DA MONTEBELLO ALL’AUSTRALIA

[134] STORIA DI LEONE, PROFUGO SUPERMAN CHE STENDEVA LE VACCHE CON LE MANI.  Di LINO TIMILLERO – Coniston (AUSTRALIA)

« Co la scusa de le guere ‘ntei Paesi Arabi e conpagnia bela, de ‘sti jorni no se sente altro ca parlare de profughi e sfolati! La prima volta ca gaveo sentio la parola “profughi”, jera sta che l’ano de l’aluvion del Po! Ve ricordeo? So la “Setimana Incom”, co se nava al cinema parochiale, i li fasea vedare ‘sti pori sfolati: in pie, sui cassuni de drio ai camion. I vignea portà in giro chissa ‘ndove. E se vedea acua dapartuto! ‘Ntel Polesine, parea ca ghe fusse el mare. Da cuando ca jera capità l’aluvion, a la primavera de l’ano dopo, ca saria verso Pascua del 1952, xe rivà un de ‘sti profughi anca al me paese. Sì, a Montebelo! El se ciamava Leone, e el jera forte come on leon, par come chel jera fato e par la voze grosa cal gavea. A mi, ca gavevo oto ani, el me someiava on toco de omo. El jera grando e i brazi e el colo i jera come cuei de Maciste. E la voze forte: parea cal sbraitasse, e inveze la jera la so maniera de parlare. Ve ricordeo de Gioanin, cuel zovanoto cal stava ‘ntel garage de Toni e Maria? Cuelo ca el se la contava coi so paesani a Port Kembla? Anca lu el vignea da Montebelo! E anca lu el gavea conosesto Leone. Desso, a Montebelo, xe pien de fabriche dapartuto, case nove da tute le parti. ‘Ndove ca ghe jera i pra’ de Stocchero, desso xe tuto pien de case e strade, fin drio ai taraji del Cianpo, dal ponte del Marchese al ponte Nuovo. Ma Gioanin el se ricorda ben anca lu come ca jera le robe ‘ntel 1952. Sui pra dei fradei Stocchero ghe jera tanta erba e piante de morari. L’erba, se sa, la xe par le vache. E i morari, dimandarì vialtri? A cuei tenpi là, se slevava ‘ncora i “cavalieri”, ca i magnava solo ca le fojie de Moraro. E bisognava ca le fusse fresche e tenare. No savi mia cossa ca i xe i cavalieri? I xe cuei ca vien ciamà bachi da seta par talian. A pi de calche d’un, i cavalieri ghe ga assà on bruto ricordo! Bisognava ‘ndare a catar su le fojie de moraro tuti i giorni, e, se le jera bagnà, ne tocava sugarle parché, se no, le ghe gavaria fato male. A chi? Ai cavalieri, a cuei ca se bagnava parché el piovea cuando ca i nava a catar su le foije, no ghe ‘nteressava gnente a nissun.
Leone el jera rivà dai Stocchero e el laorava par luri. Lu el ghe stava drio a le vache. El le netava soto, el portava fora el luame fin al luamaro, el jutava monzerle da late par portarlo a la casara de la cooperativa. Co xe rivà lu, le vache le nava sui pra a magnare l’erba fresca. Verso le do, le vignea fora da la stala, le traversava la corte, e anca la strada, e le nava xo, drio la mura de la vila dei canossiani ca desso la xe de Zonin (la jera poco pi de na cavezagna, lora, “via Po” la se ciama ora). Cuando ca tute le vache le gavea traversà la strada, Leone el ghe corea davanti par farle ‘ndare a pascolare ‘ndove cal volea lu, e le stava là fin ca vignea la ora da monzerle. ‘Lora, le traversava da novo la strada e la corte par ‘ndare naltra volta in stala. Co le vache traversava la strada, Leone el se metea in maniera ca, de drio a lu se nava verso la piassa, davanti a lu pasava le vache, e de là ghe jera la pontara par nare sol ponte del Marchese. Bepe Stochero, el gavea on ano manco de mi, e zugavimo tante volte insieme. Na volta, ne xe capità de vigner su dai pra’ co le vache. Bepe el me dise de spetarlo lì, so la strada fin ca pasava le vache. Leone el jera xa lì e, pena pi in là, se ga messo Bepe. Na vaca, par fare la furba, la xe partia de fianco, e xo verso la piassa! Leone el ga fato tri salti, el ga ciapà la vaca pai corni e el la ga tirà xo par tera! Bepe nol ga gnanca fato tenpo a movarse, ca Leone el jera drio instrozare la vaca par farla nare da la parte de la stala. E mi? Mi corevo par ciamare so popà de Bepe e dirghe ca jera scapà via na vaca e ca la volea nare in piassa.
De ‘sta storia, xe vegnu’ a saverlo cuasi tuto Motebelo parché lì vizin ghe jera le boteghe del casolin e de “sali e tabachi”, e le done jera sentà fora a contarsela fin ca le justava le braghe o i calziti de i so omini. Come cal jera capità cuando ca Leone el jera rivà, ca nessun no savea gninte, cussi xe sta cuando cal xe ‘nda via. Dopo gnanca on ano, de Leone no se ricordava pi nissun. E a nissun ghe nteresava de savere ‘ndove cal fusse ‘nda’! Dopo cuasi trenta ani, in Australia, Gioanin el laorava ‘ncora a la E.P.T. L’inpresa la jera piena de laoro parché i gavea da far su on ‘Coal Loader’ novo. Xo al porto, se dovea metar insieme machinari novi par caricare el carbon so le navi. Tuto jera in man de l’Ansaldo e dela Krupp, e la E.P.T. metea la man de opera: dal ‘Project Manager’ a tuto el resto. Co rivava el di de paga, ogni altro zobia, se dovea nar tore i schei par ordene fabetico. Se no i gavesse fato cussi, i oparai i gavaria fato na fila longa in meso al canpo ca no gavaria pi podesto pasare i camion e le gru ca rivava indrio dal cantiere. I operai i jera tuti contenti (i taliani ), parché, la setimana prima, l’Italia gavea vinto el canpionato del mondo de Calcio. Cuelo de Spagna. Chel zobia dì de paga, Gioanin el xe ‘nda’ a torsela a la mensa. Come cal jera rento de la porta el se ga fermà de colpo! Da ‘na parte, ghe jera on s-ciapo de operai ca i ciacolava. In meso ghin jera un cal parlava ‘nte na maniera ca a Gioanin no ghe parea vero. ‘Lora el ga fato du pasi da chela parte, e el ga spetà ca parlasse ‘ncora cuelo de prima. Cuando ca cuelo ga verto boca, Gioanin el ga savesto suito chi cal jera! “Leone, sa feto cuà?” ga dito de boto. “Chi sarissito ti?” ghe dimanda Leone. “Mi son da Montebelo – ghe dise Gioanin – te ricordito de la corte dei Stochero?”. “Varda ca mi fasso el Leading-Hand (capo scuadra, in talian) in Linea, e de Montebelo no me ‘ntaressa ninte!” Gioanin el dise ‘ncora: “No te vien mai in mente de che la vaca ca volea scapare in piassa?”. “Te go pena dito ca laoro in linea. Doman ghemo da “ndare su a Golbourn par scumiziare na linea nova e semo drio parlare de come ca ghemo da fare!” Gioanin el xe restà male, nol ga’ pi’ dito gnente, el ga ciapà la so paga e el xe ‘ndà casa. “E Leone ?”, disarì vialtri. Leone el sarà in giro par l”‘Out-Back” Australian, a montare tralici, copar coneji co la s-ciopa. E a corerghe drio ai emus, pronuncia “imius”, osei grandi ca noi svola, come i strussi.
» (Lino Timillero – Vicentini nel mondo – Luglio 2018).

Umberto Ravagnani

Foto: Montebello – Uno scorcio dei « pra’ di Stocchero » negli anni 50 del Novecento (APUR – Umberto Ravagnani).

Nota: Per chi è interessato, da parecchi anni è stato istituito un premio letterario per scrittori di testi Poesia e Prosa nei dialetti di Lingua Veneta: si chiama “Premio letterario Raise 2019” e si tiene ad Arquà Polesine nel mese di settembre. Anche il nostro Lino Timillero vi ha partecipato l’anno scorso con grande soddisfazione. E’ possibile scaricare qui il Bando 2019.

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE
Oppure lascia un commento qui sotto…

 

 

 

LA FAMIGLIA BICELATO

[79] LA FAMIGLIA BICELATO O BIZELATO

Gli appartenenti a questa famiglia, forse di origine cimbra, sono segnalati nella zona della Selva e Agugliana fin dal primo Quattrocento.  Il capostipite è Nicolò Bicele che appare in due documenti rispettivamente del 1423 e 1433. L’origine di questo cognome è da attribuirsi al toponimo cimbro “bizele”, ossia piccolo prato. In alcuni documenti dello stesso secolo, sempre nell’alta collina montebellana, abitano alcune famiglie chiamate dal Prà, che potrebbero essere dei potenziali parenti dei Bicele, nel caso in cui il notaio rogante dell’epoca avesse tradotto in Veneto il toponimo. Come per quasi tutte le famiglie della Selva e dintorni, è assai problematico ricostruirne la genealogia considerati il loro continuo spostamento e lo scarso ricorso ai notai. A chi conosce l’Estimo del 1544-45 salta subito agli occhi come in questo manchi la famiglia Dal Maso, presente anche ai giorni nostri in Montebello e della quale la memoria storica ne fa uno dei nuclei più vecchi del paese. Una delle risposte potrebbe arrivare dai Bicelati, forti del fatto che uno di loro è nominato, sempre nel “Balanzon” (1), Lorenzo dal maso del fu Meneghin Bizelato. Questa è una delle ipotesi che giustificherebbe la scomparsa del cognome Bicelato, assieme ad un’altra che vuole il nuovo cognome Covolato sostituto del primo.

Ottorino Gianesato (Nome … e Cognome (2007))

Note:
(1) Il Balanzon o Estimo nasce con lo scopo di descrivere e stimare il valore dei beni dei cittadini ai fini fiscali (N.d.R).

Figura: Molto probabilmente il cognome Bicelato nasce nell’alta collina montebellana, nella zona di Selva o Agugliana (foto a cura del redattore).

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto …

I MARINAI DI MONTEBELLO

[44] MONTEBELLO E I SUOI “MARINAI” D’ALTRI TEMPI
Le prestigiose posizioni di vertice, raggiunte dalle Antiche Repubbliche Marinare di Genova e Venezia nell’economia, nel commercio e nella politica, furono in gran parte merito delle navi da guerra e da carico che i rispettivi cantieri seppero costruire con la valente esperienza dei loro “mastri d’ascia“. Una delle imbarcazioni che dominò le rotte del Mediterraneo fu la galea o galera, varata in diversi allestimenti a seconda dell’utilizzo. La galea sottile o da combattimento, fabbricata solo nell’Arsenale di Venezia e armata con 15 pezzi d’artiglieria, era lunga una cinquantina di metri ed il suo avanzamento nel mare era favorito dalle vele e soprattutto dai rematori presenti in 162 unità, il numero dei rematori, nel 1593, fu portato a 192, ossia 144 forzati e 48 volontari detti “di libertà o di rispetto“, con il rapporto di tre forzati per ogni volontario. Nel 1545 l’autorità della marina veneziana tentò di sostituire i rematori volontari con i forzati prelevati dalle carceri. Ciò contribuì certamente a migliorare il sovraffollamento delle prigioni, ma è altresì vero che la fiotta non potè mai contare su di una quantità adeguata di vogatori. Allora, per sopperire a questa mancanza, la Serenissima ricorse periodicamente alla “leva” di centinaia di rematori reclutati sulla terraferma. Tutti i comuni infatti erano obbligati, tra le altre “gravezze” come la fornitura di fieno alla Cavalleria, a tenere un elenco di nominativi di potenziali rematori da utilizzare all’occorrenza sulle galee. Dopo l’estrazione a sorte i neo marinai, venivano pagati in parte dal comune di provenienza ed in parte dalla Serenissima, ad imbarco avvenuto presso il porto di Venezia. Dalla modesta documentazione arrivata ai nostri giorni, si conosce che il 24 Febbraio 1538 (atti del Notaio Daniele Roncà di Montebeilo) Marco di Jacobo dal Prà, abitante alla Selva, fu estratto “per servire al remo” di una galea della fiotta veneziana, per 4 mesi. Nei racconti di chi già aveva vissuto questa dura e difficile esperienza, appariva evidente quanto problematica fosse la permanenza sulle navi. Durante la navigazione, a chi non partecipava alla voga con forza e sincronismo, venivano distribuite nerbate a non finire dall’aguzzino di turno. Il vitto poi era sempre scarso e scadente, anche se ancor peggio stavano i rematori forzati la cui razione giornaliera consisteva in 5 once di pane o galletta, una ciotola di minestra di riso o legumi, acqua ed una tazza di vino. Solo in occasione delle feste di Pasqua, Natale e dei patrono San Marco, venivano distribuiti un po’ di carne ed un boccale di vino. La promiscuità, la fame, la fatica e le sofferenze di ogni genere erano causa della morte del 60% dei forzati, ed i rematori liberi non se la passavano poi tanto meglio. Il citato Marco dal Prà, per evitare l’arruolamento, cercò un sostituto tra i compaesani non estratti a sorte e lo trovò in Michele del fu Bernardo Castegnaro a cui offrì 16 Ducati, con versamento di ulteriori 2 Ducati da pagarsi ai parenti per ogni mese ulteriore passato sulla nave. L’accordo redatto dai Notaio Roncà non andò a buon fine, ne è prova che il 3 Marzo successivo Marco dal Prà trovò un nuovo sostituto in Sebastiano Pelizzon del fu Jacobo il quale acccettò per la nuova e più vantaggiosa cifra di 19 Ducati e 2 Soldi per ciascun giorno in più, somma pagabile in Marcelli d’argento (monete del valore di 10 soldi ossia mezza lira). In un elenco del 1590-1591 risultano iscritti alcuni nominativi di galeotti-rematori montebellani, ma una nota scritta a fianco di ognuno di questi ne esclude l’impiego sulle galee per motivi diversi, eccettuato Alessandro del fu Jacobo Bevilacqua. Costui, arruolato come rematore il 2 Agosto 1571, partecipò quasi sicuramente alla battaglia di Lepanto del 7 Ottobre di quell’anno, scontro che le flotte della Serenissima e degli alleati europei sostennero vittoriosamente contro quella Turca nel mare Adriatico. Nel corso del ‘600, l’aggravarsi della situazione degli scali marittimi veneziani nel mediterraneo per il perdurare degli assalti dei Turchi, sfociò nei 1645 in una guerra cruenta. La marineria veneziana continuò pertanto ad arruolare nuovi rematori: anche Montebello inviò un suo figlio, Lorenzo Aldegheri dei fu Zorzo, pagato con 170 Ducati. Per difendere il porto di Candia (Creta) Venezia fu costretta, il 6 gennaio 1646, ad emanare una Ducale (ordinanza) che obbligava i Comuni della terraferma a fornire alcune centinaia di rematori liberi. Questa Ducale, in alcuni stralci, così recitava: “… continuando l’Ottomana aggressione della piazza di Candia … altri rinforzi siano ricercati … per rimettere in stato valido l’armata … con la contribuzione d’uomini 500 da remo da dover quanto prima effettuarsi …“. Il Comune di Montebello rispose con altri tre marinai, Piero dei fu Giulio Zigiotto, Crestan figlio di Mattio Truta e Giacomo del fu Gregorio Paldeferro. Costoro si accordarono con i consiglieri comunali Calza e Collalto per la cifra di 200 Ducati cadauno, ricevendo come anticipo Lire 9 e Soldi 6 (per capire il valore del denaro, in quel tempo un campo di buona terra costava 100 Ducati). Altri montebellani, loro malgrado, furono costretti, a seguito delle condanne loro comminale dal Tribunale della Corte Pretoria, a passare lunghi anni ad un remo delle galee. Il 18 luglio 1693 Battista Albanese, colpito da un provvedimento di condanna al remo per un grave reato, incaricò il Prevosto di Montebello, Leonardo Sangiovanni, di amministrare i suoi beni per il sostentamento dei figli ancora in tenera età. Nel secolo successivo diversi compaesani lo seguirono (Vincenzo Arzenton, Gioacchino Nardin ed altri) finché l’avvento dei più moderni e più veloci velieri e la perdita da parte di Venezia degli scali marittimi resero quasi inutile l’impiego dei rematori.

Ottorino Gianesato (dal N° 8 di AUREOS – Dicembre 2007)

Figura: La classica galera veneziana (ricostruzione grafica a cura del redattore).

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto …