LA FAMIGLIA BICELATO

[79] LA FAMIGLIA BICELATO O BIZELATO

Gli appartenenti a questa famiglia, forse di origine cimbra, sono segnalati nella zona della Selva e Agugliana fin dal primo Quattrocento.Β  Il capostipite Γ¨ NicolΓ² Bicele che appare in due documenti rispettivamente del 1423 e 1433. L’origine di questo cognome Γ¨ da attribuirsi al toponimo cimbro β€œbizele”, ossia piccolo prato. In alcuni documenti dello stesso secolo, sempre nell’alta collina montebellana, abitano alcune famiglie chiamate dal PrΓ , che potrebbero essere dei potenziali parenti dei Bicele, nel caso in cui il notaio rogante dell’epoca avesse tradotto in Veneto il toponimo. Come per quasi tutte le famiglie della Selva e dintorni, Γ¨ assai problematico ricostruirne la genealogia considerati il loro continuo spostamento e lo scarso ricorso ai notai. A chi conosce l’Estimo del 1544-45 salta subito agli occhi come in questo manchi la famiglia Dal Maso, presente anche ai giorni nostri in Montebello e della quale la memoria storica ne fa uno dei nuclei piΓΉ vecchi del paese. Una delle risposte potrebbe arrivare dai Bicelati, forti del fatto che uno di loro Γ¨ nominato, sempre nel β€œBalanzon” (1), Lorenzo dal maso del fu Meneghin Bizelato. Questa Γ¨ una delle ipotesi che giustificherebbe la scomparsa del cognome Bicelato, assieme ad un’altra che vuole il nuovo cognome Covolato sostituto del primo.

Ottorino Gianesato (Nome … e Cognome (2007))

Note:
(1) Il Balanzon o Estimo nasce con lo scopo di descrivere e stimare il valore dei beni dei cittadini ai fini fiscali (N.d.R).

Figura: Molto probabilmente il cognome Bicelato nasce nell’alta collina montebellana, nella zona di Selva o Agugliana (foto a cura del redattore).

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiositΓ , proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACEΒ 
Oppure lascia un commento qui sotto …

LITE TRA VICINI DI CASA

[75] LITE TRA VICINI DI CASA
UNA MINACCIA DIGERITA MALE

Simone ferraro detto β€œGrapina” figlio di Foino da Monteforte, abitante a Montebello, fu rinviato a giudizio con la grave accusa di aver favorito l’uccisione di Antonio Trentin. Nel processo che si tenne qualche mese dopo Simone si difese affermando di aver visto Antonio Trentin, suo vicino di casa nonchΓ© suo parente consanguineo, pochi giorni prima di morire. In quell’occasione la vittima procedeva sulla strada armato di spada e β€œpilla di ferro” (asta) dirigendosi verso di lui. Pertanto, temendo di essere assalito, si era ritirato in casa. In seguito Antonio ebbe a dire contro di lui reincontrandolo: « no passerΓ  sta sera che ghe farΓ² tagiar le gambeΒ Β». Queste affermazioni non impedirono al giudice di condannare Simone al bando perpetuo per complicitΓ  grave nel delitto.

Ottorino Gianesato (BBVi – RASPE CRIMINALI del ‘500 – Busta nΒ° 1131 dal 1546 al 1559)

Figura: Ricostruzione di fantasia dell’episodio narrato nell’articolo (a cura del redattore).

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiositΓ , proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACEΒ 
Oppure lascia un commento qui sotto …

ANNIVERSARI (1)

[14] ANNIVERSARI (1)

Il socio Onorario Don Ubaldo Penasa ci scrive: “… Quest’anno ricordo due date: 1) Ricorrono 100 anni esatti (1902) dall’inizio della pubblica illuminazione del centro e del Comune (Municipio) di Montebello. (2) 70 anni orsono ero ragazzino di 12 anni, su esortazione di Mons. Zanellato, prevosto, e di Bruno Munaretto autore del volume “Memorie storiche di Montebello” in bicicletta, passai per le contrade della parrocchia ad offrire, in acquisto, alle famiglie l’interessante pubblicazione …”.
Ringraziamo Don Ubaldo per queste notizie e per il suo generoso contributo che sarΓ  destinato per attivitΓ  culturali. Sempre quest’anno si ricordano i cent’anni di presenza nel nostro paese delle Suore Dorotee (9 gennaio 1902) ed i dieci anni della costituzione della nostra associazione (16 marzo 1992).

(dal NΒ° 2 di AUREOS – Giugno 2002)

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiositΓ , proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.
Se l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE su FACEBOOK