LINO TIMILLERO A MONTEBELLO

[152] LINO TIMILLERO A MONTEBELLO (scarica la locandina)

LINO TIMILLERO nato a Montebello Vicentino, come molti di voi sapranno, si è trasferito in Australia poco più di cinquant’anni fa in cerca di fortuna e, spesso, si fa sentire dai suoi compaesani, amici e conoscenti della sua infanzia. Da qualche mese invia alla nostra redazione i suoi numerosi racconti, spesso in dialetto veneto, così che i suoi compaesani possano leggerli e apprezzarli. Si tratta di testimonianze che comprendono ricordi del periodo vissuto a Montebello e racconti di fatti accaduti nella città dove vive attualmente (Wollongong) e che hanno, in qualche modo, coinvolto la numerosa comunità vicentina di emigrati in quel lontano paese.
Nelle ultime settimane, dopo molti ripensamenti, ha deciso di trascorrere una breve vacanza nei luoghi della sua infanzia e abbiamo l’onore e il piacere di dedicargli una serata nella quale ci racconterà della sua vita avventurosa e dei suoi progetti futuri. Il 14 settembre 2019, inoltre, Lino Timillero ha ritirato il I° premio alla XXVIIa edizione della manifestazione di prosa e poesia dialettale “Raise“, che si tiene annualmente ad Arquà Polesine (Ro). Lo scritto, in dialetto veneto, verrà letto durante la serata da Raffaella Clerici.

Ecco il racconto di Lino Timillero che ha vinto il I° premio nella sezione “Veneti nel Mondo“:

(Coniston 7-1-2019)
« “Sito sicuro che te vui nar via?

Silvano el me dimandava: “Sito sicuro che te vui nar via?”
Gavivimo poco pì de vinti ani. E mi a dirghe: “Ma sì che son sicuro. Là ghe xe me fradelo. Lù el me ga dito chel me inprestarà i schei pal viajio e chel me catarà lù da laorare.”
E Silvano: “Ma varda che la xe distante l’Australia seto! Cuanto ghe metarisito a rivare?”… Ale visite dai dotori jero ndà. Le carte jera pronte. Anca el pasaporto. El biljieto par el viajio so la nave so na torlo a Vicenza. Le valise le jera dò parché me fradelo el gavea mandà sù schei da conprarghe robe da vestire par la so dona e anca par lù. Robe fine da done. El disea che là no se podea catarle. E anca par lù parché me mama la disea che ghe jera senpre piasesto da vestirse ben! E mi, co jero so la nave e me scanbiavo le mudande, me catavo senpre na medajieta de la Madona tacà sol fianco. Me mama la le gavea cusie so tuta la biancaria…
Zincuantadù ani xe passà da cuando che son rivà so sta Tera. Granda che no la finise mai! A laorare, fin che so nà in pension, senpre a laorare. Ma anca a sposarme e metar su famejia. Ma anca a vedar cresare i fioi. E a pianzere e a ridare co me mojiere co luri e coi so noni. Desso semo noni anca nialtri! Dopo aver vudi i nostri du fioi e dopo verli slevà, desso se pol cuasi dire che semo cuà par el nevodeto e le nevodete! Anca se la salute no la xe pì tanto bona. Anca sa se catemo co calche chileto de pì da portare in giro, xe da ringrasiar el Signor che ghemo la testa ncora bona! Savemo chi che semo e se ricordemo chi che jerimo!!! Desso che se podaria nar catare i parenti e i tusi che jerimo na scola insieme… Desso che  podaria contarghe a Silvano come che me son catà cuà in Australia…Desso ghe xe de mezo la salute: “Par carità! E se ne capita calcossa! No!  No!  Stemo casa nostra!!!”
Alora, zercando e dimandando, go catà el numaro de telefono de Silvano, de Tito, e de calche dun altro e me taco al telefono a far na ciacolada ogni tanto. E coi me fradei pì veci, come che fasevo par Nadale e par Pascua e calche altra volta. Bevare no se pole. Fumare el fa pì male ncora. Lora ciacolo par telefono con cuei che no i stà pì a Montebelo gnanca luri!! Chi che xe ndà  stare a Vicenza co i se ga maridà, chi che xe ndà stare a Arzegnan e chi che xe ndà stare a Restena… No i vede pì el castelo de Montebelo co i se alsa a la matina. Gnanca luri! Come mi! Solo che luri, co i vole, i pol saltare in machina, e in dò e dò cuatro i xe zà bei che là!!!  E mi che son partio: “Sito sicuro che te vui nar via?”… E mi che son partio co na valisa mia e una par me fradelo… Che no me son perso parché intorno ghe jera  el mare. Grande, che nol finia mai…!    Montebelo lo vedo sol Computer. E me fazo na caminada “virtuale” par le strade del paese! Me nevodo me gavea insegnà: “Nono, se fa cussì, cussì, e cussì. Tiente inamente!” E tuto par Australian. Ma stano che vien el studiarà el Talian “seriamente”. El me lo ga dito lù, el me ‘grand-son’

E me vien inamente i ani de prima che partisse…! » (Lino Timillero – Coniston, 7-1-2019)

In figura: Lino Timillero nella serata a lui dedicata dagli Amici di Montebello (Umberto Ravagnani).

 

CHI ERA LINO LOVATO?

AI LETTORI: L’Associazione Amici di Montebello sta preparando un evento per ricordare il nostro concittadino LINO LOVATO, pittore e scultore buono, generoso, sensibile, autore di molte opere artistiche. Chi avesse informazioni, aneddoti, suoi quadri, etc., è invitato a mettersi in contatto con la redazione tramite e-mail, sms o cellulare (informazioni a fondo pagina).

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto… 

LA STORIA DE TONI E MARIA (2)

[118] LA STORIA DE TONI E MARIA (2)

LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)

La storia de Toni e Maria (di Lino Timillero – seconda parte)

« Jerimo resta’ che Toni e Maria i jera pronti a mandare el so toseto ale scole catoliche. E, come che go’ dito, ghe saria costa’ on tanto al mese parche’, secondo el governo australian, le jera scole private co la responsabilita’ de 1a Diocesi.

Al steso tempo che Toni scominziava a meter su casa e bituarse on poco al vivere australian, xe riva’ da l’Italia l’impresa S.A.E., quela che fasea le linee eletriche. La se ga’ porta’ i so operai da l’Italia e i ga’ fato su’ pali e tralici par portar la corente da tute le parti. I afari ghe ‘ndava cosi’ ben che i ga deciso de impiantar su’ na Impresa in Australia con nome E.P.T. (Electric Power Transmission). ‘Sta Impresa italiana la ga’ scominsia’ a tor su’ tanti lauri anca ‘nte la feriera dove che lavorava Toni. I capi de l’EPT i voleva che Toni ‘ndase a laorar con luri ma lu non ga’ mai vusudo ‘mpiantar li’ la Steel Works perche’ ghe piasea stare ‘ndo’ ch’el jera.

Intanto Joe, el toseto de Toni e Maria, el ga’ scominzia’ el “Kindergarten” a 5 ani. Dopo el saria ‘nda’ in prima fin ala sesta… E cio’, el ga’ scominzia’ a imparare l’inglese! E quando che el zugava coi toseti el parlava inglese, la T.vu ancora no la ghe jera, si’ che’ on poco la volta Joe ghe parlava in inglese anca a so mama e a so popa’. Toni e Maria i ghe parlava in dialeto e lu el rispondea in inglese. No i lo ga’ mai ferma’ e no i lo ga’ mai sforza’ de parlarghe in dialeto parche’ i gavea paura ch’el se ciapase indrio a scola.

Intanto i inparava anca luri a capir de pi i australiani, cussi’ i se rangiava meio sul laorare e a fare el “shopping”. Toni el vignea da un paese vizin a Arzegnan e anca la Maria che 1a vignea da Nogarole. Tutti du i gar fato amicisia con un tosato che laorava par la EPT, pena riva’ da l’Italia. ‘Nte la casa che Toni gavea compra’ ghe jera el garage, ma Toni non gavea 1a machina, cosi’ i lo ga’ giusta’ su’ un pochetin, i ghe ga meso drentro un leto e una carega e i ghe ga’ fita’ el garage a sto tosato che el ghe pagava el “board” parche’ i ghe dava anca da magnare. Cosi’, co le poche sterline (australiane) che i ciapava dal tosato, i pagava la scola catolica pal toseto. » (Lino Timillero – Vicentini nel mondo – Maggio 2015) continua…

Umberto Ravagnani

Figura: Nel periodo in cui si svolse questa storia a Coniston, le aule scolastiche, i banchi, i quaderni e gli atteggiamenti degli alunni erano più o meno gli stessi che c’erano a Montebello (ricostruzione di fantasia a cura del redattore).

Nota: Per chi è interessato, da parecchi anni è stato istituito un premio letterario per scrittori di testi Poesia e Prosa nei dialetti di Lingua Veneta: si chiama “Premio letterario Raise 2019” e si tiene ad Arquà Polesine nel mese di settembre. Anche il nostro Lino Timillero vi ha partecipato l’anno scorso con grande soddisfazione. E’ possibile scaricare qui il Bando 2019.

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto…