GIULIANO DEI NOTTURNI

[125] GIULIANO DEI NOTTURNI NEI RICORDI DI LINO TIMILLERO

  Un click qui per ingrandire l'immagine

Quando Giuliano dei Notturni faceva il monello sulle rive del Chiampo. Prima di diventare una superstar della musica leggera degli anni ’60, un giovanissimo Cederle sfidava le piene del fiume che scorre poco fuori la Montebello natia. Dove però, all’asilo delle suore, gli toccava subire la legge del più forte.

« Come ca go xa dito, mi son partio da Montebelo, el me paese, nel 1967, ala fine de febraro… Par l’Australia! Coi sioperi dei camarieri e altra jente ca laorava sola nave Galileo Galilei, semo stà in giro pal mare sete setimane. Dovivimo rivare a Sydney prima dele Palme, inveze semo rivà el dì prima de l’otava de Pascoa! Calchedun in giro pal mondo nol savarà gnanca ‘ndove cal xe sto Montebelo… Co se ciapa la provinciale da Vicensa par Verona, prima de rivare ale Alte de Montecio Magiore, se vede i castei de Giulieta e Romeo, xe vero, sì o no? Ve vanti ‘ncora on poco e vedarì el Castelo de Montebelo! El Municipio e la piassa del paese no i se vede dala provinciale, ma i xe pena soto el monte, sconti dai taraji del Cianpo! Cossa xelo el Cianpo? El xe un torrente ‘cal vien zo dala Valle del Chiampo, come ca se dise par talian! Cuando cal piove forte e par tante jornate, el fa paura! Se no ghe fusse i taraji, i argini in talian, i saria grandi disastri dapartuto! A me ricordo ben mi come ca la xe stà bruta ‘ntel 1951, cuando ca el Po ga fato l’aluvion ‘ntel Polesine!

Novenbre 1951… Gavevo 7 ani. Insieme a Giuliano Cederle ‘ndavo su par la pontara del ponte del Marchese. E ghe ‘ndavo soto l’onbrela parché el piovea ca Dio la mandava. Volivimo vedare ‘ndove ca la jera rivà l’acua del Cianpo! Ghe mancava poco ca l’acua la rivasse sora el ponte! Da l’altra parte del ponte, el ‘Bacino’ el jera pien fin inzima anca cuelo, e Giuliano e mi fasivimo a chi ca gavea pi corajio a traversare el ponte de corsa e ‘ndare fin da l’altra parte par vedare ‘ndove ca rivava l’acua del ‘Bacin’! L’acua del Cianpo e quea del ‘Bacin’ le jera come el cafelate. Ma un cafelate sporcà tanto dai fondi del café! La fasea paura solo a vardarla. Tute le famejie ca stava al Borgo, proprio soto la diga del Bacino, i le gavea fate sfolare. La diga del ‘Bacin’ la riva fin ai taraji del Guà cal vien zo da Valdagno, e chel se ciama Agno. Pien anca cuelo! De acua pì sporca ‘ncora. La jente disea ca sora la ringhiera del ponte del Marchese ghe jera sbatù dosso on staloto intiero, col mascio ‘ncora drento! Co i se ga inacorti, suito, cuatro omini se ga messo a tirar fora el mascio portarselo casa, coparlo, e spartirselo!

Desso ca savì ‘ndove cal xe Montebelo, go da dirve chi cal xe Giuliano Cederle! Che saria come dire Giuliano dei Notturni. Nei ani ’60 e ’70, el gà cantà anca ala TV ‘taliana. E go leto, sol Giornale di Vicenza, l’altro jorno, de on Premio Internazionale, presentà a Giuliano par la musica dei ani ’60! Jera stà el dì de Nadale del ’66 ca gavea visto Giuliano par l’ultima volta. A Montebelo ghe jera on sciapo de tusi ca i se ciamava i ‘Brochi’, sui vinti ani. Chel Nadale, i gavea vudo l’idea de ‘ndar cantare e farghe conpagnia ai vecioti del’ ‘Ospizio’ de Montebelo. Giuliano el gavaria cantà sonando la chitarra, mi gavaria leto on par de poesie de Ungaretti, e tuti insieme se gavaria cantà le nenie de Nadale e calche canson dei Alpini. Me ricordo ‘ncora i nomi de cuei ca xe vegnù a cantare: Silvano, Bruno, Bepino, Luigi, Ernesto, Sergio, Carlo e Giuliano! Jerimo d’acordo co le suore de l’Ospizio ca sarissimo rivà suito dopo magnà. Co se ghemo presentà, le suore le gavea za parecià i posti da sentarse. A nialtri ne parea ca ghe fusse massa careghe, ‘lora le suore le ne ga dito ca cuando ca i parenti dei vecioti ga sentio ca ghe saria sta on spetacolo, in tanti i ga dimandà de pareciarghe na carega anca par luri. De sicuro, Giuliano el sarà ‘nda là a la matina, parchê la so chitara la jera za là. Ghemo scominzià cantando ‘Tu scendi dalle stelle’, e ‘Astro del ciel’, e Giuliano el ne conpagnava co la chitara. Tuti i vecioti ca podea moverse, i jera sentà zo par sentirne. Dopo xe sta l’ora de cuel par de poesie ca go dito prima, e suito xe saltà fora Giuliano e la so chitara. El ga cantà ben parché tuti ghe batea le man col finia na canson. Dopo ghemo cantà le canson dei Alpini: ‘Quel mazzolin di fiori’, ‘Venti giorni sull’Ortigara’. E dopo i ga volesto ca cantasse ‘ncora Giuliano. Pensandoghe su desso, cuelo, de sicuro el xe sta el primo ‘show’ de Giuliano. Xe ‘ndà tuto benon! I ghe ga batù le man a lu, ma anca a nialtri, e le suore ne ga servio parfin el rinfresco! Ma, cuando ca ‘ndavimo a l’asilo insieme, ghe tocava fare cuel ca volevo mi, a Giuliano. Anca se lu el se ciamava Giuliano, jero mi ca fasevo el bandito Giuliano! E me batevo la man so la culata par far corere el me cavalo! Lu, Giuliano, el gavea on ano e meso manco de mi. E dunque comandavo mi! Cuante volte ca I xe ‘nda dala suora Albina a dirghe ca no asavo mai fare el bandito Giuliano! No savì mia chi cal xe el bandito Giuliano? El xe sta copà nel ’50, zò in Sicilia. Cuando cal jera drio a conbinare tute cuele storie de rubamenti e ‘sassini, nialtri tusiti lo sentivimo cuando ca ghin parlava i grandi. Ghe jera poche aradio in giro, e i giornai li conprava solo ca i siuri. Cuando ca se podea ‘ndare al cinematografo, i disea ca i lo fasea vedare par la ‘Settimana Incom’ sto bandito Giuliano.

Sol’ Internet, de ‘Giuliano dei Notturni’ se pol savere de tuto, ma sta storieta no la ghe xe… Ghe xe parfin el nome de la strada ‘ndove ca desso el ga la so casa. E se pol anca sentirlo cantare metendose sol ‘You Tube’. Co son partio mi, là, ‘ndove ca lu el ga la so casa, ghe jera ‘ncora le visele de ua e i canpi de Ganba, ca prima i jera de Belini, el fatore dela Contessa Veneziana. Ma se pol vedare anca desso, che Giuliano el fa’ el pensionato. Come mi. Lu a Montebelo, e mi a Wollongong, Australia. » (Lino Timillero – Vicentini nel mondo – Novembre 2017).

Umberto Ravagnani

Foto: Giuliano dei Notturni a Montebello Vicentino il 24 luglio 2015 (foto: APUR – Umberto Ravagnani).

Nota: Per chi è interessato, da parecchi anni è stato istituito un premio letterario per scrittori di testi Poesia e Prosa nei dialetti di Lingua Veneta: si chiama “Premio letterario Raise 2019” e si tiene ad Arquà Polesine nel mese di settembre. Anche il nostro Lino Timillero vi ha partecipato l’anno scorso con grande soddisfazione. E’ possibile scaricare qui il Bando 2019.

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto… 

DAL PROF. TERENZIO CONTERNO (1)

[28] CENNI GEOLOGICO-STRATI-GRAFICI DEL TERRITORIO DI MONTEBELLO VICENTINO
I territori del nostro comune che affiorano dai depositi alluvionali della pianura, appartengono al Semigraben (fossa) dell’Alpone – Chiampo. Essi sono di età EOCENICA MEDIA e SUPERIORE cioè vanno da 52 a 36 milioni di anni fa.
Dobbiamo pensare ad un mare non molto profondo il cui fondo si è abbassato in seguito alle falde di Castelvero e del Chiampo. In questa fossa tettonica si sono riversate lave basaltiche sottomarine spesso trasformate dal rapido raffreddamento in ialoclastiti; abbiamo poi la presenza di tufi sottili (località Boccara), ma soprattutto di brecce esplosive dei neks che sono brandelli di lava cementati fra loro e danno origine ad una roccia che poi si frattura facilmente (come possiamo osservare lungo le mura che circondano la zona Gamba).
Questo mare Eocenico era meno profondo verso il Nord, com’è naturale, perché la spinta della zolla africana dava origine all’orogenesi alpina creando delle anticlinali (pieghe) che man mano emergevano dal mare stesso fino a raggiungere le altezze attuali. L’unica parte del territorio che in questo periodo emergeva dal mare era la cima del Monte Calvarina ed il terreno circostante fin poco sopra l’abitato di S.Margherita. Là possiamo osservare che le lave sono più rossicce che non verso Roncà perché si sono ossidate al contatto con l’ossigeno dell’aria ed il ferro in esse contenuto si è parzialmente trasformato in limonite (ruggine rossa). Col dott. De Zanche ho studiato l’orizzonte di Roncà “Biarritziano” che è la parte finale dell’Eocene Medio e che passa dal castello di Illasi, al vecchio castello di Soave, Roncà, Ponte Cocco, San Bortolo di Arzignano. Era una specie di spiaggia dove pullulava la vita che e sempre rigogliosa intorno a zone di attività vulcanica. Parlo di questo piano perché Ponte Cocco è poco a Nord di Montebello e proprio sotto al versante Nord dell’Agugliana. Dunque il pacco di vulcaniti compreso tra il Biarritziano e l’Eocene Superiore di Agugliana è certamente dell’Eocene Medio. L’affioramento sedimentario di Agugliana (Eocene Superiore detto PRIABONIANO il cui fossile guida è il Nummulites Fabiani) ha un’età compresa tra 40 e 36 milioni di anni ed è il residuo di un più vasto orizzonte asportato dall’erosione. Ciò si può vedere in tutta la sua potenza proprio presso il passo di Priabona, strato che per la sua completezza ha dato il suo nome a questo periodo geologico. Dobbiamo pensare che, una volta terminata l’attività vulcanica circa 40 milioni di anni fa, sul fondo marino in quiete ricominciarono a depositarsi calcari, ricci di mare, nummuliti, discocicline, pecten, tutti fossili oggi facilmente rintracciabili e che hanno dato origine ad uno strato di circa 50 metri di spessore massimo. In questi calcari in gran parte asportati si è verificato il solito fenomeno del Carsismo che ha dato origine al locale “Buso del gatto” nel territorio di Agugliana, una lunga cavità con stalattiti e stalagmiti, che permette il deflusso delle acque della polije sovrastante (chiamata la Campagnola) che altrimenti diventerebbe un lago come era un tempo passato. Questo antico lago aveva una superficie di circa 0,5 Km2 ed era di forma ellittica; dopo la bonifica ha dato origine ad ottime coltivazioni agrarie. Noto che alcuni lembi dello strato Priaboniano sono franati fino nei pressi del ristorante “La Marescialla” a quota notevolmente inferiore. Evidentemente il torrente Rio con gli anni ha scavato la valle che poi ha causato il crollo di questi lembi.
Per quanto riguarda i terreni alluvionali della pianura, essi sono composti da ghiaie più o meno grossolane depositate dai torrenti Guà e Chiampo. Queste ghiaie sono però interrotte da depositi argillosi che permettono la formazione della 1A – 2A – 3A etc. falda acquifera. Ho notato questo fenomeno quando è stato fatto il carotaggio nel “Bacino” in occasione della realizzazione del diaframma di rinforzo della diga, sopra la quale corre la statale 11, che crea l’invaso di espansione del Guà. Il nuovo sbarramento in cemento armato è stato fatto arrivare fino alla prima stratificazione argillosa sotto la ghiaia. Prima di questo lavoro le acque del bacino passavano attraverso i ciottoli sotto la statale 11 e riemergevano al Borgo, con il fenomeno dei fontanazzi, preannunciando preoccupanti pericoli. Ora trovano l’argilla (impermeabile) sul fondo e la barriera di cemento armato di fronte e pertanto non filtrano più. Osservo che questi strati argillosi sono la nostra fortuna perché riportano in superficie le acque piovane di montagne che appunto danno origine alle risorgive (vedi Trissino, Vicenza, Brendola, Almisano, e Milano che è nato proprio in quel luogo per l’abbondanza di acqua risorgiva). E’ tutta una linea che dal Piemonte va fino in Friuli. Attingendo alle falde più profonde l’acqua è meno inquinata ma più ricca di calcare perché compie un percorso più lungo attraverso le ghiaie depositate dai nostri fiumi che traggono origine da bacini imbriferi caratterizzati da molti calcarei.

Prof. Terenzio Conterno (dal N° 5 di AUREOS – Dicembre 2004)

Figura: Terenzio Conterno durante una passeggiata culturale il 13 febbraio 2005 (foto a cura del redattore).
Se l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE su FACEBOOK

PROVERBI E MODI DI DIRE (2)

[19] PROVERBI E MODI DI DIRE (2)

Brendola scura piova sicura“, “Lonigo ciaro para soto el caro“, “Caligo a l’Agoiana piova par ‘na setimana“.
Questi tre proverbi sono di chiara origine contadina e davano precise indicazioni sull’andamento del tempo e sulle conseguenti attività lavorative in anni lontani in cui non c’erano né “Lunari” né i Colonnelli dell’aeronautica a pronosticare il tempo.
I proverbi sopra citati sono il frutto di pazienti, innumerevoli osservazioni meteorologiche che hanno impegnato intere generazioni a riconoscere i segni premonitori del tempo ed a codificarne le conseguenze. Un proverbio veneto recita: “I nostri veci i stava col cul a la piova cento ani prima de fare on proverbio” e questo la dice lunga sulla pazienza e sulla ponderazione che erano richieste per valutare gli avvenimenti, interpretandone anche i minimi particolari e le eventuali sfumature per non lasciare quindi nulla al caso.
Il primo proverbio assicura una pioggia abbondante quando i monti circostanti la rocca e le frazioni di Brendola si ammantano di imponenti cumuli di nubi nere che non lasciano filtrare i raggi del sole e tutto avvolgono e confondono tanto che non si riesce a distinguere la linea di separazione tra la dorsale dei monti ed il cielo, fintanto che non giunga il primo bagliore di un lampo. Poco dopo, ecco giungere il fragore del tuono, qualche minuto ancora di attesa e poi ecco le prime gocce che via via si fanno più numerose e più grosse. Il vento non sarà impetuoso, la pioggia ristoratrice sarà abbondante, i contadini non dovranno temere per le colture e quasi a rassicurarli di ciò, mentre la pioggia si allontana, compare a sud-est del paese un grande arcobaleno che congiunge le terre dell’Arcomagna (1) con quelle del Borgo del Bacino.
Il secondo proverbio ammonisce i contadini di porre al riparo nei porticati o nelle barchesse i carri agricoli con il loro fragrante carico di fieno od i raccolti messi ad essicare sul “seleze” (2) quando il celeste cielo estivo, in direzione di Lonigo, muta il suo colore in un grigio cangiante con varie sfumature bronzee. Le nubi si dilatano basse su tutto l’orizzonte, avanza una leggera bava d’aria, si nota poi un baluginare sempre più consistente, il fragore dei tuoni si fa sempre più forte la cinerea cappa del cielo s’incupisce sempre più, mano a mano che avanza. La pioggia non sempre è abbondante. Talvolta un vento forte sospinge la nuvolaglia dapprima a nord-ovest verso la Selva e l’Agugliana e poi verso l’alta Valle del Chiampo, e ridiscende dalla valle foriero di grandine. Un tempo decisamente poco apprezzato perché può danneggiare le colture, mentre non garantisce un sufficiente ristoro per quelle in via di sviluppo. Questo moto del tempo era nel passato denominato anche “Tempo che vien dal Ferrarez” (3).
Ancora meno apprezzato è il “Tempo che vien dal Garda” per il quale non c’è stata necessità di qualificarlo in un proverbio tanto si presenta brutto, con i suoi nuvoloni scuri screziati di un bianco argenteo. Il vento impetuoso quasi da tempesta squassa le fronde delle piante, l’acqua cade con violenza da battere il terreno e scorre via senza essere assorbita e poi … “dulcis in fundo” cade quasi sempre la grandine copiosa e consistente. Qualche volta la grandine prende la via di nord-ovest, sembra seguire predeterminati corridoi “le fasce“, allora è accompagnata da scarsa pioggia e da forte vento è “la tempesta secca” tanto temuta perché “dove la passa gnente la lassa“.
Il terzo proverbio ricorda che quando la nebbia si dirada nelle campagne si infittisce sempre più a mano che sale la collina, giunta in quel di San Nicolò d’Agugliana ricopre fittamente ogni cosa lasciando poco o nulla a vedere, il tempo subirà di lì a breve un profondo mutamento. La nebbia si condenserà sempre più fino a formare una minuta pioggerellina che lentamente prenderà maggiore consistenza ed intensità fino a trasformarsi in una pioggia regolare, senza violenti scrosci, che perdurerà per parecchi giorni o come precisa il proverbio per una settimana. Il fenomeno della nebbia nella sommità delle nostre colline è un evento piuttosto raro in quanto di norma, per il fenomeno dell’inversione termica, quando la nebbia si presenta fitta a livello del suolo e nelle basse quote, in collina si godono tiepide giornate dal clima primaverile anche in pieno inverno. In queste situazioni, dalla sommità del Monte Cucco (Monte del Lago) o dell’Agugliana, lo sguardo può spaziare lontano fino a perdersi all’orizzonte. La nebbia sottostante sembra un mare a volte calmo a volte tempestoso, dal quale emergono come tante isole le dorsali delle colline più alte o le cime dei monti. Ad un occhio attento non sfuggirà verso sud-sud-ovest la dorsale dell’Appennino emiliano, ad ovest la zona di Botticino con le sue cave di marmo, a nord-ovest la catena del Baldo e poi volgendo lo sguardo verso nord l’altipiano Lessinico, il gruppo del Carega, il Sengio Alto, il Pasubio, il Monte Maggio, il Toraro, l’altipiano dei Sette Comuni con le cime del Verena, di Portule, di Cima Dodici, delle Melette ed oltre queste intravederà due guglie delle Pale. Poi volgendo ancora lo sguardo verso est, si avrà modo di mirare il Monte Grappa, il Cesen, il Pizzoc, le vette Feltrine, il Bosco del Montello, la foresta del Cansiglio con il sovrastante monte Cavallo ed il vicino Col Nudo. La vista si perderà verso est, riuscendo ad intravedere in alcune giornate anche il Carso Triestino.
Queste visioni, di una beltà quasi irreale, ci portano in una condizione particolare di bel tempo che ha altri riferimenti nei nostri tipici proverbi e dei quali faremo menzione in un prossimo numero del notiziario.

Note:
(1) Località del comune di Brendola
(2) Parte selciata dell’aia dove si spandevano i raccolti per asciugarli dall’umidità residua e favorirne quindi una migliore conservazione nei granai.
(3) Che si origina dalle parti di Ferrara.

L.D. (dal N° 2 di AUREOS – Giugno 2002)

Figura: Selva di Montebello vista dall’Agugliana (Foto a cura del redattore).
Se l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE su FACEBOOK