LA MAESTRA MARIA FRANCHETTO

[163] LA MAESTRA MARIA CARLOTTO FRANCHETTO nel ricordo di una sua alunna.

Angelina Stocchero ricorda così la sua maestra Maria Franchetto Carlotto che ha insegnato nella scuola elementare di Montebello per quasi 40 anni dal 1943 a tutto l’anno scolastico 1980/81. Inoltre nel giugno del 1981 è stata premiata con la medaglia d’oro assieme alle maestre Maria Agnolin Tonelato e Teresa Bertola Nicoletti per il suo notevole impegno nella scuola Elementare di Montebello:

« Sono passati tanti anni da quando facevo le scuole. Ho cominciato la 1a elementare nell’ottobre del 1949. Ai miei tempi le scuole iniziavano tutte in ottobre. Mi ricordo quando andavo a scuola le classi non erano miste. Mi ricordo l’aula dove non c’era il riscaldamento, c’era solo una stufa grande di terracotta e ogni mattina ogni alunna portava il suo pezzo di legno se non volevi patire il freddo. Mi ricordo i banchi che erano tutti rovinati e vecchi, mi sa che avranno avuto più di cinquant’anni, erano messi in fila, mi sembra di ricordare che le file fossero tre. Il banco era a due posti con la panca dove ci sedevamo, non c’erano le sedie, che era scomodissima. Sul banco c’era il buco dove mettere il calamaio e i quaderni e i libri che non si usava noi li mettevamo sotto il banco. Non c’erano tanti libri c’era il sussidiario e poi il libro di lettura. Neanche per il resto c’era una volta quello che c’è adesso. Io avevo una cartella di corame, una specie di pelle, e l’astuccio in stoffa grossa con la cerniera, me l’aveva fatto mia mamma, dove c’erano: la gomma, la matita, qualche colore e il pennino. Basta non avevo altro.
Ho sempre avuto la maestra Maria Franchetto Carlotto, anzi per essere più precisa in 1a elementare l’ho avuta solo l’ultima parte dell’anno scolastico perché era in maternità. Era stata sostituita dalla maestra Bordignon. La maestra Franchetto era molto brava e preparata, voleva che imparassi, non dovevi andare a scuola tanto per scaldare il banco. Ho perso diverse compagne negli anni perché venivano bocciate. La maestra era fissata con la matematica. Ah be’ le tabelline dovevi saperle come il Padre Nostro e dovevi saperle a salti per esempio passavi dal 2×5 al 9×8. Era l’incubo di tutte, le tabelline. E dopo bisognava sapere bene le divisioni e le equivalenze. Mi ricordo che il primo compito sulle equivalenze ho preso due perché su dieci ne avevo fatte giuste solo due, una volta i voti li davano così, ma il giorno che la maestra le aveva spiegate la prima volta ero a casa ammalata. Quando la maestra me le ha spiegate le ho imparate bene e il compito successivo ho preso dieci. Ero bravetta in matematica ma in geometria proprio no. Quando c’era il compito in classe il mio me lo faceva la mia compagna di banco ma prima finiva il suo perché, siccome non si potevano dividere i banchi, la maestra dava due compiti diversi così non si poteva copiare.
La Franchetto era severa, non era mica tanto tenera e non scherzavi con lei per quello che riguardava la scuola. Ma non ha mai punito con le bacchettate, ti dava le copie quelle sì e anche tante, ma non ha mai toccato nessuna delle sue alunne. Sì c’erano maestri che davano le bacchettate e anche i ceffoni, ma la mia maestra non era così. Ho un ricordo particolare della scuola ed è quello che mia mamma mi dava sempre un ovetto, perché una volta dicevano che mangiare l’uovo alla mattina faceva bene, io proprio non lo sopportavo e allora lo scambiavo con le mie compagne, che a casa non avevano uova e in cambio mi davano il loro panino con la marmellata o la cioccolata. » (Dal libro di Ottorino GianesatoUmberto RavagnaniMaria Elena Dalla Gassa « LA “SCUOLA VECCHIA” ELEMENTARE DI MONTEBELLO VICENTINO »)

Maria Elena Dalla Gassa

Foto: La maestra Maria Carlotto Franchetto durante una delle sue lezioni alla Scuola Elementare di Montebello Vicentino negli anni 60 del Novecento (APUR – Umberto Ravagnani).

 

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…

I TAGLIATORI DI CANNA

[121] LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)
I TAGLIATORI DI CANNA

« El Sig. Scalzotto, el scriveva le so storie in dialeto e nialtri in giro pal mondo podivimo lezerle. Lù el ne contava dei mestieri de na volta. El Moleta, el Marangon, el Strazaro, el Maniscalco e altri ancora… Anca quà, in Australia, ghe xe on mestiere che no lo fà pì nesun: el tajador de cana da zucaro! Quanti tusi da la nostra Provincia xe vegnesti quà, proprio par tajar la cana, no gavarì mai gnanca na scianta de idea. Se i gavese savudo quanto che jera duro “tajar cana”, de sicuro no i saria gnanca partii! Adeso ghe xe le machine… ma alora…! La storia che ve conto ‘sta volta, la xe quela de du fradei da Valli. Penso che la vaga ben anca par i soci de la sezion dei Vicentini nel Mondo de Valli del Pasubio.
I du fradei se ciama Dalla Pozza, Valentino e Matteo, partii dal paese ai primi del ‘50. Quando che i nostri emigranti rivava qui, pena finia la seconda guera mondiale, ‘ndava quasi tuti al Norte Quinseland! Tra TausviI (Townsville) e Chens (Cairns), che vuria dire vizin al Tropico de Capricorno. Provè vialtri a partire da Valli, o da Recoaro, o da l’Altopian de Asiago, suito dopo la Befana, e sentarì che difarenza! Matteo el jera vegnù quà nel ‘52. So fradelo, Valentino, el jera xa quà, ma a lù ghe gà tocà spetare quasi un ano parchè i gavea sbaglià de farghe na carta. Prima de partire, el se gavea ingrasà on poco, e so mama la jera contenta parchè la vedea che el fiolo el saria almanco partio pien de salute. Fin che’l jera so la nave, Mateo el xe sta sfortunà parchè ghe fasea male el mare e nol podea magnar tanto: podì imaginarve… El xe riva a Silkwood e a spetarlo ghe jera so fradeto col ‘Farmista’, (qua l’azienda Agricola se ciama Farm=farma, el paron el xe Farmer=farmista, el canpo da tajare se ciama paddok= padico). La cana la gà on giro che la crese, la maura e la xe pronta in tri ani, da quando che i mete xo i “gropi” a quando che i la taja. Par quelo el laoro el xe continuo; pianta, crese e taja tuto el tempo de l’ano. Co i gà scomizià a laorare, i ghe dà on cortelaso da cana che el jera lungo quasi na iarda = tre piè = 75 cm. Da na parte el jera lama de fero e el resto manego. In prizipio, Mateo nol jera bon de starghe drio. I jera na squadra de quatro: prima i dovea pareciare i “Faier- breich” ch’el saria on strozo largo on du metri, dopo, i ghe dava fogo a le foie de la cana pi basse e seche, cusi scapava via i zorsi grosi e i sarpenti velenosi! El sarpente Taipan el xe pi velenoso de tuti i sarpenti: gnanca meza beconà, e te si xà morto! Dopo, in quatro par padico, i scomiziava a tajar la cana. Uno drio che l’altro, on poco sposta de fianco, come quando che se tajava l’erba par fare el fen par le vache. La cana, man man che i ‘ndava vanti, i la butava xo tuta conpagna parchè i gavea da tajarghe tute le zime e meterla sui vagonzini che i corea so na ferovia picola mesa zò a man anca quela. La cana la podea rivare anca quatro metri alta e grosa come on tubo da na incia e meza: inch=police.
I laorava a cotimo, on tanto al vagonzin che i tegnea quasi quatro tone par uno. Co jera caldo, i fasea 6 ore ala matina, dale quatro ale diese, dopo i ‘ndava a magnare, e i tacava de novo dale do fin ale oto de sera. Quando che le jornate le se scurzava, e fasea manco caldo, i laorava dodese ore drio fila; i se fermava a mezodì par magnare on bocon in presia e via, suito a laorare. Però… sabo e domenega, casa. La intorno, ghe jera paesi che se ciamava: Gordonvale, lngham, Silkwood, e Innisfail, el paese pi grando. La domenega i ‘ndava a Mesa. Ghe jera Padre Orsi (Scalabriniano) che el disea Mesa metà in lnglese e metà in Italian, e ghe jera cusì tanti italiani che ghe gà tocà slungare la Ciesa parchè, se no, co pioveva se bagnava metà gente. E co pioveva, el pioveva ben!!! Par forsa!!! La cana la gà bisogno de acua. Se no la gà acua no la crese!!! Il padico i lo dividea a tochi grandi come canpi e co i tajava la cana, el jera on canpo drio che l’altro. Dopo tri misi, Mateo el ghe stava ben drio a chialtri e zerte volte el rivava lù par primo in fondo al canpo. Lù el jera xa drio guzarse el cortelaso cola lima che ghe jera là in fondo, prima che rivase i altri. Però, nol jera pi graseto. El se gavea fato magro come on ciodin. Lù e so fradelo, i ghe gavea mandà a so mama na fotografia fata insieme. So mama, a vedarli tuti dù magri come ciodini, la se gavea disperà parchè la pensava che i fuse malà tuti dù. lnveze, laorando cusì duro, i gavea perdesto el cician, ma i gavea trovà le sterline australiane. Mateo el se gavea pagà i debiti e el ghe gavea zà conprà la ticheta (biglieto) par far rivare la morosa. El farmista dei dù fradei Dalla Pozza, el se ciamava Fontana e el vigneva da Malo. El jera rivà a Silkwood prima del 1930, forse par scaparghe via al fasismo. Anca lù, el gavea scomizià a tajar la cana. Dopo, co’n poche de sterline, el se gavea conprà na farmeta; pagà quela, el ghin gavea conprà naltra, e vanti cusì, fich’el xe diventa paron de la farma ch’el gavea deso, cussì granda che no se podea vedere dove che la finia e ghe ocoreva senpre pì de 250 omini par starghe drio a tajar la cana. Quando che ghe ocoreva omini, el zercava senpre omini de la provicia de Vicenza, o Trevisani e Friulani. Se el podea catarli, el jera contento, parchè el savea ben che, almanco par on par de ani, i gavaria tajà la cana par lù. Mateo e Valentino i gavea sentio dire che a Port Kembla, vizin a Sydney, i zercava omini parchè ghe ocoreva tanta man de opera par la Steelwork. E i gavea anca sentio dire da “radio scarpa”, che jera rivà na Inpresa dal’ltalia, e anca quei zercava operai. I se ga parlà, I ga discutesto, e ‘sta volta, prima xe partio Mateo. Dopo tri dì e tre note, el xe rivà col treno a Sydney. El gà dormio in stazion. La matina drio el ga catà el treno che ‘ndava a Port Kembla, el se ga trovà el “Job” (lavoro). Dopo xe rivà so fradelo, xe rivà anca le done. Adeso, dopo tuti i ani che xe pasà, tuti dù i ringrazia el Signore, parchè i xe ancora quà coi fioi, le fiole e tanti nevodeti. » (Lino Timillero – Vicentini nel mondo – Dicembre 2015)

Umberto Ravagnani

Figura: Tagliatori di canna in Australia. Moltissimi italiani hanno lavorato duramente in queste piantagioni.

Nota: Lino Timillero ci informa che « Valentino Dalla Pozza è deceduto sei mesi or sono, ultra novantenne. Matteo è ancora con noi. Con i due Fratelli ho lavorato per tanti anni. Ambedue furono nel primo comitato dei Vicentini di Wollongong! Se tu ricercassi on-line “Luciano Dalla Pozza”,  troveresti che è uno Specialista in Oncologia (Leucemia nei bambini). Il Dott. Luciano è figlio di Matteo!!! »

Nota: Per chi è interessato, da parecchi anni è stato istituito un premio letterario per scrittori di testi Poesia e Prosa nei dialetti di Lingua Veneta: si chiama “Premio letterario Raise 2019” e si tiene ad Arquà Polesine nel mese di settembre. Anche il nostro Lino Timillero vi ha partecipato l’anno scorso con grande soddisfazione. E’ possibile scaricare qui il Bando 2019.

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto… 

LA STORIA DE TONI E MARIA (1)

[117] LA STORIA DE TONI E MARIA (1)

Come già anticipato nell’articolo precedente vi proponiamo una serie di vicende, realmente accadute, raccontate in dialetto dal nostro compaesano Lino Timillero, partito da Montebello poco più di 50 anni fa per cercare fortuna in Australia (leggi qui la sua testimonianza sul viaggio e sui primi anni di duro lavoro in questo continente lontano).

LINO TIMILLEROCONISTON, Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)

La storia de Toni e Maria (di Lino Timillero – prima parte)

« Oncò, tanto par scumiziare le me “storiete“, voria contarve come che i se trova i vicentini che xe tanti ani che i xe via da casa. Quà ghe xe tante copie, mario e mojere, che parla ancora come quando che i xe partii da casa 50-60 ani fà.
Toni, el gà sempre lavorà ala “Steelwork” che la saria la pì grande Feriera de l’Australia. El gà scomizià a lavorare al “Blast Fournace”, che el saria l’Alto Forno, dal primo dì, e el xe restà là fin che el xe ‘ndà in pension. Podì imaginarve come ch’el jera restà el primo dì quando che el gà visto la ghisa corere in giro pai canali, vegnesta fora dal’”opening” del forno e girare de quà e de là fin che la se spartiva e de qua ‘ndava la “slega e de là la ghisa. Ghe jera un gran caldo, però bisognava star querti parchè jera fasile restar brusà.
El Foreman (capo) el gaveva meso Toni a lavorare insiem a ‘naltro italian, un anzianoto che laorava zà da on puchi de ani e che el parlava l’inglese abastanza ben. Dopo on paro de ani, Toni el ga scomizià a laorare co la manutension. Ogni tanto, bisognava che i fermase el forno par justare quel che se rompeva. Bisognava che i metese a posto i carei che caricava el forno, opure che i justase i quarei dentro i canai dove che corea la ghisa o tante altre robe… Alora no se vardava le ore. Se ‘ndava sempre vanti a laorare “overtime”, che ‘l saria ore estra e alora se ciapava ore dopie e anca triple. Toni el jera sposà co Maria e i gavea on bel toseto. Ancora no i savea se i gavaria mandà el toseto ale scole catoliche o a quele statali. Ghe jera quasi on ano de tempo prima che rivase l’ora ma Toni el gavea zà pensà de far contenta la Maria e de far nare “Joe” a le scole catoliche, anca se ghe gavaria tocà pagare on tanto al mese. Però là ghe jera le suore e el toseto el gavaria imparà anca on poca de religion.
Intanto, dopo esere stà in afito par on par de ani, i jera stà fortunà che la banca ghe gavea inprestà i schei par comprare la casa, Pian pianelo, senpre stando tenti a no fare el paso pì longo de la gamba, e ricordandose del Signore in celo, i se gavaria fato la so strada. » (Lino Timillero – Vicentini nel mondo – Gennaio 2015) continua…

Umberto Ravagnani

Figura: L’acciaieria Steelwork a Port Kembla – Wollongong (Nuovo Galles del Sud – AUSTRALIA). La spiaggia che si nota nella foto, continua per alcuni chilometri a Nord ed è un posto meraviglioso per gli amanti del surf.

