LA STORIA DE TONI E MARIA (2)

[118] LA STORIA DE TONI E MARIA (2)

LINO TIMILLEROCONISTON – Nuovo Galles del Sud (AUSTRALIA)

La storia de Toni e Maria (di Lino Timillero – seconda parte)

« Jerimo resta’ che Toni e Maria i jera pronti a mandare el so toseto ale scole catoliche. E, come che go’ dito, ghe saria costa’ on tanto al mese parche’, secondo el governo australian, le jera scole private co la responsabilita’ de 1a Diocesi.

Al steso tempo che Toni scominziava a meter su casa e bituarse on poco al vivere australian, xe riva’ da l’Italia l’impresa S.A.E., quela che fasea le linee eletriche. La se ga’ porta’ i so operai da l’Italia e i ga’ fato su’ pali e tralici par portar la corente da tute le parti. I afari ghe ‘ndava cosi’ ben che i ga deciso de impiantar su’ na Impresa in Australia con nome E.P.T. (Electric Power Transmission). ‘Sta Impresa italiana la ga’ scominsia’ a tor su’ tanti lauri anca ‘nte la feriera dove che lavorava Toni. I capi de l’EPT i voleva che Toni ‘ndase a laorar con luri ma lu non ga’ mai vusudo ‘mpiantar li’ la Steel Works perche’ ghe piasea stare ‘ndo’ ch’el jera.

Intanto Joe, el toseto de Toni e Maria, el ga’ scominzia’ el “Kindergarten” a 5 ani. Dopo el saria ‘nda’ in prima fin ala sesta… E cio’, el ga’ scominzia’ a imparare l’inglese! E quando che el zugava coi toseti el parlava inglese, la T.vu ancora no la ghe jera, si’ che’ on poco la volta Joe ghe parlava in inglese anca a so mama e a so popa’. Toni e Maria i ghe parlava in dialeto e lu el rispondea in inglese. No i lo ga’ mai ferma’ e no i lo ga’ mai sforza’ de parlarghe in dialeto parche’ i gavea paura ch’el se ciapase indrio a scola.

Intanto i inparava anca luri a capir de pi i australiani, cussi’ i se rangiava meio sul laorare e a fare el “shopping”. Toni el vignea da un paese vizin a Arzegnan e anca la Maria che 1a vignea da Nogarole. Tutti du i gar fato amicisia con un tosato che laorava par la EPT, pena riva’ da l’Italia. ‘Nte la casa che Toni gavea compra’ ghe jera el garage, ma Toni non gavea 1a machina, cosi’ i lo ga’ giusta’ su’ un pochetin, i ghe ga meso drentro un leto e una carega e i ghe ga’ fita’ el garage a sto tosato che el ghe pagava el “board” parche’ i ghe dava anca da magnare. Cosi’, co le poche sterline (australiane) che i ciapava dal tosato, i pagava la scola catolica pal toseto. » (Lino Timillero – Vicentini nel mondo – Maggio 2015) continua…

Umberto Ravagnani

Figura: Nel periodo in cui si svolse questa storia a Coniston, le aule scolastiche, i banchi, i quaderni e gli atteggiamenti degli alunni erano più o meno gli stessi che c’erano a Montebello (ricostruzione di fantasia a cura del redattore).

Nota: Per chi è interessato, da parecchi anni è stato istituito un premio letterario per scrittori di testi Poesia e Prosa nei dialetti di Lingua Veneta: si chiama “Premio letterario Raise 2019” e si tiene ad Arquà Polesine nel mese di settembre. Anche il nostro Lino Timillero vi ha partecipato l’anno scorso con grande soddisfazione. E’ possibile scaricare qui il Bando 2019.

AI LETTORI:
Quanti volessero collaborare per la redazione del notiziario con articoli o segnalare argomenti di particolare interesse, notizie, curiosità, proverbi locali, foto, cartoline d’epoca, etc., sono invitati a mettersi in contatto con l’Associazione.

Se hai FACEBOOK e l’articolo ti ha soddisfatto metti MI PIACE 
Oppure lascia un commento qui sotto… 

2 Commenti

  1. Lino Timillero
    Caro Umberto, qualcuno ti ha detto che il bambino con la camicia bianca ed i capelli ricci è uno Scalzolaro? Era sampre tra i piedi di noi ragazzini più grandi! Se ricordo bene, abitava quasi dinanzi a quello che ora si chiama Bar-Oratorio. Ciao, Lino.
    1. Umberto Ravagnani
      Carissimo Lino, l’osservazione è giusta perché la somiglianza è impressionante, ma, anche se non sembra, qui siamo nel 1973-74, classe V. Molto probabilmente si tratta di un parente di quello che dici tu! A presto. Umberto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *