QUANDO BASTAVA UN ‘CANFIN’

[138] QUANDO BASTAVA UN ‘CANFIN’ PER RISCHIARARE LE NOTTI DEI NOSTRI AVI – Di LINO TIMILLERO– Coniston (AUSTRALIA)

« Cari amici de Montebelo, go da dirve la verità, mi a son de na età de cuando ca ghe volea ‘ncora el canfin par far ciaro de note, parché la corente no la ghe jera dapartuto come ca xe desso. E me tocava a mi, el pì picinin, a ‘ndar tore na butijeta de petrolio, na volta ogni tanto, prima chel fusse finio. E, zerte volte, me tocava dirghe a Panpurio de scrivare sol libro ca saria vegnesta me mama a pagare. Dopo finia la guera, ‘ntel ’47, ne gavea tocà de far San Martin, canbiar de casa e ‘ndare in afito! E a me popa’ el gavea dovesto ‘ndare in Svissara, parché a Montebelo no ghe jera laoro da nissuna parte. El canfin! Al dì de oncò, ghin sarà puchi ca se recordarà cossa cal jera el canfin… In casa, ghe saria sta la corente, ma i fili i vignea da la parte de là, da ‘ndove che la parona de casa nostra la gavea el “Contatore”. La Catina la disea ca consumavimo massa luce e, sicome che ela la jera la parona, e me mama la ghe pagava l’afito, la Catina la volea de pì schei de afito! Ma schei me mama no la ghin’avea! Pudì maginarve. Me popà, se pol dire, nol jera ‘ncora rivà in Svissara, come podevela me mama aver i schei par poder pagare de pì de afito? Alora la Catina la ga tajà i fili dela luce! A la sera jera tuto scuro! Me mama, da calche parte, la ga catà on canfin bastanza grandeto. Se podea vederghe ben par magnare parché el jera tacà so na trave sora la tola ‘ndove ca se magnava. De sora ghe jera el stanzon ‘ndove ca dormivimo nialtri cuatro fradei. Me mama la gavea vudo sie mas-ci, ma jerimo restà in cuatro parché uno el jera xa sposà e el gavea xa on fiolo, e uno el jera morto dal tetano col gavea nove ani. A me ricordo ‘ncora desso: cuando ca me mama la finia de dire el tarzeto, cuasi tute le sere, la disea senpre: “… e ti caro Angelino, prega par nialtri e par to popà cal xe la in Svissara a laorar par tuti”. Par me mama, de sicuro, me fradelo Angelino el jera in Paradiso, e, almanco lu, el gavaria podesto jutarne. No sto a dirve come ca se fato el canfin, ma ca bisognava star tanto tenti cuando ca se dovea metare el petrolio, o canbiarghe la stopa. Ca nol cascase par tera, par carità! El canfin ‘ndava in zento tochetini e no ghe saria sta pì luce par on bel toco, solo candele! Co jerimo in afito dala Catina, me mama ghe tocava far da magnare sol fogolare. El jera fato de tochi de piera nera, bastanza grandeto e pien de zenere dapartuto. La cadena par tacar su el caldiero par fare la polenta, la jera tuta nera e piena de caluzine. Bisognava star tenti che le pegnate gavesse su el cuercio, se no el caluzine el saria cascà rento sol magnare. Ma me vien ‘ncora a mente el gusto e l’odore del salado brustolà sora le bronze del fogolare… E come ca la jera bona la polenta, brustolà so la gradela sora le bronze del fogolare. La stua conomica, gnanca insognarsela! Xe passà tri ani prima ca me popà, dala Svissara, el gavesse mandà casa bastanza schei par portarla casa e dopo pagarla a rate! Ma me mama la savea ben come starghe drio al fogolare. Par fare la lissia, la scaldava l’acua ‘nte on pegnaton e la lavava tute le robe de la casa rento al mastelo e co l’asse da lavare. Sol fogolare la fasea tuto cuel ca ghe volea par far da magnare. La gavea na farsora e con cuela la fasea le torte e la fasea le patate arosto e tute le robe ca ghe ocoreva. E jera tuto bon. Co rivava l’inverno, e el fasea on fredo da can, sol fogolare ghe jera tante bronze da metare ‘nte le fogare e rento al leto so le moneghe, par scaldarse co se ‘ndava a dormire. Cuei jera i ani co se ‘ndava oncora a filò. Nialtri ‘ndavimo in stala da Plinio. Se stava calditi parché ghe jera in stala pì de dò dozene de bestie tra vache e vedei. Le done prima le disea el tarzeto, dopo le disea le ‘tanie e, finio le jaculatorie, le podea metarse a fare le so robe: chi fasea gusto calziti o majoni de lana coi feri, chi taconava le braghe rote e altre robe, ciacolando e contandosela. ‘Na sera a la setimana, parò, tuti dovea scaolare le panocie par Plinio, el paron de la stala, parché lu el disea ca el canfin el gavea bisogno de petrolio, e le ciacole no gavea mai fato ciaro de note! Scaolavo anca mi, ma de scondon me metevo na man so la sbezola, e con che l’altra man me metevo in boca on par de grani de sorgo ala volta, e i rosegavo pian pianelo. Ma gaveo da star tento ca no me vedesse nissun parché, se el paron se inacorzeva, el gavaria scomizià a dire ca la jente la vignea a filò par magnarghe el sorgo, e ca se tuti gavesse fato cussi el saria restà sensa sorgo e tute ‘ste robe. E tuti savea ca Plinio el jera on omo de Ciesa. Par cuelo ca le done le disea su el tarzeto, parché el se ricordase ca’l jera de Ciesa. A calche d’un ca ghe dimandava, el ghe assava metare on poche de piantine de verze, a metà par un, so la so tera. Se uno metea xo 60 verze, le jera 30 par lu e 30 par Plinio. I so canpi i jera vizin al cimitero. Ghe jera on fosso senpre pien de acua. Calche d’un gavea ficca xo on tubo sol fosso, e vignea fora acua e no la se fermava mai. Co jera la so stajon, me tocava a mi, toseto, a ‘ndare a bevarare le nostre verze. Tuti i dì, pena ‘nda’ xo el sole, col caldo de agosto, ‘ndavo de corsa fin al canpo de le verze. Corevo su e xo dal fosso col secio pieno a metarghe on pegnatin de acua par piantina, e dopo, senpre de corsa, indrio a l’oratorio a finire de zugare la partia de calcio. Co jero diventà bastanza grande da ‘ndare co la bicicleta da dona de me mama, ‘ndavo fin a Zarmeghedo par tor su le piantine de verza che me mama gavea xa dimandà. Me tocava fare tuta la pontara de la ciesa, e su ‘ncora, passà el cimitero, e’ncora pì su, fin ala corte dei Bertola, e senpre parando su la bicicleta a piè parché la pontara la jera massa dura. Ma la jera na belessa a vegnere indrio! Le piantine de verza rento la sporta tacà sol manubrio, e xo in disesa, a tuta bira ca me parea de ‘ndare a zento al’ora. Rivavo casa come on lanpo, par traverso: Belocaria, Perosa, e xo pal Vigazolo, pasavo davanti al municipio, vanti ‘ncora on poco e jero casa. Co ‘ndava xo el sole, me catavo co me mama sol canpo de Plinio a metar xo tute le piantine de verze. Me mama fasea el buseto so la tera, la metea xo la verzeta e la sarava la tera torno e mi jero li pronto, col secio e el pegnatin a bevarare la piantina par la prima volta. Cussi’ inparavo ‘ndove ca jera xo le nostre verze, e dopo, no me gavaria sbaljià a bevararle, cuelo xe poco ma sicuro! » (Lino Timillero – Vicentini nel mondo – Marzo 2017).

Umberto Ravagnani

Foto: Una cucina degli anni 50 del Novecento (APUR – Umberto Ravagnani 2007).

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto… 

INVENTARIO SANGIOVANNI (2)

[51] UN INVENTARIO IN CASA SANGIOVANNI (seconda parte)

MONTEBELLO, OGGI 18 MAGGIO 1740

ALLA PRA’ DI SOPRA (una delle fattorie di proprietà in campagna)

 NELLA CUCINA

una cadena e un ferro da fuoco
2 casse, una di nogara, e l’altra di pezzo vecchie
5 cadregoni “da poggio” vecchi
30 zapponi (la loro presenza è legata al gran numero di operai impiegati nei lavori agricoli – n.d.r.)
3 picchi di ferro
Una siviera (barella a mano o recipiente – n.d.r.) piccola di ferro e altro tocco di ferro sciolto

IN GRANARO

20 staia di sorgo mazadego e cinquantino e fasoli da semenza
Un mezzo staro di rame e pala (misura per aridi di circa 14 litri – n.d.r.)

IN CANEVA E STALLA

6 caretelli o carettelli (careza = botte) di legno duro cinti di ferro pieni di vino per la “sesola” (falcetto) (vino ad uso e consumo degli operai durante la raccolta dei cereali. Solitamente “vin piccolo” ossia annacquato – n.d.r.)
3 vezoli per la vendemmia, due buoni e uno vecchio
3 carri usati
4 carrelli con i suoi versori, gomieri, cadene e mantelli (carrelli completi di aratri)
Una erpica dalli denti (erpice)
3 spianarole
4 barelle da terrassare (dette anche barelle “a man” per trasportare la terra – n.d.r.)
3 Zovole, zovi e zovetti forniti per le bovarie (gioghi diversi e completi per i buoi o altri animali da tiro- n.d.r.)
11 bovi da zovo e zovello (animali usati in coppia o singolarmente – n.d.r.)

ALLA PRA’ DI SOTTO (una delle fattorie di proprietà in campagna)

2 carri usati
2 carrielli forniti con suoi versori, gomieri
2 mastelli
8 bovi di mantello diverso

IN STALLA DI CORTE

8 bovi
Un carro usato
Un carriello, un versoro, gomiero e cadena
Zovo, zovello ed altro per la bovaria
Un mastello per portar acqua cinto di ferro
Un lavello di pietra

DAL PASTORE

Un carretton con due tole (assi) da conducer calcina. Travadure diverse da fabbrica, tanto dal detto pastore come sotto al portico del bovaro come pure sotto la barchessa
120 pecore “da frutto” (da latte e per generare agnelli) in socede (contratto di soccida mediante il quale una parte fornisce gli animali da allevare ad un pastore per poi dividere a metà i proventi – n.d.r.)

Il pastore è il Signor Celadon da Montebello

50 agnelli giovini

IN GRANARO DI CORTE APPO (presso) la BOVARIA

107 stara di frumento
12 stara di formentello
18 stara di formento marzolo
15 stara di formenton nero
Uno staro di rame (28 litri circa ), due mezzi stari e una quarta (tutte misure per gli aridi) due palconi (pale completamente di legno)

SOTTO DETTO GRANARO

9 caretelli (botti) di legno duro (rovere, castagno, frassino e altre essenze) cinti di ferro e della tenuta di 4 mastelli ciascuno (circa 450 litri – n.d.r.)

NELLA DETTA CAMERA (stanza)

Due megliara (migliaia) circa di tavelle vecchie (simili ai mattoni, ma più sottili usate per pavimentazioni o sottotegole)

NELLA CAMERA (stanza) SOTTO IL DETTO GRANARO APPO (presso) LA STRADA

Un carro di coppi vecchi
4 cavalletti per armadura di fabbrica
Un carro “matto” di legno (più che un carro è una grande carriola per il trasporto di grosse pietre e altro – n.d.r.)
Due carri di tolle (tavole) grandi e piccole

IN GRANARO SOPRA LA CASA DOMINICALE

2 carettelli (botti) e una mezzarola (mezza botte) da aceto cinti di ferro
2 tavolini vecchi
16 cerchi di ferro da botte “sortiti” altri “ferramenti” vecchi diversi
4 stara di pizoli bianchi (legumi forse ceci)
5 stara di fave
Un palcon (pala completamente di legno per rimuovere i cereali)

IN GRANARO DAL GASTALDO

120 stara di sorgo marza dego
28 stara di miglio
4 stara di fagioli
2 stara di panisso (o panizzo, minuscolo cereale usato per l’alimentazione dei volatili da cortile – n.d.r.)
9 stara di avena
2 palconi

IN TINELLO DAI SERVITORI

Due letti, cavalletti e tolle, due pagliazzi, tre stramazzi, tre capezzali, un cuscin: tutto vecchio. Quattro schiavine vecchie (coperte di lana grezza)

IN CAMERA (nella stanza) DEL GASTALDO DETTA DEL “VIN BIANCO”

3 botti da “basere” (ossia da collocare statiche in cantina sui “basere” appunto) di legno duro con 6 cerchi di ferro per cadauna piene di vino bianco (una botte = 912 litri circa – n.d.r.)
2 mezzi carri cinti di ferro vuoti (botti su carro della capacità di litri 456 circa – n.d.r.)
1 mezzo carro da tre mastelli (della capacità di 342 litri circa)
2 piccoli cinti di ferro
1 botte “carezzadora” (da montare su carro) cinta di ferro

NELLA CAMERA APPO (presso) LA RIMESSA

5 botti “carezzadore” cinte di ferro
2 mezzi carri di legno duro cinti di ferro da “carezzare” (botti ancora da montare su carro – n.d.r.)
3 botti “mezzovin per giacciara” (vin piccolo per ghiacciaia – n.d.r.)
1 botte di vino – il qual vino si trova in detta botte carezzadora

NELL’ALTRA CAMERA (cantina) CONTIGUA SOTTO LA RIMESSA

4 botti “da basere” (ossia da collocare statiche in cantina) di legno duro cinto di ferro. Due piene di vino piccolo e due vuote.
Altra botte cinta di ferro vecchia e rotta
1 tina (tinozza) di legno duro con tre cercoli (cerchi) di ferro

NEL CAMERINO (piccola cantina) APPO (presso) IL GASTALDO

10 carettelli di legno duro cinto di ferro della tenuta di mastelli 3 e mezzo (ciascuno litri 392 circa – n.d.r.)
10 carettelli “piccoli sortiti” di legno duro cinti di ferro, 5 pieni di vino grosso bianco e nero, 2 schize (particolari botticelle schiacciate, in dialetto “schizà”, di legno di pero cinte di ferro (è probabile che queste essendo di legno di pero fossero utilizzate per il vino “buono”, ma erano spesso usate per contenere anche acqua (n.d.r.)

IN CAMERA GRANDE (cantina) SOTTO LA BARCHESSA

24 botti “da basere” di legno duro cinte di ferro con 6 cercoli: 18 delle quali sono piene di vino grosso nero

NELL’ALTRA CAMERA (cantina) ANNESSA

13 botti “da basere” di legno duro cinte di ferro con 6 cercoli cadauna le quali sono piene di vino mezzano
6 mastelle da travaso di legno duro cinte di ferro, due mastelli, due barili di legno duro cinti di ferro
2 lore (grossi imbuti per travasare e filtrare il vino – n.d.r.) di legno duro cinte di ferro
1 “tinazzetto” de salgaro (legno di salice) cinto di ferro
9 bottazze cinte di ferro
3 secchie di rame per travaso
2 sioni (sifoni per travasare il vino n.d.r.) di rame
1 cesta di rame sbusa
2 “cagne da botte“ (leve per alzare e trasportare le botti – n.d.r.)

SOTTO DETTA BARCHESSA

16 tinazzi (grossi recipienti per la fermentazione del mosto) grandi di legno duro con 5cercoli di ferro
2 tinazzi mezzani con 4cerchi di ferro ognuno
3 tinazzi piccoli cinti di ferro
1 torcolo (torchio)
1 caretta da cavalli buona

IN TEZZA

Poco fieno per li cavalli

IN STALLA

Un letto per il “caroziero” (conducente di carrozze), pagliazzo, stramazzo, capezzale e cuscino di lana, una schiavina
Una prettina di nogara
Un armaro di pezzo da fornimenti (per contenere i finimenti dei cavalli) vecchio
Un mastellon con carriola da beverare li cavalli
Altra carriola da letame
2 secchi da acqua di legno
Un badile, due forche
Diverse pietre da fabbrica in corte
6 magnadore (mangiatoie)
Legna grossa e minuta per il consumo di casa
18 forche annesse alle bovarie
22 vanghe
Un carrello da biada da cavalli, strigia (striglia), bruschetto e sponga (spugna)

AL POZZO IN CORTE 

Due secchi di rame grossi con cirella (carrucola) e corda
Un alveo (“albio” o truogolo) di pietra vecchio

N.D.R.
Considerando tutti i recipienti atti a contenere il vino, compresi tini e tinozze varie, la potenziale capacità delle cantine dei Sangiovanni era tra i 600 e 700 ettolitri

Continua nel prossimo numero con l’inventario in città nella casa sita in Contrà Santi Apostoli, sindacaria di San Michele a Vicenza …

Ottorino Gianesato (dal N° 6 di AUREOS – Maggio 2005)

Figura: Tutta l’area della Prà, nel periodo dell’inventario, era di proprietà della famiglia Sangiovanni (foto a cura del redattore).

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto …