BENEDETTO NIPOTINO

[129]CHE USA INTERNET PER FARMI RIVEDERE LA MIA MONTEBELLO! Di LINO TIMILLERO – Coniston (AUSTRALIA)

Un click qui per ingrandire l'immagine

« Par on vecioto come mi, la par na roba gnanca vera ca me metesse a parlare de la inter-net. Sì, cuela roba ca se trova col computer! Se me credi, par mi la xe na roba stranba! Me vien a mente ‘ncora desso, cuando ca i xe ‘ndà so la Luna, e me poro pare nol ghe credea mia! E el diseva: “No, la xe na roba da no credarghe! La Luna la xe là! La vedemo cuando che la xe on cuarto, a metà, a tri cuarti e co la xe a Luna piena! Parò, stemo pì tenti cuando ca la xe sol calare, parchè alora se pol semenare, pareciar tajar le strope par ligare le visele, semenare le verdure, e parfin tajarse i caviji!”.
Na volta! Adeso xe tuto difarente! Na volta, se te gavevi da telefonarghe a cualche d’un, te tocava ‘ndare al cafè Due Colone. Desso, tuti, o cuasi, i ga el celulare! Par no parlare del ‘Feis Buk’, ‘naltra roba ca xe sol computer, e te la trovi sol inter-net!
Desso ve conto cossa ca me xe capità el dì l’altro… Sicome che me nevodo (grand-son) el jera casa da scola parché jera in vacanse, el xe vegnù a catarme dato ca anca so popà el jera in vacansa, sendo lu professor de liceo e i stà de casa su a Sydney. Adeso, me nevodo el ga ondese ani. Col jera pi picinin, mi e me mujere partivimo da Wollongong ala matina presto, par ‘ndare a Sydney a fare i baby-sitters (bambinai), on par de jorni ala setimana, da noni in pension! Col xe rivà, la machina de so popà no la jera ‘ncora ferma che lu el xe saltà fora par darghe on baseto a so nona e suito corer da mi. El me grand-son el me fa: “Nono, fame vedare inter-net sol to computer”. Mio par modo de dire, parché la lo dopra senpre me mojere. De ‘ste parole, de ‘talian ghe jera solo che Nono. Mi, pronto, ghe go tacà el computer. Lu, el me grand-son, el savea za la ‘pass-word’. Ne ga tocà spetare on pochetin fin ch’el computer el se scaldava, fasendo cuei rumoreti ca li fa solo luri. E suito xe vegnù fora i programi. “Nono, dime el nome del to paese in Italia” (anca cua, nono par ‘talian, el resto inglese, tegnivelo in mente).
Mi ghe go dito Comune di Montebello. Lu, el me grandson, el scrive sol computer, e vien fora tri o cuatro montebeli. “Cualo selo?” el dise lu, “Vicentino” ghe digo mi. Lu el toca i tasti, e vien fora la cartina co la mapa del me paese! Po’ el toca n’altro par de tasti e el me dise: ‘Nono, we google-earth”. Tuto s’on colpo, vien fora le strade, la piassa, la ciesa, tuto in piccolo. Alora lu, el me grandson, el me dise: “Biggher Nono?” (pì grande Nono?) Mi ghe rispondo: “Sì.
E lu tachete tac, e vien fora parfin i nomi de le strade, come via Borgoleco. Me nevodo el se ciama Bleik (scrito Blake). Mi ghe digo: “Come se fa a ‘ndare su e xo e de cuà e de là?”. Lul el me fa : “Like this Nono?!” E le strade le se moveva, e me parea de esare sora a on elicotero, e svolare sora al me paese. Col me ga mostrà come fare a ‘nar su e xo, so ‘ndà suito vizin a la ciesa, go trovà i giardineti e, poco pì in là, go trovà la casa ‘ndove che jero nato. La xe ‘ncora là!!! Ierimo sie fradei. E, fora del pi vecio, ierimo tuti nati là. Ghe lo gò dito a Bleik: “Vidito cuela casa lì? Lì xe nato to nono”. Suito dopo lu, me nevodo, el zercava el canpo da calcio. ‘Desso ghi’n xe parfin du, poco distanti, e ‘lora ghe go mostrà cualo chel jera el primo, ‘ndove ca zugavo anca mi co jero de la so età. ‘Bleik, dai ca te mostro Indove ca xe el Castelo de Montebelo”.
“Did you have a castle in your home town?” (te gavivi on castelo al to paese?) “Sì. Varda Indove cal xe”. E difati, el jera oncora là sol monte castelo! Ma “Ostregheta – digo – i lo ga messo a posto! Varda, Bleik, i lo ga justà su” “Cosa vol dire che i lo ga justà su, Nono?”. “Cuando ca jero grando fa ti, mi ‘ndavo su a zugare a Robin Hood e Ivanhoe. Insieme coi altri me conpagni, e corivimo su e xo come mati, coi archi e co le spade. ‘Lora, el Castelo el jera roto a tochi. Ndove ca ghe xe tuti muri de piere nere, desso te vidi ca xe sta justà, Scometo che i gavarà justà anca i solari del Torion, là ‘ndove ca se vede el pozolo che’l vanza fora dal muro de piere nere, co la so bela ringhiera”.
Poco dopo, me mojere, la Nona la ga ciamà anca ela so nevodo, par darghe on fià da bevare. Mi so ‘ndà de cua e de là, de su e de xo, e go visto, dopo tanti ani, so cuel computer, come che xe ‘desso el me Paese! I gà justà su el Castelo, ma el resto el xe tuto canbià e difarente. Me xe vegnù in mente la canson de Celentano, cuela dela “via Gluck”.
Parò, fe come mi. Se no si boni, ciamé nevoditi o nevodete, e feve mostrare come ca se fa. Ghe xe na parola, par talian: Titubante! Eco, no bisogna esare titubanti. Se se sbalia, se prova de novo. No star lì a fare, tipo “me onso o no me onso?”.
Mi, zerte volte, fasso rabiar la me dona parche’ son senpre drio ciamarla: “Come se fa cuesto come se fa cuelo?”. Intanto vago vanti e inparo. E ve conto come che va le robe cua in Australia e dei me ricordi! E podi anca vialtri mandarghe na e-meil al Periodico, come ca go fato mi la prima volta! Xe fazile! Google Earth! » (Lino Timillero – Vicentini nel mondo – Agosto 2017).

