.

Solitamente l’attività di coltivazione del riso, proprio per la sua complessità, venne iniziata e gestita nel Nord Italia, nel sec. XVI°, dai possessori di grandi estensioni di terreno, quali erano gli Enti ecclesiastici da una parte, e i nobili latifondisti dall’altra.

Queste condizioni, e cioè un impresario con capitale da investire in una attività più remunerativa che non la tradizionale coltivazione di frumento e foraggi, e il possesso di vasti terreni adatti portarono alla realizzazione di risaie.

Anche a Montebello, i nobili vicentini Fracanzani e Sangiovanni, nella seconda metà del XVI° secolo incrementarono questa coltura. E poiché qualsiasi variazione di superficie e colturale doveva avere l’autorizzazione di una specifica Magistratura della Repubblica di Venezia, e precisamente dei Provveditori ai Beni Culturali, i Fracanzani e i Sangiovanni, dovevano aver presentato domanda per ottenere l’uso delle acque necessarie all’irrigazione delle risaie.
I territori prescelti a tale scopo si trovano a Montebello nelle odierne contrà della Prà (allora contrà del Molino) e contrà della Fracanzana (allora contrà del Terraglio) rispettivamente a nord e a sud del torrente Chiampo.
Un atto di Lelio dei Magistrelli, notaio di Montebello, conservato nell’Archivio di Stato di Vicenza, contiene il contratto di locazione da parte di Bernardin G. Zuane nei confronti di Giuseppe Cenzatti di Montebello e di Stefano Bertoldi di Isola Rizza (Verona), della risaia della Prà. Siamo nel marzo del 1571. Venivano concessi in locazione 32 campi vicentini, corrispondenti a circa 12 ettari, posti tra il torrente Chiampo a sud, e la strada interna della Prà a nord. Località che allora veniva chiamata contrada del Molino per la presenza di un edificio adibito a mulino. La durata della locazione era fissata in 5 anni, a partire dalla festa di San Martino (11 Novembre) del 1571.
L’affitto che i conduttori si impegnavano a pagare ogni anno era di ducati 169. Inoltre dovevano condurre all’abitazione del detto Bernardin Sangiovanni (situata in Borgolecco, tuttora esistente) 12 stari (staia) di riso bianco e mondato del migliore. E in più 2 paia di capponi grassi, alla festa di San Martino.
Vi erano comunque alcune clausole che tutelavano i conduttori in caso di danni gravi causati dal maltempo (tempesta) o dal passaggio di soldati.
La cartografia che documenta la situazione dei fiumi e delle acque a Montebello sul finire del 1500 indica espressamente la sopraddetta risaia. Sembra comunque che la coltivazione del riso a Montebello non sia continuata a lungo, e già all’inizio del 1600 le risaie vengono abbandonate e i terreni riportati alla coltivazione dei prati o del frumento.

F.C (dal N° 4 di AUREOS – Dicembre 2003)

Figura: L’area della contrà della Prà oggi quasi tutta coltivata a vigneto (Foto a cura del redattore).
Se l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE su FACEBOOK

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.