Nota: Per chi è interessato, da parecchi anni è stato istituito un premio letterario per scrittori di testi Poesia e Prosa nei dialetti di Lingua Veneta: si chiama “Premio letterario Raise 2019” e si tiene ad Arquà Polesine nel mese di settembre. Anche il nostro Lino Timillero vi ha partecipato l’anno scorso con grande soddisfazione. E’ possibile scaricare qui il Bando 2019.

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto… 

UN FIASCO DI VINO MALEDETTO

[109] UN FIASCO DI VINO MALEDETTO

Vincenzo Arzenton, nativo di Lonigo, si era di recente trasferito a Montebello. Doveva avere una irresistibile e morbosa attrazione per il vino quando la notte del 30 Novembre 1766, verso le quattro del mattino, si recò nel “magazzino” ovvero Osteria di Zuanne Pilotto. Con lo scopo di procurarsi un fiasco di vino cercò il Pilotto e la moglie perché venissero a servirlo. Al loro posto arrivò il cameriere Zuanne Zambellin che, preso un fiasco, andò in cantina per riempirlo, seguito come un’ombra dal cliente. Il cameriere consegnò il fiasco pieno ed in pagamento ricevette una moneta che gli sembrò falsa. Zambellin protestò, ma l’altro insistette perché l’accettasse. Il servitore disse allora di voler mostrare la moneta alla sua padrona, al che l’Arzenton sguainò un coltello proferendo le seguenti parole: “to, porteghe anche questa” e nel contempo gli piantò la  lama nel ventre.  Zambellin morì lo stesso giorno verso le ore 15. Vincenzo Arzenton fu condannato solo a tre anni a remare su di una galera.

Ottorino Gianesato (BBVi – RASPE CRIMINALI del ‘700)

Figura: Ricostruzione di fantasia dell’episodio raccontato nell’articolo (a cura del redattore).

Nota: Per rassicurare i lettori su questi violenti fatti di cronaca voglio citare un articolo di Mind (Mente & Cervello) del mese di giugno 2018, dal titolo “Il declino della violenza” di Steven Pinker docente di psicologia alla Harvard University di Cambridge: « Quella in cui viviamo è senza dubbio una delle epoche meno violente della storia … Oggi per un cittadino europeo il rischio di morire per mano di un proprio simile è statisticamente 60 volte inferiore rispetto al 1300 … Quando consultiamo le cronache medievali dell’Europa occidentale, constatiamo che l’autocontrollo lasciava a desiderare. In quei racconti abbondano i dettagli che dimostrano che la gente veniva alle mani per un nonnulla, faceva i bisogni dove capitava o pugnalava gli altri nel bel mezzo di un pranzo, tutti segnali che la capacità di controllo della mente di controllare il comportamento era molto debole. Così in Cina l’uso delle bacchette è stato imposto dall’imperatore per mettere fine al problema mortale dei litigi durante i pasti, favorito dalla presenza dei coltelli … » (a cura del redattore).

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto …

RIMEDI DEL CINQUECENTO (2)

[69] SUGGERIMENTI DELLA SECONDA META’ DEL ‘500 PER MIGLIORARE LA VITA
DAGLI ATTI DEL NOTAIO CRISTOFANO SQUAQUARA DI BRENDOLA (1)

A far che si trovi de lua del mese de maggio:  incalme de le vide negre sopra el calmun de la zirisara et esso calmo farà uva matura al tempo che viene bone le ciregie. A far sì che si trovi dell’uva nel mese di maggio: innesta delle viti di uva nera sopra il tronco di un ciliegio ed esso innesto farà uva che sarà matura al tempo che saranno “buone” le ciliegie.
A cazar la sede: togli le fogie de la perzigiola e metile sopra la lingua, aquieterà la sede. Per far passare la sete: prendi delle foglie di perzigiola  e mettile sopra la lingua, calmeranno la sete.
NOTA: Non ben individuata l’erba  perzigiola o porcigiola, come scritto in un’altra occasione. Potrebbe trattarsi dell’erba Porcellana chiamata anche erba masciara. In altri posti del vicentino è chiamata asperela, erba che taca, strangolaochi  ed altri nomi.

A guarire uno che fusse morsicato da scorpione:
(1) uno che sia morso da scorpione seda sopra uno asino revolto verso la coda et il dolore si torrà da lui et paserà all’asino.
(2) Ove dica nela orecchia a l’asino: avemi morso el scorpione alora el dolore si torà de lui et paserà nel asino.

Per guarire nel caso si fosse morsicati da uno scorpione.
(1) Uno che sia stato morso da uno scorpione sieda sopra la schiena  di un asino tenendo la faccia rivolta verso la coda ed il dolore si toglierà da lui e passerà all’asino.
(2) Si dica nell’orecchio dell’asino: sono stato morsicato dallo scorpione ed il dolore scomparirà e passerà nell’asino.

A conservar la uva et li malgaragni tuto l’anno. Togli aqua de cisterna et metila in una calderia  a bojlir con uno poco de miele dentro, et (quando) comenza a bojlir metile dentro el graspo de uva et un malgaragno ligato con uno filo tanto che si scoti uno poco e cavali et così si conservano tuto l’anno.

Per conservare l’uva ed i melograni tutto l’anno. Prendi acqua da una vasca e mettila in un pentolone con un poco di miele dentro. Quando incomincia a bollire  metti dentro un grappolo d’uva legato con un filo ad un frutto di melograno finchè si scottano un poco, poi toglili e così si conserveranno tutto l’anno.

A far che li capelli non diventano canuti: togli del latte di cagna et lavati over ongiti la testa over la barba et così non diventeranno canuti.

Per impedire che i capelli diventino bianchi. Prendi del latte di cagna e con questo lavati e ungiti la testa e la barba e così non imbiancheranno.

A guarire la doglia di denti: trova 20 foglie di hedera et metile a bogir in una pignatella di buon vino vecchio con una brancata di sale et fa che bogie tanto che le fogie siano ben cote et poi levale dal focho et lasale rafredare tanto che tu li posi tenir in bocha che non ti scoti et togli una gorgata di quel vino così caldo et tienilo da quella banda  dove ti dole el dente e guarirai.

Per guarire il mal di denti: prendi 20 foglie di edera e mettile a bollire in una pentolina di buon vino vecchio con una manciata di sale e fa che bolliscano finchè siano ben cotte, poi levale dal fuoco e lasciale raffreddare tanto che tu le possa tener in bocca senza scottarti, prendi una sorsata di quel vino così caldo e tienilo (in bocca) da quella parte dove di duole il dente e guarirai.

A far andar via li pelli de una persona che più non li torneranno: trova sterco di gata  et fane polvere sotilmente macinata con aceto fortisimo, stempera e lava el loco piccolo et quelli pelli anderanno via et più non torneranno.

Per depilare una persona definitivamente: prendi sterco di gatta e riducilo in polvere sottilmente macinata  ed unita ad aceto fortissimo, usa il tutto lavando sopra piccole zone (del corpo) ed i peli non ricresceranno.

Continua nel n. (3) …
Ottorino Gianesato
(Miscellanea 2018)

Note:
(1) Il notaio Cristofano Squaquara di Brendola (ma rogava anche a Montebello) inserì questi appunti tra gli atti che vanno dall’anno 1556 al 1574.

Figura: Ricostruzione di fantasia della preparazione dei rimedi (a cura del redattore).

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto …