GIULIANO DEI NOTTURNI

[125] GIULIANO DEI NOTTURNI NEI RICORDI DI LINO TIMILLERO

Β  Un click qui per ingrandire l'immagine

Quando Giuliano dei Notturni faceva il monello sulle rive del Chiampo. Prima di diventare una superstar della musica leggera degli anni ’60, un giovanissimo Cederle sfidava le piene del fiume che scorre poco fuori la Montebello natia. Dove perΓ², all’asilo delle suore, gli toccava subire la legge del piΓΉ forte.

« Come ca go xa dito, mi son partio da Montebelo, el me paese, nel 1967, ala fine de febraro… Par l’Australia! Coi sioperi dei camarieri e altra jente ca laorava sola nave Galileo Galilei, semo stΓ  in giro pal mare sete setimane. Dovivimo rivare a Sydney prima dele Palme, inveze semo rivΓ  el dΓ¬ prima de l’otava de Pascoa! Calchedun in giro pal mondo nol savarΓ  gnanca ‘ndove cal xe sto Montebelo… Co se ciapa la provinciale da Vicensa par Verona, prima de rivare ale Alte de Montecio Magiore, se vede i castei de Giulieta e Romeo, xe vero, sΓ¬ o no? Ve vanti ‘ncora on poco e vedarΓ¬ el Castelo de Montebelo! El Municipio e la piassa del paese no i se vede dala provinciale, ma i xe pena soto el monte, sconti dai taraji del Cianpo! Cossa xelo el Cianpo? El xe un torrente ‘cal vien zo dala Valle del Chiampo, come ca se dise par talian! Cuando cal piove forte e par tante jornate, el fa paura! Se no ghe fusse i taraji, i argini in talian, i saria grandi disastri dapartuto! A me ricordo ben mi come ca la xe stΓ  bruta ‘ntel 1951, cuando ca el Po ga fato l’aluvion ‘ntel Polesine!

Novenbre 1951… Gavevo 7 ani. Insieme a Giuliano Cederle ‘ndavo su par la pontara del ponte del Marchese. E ghe ‘ndavo soto l’onbrela parchΓ© el piovea ca Dio la mandava. Volivimo vedare ‘ndove ca la jera rivΓ  l’acua del Cianpo! Ghe mancava poco ca l’acua la rivasse sora el ponte! Da l’altra parte del ponte, el ‘Bacino’ el jera pien fin inzima anca cuelo, e Giuliano e mi fasivimo a chi ca gavea pi corajio a traversare el ponte de corsa e ‘ndare fin da l’altra parte par vedare ‘ndove ca rivava l’acua del ‘Bacin’! L’acua del Cianpo e quea del ‘Bacin’ le jera come el cafelate. Ma un cafelate sporcΓ  tanto dai fondi del cafΓ©! La fasea paura solo a vardarla. Tute le famejie ca stava al Borgo, proprio soto la diga del Bacino, i le gavea fate sfolare. La diga del ‘Bacin’ la riva fin ai taraji del GuΓ  cal vien zo da Valdagno, e chel se ciama Agno. Pien anca cuelo! De acua pΓ¬ sporca ‘ncora. La jente disea ca sora la ringhiera del ponte del Marchese ghe jera sbatΓΉ dosso on staloto intiero, col mascio ‘ncora drento! Co i se ga inacorti, suito, cuatro omini se ga messo a tirar fora el mascio portarselo casa, coparlo, e spartirselo!

Desso ca savΓ¬ ‘ndove cal xe Montebelo, go da dirve chi cal xe Giuliano Cederle! Che saria come dire Giuliano dei Notturni. Nei ani ’60 e ’70, el gΓ  cantΓ  anca ala TV ‘taliana. E go leto, sol Giornale di Vicenza, l’altro jorno, de on Premio Internazionale, presentΓ  a Giuliano par la musica dei ani ’60! Jera stΓ  el dΓ¬ de Nadale del ’66 ca gavea visto Giuliano par l’ultima volta. A Montebelo ghe jera on sciapo de tusi ca i se ciamava i ‘Brochi’, sui vinti ani. Chel Nadale, i gavea vudo l’idea de ‘ndar cantare e farghe conpagnia ai vecioti del’ ‘Ospizio’ de Montebelo. Giuliano el gavaria cantΓ  sonando la chitarra, mi gavaria leto on par de poesie de Ungaretti, e tuti insieme se gavaria cantΓ  le nenie de Nadale e calche canson dei Alpini. Me ricordo ‘ncora i nomi de cuei ca xe vegnΓΉ a cantare: Silvano, Bruno, Bepino, Luigi, Ernesto, Sergio, Carlo e Giuliano! Jerimo d’acordo co le suore de l’Ospizio ca sarissimo rivΓ  suito dopo magnΓ . Co se ghemo presentΓ , le suore le gavea za pareciΓ  i posti da sentarse. A nialtri ne parea ca ghe fusse massa careghe, ‘lora le suore le ne ga dito ca cuando ca i parenti dei vecioti ga sentio ca ghe saria sta on spetacolo, in tanti i ga dimandΓ  de pareciarghe na carega anca par luri. De sicuro, Giuliano el sarΓ  ‘nda lΓ  a la matina, parchΓͺ la so chitara la jera za lΓ . Ghemo scominziΓ  cantando ‘Tu scendi dalle stelle’, e ‘Astro del ciel’, e Giuliano el ne conpagnava co la chitara. Tuti i vecioti ca podea moverse, i jera sentΓ  zo par sentirne. Dopo xe sta l’ora de cuel par de poesie ca go dito prima, e suito xe saltΓ  fora Giuliano e la so chitara. El ga cantΓ  ben parchΓ© tuti ghe batea le man col finia na canson. Dopo ghemo cantΓ  le canson dei Alpini: ‘Quel mazzolin di fiori’, ‘Venti giorni sull’Ortigara’. E dopo i ga volesto ca cantasse ‘ncora Giuliano. Pensandoghe su desso, cuelo, de sicuro el xe sta el primo ‘show’ de Giuliano. Xe ‘ndΓ  tuto benon! I ghe ga batΓΉ le man a lu, ma anca a nialtri, e le suore ne ga servio parfin el rinfresco! Ma, cuando ca ‘ndavimo a l’asilo insieme, ghe tocava fare cuel ca volevo mi, a Giuliano. Anca se lu el se ciamava Giuliano, jero mi ca fasevo el bandito Giuliano! E me batevo la man so la culata par far corere el me cavalo! Lu, Giuliano, el gavea on ano e meso manco de mi. E dunque comandavo mi! Cuante volte ca I xe ‘nda dala suora Albina a dirghe ca no asavo mai fare el bandito Giuliano! No savΓ¬ mia chi cal xe el bandito Giuliano? El xe sta copΓ  nel ’50, zΓ² in Sicilia. Cuando cal jera drio a conbinare tute cuele storie de rubamenti e ‘sassini, nialtri tusiti lo sentivimo cuando ca ghin parlava i grandi. Ghe jera poche aradio in giro, e i giornai li conprava solo ca i siuri. Cuando ca se podea ‘ndare al cinematografo, i disea ca i lo fasea vedare par la ‘Settimana Incom’ sto bandito Giuliano.

Sol’ Internet, de ‘Giuliano dei Notturni’ se pol savere de tuto, ma sta storieta no la ghe xe… Ghe xe parfin el nome de la strada ‘ndove ca desso el ga la so casa. E se pol anca sentirlo cantare metendose sol ‘You Tube’. Co son partio mi, lΓ , ‘ndove ca lu el ga la so casa, ghe jera ‘ncora le visele de ua e i canpi de Ganba, ca prima i jera de Belini, el fatore dela Contessa Veneziana. Ma se pol vedare anca desso, che Giuliano el fa’ el pensionato. Come mi. Lu a Montebelo, e mi a Wollongong, Australia. Β» (Lino Timillero – Vicentini nel mondo – Novembre 2017).

Umberto Ravagnani

Foto: Giuliano dei Notturni a Montebello Vicentino il 24 luglio 2015 (foto: APUR – Umberto Ravagnani).

Nota: Per chi Γ¨ interessato, da parecchi anni Γ¨ stato istituito un premio letterario per scrittori di testi Poesia e Prosa nei dialetti di Lingua Veneta: si chiama “Premio letterario Raise 2019” e si tiene ad ArquΓ  Polesine nel mese di settembre. Anche il nostro Lino Timillero vi ha partecipato l’anno scorso con grande soddisfazione. E’ possibile scaricare qui il Bando 2019.

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiositΓ , proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACEΒ 
Oppure lascia un commento qui sotto…Β 

L’EROE DI MONTELUNGO

[1] L’EROE DI MONTELUNGO

Imboccata la stradella delle Carpane da Via Borgolecco oltre la scuola materna, ecco le Scuole Elementari dedicate a Giuseppe Cederle di cui una semplice lapide di pietra, posta davanti all’edificio l’8 dicembre ’93, ricorda il cinquantesimo della morte nell’attacco del Monte Lungo.
Il giovane sottotenente durante il servizio militare aveva scritto all’amico Aldo Biscotto: “Sono sincero se ti dico che desidero il fronte non tanto per il culto del rischio, quanto per l’intimo bisogno di potermi dire combattente e avere diritto a chiamarmi italiano, chΓ¨ non siamo italiani se non viviamo, ognuno nel proprio campo, il sacrificio, l’eroismo del momento.” Il suo desiderio di condividere con i compagni del fronte” l’ansia e il fremito del cimento e del pericolo” fu alla fine esaudito ed egli fu inquadrato in prima linea, alla testa del terzo plotone di quel 67Β° Reggimento Fanteria giΓ  combattente sul Monte SantoΒ  nel 1917.

Nell’alba nebbiosa dell’8 dicembre 1943 mosse all’attacco di uno dei piΓΉ muniti baluardi tedeschi di fronte a Cassino, tra roccioni e caverne, sotto il micidiale tiro di mitragliatrici, mortai e bombe a mano. Attendeva la prova, era pronto a morire; ma, come ricorda lo storico montebellano Bruno Munaretto, “nel muto e rude abbraccio del cappellano militare prima dell’operazione, c’Γ¨ giΓ  tutta la profonda commozione di chi intuisce che, molto probabilmente, non farΓ  piΓΉ ritorno”.
Nonostante un braccio fracassato, avanza e incita i suoi soldati: ” Ho dato un braccio alla Patria; non importa, avanti, per l’onore d’Italia.” Colpito a morte trova la forza “sovrumana” di scagliare la sua bandiera contro il nemico: sul petto i suoi trovano un gran Crocefisso, il Tricolore e la Croce simboli d’Italia e di Cristo per i cui ideali il giovane maestro era vissuto ed era morto a 25 anni.
L’eroico comportamento dell’ufficiale rinsaldΓ² la volontΓ  e il valore del 67Β° Fanteria e a soli otto giorni dall’inizio della battaglia Monte Lungo ritornava italiana, tutta la linea nemica infranta e aperta la via a Cassino. Il decreto di Umberto di Savoia, luogotenente del regno, lo gratificΓ² di gloria e onore conferendogli la medaglia d’oro al valore militare; ed Γ¨ certo che il suo estremo sacrificio diede un contributo alla liberazione d’Italia.
Altri come lui, ma fuori dei confini italiani, nella drammatica e caotica situazione che seguΓ¬ l’armistizio dell’8 Settembre, diedero prova di fiera consapevolezza e non cedettero le armi ai Tedeschi. L’episodio piΓΉ illuminante ci Γ¨ dato dalla resistenza della divisione Acqui a Cefalonia.
Della sua giovane vita non si possono perΓ², tralasciare alcuni importanti aspetti. Il compagno di collegio e amico Renato Ghiotto ricorda di essere stato impressionato dalla forza del suo entusiasmo, dalla generositΓ , che era capacitΓ  di offrirsi “consumandosi” per gli altri, senza sforzo apparente, perchΓ© l’atteggiamento era sereno, ma in realtΓ  con spirito di sacrificio.
Don Antonio Basso testimonia di come Beppino distribuiva bene il suo tempo nell’arco della lunga giornata tra oratorio, scuola di canto, biblioteca, attivitΓ  di Catechismo e di Azione Cattolica: “In tutte le cose egli ci metteva l’anima fremente d’entusiasmo.” Don Faresin evidenzia il suo carattere vivace e originale che si accompagnava a profonditΓ  di pensiero. Il suo aspetto era piuttosto gracile, non certo d’effetto, ma in caserma era stimato per le sue capacitΓ  militari e per la franchezza con cui teneva alta la bandiera della Chiesa e della sua UniversitΓ  Cattolica. Non sopportava chi soffriva di coniglite acuta! Padre Tintorio osserva che nei luoghi del servizio militare riuscΓ¬ piΓΉ di qualche volta nel suo intento di apostolato cristiano, fino a condurre in Chiesa i compagni indifferenti e a “rinchiudere” per esercizio spirituali una trentina di allievi ufficiali. Quando non ce la faceva, si sentiva debole e sgomento si chiedeva: “perchΓ© questi giovani non capiscono Cristo?”
Fa riflettere la considerazione, sempre dell’amico Ghiotto, che “E’ morto combattendo per la libertΓ , come sarebbe morto per un altro scopo generoso in un’altra generosa battaglia, nel modo in cui l’uomo buono sa morire.”
E se questo giovane studente universitario, dalle doti intellettuali e morali indubbiamente notevoli, si fosse trovato a vivere nella nostra etΓ , in un’Italia che ha attraversato complessivamente un lungo periodo di pace, ma con momenti oscuri e inquietanti, in quali battaglie si sarebbe imbarcato? Ma quale che fosse la linea si cui “combattere” Γ¨ certo che non si sarebbe tirato indietro. “A ricercare la Patria smarrita quassΓΉ l’amore un giorno m’ha sospinto. Il nemico m’uccise, ma fu vinto: Mamma, perchΓ© rimpiangi la mia vita?”

Silvana Marchetto Fattori (dal NΒ° 3 di AUREOS – Dicembre 2002)

Figura: La scuola Elementare G. Cederle negli anni ’50 del Novecento (disegno a cura del redattore).
Se l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE su FACEBOOK