Umberto Ravagnani

Foto: Il Castello di Montebello (foto: APUR – Umberto Ravagnani – 2015).

Nota: Per chi è interessato, da parecchi anni è stato istituito un premio letterario per scrittori di testi Poesia e Prosa nei dialetti di Lingua Veneta: si chiama “Premio letterario Raise 2019” e si tiene ad Arquà Polesine nel mese di settembre. Anche il nostro Lino Timillero vi ha partecipato l’anno scorso con grande soddisfazione. E’ possibile scaricare qui il Bando 2019.

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto… 

Un commento

  1. Lino Timillero
    Caro Umberto, guardando la tua fotografia del Castello, mi sono ricordato dell’albero che si vede in primo piano! E` il medesimo albero che lì si trovava quando, con Luigi, Lorenzo e Sivano ed altri amichetti, veramente si andava a correre attorno al Castello. E bisticciavamo per chi doveva essere Robin Hood e chi lo Sceriffo di Nottingham!!! Avevamo, da poco, visto al Cinema Parrocchiale, “Ivanhoe” con Robert Taylor nella parte dell’eroe di Sir Walter Scott. E ti dico anche la mia sorpresa nel sentir pronunciare quel nome: “Ivanhoe” in Inglese. “Aivan-ho” si dice!!! E mia moglie si arrabbiava perche` le chiedevo se si pronunciasse veramente cosi`!!! Ritornando all’albero… Noi lo chiamavamo la “Petolara” per i piccoli frutti somiglianti a “petole” di Capra. Le mangiavamo: veramente!!!

    Tante grazie e tanti saluti, Lino.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *